nuove-officine-ffs-a-castione-spuntano-gia-le-modine
Ieri la posa delle modine (Ti-Press/Golay)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
4 ore

Preti in assemblea, per riflettere su sfide e missione

Una tre giorni a Lugano con contributi anche di relatori esterni e gruppi di lavoro. L’evento si aprirà il 29 agosto
Bellinzonese
4 ore

Tutto pronto per la 5ª edizione del Greina Trail

Gli organizzatori informano che è ancora possibile iscriversi alle varie tipologie di corsa
Bellinzonese
4 ore

Addio a Carlo Rivolta: ‘Mancherà a tutta Bellinzona’

A lungo attivo sulla scena della politica della Turrita, titolare dello storico negozio di biciclette in Piazza Orico, è deceduto all’età di 71 anni
Luganese
5 ore

Magliaso festeggia San Rocco

Sabato la comunità locale si ritroverà nella corte del municipio per condividere la ricorrenza tra devozione e tradizione popolare
Bellinzonese
5 ore

Polenta storna all’Alpe Géira

Il tradizionale pranzo organizzato dal Patriziato di Dalpe si terrà domenica 21 agosto alle 12
Bellinzonese
5 ore

Cinque concerti d’organo in Leventina

Mercoledì 17 agosto a Giornico, sabato 20 a Faido, mercoledì 24 a Quinto, sabato 27 a Chironico e mercoledì 31 ad Airolo
Luganese
5 ore

‘Bissone Arte ’22’ e il villaggio diventa un museo

Il paese darà spazio per oltre un mese alla creatività di una trentina di artisti. Opere esposte sul territorio
Mendrisiotto
5 ore

Riva San Vitale verso nuove... rive lacustri

In pubblicazione la domanda di costruzione per il progetto di sistemazione degli accessi a lago in zona Lido, in modo da uniformarne l’aspetto
Bellinzonese
5 ore

Festa in onore del generale Guisan al Sasso San Gottardo

Sabato 20 e domenica 21 agosto si celebreranno i 60 anni dalla scomparsa del generale Henri Guisan, rinviati di due anni a causa della pandemia
Ticino
5 ore

Costo benzina sulla fascia di confine, la forbice si allarga

Rapida panoramica sui prezzi praticati al di qua e al di là della frontiera. Il decreto aiuti del governo Draghi. L’immobilismo del Consiglio federale
Mendrisiotto
6 ore

Tre eventi per il Festival delle famiglie a Balerna

Teatro di figura, cinema e racconti nei parchi per adulti e bambini chiudono la stagione estiva
Bellinzonese
6 ore

Carì, birre artigianali abbinate a formaggi nostrani

Appuntamento per domenica 21 agosto dalle 11 alle 12.30 all’osteria Belvedere con l’esperto Roberto Storni
Locarnese
6 ore

Assemblea Losone Sportiva nella sala del Consiglio comunale

L’appuntamento è per giovedì 18 agosto alle ore 20. Al termine dell’assemblea verrà offerto un rinfresco.
Mendrisiotto
6 ore

Al nastro di partenza la Camminata popolare castellana

Sui percorsi di Castel San Pietro torna la kermesse non competitiva. Dieci chilometri nella natura e nel paesaggio
Locarnese
6 ore

Il Castello incantato fa tappa a Muralto, Frasco e Contone

Giovedì 18 agosto al Burbaglio l’Antico circo de madera, sabato in Valle Verzasca e domenica a Gambarogno anche i laboratori di costruzione di burattini
Mendrisiotto
7 ore

Vacallo, eventi di fine agosto in arrivo

Si potrà scegliere tra film, mostre e letture. Ottime occasioni per passare del tempo in compagnia
Mendrisiotto
7 ore

Antiquariato e arte tornano ad animare il cuore di Mendrisio

Appuntamento con la Fiera dedicata ad appassionati e collezionisti, giunta alla sua edizione numero 35
Locarnese
7 ore

83enne scomparso nel Verbano, le ricerche riprendono mercoledì

La navigazione, gli sport acquatici e la pesca saranno vietate dalle 7.30 alle 20 per un chilometro quadrato di fronte alla zona Vignascia nel Gambarogno
Mendrisiotto
8 ore

A Pedrinate torna la Festa della costina

In programma per tre serate specialità culinarie e alla griglia e musica nella cornice dei vigneti
Mendrisiotto
8 ore

La Coop di Arzo si rifà il trucco

Ristrutturazione in vista per il negozio del quartiere di Mendrisio. Il cantiere è previsto fra l’inverno prossimo e la primavera 2023
Luganese
9 ore

Un sabato al Mercato artigianale a Canobbio

La manifestazione metterà in luce anche i prodotti locali. Appuntamento in piazza per il 27 agosto
Locarnese
9 ore

Cugnasco Gerra e Lavertezzo, lavori stradali

Interventi notturni su più punti della cantonale nel comprensorio
laR
 
08.04.2022 - 05:25

Nuove Officine Ffs, a Castione spuntano già le modine

Imminente la pubblicazione del progetto che le Ffs esporranno all’esterno del Centro Civico e presenteranno a fine mese con due serate pubbliche

C’è fermento a nord di Castione, zona Galletto, dove le Ffs realizzeranno la nuova officina di manutenzione che sostituendo nel 2026 quella cittadina sarà la più moderna d’Europa grazie a un investimento di 580 milioni in grado di ‘alloggiare’ 360 impieghi a tempo pieno e 80 apprendisti. Mentre da alcuni giorni è pendente al Tribunale federale il ricorso del gruppo Mancini & Marti contro la riservazione d’area pari a 150mila metri quadrati chiesta dalle Ferrovie e confermata sia dall’Ufficio federale dei trasporti (2019) sia dal Tribunale amministrativo federale (marzo 2022), si apre ora ufficialmente la procedura pubblica orientata all’edificazione. Ieri è infatti iniziata la posa delle modine indicanti la superficie e il volume che verranno occupati dallo stabilimento progettato dal consorzio bellinzonese ‘Al Galett’. Incaricato due anni fa sulla base di un mandato da 12 milioni di franchi, è coordinato dagli architetti Lorenzo Orsi & Associati e Remo Leuzinger e vede coinvolto anche lo studio d’ingegneria turrito Giorgio Masotti. I piani e la domanda di costruzione saranno esposti in uno stand coperto che le Ffs allestiranno sul piazzale del Centro Civico di Arbedo, nella cui sala durante l’ultima settimana di aprile saranno organizzate due distinte serate informative per le popolazioni di Castione e Arbedo.

Il sindaco: ‘Comune collaborativo ma anche attento ai costi’

«Massima collaborazione, ma parimenti molta attenzione ai costi diretti e indiretti che presto o tardi potrebbero gravare sulle casse comunali». Il sindaco Luigi Decarli senza tanti giri di parole riassume così l’atteggiamento del Municipio coinvolto dalle Ffs per pianificare quelle infrastrutture che possono essere di competenza mista, quindi anche comunale. Come ad esempio viabilità (strade e via discorrendo) e smaltimento acque (sottostrutture). «Volendo fare una battuta, non vorrei ipotecare il Comune per pagare opere necessarie a uno stabilimento che non porterà ricadute fiscali. Ovviamente però – assicura Decarli – siamo contenti che le Ferrovie abbiano scelto Castione come luogo nevralgico a lungo termine della loro secolare presenza sul territorio. Da parte nostra assicuriamo la massima disponibilità a impostare soluzioni concordate di qualità» in un comparto che verrà completamente rivoluzionato da qui al 2026.

Amica non si sdraia sui binari, Mancini & Marti sì

Il comitato dell’Associazione per il miglioramento ambientale di Castione (Amica), attento vigile di quanto si realizza sul territorio, è già stato recentemente coinvolto dalle Ffs che gli hanno sottoposto preventivamente i piani ottenendo un giudizio positivo. «Se nella fase di pubblicazione vi saranno delle opposizioni, non dovrebbero giungere da noi», indica il presidente Alberto Robustelli: «Il condizionale è d’obbligo e vogliamo infatti garanzie sulla reale compensazione delle Superfici di avvicendamento colturale (Sac) sacrificate. A ogni modo vediamo di buon occhio l’operazione, confidando che rappresenti il primo passo verso altri possibili insediamenti di qualità nella zona industriale castionese che si estende a sud con vari punti disastrati». Detto altrimenti, sono in molti a sperare che la nuova Officina faccia da volano. Chi invece si è già detto determinato a ricorrere anche in questa fase, ricordiamo, è il al gruppo edile Mancini & Marti (chiamato a rinunciare a suoi 32mila metri quadrati occupati da depositi di terra e ghiaia) e probabilmente anche le altre due aziende (Geniobeton e Otto Scerri) operanti nel medesimo suo areale e tutte rappresentate dall’avvocato Franco Gianoni.

L’Unione contadini: ‘Opporci? Dipenderà dalla qualità del compenso agricolo’

Chi non intende oggi impugnare il progetto in questa seconda fase è il gruppo di Comuni della Bassa Leventina oppostosi alla riservazione d’area, ossia Bodio, Giornico, Personico, e con essi anche Biasca. Dopo la rinuncia a rivolgersi al Tf contro la decisione del Taf, ritengono la partita definitivamente chiusa. Lo spiega alla ‘Regione’ il sindaco di Personico Emilio Cristina. Valutazioni in corso invece in senso alla Commissione regionale dei trasporti Tre Valli. Il suo presidente, Massimo Ferrari, ribadisce le proprie critiche sull’opzione Castione: «Il comparto Bodio-Giornico è l’ideale per un insediamento industriale di questo tipo e non riusciamo a comprendere la logica che ha portato Ffs, Cantone e Città di Bellinzona a stringere un patto d’acciaio che di fatto ci taglia fuori dandoci dei contentini come i fumosi Polo di sviluppo economico e Masterplan. Valuteremo giuridicamente se siamo legittimati a ricorrere in questa fase, facoltà negataci nella riservazione d’area; dobbiamo però anche fare una valutazione dal profilo dell’opportunità». Fari accesi soprattutto in casa Unione contadini ticinesi: dopo la rinuncia a rivolgersi a Losanna contro la riservazione d’area, il suo segretario Sem Genini indica la necessità, non appena saranno pubblicati i piani, di «analizzare a fondo la reale qualità dell’annunciata compensazione agricola dei 78mila metri Sac. E per qualità s’intende sia la possibilità di lavorare, esattamente come avviene oggi, i campi sostitutivi; sia la loro ubicazione che non dovrà essere troppo distante da Castione».

In arrivo altri appalti per 250 milioni

Dopo quello da 12 milioni per la progettazione attribuito già due anni fa, nei giorni scorsi le Ferrovie hanno preannunciato sul sito del Sistema informativo delle commesse pubbliche in Svizzera (Simap) la pubblicazione di altri bandi che avverrà nelle prossime settimane e mesi per 250 milioni su un totale di 580. Come già spiegato lo scorso 7 dicembre presentando ai media il Piano industriale, 454 milioni (di cui 320 messi sul piatto dalle Ffs, 100 dal Cantone e 20 dalla Città di Bellinzona) saranno necessari per costruire lo stabilimento, posare i binari annessi e realizzare le opere d’interesse comune come strade e canalizzazioni; altri 3,5 serviranno per il ristorante/mensa con 150 posti per i collaboratori, mentre i rimanenti 122 saranno destinati all’allacciamento ferroviario e al deposito dei treni Tilo. Intanto l’annuncio pubblicato su simap.ch mira a "offrire la possibilità di creare in fase preliminare eventuali gruppi d’interesse o consorzi". Nel dettaglio, la cifra sfiora i 250 milioni: uno per coordinare cantiere, appalti e messa in esercizio delle diverse unità; due per la direzione lavori; cinque per la procedura di compensazione Sac comprese le demolizioni delle strutture esistenti e i relativi risanamenti; otto milioni per progettare, realizzare, gestire e mantenere gli impianti di distribuzione calore, freddo ed energia solare; dieci per la viabilità provvisoria e definitiva del traffico veicolare e ciclopedonale, i marciapiedi, l’illuminazione e lo smaltimento acque meteoriche; venti milioni per lavori preliminari d’impresario costruttore quali muri di sostegno, infrastrutture interrate, sottostruttura ferroviaria, fondazioni della linea di contatto e tracciati; cinquanta per i lavori principali quali muri di sostegno, infrastrutture interrate, sottostruttura ferroviaria e pavimentazioni, accessi alla ferrovia, sottopassi, nuovi ripari fonici; altri 50 per acquistare i macchinari industriali necessari all’esercizio dello stabilimento; e infine cento milioni per l’edificio ossia scavo di fondazione, fondamenta e allacciamenti alle varie utenze, esecuzione dell’edificio fino alla messa in esercizio comprese le sistemazioni esterne.

Leggi anche:

Nuova officina Ffs: Mancini & Marti si appella a Losanna

Nuove Officine: Bodio, Giornico, Personico e Biasca rassegnati

220 milioni in più per le Officine Ffs a Castione

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
castione ffs officine
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved