ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
2 min

Galleria Melide-Grancia, terminati i lavori in direzione nord

Ustra affronterà ora la seconda fase dei lavori di risanamento, che si concluderà nel 2024. Si parla di un investimento totale di 70 milioni
Mendrisiotto
2 ore

Da Berna un sostegno per il ‘centro di partenza’ di Rancate

Passa all’unanimità agli Stati la concessione di una somma forfettaria ai cantoni che in situazioni straordinarie gestiscono centri asilanti provvisori
Mendrisiotto
3 ore

Il Museo dei fossili di Meride spegne dieci candeline

Tra esperienze multimediali e una nuova teca terrestre, il direttore Luca Zulliger si prepara per le porte aperte d’anniversario
Locarnese
7 ore

Un fuoristrada, un gatto e l’amore per la (nuova) vita

Grazie al piacere nel viaggiare assieme al suo fedele Jek, il locarnese ‘Jonni’ è riuscito a riprendersi dopo un tragico incidente in cui è quasi morto
Ticino
7 ore

Salario minimo non adeguato all‘inflazione, Durisch: ‘Contesto!’

Il capogruppo Ps dopo la decisione del governo: ‘Assurdo, è una manovra per non arrivare all’ultima forchetta nel 2025: non sta né in cielo né in Terra’
Luganese
12 ore

Lugano, trasporto pubblico più friendly per i disabili

Approvato il maxi credito (13,6 milioni) per adeguare una parte delle fermate cittadine. Polemica in Consiglio comunale sulle telecamere nei parchi gioco.
Locarno
14 ore

Incrocio del Debarcadero,via libera alla sistemazione

Passa in Consiglio comunale anche la progettazione definitiva degli spazi pubblici del centro urbano
Luganese
14 ore

Morcote allacciata all’impianto di depurazione del Pian Scairolo

Tra i progetti previsti dal Consorzio l’abbattimento di microinquinanti e l’utilizzo di energie alternative
Ticino
15 ore

‘Quell’iniziativa è superata dagli eventi’

Consiglio della magistratura, così la commissione parlamentare: Assemblea dei magistrati e Gran Consiglio hanno nel frattempo designato il nuovo Cdm
Gallery
Mendrisiotto
16 ore

Volto coperto e armati: commando irrompe in una abitazione

In cinque rapinano una casa privata a Novazzano. Immobilizzate le persone all’interno, gli autori del ‘colpo’ si sono poi dati alla fuga
Ticino
16 ore

‘Riconoscimento del carovita così come proposto dal governo’

Risoluzione della sezione ticinese della Federazione svizzera funzionari di polizia
Bellinzonese
17 ore

Airolo ha omaggiato i suoi 18enni

Il ricevimento ufficiale organizzato dal Municipio si è tenuto sabato 26 all’Infocentro A2 Gottardo Sud
Bellinzonese
17 ore

‘Raccontami una storia in ucraino’ a Bellinzona

L’attività promossa dalla biblioteca interculturale BiblioBaobab si terrà mercoledì 30 novembre dalle 10 alle 11 nella sua sede
Mendrisiotto
17 ore

Castel San Pietro, torna scintillante il mercatino di Natale

La manifestazione si terrà sul sagrato della chiesa dalle 14.30 in avanti, con 40 bancarelle e diverse occasioni di divertimento
Mendrisiotto
17 ore

Breggia festeggia i suoi diciottenni

Il sindaco Gaffuri ha augurato ai giovani del comune un degno accesso alla maggiore età
Mendrisiotto
17 ore

Luca Baluta vince il torneo scacchistico di Stabio

Il giovane momò Noah Pellegrini è arrivato secondo, sul podio anche Christian De Lucia
Mendrisiotto
18 ore

Pompieri e beneficenza, torna la raccolta fondi per Telethon

L’appuntamento è per sabato 3 dicembre dalle 8 alle 17 sia in piazzale del Municipio di Mendrisio sia al Centro di pronto intervento
Ticino
18 ore

Non cambia l’età limite per restare in Magistratura: 70 anni

La commissione parlamentare ‘Giustizia e diritti’ silura la proposta di Filippini di scendere a 68. La democentrista ritira l’iniziativa
Ticino
18 ore

Docenti, ne mancano di tedesco e matematica

Presentata l’offerta formativa per l’anno 2023/24. Bertoli: ‘In Ticino la copertura è comunque sufficiente, non come in altre regioni della Svizzera’
Bellinzonese
18 ore

Gudo, festa di San Nicolao con Acli

Appuntamento per domenica 4 dicembre dalle 11.30 al campo sportivo
Mendrisiotto
18 ore

A2, tra terza corsia che verrà e potenziamenti in atto

Il deputato Alessandro Speziali (Plr) ne chiede conto al Consiglio di Stato. E interroga sull’impatto ambientale e fonico del progetto PoLuMe
Bellinzonese
19 ore

Archeologia, antiche ricchezze dissotterrate a Giubiasco

Aperto uno dei quattro tumuli venuti alla luce in un cantiere tra viale 1814 e via Ferriere: ritrovati orecchini, fibule, un pugnale e un’urna funeraria
Locarnese
20 ore

‘Libertà, di cosa è il nome?’ alla Corporazione Borghese

La Società Dante Alighieri di Locarno organizza giovedì 1º dicembre alle ore 18 la conferenza con il filosofo Fabio Merlini
Bellinzonese
21 ore

Due condanne in tribunale per il ‘caso targhe’

Inflitti 14 mesi con la condizionale all’ex funzionario della Sezione della circolazione, reo confesso. Dieci mesi all’assicuratore
Locarnese
23 ore

Influenza aviaria in un cigno nel Locarnese

Si tratta del secondo caso in Svizzera dopo quello in un’azienda a Zurigo. Il virus si trasmette all’uomo solo in casi rari e per contatto stretto
Ticino
23 ore

Cantonali ’23, candidati del Forum alternativo nella lista Ps

L’assemblea del movimento ha deciso ‘di non voler essere l’ennesimo partitino di sinistra, ma di lavorare a un movimento eco-socialista’. Sirica: ‘Felice’
Luganese
23 ore

Comano ha il suo Mercatino di Natale

Il prossimo martedì 6 dicembre il nucleo Tèra d’súra si vestirà con le atmosfere delle festività
31.03.2022 - 11:00
Aggiornamento: 16:36

Lumino, pronta la strategia contro i disastri: costerà 7 milioni

Dopo l’alluvione del 7 agosto il Masterplan indica tutte le opere da realizzare per incrementare la sicurezza e ‘recuperare il tempo perduto’

lumino-pronta-la-strategia-contro-i-disastri-costera-7-milioni
Ti-Press
Domenica 8 agosto 2021: il sindaco Nicolò Parente sui luoghi del disastro
+8

«Questa è la priorità numero uno della legislatura in corso e del Piano finanziario comunale 2021/25 nell’ambito del quale abbiamo giocoforza dovuto ‘spalmare’ diversamente, rispetto a quanto inizialmente previsto, i vari altri investimenti, senza tuttavia rinunciarvi». Lumino corre ai ripari con una strategia a medio-lungo termine «per preservare la popolazione e le future generazioni» dai pericoli naturali. Uno sforzo eccezionale orientato a incrementare la sicurezza dell’abitato. Dopo il disastro dello scorso 7 agosto, quando una quarantina di abitazioni presenti nella parte sud del paese sono state invase e danneggiate dalla fuoriuscita dei riali Bruga e Valentra – due corsi d’acqua dalle dimensioni ridotte e che all’apparenza non mostrano criticità particolari – questa mattina il sindaco Nicolò Parente e il vice Alessandro Spano hanno presentato il piano d’azione contenente le misure da adottare a partire da subito e nei prossimi quattro/cinque anni coinvolgendo anche i riali Buseno, Carrale di Cima e Val Grande, il fianco della montagna e le immediate vicinanze. Si tratta di realizzare – in una ventina di situazioni ritenute deficitarie, e altre potrebbero aggiungersi – opere idrauliche e nuovi manufatti, nonché ampliare e/o rafforzare infrastrutture già presenti. Lavori che richiederanno un impegno calcolato in circa 7 milioni di franchi che, dedotti i sussidi cantonali, si ridurranno a 2,5 a carico delle casse comunali. Due milioni e mezzo da cui detrarre ancora i possibili contributi di miglioria che una parte della popolazione potrebbe essere chiamata a versare; al riguardo, specifica il sindaco, approfondimenti seguiranno.

Imminente l’aggiornamento del Piano delle zone di pericolo

La strategia, man mano che andava sviluppandosi, è stata condivisa nei mesi scorsi con i preposti servizi cantonali ed è ora sfociata in un Masterplan elaborato dallo studio GeoAlps Engineering Sa incaricato di analizzare il presente e pianificare il futuro. «D’accordo col Cantone abbiamo da subito avviato l’elaborazione del Masterplan che ha superato nella sua tempistica l’aggiornamento del Piano delle zone di pericolo di competenza cantonale. Pzp che sarà ultimato prossimamente e che andrà ad affiancare il Masterplan affinando e completando l’elenco di interventi di premunizione da eseguire». Dal canto suo il Cantone «ha nel frattempo preso atto dell’impostazione strategica del Masterplan approvandone i principi generali e lodando il nostro approccio organico e completo alla problematica. Cantone che condivide pure la sequenza temporale degli interventi da prevedere da qui al 2025/26».

Progettare gli interventi e affinare la prontezza

La linea di manovra è contenuta in due messaggi municipali inviati nei giorni scorsi al Consiglio comunale. Nel primo, completo di Masterplan, si chiede di stanziare 750mila franchi per finanziare la progettazione di massima delle opere previste nella prima tappa, ciò che consentirà di elaborare un preventivo di costo più accurato ottimizzando così l’investimento nel suo complesso. Il secondo messaggio propone di stanziare 55mila franchi per aggiornare il Piano d’emergenza comunale, adottare nuovi sistemi di previsione più dettagliata (radar meteo che analizzerà meglio le cellule temporalesche), acquistare piccolo materiale di primo intervento (compreso un sistema di comunicazione) e installare un sistema di videosorveglianza (tre videocamere nei punti più critici) in grado di migliorare la prontezza d’intervento in caso di evento estremo che potrebbe nuovamente chiamare in azione il Presidio territoriale formato da autorità locali e servizi di pronto intervento.

Camere, argini, biglie e pareti: cos’è previsto e dove

Tutto ciò dopo che nell’immediato post-disastro il Legislativo aveva già stanziato 520mila franchi a copertura dei lavori urgenti di sgombero e messa in sicurezza subito eseguiti, e 522mila franchi per progettare e ricostruire in tempi stretti la vasca di contenimento del riale Valentra su via Rampighetta (lavori iniziati il 7 marzo). Cui se ne aggiungerà una nuova, a monte, su via alla Cava con una capacità di ritenuta molto più grande, fra i 2’750 e i 3’750 metri cubi. In via Rampighetta la vasca rifatta sarà pronta entro fine maggio: riprenderà la forma precedente spazzata via otto mesi fa, avrà una parete in beton armato alto quattro metri e un volume contenutivo di 750 metri cubi anziché i precedenti 600. Stessa situazione per il torrente Bruga: all’attuale vasca di 1’400 metri cubi se ne aggiungerà una nuova di 2’500-3’000. Lungo entrambi i corsi d’acqua sono inoltre previste nuove piste d’accesso per la manutenzione, il rialzo e rinforzo di vari tratti d’argine, puntuali miglioramenti idraulici e il rifacimento di briglie. Quindi il riale della Val Grande: la prima vasca sarà ampliata aumentando la capacità di 5’000 metri cubi; pure previsti, a valle, muri di protezione a tutela di palestra e asilo.

Le ultime grandi realizzazioni risalgono a 40 anni fa

"L’evento del 7 agosto – esordisce l’Esecutivo nel primo messaggio – ha evidenziato, senza possibilità d’appello, quanto la natura non faccia sconti. L’alluvione ha mostrato l’importanza di uno sviluppo regolare di tutte le opere di premunizione da pericoli naturali, e relative disposizioni d’emergenza, a maggior ragione se il Comune, com’è stato il caso per Lumino, ha vissuto nei decenni una crescita demografica in buona parte accompagnata anche da un importante sviluppo edilizio". E qui il nuovo Municipio entrato in carica un anno fa volge lo sguardo indietro di dieci legislature, indirizzando una critica puntuale ai politici che lo hanno preceduto: poiché le ultime grandi opere di premunizione risalgono a cavallo degli anni ’70 e ’80, ritiene di "dover rapidamente intervenire, guardando al futuro, per recuperare il tempo perduto".

Quattro decenni durante i quali non si è ritenuto necessario apportare ulteriori adeguamenti. Una critica, appunto, alle precedenti amministrazioni comunali? «Non siamo noi a dirlo – risponde il sindaco – ma gli esperti che hanno analizzato la situazione dopo il 7 agosto. La parte abitata si è nel tempo sviluppata anche attorno ai corsi d’acqua che scendono dalla montagna e l’evento eccezionale della scorsa estate ha danneggiato sia case recenti ma anche talune costruite prima degli anni 80». Ora, specifica il messaggio municipale, quanto si andrà a fare "ha tempi stimabili in anni, poiché si è confrontati con una progettualità senza precedenti che prevede degli iter" con tempistiche accorciabili "ma non evitabili". Chiaro l’obiettivo: l’Esecutivo vuole che "tutta la popolazione di Lumino possa sentirsi in sicurezza e perciò dedica il massimo impegno e tutte le risorse a disposizione per consegnarle un Comune al passo coi tempi dal punto di vista della premunizione da pericoli naturali".

I fattori scatenanti: saturazione ed eventi ravvicinati

Tra i fattori scatenanti quella sera – rimarca il Municipio – vi sono state la saturazione dei terreni boschivi, sopra l’abitato, a causa delle frequenti e abbondanti precipitazioni di giugno e luglio; e la concatenazione di due eventi estremi verificatisi la sera del 7 agosto, il primo alle 18.30 e il secondo fra le 20.20 e le 20.40. Importanti colate detritiche, rafforzate dalla presenza di un sottobosco puntualmente gestito in modo inadeguato, si sono verificate specialmente lungo i riali Buseno, Valentra e Bruga comportando il rapido riempimento e straripamento di queste due ultime vasche di ritenuta. Quella di Valentra è collassata a causa dello straordinario impeto del flusso detritico, tanto che attualmente e fino a ricostruzione ultimata le abitazioni a valle non sono più protette da eventuali successivi eventi di piena o di trasporto di materiale. Lungo il canale che dalla vasca del torrente Bruga si sviluppa verso la strada cantonale (via Bellinzona) l’argine è stato superato in più punti. «Quella notte stessa – ricorda il vicesindaco Spano – il Presidio territoriale si è immediatamente attivato per comprendere la portata del problema e coordinare i primi interventi urgenti d’aiuto alla popolazione colpita. Si è lavorato bene in una situazione di super urgenza. Tutto ciò ha rappresentato per noi una lezione di cui tener conto per il futuro, migliorando laddove possibile l’approccio e prevenendo, anche grazie alla tecnologia, le situazioni più rischiose».

BOSCO

Migliorare la cura per evitare il peggio

I fari inevitabilmente si spostano anche sul bosco presente a monte dell’abitato, sulla sua regolare pulizia e manutenzione. Pena il riversamento a valle di materiale e il riempimento repentino delle camere di contenimento dei riali, con conseguente esondazione in strade, case e giardini. "Vi è la necessità di una cura costante e programmata dei boschi. Un’attività, considerate le diverse abitudini odierne rispetto a cinquant’anni fa, non più portata avanti in modo regolare in passato e che quindi necessita di una profonda riflessione. Il Municipio sta così portando avanti rapidamente il tema del Piano di gestione forestale con il quale il Consiglio comunale sarà prossimamente confrontato", ma al di fuori del Masterplan. Piano di gestione che dovrà far tesoro di quanto verificatosi la scorsa estate, quando i meteorologi hanno più volte evidenziato la tendenza a eventi improvvisi ed estremi anche alle nostre latitudini, come in effetti capitato alla fine di agosto 2020 sul Piano di Magadino e lo scorso 7 agosto.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved