ripari-fonici-negati-sull-a2-bellinzona-tornera-alla-carica
Ti-Press
Proteggono l’abitato ma non la zona golenale usata per lo svago
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
2 ore

Verdetto storico e inappellabile: da Ppd a Il Centro

Il Congresso cantonale del partito ha appena deciso - a stragrande maggioranza - il cambiamento del nome
Locarnese
5 ore

Contone, contributi di canalizzazione attempati e indigesti

Malumore tra i cittadini della sezione gambarognese per la ‘pillola‘ (provvisoria). Presentato reclamo al Municipio, lunedì l’incontro per gli interessati
Ticino
10 ore

Speziali (Plr): ‘Noi un partito responsabile, non utili idioti’

Il presidente liberale radicale a pochi giorni dal finale thriller sulle imposte di circolazione, spiega il momento del suo partito e la sua prospettiva
Ticino
18 ore

TiSin, sindacati soddisfatti per la sanzione dell’Ispettorato

Daniel (Ocst): ‘Quel contratto era uno scheletro al quale hanno tolto una costola’. Gargantini (Unia): ‘Aldi e BIgnasca ci spieghino questa pagliacciata’
Luganese
19 ore

Pubblicata la nuova edizione de ‘Il Cantonetto’

Nel numero di giugno, un omaggio allo scrittore Mario Agliati nel centenario della nascita. Altro tributo di rilievo, quello al pittore Pietro Salati
Luganese
20 ore

Lugano, un gesto solidale a chi è meno fortunato

In occasione dei suoi 60 anni, il direttore dell’Hotel Pestalozzi Luciano Fadani ha devoluto alla G.I.C.A.M. l’incasso dell’aperitivo
Ticino
20 ore

L’Ispettorato del lavoro sanziona l’‘operazione TiSin’

L’autorità contesta a un’azienda la legittimità del contratto stipulato insieme al sedicente sindacato leghista per aggirare il salario minimo
Grigioni
20 ore

Donazione di sangue a Roveredo

Mercoledì 6 luglio dalle 16.30 alle 19.30 al Centro regionale dei servizi
Bellinzonese
20 ore

Luca Decarli presidente del Rotary Club Bellinzona

Succede ad Alessandra Alberti
Locarnese
20 ore

Giallo di Solduno, indagini a tutto campo

Per la morte del 25enne, rinvenuto senza vita e con una ferita al volto dopo diversi giorni, gli inquirenti non escludono nessuna ipotesi
16.02.2022 - 16:08
Aggiornamento : 16:34

Ripari fonici negati sull’A2, Bellinzona tornerà alla carica

Il Municipio risolleciterà Ustra per proteggere dal rumore autostradale la Saleggina dove sono previsti nuovo ospedale e parco fluviale

Il Municipio di Bellinzona tornerà alla carica con le autorità federali risollecitando la posa di ripari fonici autostradali, nel tratto di A2 fra gli svincoli di Camorino e Castione, all’altezza della Saleggina dove sono previsti nuovo ospedale e parco fluviale. Lo ha spiegato ieri sera in Consiglio comunale il vicesindaco Simone Gianini rispondendo all’interpellanza di Maura Mossi Nembrini (Più donne) che lamentava l’assenza delle barriere all’altezza delle aree golenali molto frequentate dai bellinzonesi per le attività di svago. Già negli anni passati altri consiglieri avevano sollevato la questione. Sempre uguale la risposta: le pareti foniche sono finanziate dalla Confederazione solo laddove servono a proteggere gli abitati. Il progetto di risanamento attualmente in corso da parte dell’Ufficio federale delle strade – ha spiegato il capodicastero Territorio e mobilità – è cresciuto in giudicato a inizio 2017 e oltre alla costruzione del sistema di recupero delle acque prevede in effetti il completamento dei ripari fonici in corrispondenza degli abitati di Sementina, Monte Carasso, Carasso e della Torretta, così come la posa di asfalto fonoassorbente su tutta la lunghezza tra i due svincoli.

‘Cercare una soluzione più ampia’

L’opposizione presentata nel 2011 dal Municipio di Bellinzona contro il progetto poiché non prevedeva (e non prevede tutt’oggi) la costruzione di ripari fonici in corrispondenza delle altre zone golenali, era stata respinta per motivi di sostenibilità finanziaria. La quale risponde a criteri basati essenzialmente sulla presenza di contenuti residenziali, «come purtroppo espresso anche dall’Ufficio federale dell’ambiente che era stato chiamato a fornire un sistema di calcolo per le zone di svago in questione». Quanto alla Saleggina, il Municipio «intende tornare alla carica cercando di trovare una soluzione più ampia, di concerto con le autorità superiori, una volta verificata l’efficacia del risanamento fonico attualmente in costruzione». Da notare che il ricorso di dieci anni fa «non venne accolto avendo l’Ufficio federale dei trasporti ritenuto il progetto conforme all’Ordinanza federale contro l’inquinamento fonico e non essendo riuscito nemmeno l’Ufficio federale dell’ambiente – il quale a voce sosteneva la posizione del Municipio – a portare un metodo di calcolo che giustificasse la sostenibilità finanziaria di quel completamento». Le parti di parco fluviale ricavate all’altezza del Liceo e della Scuola cantonale di commercio «saranno comunque protette da ripari fonici».

Cumlina scontenta, si attende un incontro con Ustra

A proposito di rumore, la grande parete fonica in calcestruzzo realizzata sul lato orientale dell’A2 a Camorino con l’obiettivo di proteggere l’abitato di Cumlina, stando agli abitanti non sembra aver prodotto il risultato sperato. A questo riguardo Gianini ha spiegato che dal rapporto conclusivo fornito da Ustra «tutti i punti di misura hanno ottenuto un livello di schermatura acustica più elevato rispetto ai valori attesi dal progetto. Il Municipio ha anche chiesto a Ustra di organizzare un incontro sul posto coinvolgendo gli abitanti interessati per verificare il risultato finale, ma finora l’Ufficio federale non ha ancora confermato la sua disponibilità».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
bellinzona ospedale parco fluviale ripari fonici ustra
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved