lumino-le-vittime-del-nubifragio-chiedono-lavori-urgenti
Il materiale sceso a valle
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
35 min

Lugano ha il suo nuovo vicecomandante, è Mauro Maggiulli

Il primo tenente, dal prossimo primo luglio, affiancherà Roberto Torrente andando ad assumere il grado di capitano
Mendrisiotto
1 ora

Torna a Chiasso l’appuntamento estivo Cinequartiere

Cinque proiezioni all’aperto in vari punti strategici della cittadina e a Pedrinate con pellicole di recentissima distribuzione
Mendrisiotto
2 ore

Dopo due anni ritorna a Bruzella la Sagra del formaggino

La festa inizierà alle 17 e si protrarrà per tutta la serata. Fra le novità un buon risotto con... formaggino
Mendrisiotto
2 ore

A Chiasso c’è da riconsiderare un’antenna: nessun permesso

Il Municipio disattende le indicazioni favorevoli del Dipartimento del territorio e rispedisce alla Swisscom la richiesta di licenza edilizia
Locarnese
2 ore

Verzasca, bocciofili in azione

A Sonogno si è disputa la gara ‘Lui e lei - Tüt è bom’. Il successo alla coppia Perozzi-Pelucca
Mendrisiotto
4 ore

Portò il figlio in Egitto senza consenso, pena ridotta

La Corte di appello e revisione penale ha riconosciuto il sincero pentimento a Salah Hassan, condannandolo a 180 aliquote sospese per due anni
Luganese
5 ore

Secondo tiro obbligatorio allo stand della Ressega

Fra le novità ottenendo un risultato minimo a entrambi è possibile conseguire la distinzione militare di tiro
Mendrisiotto
5 ore

Dalla Festa della Birra alla Sagra del Controfiletto

Sabato 9 luglio a Tremona. Il tradizionale e quest’anno doppio appuntamento si aprirà alle 19. Organizza la Società Filarmonica
Ticino
5 ore

Incidente sul Susten, due docenti le vittime

Il Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport attiva il sostegno psicologico per gli allievi e i colleghi delle due vittime
Locarnese
6 ore

Muralto Musika edizione 2022

Giovedì il primo dei tre appuntamenti della rassegna concertistica nella Collegiata di San Vittore
Locarnese
7 ore

Cavigliano, pagnotte nel forno ma non solo

In giornata oltre alla cottura dell’alimento vi sarà il mercatino con prodotti gastronomici e artigianali, la musica e lo spettacolo di un illusionista
Mendrisiotto
11 ore

‘In futuro Chiasso saprà far valere le sue potenzialità’

Quattro chiacchiere con Francesca Cola Colombo, dallo scorso mese di maggio responsabile marketing della cittadina di confine
Luganese
11 ore

Se Cenerentola avesse avuto a disposizione un’app

Passa da una ‘prova’ virtuale, per permetterne l’acquisto perfetto, l’applicazione ideata per Bally, noto brand di lusso svizzero
laR
 
01.02.2022 - 05:20
Aggiornamento: 16:00

Lumino, le vittime del nubifragio chiedono lavori urgenti

Disastro del 7 agosto: i vicini temono che possa scendere altro materiale e sollecitano il Municipio affinché proceda con più celerità

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

«Adesso ogni volta che piove rimaniamo col fiato sospeso e col naso all’insù». Gianfranco Franzi è uno dei proprietari della decina di abitazioni di Lumino devastate dal maltempo il 7 agosto. Le loro residenze sorgono vicino al ponticello che attraversa il canale Bruga lungo via Rampighetta. Come lui anche altri abitanti, di cui si fa portavoce, lo scorso autunno durante una delle ultime piovute sono usciti dalle case muniti di torce per scrutare la montagna e controllare che non scendesse altro materiale. Oltre ai danni materiali subiti e ai relativi ingenti costi non sempre coperti dalle assicurazioni, a preoccuparli sono i tempi realizzativi dei previsti interventi di miglioria e messa in sicurezza. «La paura che riaccada quanto successo in estate è forte e non vorremmo dover attendere ancora a lungo una soluzione», fa presente Franzi. Durante la notte del nubifragio una gran massa di detriti è giunta sotto il ponticello ostruendolo. Una volta scavalcato, la furia dell’acqua e del fango ha sprigionato una colata di detriti verso le case vicine e sottostanti. Già nel 2013 una perizia commissionata dal Consiglio di Stato allo Studio d’ingegneria Edy Toscano evidenziava l’insufficienza del livello di capacità di attraversamento del ponticello. Poi nel 2018 lo Studio Geoalps ha proposto di migliorare la portata del canale al fine di aumentarne la capacità di attraversamento. Un intervento che riteneva prioritario e dal costo di 50mila franchi. A nove anni dalla perizia e a quattro dalle raccomandazioni, settimana scorsa rispondendo a un’interrogazione Plr in Consiglio comunale, il Municipio basandosi su pareri tecnici ha risposto che non gli è imputabile alcuna responsabilità oggettiva per quanto accaduto.

I ritardi preoccupano gli abitanti

A proposito di tempestività e interventi prioritari, Franzi evidenzia che i cittadini di cui si fa portavoce «sono preoccupati dai ritardi dovuti alla politicizzazione dei problemi. Questo mentre di fronte a interventi che riguardano la sicurezza dell’intero paese, bisognerebbe superare gli steccati di partito e agire con celerità nell’interesse della popolazione e della sua sicurezza e incolumità». Gli abitanti della zona colpita sono comunque coscienti che il Municipio sta facendo avanzare l’iter con l’obiettivo di potenziare le opere di premunizione; e infatti ha nel frattempo sottoposto al Cantone i documenti necessari alle valutazioni di sua competenza. A preoccupare, come detto, è però la tempistica: «Negli anni che ancora trascorreranno tra studi, progettazioni e la realizzazione, noi cittadini rimarremo ostaggi dei pericoli e delle conseguenze che già una volta ci hanno toccato», solleva Franzi. «Per garantire la nostra sicurezza occorre modificare urgentemente il ponticello che va rifatto con i criteri che caratterizzano le tecniche odierne. Siamo stufi di aspettare, abbiamo paura e sollecitiamo una soluzione in tempi brevi. Perché se succede un altro disastro, allora le responsabilità politiche potrebbero esserci, eccome».

Il sindaco: ‘Previsti diversi interventi’

«Il loro e nostro sentimento di preoccupazione è evidentemente umano e comprensibile ed è quello che ci ha portato fin dall’inizio a fare il nostro dovere, a mantenere un legame e un rapporto diretto, trasparente e costante con la popolazione con la quale condividiamo le informazioni ed è quello che ci ha portato a redigere un documento di lavoro che è stato inviato recentemente al Cantone per una sua valutazione», precisa il sindaco Nicolò Parente sollecitato dalla redazione. «Il documento contempla una serie d’interventi che prevedono anche investimenti importanti. Lo abbiamo elaborato senza perdere tempo, lavorando in questi mesi in maniera molto seria e impegnata». Poiché si tratta di un documento complesso e tecnico «al Cantone va lasciata la tranquillità e il tempo necessario per fare tutte le valutazioni del caso». Dopodiché si potrà dare avvio al confronto con l’autorità comunale e i suoi consulenti, condividendo quindi il dossier con la popolazione per stabilire come proseguire. Il sindaco evidenzia infine che il Municipio crede molto nel documento poiché «è in base ad esso che abbiamo costruito il nostro piano finanziario». Nemmeno il rifacimento del ponticello, caldeggiato dal vicinato, si discosta dalla procedura adottata: «Lo abbiamo indicato come prioritario – assicura il sindaco – ed è contenuto nel programma di lavori esposto al Cantone».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
lumino municipio nubifragio sicurezza
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved