ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
15 min

Scontro tra un’auto e un centauro a Vezia

Ferite non gravi per il motociclista scaraventato a terra dall’impatto. Il traffico in via San Gottardo è rimasto perturbato per circa un’ora
Mendrisiotto
32 min

‘Il ‘caso Cerutti’? Per la Sezione Plr la crisi è superata’

Il gruppo di Mendrisio incassa la ‘piena fiducia’ dei vertici cantonali. Alla Direttiva il municipale non c’era. ‘Non ritenevo fosse necessario’
Bellinzonese
33 min

Incidente d’auto a Gnosca: esce di strada e cozza contro un muro

Da una prima valutazione medica l’uomo avrebbe riportato ferite tali da metterne in pericolo la vita. La tratta rimarrà bloccata almeno fino alle 22
Ticino
2 ore

‘Il nostro sistema democratico sta vivendo un momento di crisi’

La capacità di affrontare i cambiamenti e coinvolgere la popolazione è stato il tema del quarto Simposio tra Cantone e comuni
Bellinzonese
2 ore

La valorizzazione della Sponda Sinistra si fa professionale

La Fondazione Valle Morobbia ha assunto Sabrina Bornatico per stimolare e coordinare progetti e iniziative della zona collinare del Comune di Bellinzona
Luganese
3 ore

‘Vogliamo San Martino e San Provino iscritti all’Unesco’

Una petizione chiede che le due manifestazioni rurali siano riconosciute come beni immateriali. Un’iniziativa che parte dal basso, una prima in Svizzera
Locarnese
3 ore

‘Sfruttare la luce per illuminare anche le zone d’ombra’

È l’obiettivo che la Città di Locarno vuole raggiungere grazie alle indicazioni evidenziate nel rapporto della speciale Commissione municipale economia
Mendrisiotto
4 ore

No alla violenza, il Nebiopoli incontra gli allievi di 4ª media

‘È stato interessante. Ora faremo più attenzione’. Con la visita, i giovani hanno potuto scoprire l’apparato organizzativo e di sicurezza del Carnevale
Locarnese
5 ore

Luce verde per il semaforo alla Pergola: obiettivi raggiunti

Lo indica il Consiglio federale, rispondendo a un’interrogazione di Piero Marchesi: ‘Sull’arco di una giornata risparmiate complessivamente 51 ore’
Grigioni
5 ore

Verso un miglior sostegno ai familiari curanti nei Grigioni

Individuati tre punti centrali: sensibilizzazione della popolazione e dei datori di lavoro, così come migliori condizioni per le persone che prestano cure
Bellinzonese
6 ore

Successo per il Raiffeisen Kids Ski Day a Campo Blenio

Circa 130 bambini e bambine si sono lanciati nei percorsi dello sci alpino e dello sci freestyle preparati dallo Sci Club Greina e dall’Adula Snow Team
Bellinzonese
6 ore

Col Rabadan tornano i tradizionali appuntamenti culinari

Venerdì 17 pranzo degli anziani, lunedì 20 fondue e martedì 21 febbraio ‘risott e lüganig’ del Re. Gli eventi si terranno nel capannone in Piazza del Sole
Locarnese
6 ore

Gordola, ‘la presenza della Posta è di interesse pubblico’

Plr e Verdi liberali giustificano la loro interpellanza anche sul negozio di alimentari e criticano il vicesindaco per essersi esposto
Bellinzonese
7 ore

Il Soccorso alpino fra i banchi delle Scuole Nord di Bellinzona

Un centinaio di allievi sono stati informati sul ruolo dei soccorritori, sull’attrezzatura che viene utilizzata e sui rischi degli sporti invernali
Ticino
7 ore

Sedicenni in discoteca, ‘ci adeguiamo al resto della Svizzera’

La reazione a caldo di Daniel Perri, gerente di varie discoteche del Locarnese, come il Vanilla, la Rotonda e il Pix: ‘È importante per il turismo’
Mendrisiotto
7 ore

Il Plr ticinese è con la Sezione di Mendrisio

Il partito cantonale prende atto del ‘caso Cerutti’ e dichiara ‘piena fiducia’ ai suoi esponenti locali. Si ‘guarda avanti’
09.01.2022 - 20:55

Bellinzonese e valli, verso un aumento delle aree per camperisti

L’intenzione è di offrire una ventina di zone ufficiali nella regione. Juri Clericetti: ‘Permetteranno anche di generare indotto sul territorio’

bellinzonese-e-valli-verso-un-aumento-delle-aree-per-camperisti
Ti-Press
Attualmente molti camperisti si fermano in zone non strettamente adibite a loro

In particolare con la pandemia vi è stata una crescita importante di persone che trascorrono le loro vacanze in camper. L’intenzione dell’Organizzazione turistica regionale Bellinzonese e Alto Ticino (Otr-Bat) è quindi quella di permettere anche a questi visitatori di beneficiare di servizi adeguati, offrendo da Airolo a Bellinzona, così come in Valle di Blenio, «tra le 15 e le 20 aree di sosta ufficiali per camperisti», afferma a ‘laRegione’ Juri Clericetti, direttore dell’Otr-Bat. Aumentare questo tipo di forma di accoglienza «permetterebbe anche di generare indotto sul territorio e ci consentirebbe pure di incassare le dovute tasse di soggiorno», i cui proventi saranno poi investiti per migliorare ulteriormente l’offerta turistica nella regione.

‘Importante offrire servizi adeguati’

È un dato di fatto che la pandemia di coronavirus abbia in parte cambiato le abitudini della popolazione per quanto riguarda le vacanze: si cercano sempre di più luoghi un po’ discosti, immersi nella natura, soprattutto in Svizzera e non più all’estero. Ciò ha quindi portato a un aumento dei viaggiatori in camper, anche in Ticino: «Negli ultimi due anni abbiamo registrato una crescita considerevole di camperisti sul nostro territorio», rileva Clericetti. «È quindi ora importante offrire servizi a questi visitatori. Anche perché al momento l’offerta nella nostra regione è limitata». Attualmente vi sono infatti solo tre aree di sosta ufficiali per camperisti nel Bellinzonese e Alto Ticino: una a Bellinzona, una a Prato Leventina e una a Rodi, che offrono tra i 5 e i 10 posti ciascuna. Vi sono poi alcuni campeggi che accolgono anche camperisti, ma anche in questo caso i posti a disposizioni sono pochi. La conseguenza è che molti camperisti oggigiorno si fermano in zone non strettamente adibite a questi visitatori e che quindi «non offrono nemmeno servizi adeguati». L’obiettivo dell’Otr-Bat è dunque quello di «implementare questa offerta di pernottamento sul nostro territorio, incanalando gli ospiti verso aree di sosta per camper ben definite e ben organizzate».

Il territorio vasto ‘può essere un vantaggio’

Il direttore dell’Otr-Bat vede quindi in questo settore un’opportunità di crescita tenendo anche conto del fatto che attualmente, soprattutto nelle Valli, le possibilità di pernottamento sono limitate: pur disponendo di un territorio molto vasto, rispetto ad altre regioni del Ticino, vi sono proporzionalmente pochi alberghi e campeggi. Ma proprio questa ampia disponibilità di territorio «può essere un vantaggio». Permette infatti di realizzare aree di sosta per camperisti in zone non densamente abitate, un po’ periferiche, che, come detto, sono sempre più apprezzate dai turisti. «Attualmente stiamo mappando il territorio, cercando di capire – in collaborazione con l’Associazione camperisti della Svizzera italiana – quali posti siano più adatti per questo tipo di offerta». Anche se per il momento si stanno muovendo solo i primi passi, l’idea è dunque quella di arrivare a offrire in totale «6-7 aree di sosta per camperisti in Leventina, 3-4 in Valle di Blenio, un paio in Riviera e 3-4 nel Bellinzonese». Clericetti ricorda poi che alcune di queste aree di sosta sono già previste nell’ambito di progetti futuri, come il Polisport di Olivone o lo Swiss Railpark di Biasca. In questo senso è anche importante la collaborazione dei Comuni coinvolti, visto che saranno le autorità locali a rilasciare l’autorizzazione per la gestione di queste zone. Per promuoverle l’Otr-Bat si appoggerà poi anche a piattaforme digitali molto apprezzate e utilizzate dalla comunità dei camperisti: su questi siti internet verranno segnalate le aree di sosta ufficiali, con i vari servizi che offrono, così da invogliare i visitatori a fermarsi.

Possibilità di incassare le tasse di soggiorno

Oltre a fare un po’ di ordine in quest’ambito, le zone adibite ai camperisti permetteranno anche di «generare indotto sul territorio», sottolinea Clericetti. «Gli ospiti potranno infatti approfittare delle offerte già presenti sul territorio, utilizzando ad esempio uno dei diversi impianti di risalita, recandosi al ristorante o al grotto oppure visitando un museo. Sarebbe anche interessante riuscire a organizzare dei punti vendita di prodotti locali all’interno di queste aree di sosta». A ciò va poi aggiunto che la definizione ufficiale di queste zone permetterà all’Otr-Bat di riscuotere le relative tasse di soggiorno, che nella situazione attuale molto spesso non vengono debitamente incassate. E questo consentirà poi di migliorare ulteriormente l’offerta turistica in generale.

Anche informazioni turistiche

Oltre a dover essere ben accessibili a mezzi ingombranti, con spazio sufficiente per fare manovra e per posteggiare, le aree di sosta per camperisti ‘attrezzate’ permetteranno inoltre di caricare acqua potabile e scaricare le acque grigie e nere. Stando a un documento dell’Associazione camperisti della Svizzera italiana, sarebbe anche utile avere a disposizione ad esempio dei servizi igienici, l’allacciamento elettrico, tavoli e panchine, l’illuminazione notturna oppure una fermata dei servizi pubblici nelle immediate vicinanze. A dimostrazione della stretta collaborazione con l’Otr, sarebbero anche auspicabili informazioni turistiche, così come un servizio navetta verso un eventuale centro cittadino o verso aree di svago e d’interesse.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved