ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
12 min

Locarno: realtà giovanili, oltre la superficie

Conferenza al Centro professionale (Spai) con sei relatori per affrontare diversi temi
Luganese
13 min

Pregassona, una panettonata contro la violenza sulle donne

Martedì 6 dicembre, l’associazione Mai più sola, organizza una panettonata al Capannone di Pregassona
Mendrisiotto
18 min

Annullato il mercatino di Castel San Pietro

L’evento, previsto domenica 4 dicembre, è stato cancellato a causa delle previsioni meteo
Bellinzonese
18 min

Lampeggianti a Castelgrande, ma è solo uno shooting fotografico

Hanno fatto subito temere il peggio le luci blu nel prato del maniero di Bellinzona. Fortunatamente non si è trattato di nulla di preoccupante
Mendrisiotto
19 min

Chiasso, la Legislazione dà l’accordo alla lite con l’Fc

La decisione definitiva sarà presa dal Consiglio comunale il 19 dicembre. Oggetto del contendere quasi 123mila franchi non versati per l’uso dello stadio
Bellinzonese
22 min

Meno costruzioni a Bellinzona? Attese le valutazioni del Cantone

Il Municipio risponde a un’interpellanza del gruppo Verdi/Mps/Fa: terrà conto della revisione del Piano direttore cantonale decisa dal Consiglio federale
Bellinzonese
23 min

Giubiasco, furgone urta un’auto e si rovescia sul fianco

L’incidente è avvenuto nel pomeriggio di oggi attorno alle 13.30. Il bilancio, fornito da Rescue Media, parla di due feriti apparentemente non gravi
Bellinzonese
46 min

Nuova area Tir di Giornico, molto più di un centro di controllo

Inaugurato il Ccvp: costato 250 milioni, verifica le anomalie dei camion diretti verso il Gottardo. Con lo svincolo opportunità per l’area industriale
Locarnese
55 min

Verzasca, premiati i vincitori del nuovo stemma

Gli elaborati erano stati valutati da una giuria e avallati dal legislativo. Prossimamente verrà allestita una mostra di tutte le 107 proposte inoltrate
Mendrisiotto
57 min

Pedrinate avrà il suo nodo del trasporto pubblico

Il Municipio di Chiasso chiede al Consiglio comunale un credito di 1’051’000 franchi per creare la fermata ‘Pedrinate paese’
Bellinzonese
58 min

Bambino in bici urtato da un’auto a Bellinzona: ferite non gravi

L’incidente oggi pomeriggio intorno alle 13 su viale Portone
Locarnese
1 ora

Locarno, glicemia e pressione

La Croce Rossa propone la misurazione gratuita
Locarnese
1 ora

Cavigliano, bancarelle natalizie (al coperto)

Mercatino e momenti conviviali in Piazza della Gioventù
Locarnese
1 ora

Lavizzara, il marmo è più vivo che mai e va riorientato

Municipio, enti pubblici e sponsor pronti a sostenere la Fondazione per la scultura e il suo braccio operativo per affinare nuove strategie promozionali
Locarnese
1 ora

Ascona, messa di Natale in finlandese

Appuntamento alla chiesa evangelica riformata, in viale Monte Verità
Mendrisiotto
1 ora

Morbio Inferiore, la solennità dell’Immacolata

Nel Santuario di Santa Maria dei Miracoli, giovedì 8 dicembre, sono previsti tre appuntamenti di preghiera
09.01.2022 - 20:55

Bellinzonese e valli, verso un aumento delle aree per camperisti

L’intenzione è di offrire una ventina di zone ufficiali nella regione. Juri Clericetti: ‘Permetteranno anche di generare indotto sul territorio’

bellinzonese-e-valli-verso-un-aumento-delle-aree-per-camperisti
Ti-Press
Attualmente molti camperisti si fermano in zone non strettamente adibite a loro

In particolare con la pandemia vi è stata una crescita importante di persone che trascorrono le loro vacanze in camper. L’intenzione dell’Organizzazione turistica regionale Bellinzonese e Alto Ticino (Otr-Bat) è quindi quella di permettere anche a questi visitatori di beneficiare di servizi adeguati, offrendo da Airolo a Bellinzona, così come in Valle di Blenio, «tra le 15 e le 20 aree di sosta ufficiali per camperisti», afferma a ‘laRegione’ Juri Clericetti, direttore dell’Otr-Bat. Aumentare questo tipo di forma di accoglienza «permetterebbe anche di generare indotto sul territorio e ci consentirebbe pure di incassare le dovute tasse di soggiorno», i cui proventi saranno poi investiti per migliorare ulteriormente l’offerta turistica nella regione.

‘Importante offrire servizi adeguati’

È un dato di fatto che la pandemia di coronavirus abbia in parte cambiato le abitudini della popolazione per quanto riguarda le vacanze: si cercano sempre di più luoghi un po’ discosti, immersi nella natura, soprattutto in Svizzera e non più all’estero. Ciò ha quindi portato a un aumento dei viaggiatori in camper, anche in Ticino: «Negli ultimi due anni abbiamo registrato una crescita considerevole di camperisti sul nostro territorio», rileva Clericetti. «È quindi ora importante offrire servizi a questi visitatori. Anche perché al momento l’offerta nella nostra regione è limitata». Attualmente vi sono infatti solo tre aree di sosta ufficiali per camperisti nel Bellinzonese e Alto Ticino: una a Bellinzona, una a Prato Leventina e una a Rodi, che offrono tra i 5 e i 10 posti ciascuna. Vi sono poi alcuni campeggi che accolgono anche camperisti, ma anche in questo caso i posti a disposizioni sono pochi. La conseguenza è che molti camperisti oggigiorno si fermano in zone non strettamente adibite a questi visitatori e che quindi «non offrono nemmeno servizi adeguati». L’obiettivo dell’Otr-Bat è dunque quello di «implementare questa offerta di pernottamento sul nostro territorio, incanalando gli ospiti verso aree di sosta per camper ben definite e ben organizzate».

Il territorio vasto ‘può essere un vantaggio’

Il direttore dell’Otr-Bat vede quindi in questo settore un’opportunità di crescita tenendo anche conto del fatto che attualmente, soprattutto nelle Valli, le possibilità di pernottamento sono limitate: pur disponendo di un territorio molto vasto, rispetto ad altre regioni del Ticino, vi sono proporzionalmente pochi alberghi e campeggi. Ma proprio questa ampia disponibilità di territorio «può essere un vantaggio». Permette infatti di realizzare aree di sosta per camperisti in zone non densamente abitate, un po’ periferiche, che, come detto, sono sempre più apprezzate dai turisti. «Attualmente stiamo mappando il territorio, cercando di capire – in collaborazione con l’Associazione camperisti della Svizzera italiana – quali posti siano più adatti per questo tipo di offerta». Anche se per il momento si stanno muovendo solo i primi passi, l’idea è dunque quella di arrivare a offrire in totale «6-7 aree di sosta per camperisti in Leventina, 3-4 in Valle di Blenio, un paio in Riviera e 3-4 nel Bellinzonese». Clericetti ricorda poi che alcune di queste aree di sosta sono già previste nell’ambito di progetti futuri, come il Polisport di Olivone o lo Swiss Railpark di Biasca. In questo senso è anche importante la collaborazione dei Comuni coinvolti, visto che saranno le autorità locali a rilasciare l’autorizzazione per la gestione di queste zone. Per promuoverle l’Otr-Bat si appoggerà poi anche a piattaforme digitali molto apprezzate e utilizzate dalla comunità dei camperisti: su questi siti internet verranno segnalate le aree di sosta ufficiali, con i vari servizi che offrono, così da invogliare i visitatori a fermarsi.

Possibilità di incassare le tasse di soggiorno

Oltre a fare un po’ di ordine in quest’ambito, le zone adibite ai camperisti permetteranno anche di «generare indotto sul territorio», sottolinea Clericetti. «Gli ospiti potranno infatti approfittare delle offerte già presenti sul territorio, utilizzando ad esempio uno dei diversi impianti di risalita, recandosi al ristorante o al grotto oppure visitando un museo. Sarebbe anche interessante riuscire a organizzare dei punti vendita di prodotti locali all’interno di queste aree di sosta». A ciò va poi aggiunto che la definizione ufficiale di queste zone permetterà all’Otr-Bat di riscuotere le relative tasse di soggiorno, che nella situazione attuale molto spesso non vengono debitamente incassate. E questo consentirà poi di migliorare ulteriormente l’offerta turistica in generale.

Anche informazioni turistiche

Oltre a dover essere ben accessibili a mezzi ingombranti, con spazio sufficiente per fare manovra e per posteggiare, le aree di sosta per camperisti ‘attrezzate’ permetteranno inoltre di caricare acqua potabile e scaricare le acque grigie e nere. Stando a un documento dell’Associazione camperisti della Svizzera italiana, sarebbe anche utile avere a disposizione ad esempio dei servizi igienici, l’allacciamento elettrico, tavoli e panchine, l’illuminazione notturna oppure una fermata dei servizi pubblici nelle immediate vicinanze. A dimostrazione della stretta collaborazione con l’Otr, sarebbero anche auspicabili informazioni turistiche, così come un servizio navetta verso un eventuale centro cittadino o verso aree di svago e d’interesse.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved