pol-e-tornato-a-casa-non-ho-mai-temuto-di-non-farcela
Paolo Righetti nella redazione della ‘Regione’ con la compagna Cinzia Corda e la figlioletta Tara (Ti-Press/Elia Bianchi)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
5 ore

Lega dei Ticinesi, Consiglio esecutivo al completo

Agli eletti in Cds e al Nazionale, si aggiungono Sabrina Aldi, Massimiliano Robbiani, Patrizio Farei e Alessandro Mazzoleni
Locarnese
7 ore

Gordola, ‘Littering: quando si passerà dalle parole ai fatti?’

Con un’interrogazione al Municipio, il Plr chiede se quanto pianificato per combattere il fenomeno sia stato attuato, altrimenti quando
Ticino
7 ore

Referendum sulla giustizia, votano anche gli italiani all’estero

Il plico con il materiale di voto arriverà per posta entro il 25 maggio a tutti gli iscritti alle anagrafi consolari
Ticino
7 ore

È attivo il Centro tumori cutanei complessi dell’Eoc

Il cancro della pelle è in costante aumento in tutto il mondo. Diagnosi e cura sono ora più efficaci e i tassi di mortalità in calo
Ticino
8 ore

Il futuro energetico al centro dell’assemblea dei fiduciari

I lavori inizieranno domani alle 16 presso Villa Negroni di Vezia, sede dell’istituto di formazione professionale del settore
Locarnese
8 ore

Orselina, i maggiorenni festeggiati dal Municipio

Dopo due anni di attesa, l’esecutivo ha potuto tornare a omaggiare i 18enni del Comune con una visita alla Madonna del Sasso
Luganese
8 ore

Il tempo libero lungo la Tresa

Analizzato da uno studio della Supsi, presentazione a Ponte Tresa
Locarnese
8 ore

Verzasca e Piano, torna la rassegna gastronomica

Dallo scorso 20 maggio, è partita la manifestazione mangereccia dedicata a prodotti locali e piatti della tradizione. Coinvolti undici ristoranti.
Luganese
9 ore

Fienile distrutto dalle fiamme ad Arogno

Le cause del rogo sono per ora sconosciute. Non ci sarebbero feriti o intossicati.
Bellinzonese
9 ore

Malattie genetiche rare, ‘La cucina di Manu’ dona 30mila franchi

La pubblicazione del ricettario in memoria di Manuela Righetti ha permesso di raccogliere l’importante somma per l’Associazione malattie genetiche rare
Luganese
9 ore

Besso pulita! in assemblea

Si parlerà anche dei disagi provocati dai lavori alla stazione Ffs di Lugano
Locarnese
9 ore

Locarno, Ps: ‘Accuse spiacevoli, pretestuose e imbarazzanti’

Bocciatura mozione contro il tabagismo nei parchi giochi: il Ps locale risponde alle insinuazioni della presa di posizione dell’associazione non fumatori
Luganese
9 ore

Molestie all’Unitas, assemblea tesa

Allontanati i giornalisti, trapela malcontento; il Comitato attende l’esito dell’inchiesta
Locarnese
11 ore

San Nazzaro, annegamento al bagno pubblico

Si tratterebbe di un turista. Sul posto sono intervenuti i soccorritori e gli agenti della Polizia cantonale e della Polizia lacuale
Grigioni
1 gior

Lostallo, tamponamento sull’A13: due feriti

L’incidente è avvenuto ieri pomeriggio. Un 79enne e un 30enne sono stati trasportati in ospedale.
Bellinzonese
1 gior

Monte Carasso, auto colpisce un motociclista e si dà alla fuga

L’incidente è avvenuto poco prima delle 00.30 su via El Stradun. La Polizia cantonale cerca testimoni
Luganese
1 gior

Guerra in Ucraina, a Lugano storie di donne e del loro riscatto

Testimonianze di ucraine sopravvissute al conflitto e della loro forza in una conferenza tenutasi giovedì sera al Palazzo dei congressi
Locarnese
2 gior

Botte in stazione: commozione cerebrale per un 18enne

Il fatto di violenza è avvenuto a Muralto nel tardo pomeriggio di venerdì: un gruppetto di quattro giovani ha aggredito tre ragazzi senza motivo
Bellinzonese
2 gior

Torna l’evento ‘Belli di sera’

Appuntamento per mercoledì 25 maggio nel centro cittadino. L’orario di chiusura del mercato del mercoledì e dei negozi sarà posticipato alle 21
Luganese
2 gior

Unitas, il finanziamento cantonale non sarebbe in dubbio

In seguito alla denuncia di molestie, ma si valuterà l’esito dell’inchiesta
laR
 
30.12.2021 - 05:30
Aggiornamento : 10:13

Pol è tornato a casa: ‘Non ho mai temuto di non farcela’

Il presidente granata e consigliere comunale di Bellinzona a ruota libera dopo la lunga assenza causata dall’emorragia cerebrale seguita dalla terapia

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

«Sto lentamente tornando alla normalità, che non sarà più quella di prima e che giocoforza mi porterà a rivedere le priorità». A quattro mesi esatti dall’emorragia cerebrale che lo ha portato a un passo dalla morte, Paolo Righetti, Pol per gli amici e per il popolo granata, il 24 dicembre è tornato nella sua casa di Bellinzona insieme alla compagna Cinzia Corda e alla loro figlioletta Tara di due anni e mezzo. Il presidente dell’Associazione Calcio Bellinzona e consigliere comunale Plr ha subìto due delicati interventi alla testa e dopo l’ospedale Civico di Lugano ha trascorso tre mesi alla Clinica Hildebrand di Brissago «dove la riabilitazione si è rivelata da subito un percorso intenso che ha sollecitato le mie risorse con il chiaro obiettivo di riprendere possesso, il più possibile, della mia autonomia. Ci sto pian piano riuscendo. Ora la terapia prosegue in regime di day hospital sempre a Brissago e credo che saranno necessari ancora diversi mesi per raggiungere una completa riabilitazione. Che raggiungerò, ne sono certo, lo voglio. Arriverà allora il tempo di riflettere sul mio futuro, con la premessa che nessuno è indispensabile».

‘La vicinanza che mi ha dato la carica’

Se oggi Paolo Righetti accetta d’incontrare la redazione della ‘Regione’ lo fa per parlare della sua rinascita. Sorride quando spiega che ha perso qualche chiletto, che riesce a «parlare abbastanza bene e a capire tutto», mentre al momento fatica ancora un po’ a leggere e ad approcciare la vista agli spazi esterni e luminosi. «Ho imparato – attacca – a sdrammatizzare e a relativizzare i problemi secondari, a non vedere nero e ad avere la battuta pronta. Anche perché mi considero un miracolato! I medici mi hanno infatti spiegato che nelle mie condizioni, nonostante la giovane età di 43 anni, se la cava solo una persona su cinque, se presa in tempo. Perciò, eccomi qua a guardare avanti con fiducia». Il pensiero di gratitudine corre poi «a tutti coloro, e sono tantissimi, che in questo difficile lasso di tempo, durante il quale ho vissuto in una bolla sospendendo ogni contatto esterno, mi hanno espresso il loro sostegno. Purtroppo essendo stato un po’ fuori gioco e totalmente sconnesso dal mondo senza cellulare e posta elettronica, non ho potuto rispondere alle centinaia di e-mail e messaggi inviatimi. Ma ho percepito un’incredibile vicinanza che mi ha dato la carica».

Il ruolo fondamentale della famiglia

A proposito di vicinanza, quella dimostrata dai familiari «ha giocato un ruolo fondamentale. A cominciare dalla mia compagna. Quando quella mattina di fine agosto si è accorta che stavo male ed ero sconclusionato parlandole in dialetto mentre di solito con lei dialogo in italiano, la sua reazione immediata è stata decisiva per la mia sopravvivenza. Dopo due ore ero già sotto i ferri. Sono seguiti mesi molto difficili per lei. Ha tenuto duro quando era invece facile scoraggiarsi. Infatti durante le prime settimane di ricovero non sapevo nemmeno dove mi trovassi e cosa mi fosse capitato. Hanno reagito con forza i miei genitori e mia sorella, con i quali la ‘normalità degli affetti’ che c’è in ogni buona famiglia è stata travolta da ‘qualcosa’ che ha reso importante dimostrare quell’affetto anche con piccoli gesti concreti, quelli che nel tempo si tende un po’ a tralasciare. Da loro mi sono sentito dire che forse non sarei tornato quello che ero prima, ma migliore. Tutto questo mi ha spronato a credere in me stesso. E no, non ho mai temuto di non farcela. Anche perché ho subito capito che i medici e i terapisti non erano lì ‘tanto per’, ma lavoravano con me e lo facevano molto bene».


Febbraio 2020: Paolo Righetti col vice Flavio Facchin alla consegna ufficiale delle nuove maglie Acb Settore giovanile (Ti-Press)

‘La promozione sarebbe il coronamento’

Lo sguardo si sposta inevitabilmente sul suo ‘essere Paolo Righetti’ prima e dopo l’emorragia cerebrale: «Mi ritengo una persona alla vecchia maniera. Sono sempre stato un bellinzonese che vuole poter dare e fare qualcosa di concreto per la propria città. Ecco perché ho dato anima e corpo all’Acb, dapprima per dodici anni come responsabile delle giovanili e negli ultimi otto come presidente». Sentirsi parte trainante di quel contesto calcistico che ha portato in alto il nome di Bellinzona durante l’ultimo secolo e che dal 2013 cerca un riscatto dopo le difficoltà subentrate col fallimento, «è e rimane una missione. Fino alla scorsa estate la salute mi ha sempre permesso di ‘stare sul pezzo’ anima e corpo. Di spingere per superare le avversità. Mi ritenevo uno di quelli a cui non può capitare nulla di negativo. Ora valuterò cosa fare. Cosa implicherebbe per me proseguire con la presidenza. O se non sia preferibile un ruolo più defilato. Di sicuro la scala delle priorità è cambiata, la salute richiede attenzione e soprattutto desidero dedicare più tempo agli affetti e alla famiglia, senza tuttavia rintanarmi in casa. Come detto, al momento opportuno farò le mie valutazioni considerando anche l’assetto societario che è radicalmente cambiato con l’entrata in scena, lo scorso luglio, della Supergoal Sa il cui apporto mi auguro possa contribuire a consolidare la squadra dal profilo sportivo e finanziario dopo il lungo e stressante periodo durante il quale ci siamo fatti in quattro mirando all’obiettivo, tutt’oggi confermato, di tornare in Challenge League». Lo stress accumulato così a lungo, chiediamo, può avere inciso pesantemente sulla salute? «Può logicamente avere influito, sebbene il problema principale sia genetico». Quanto alla promozione, «attendiamo di vedere se il Breitenrain primo in classifica con zero sconfitte riuscirà a trovare una soluzione logistica confacente per il suo stadio», in assenza della quale l’Acb, attualmente seconda, potrebbe forse beneficiare di una corsia preferenziale. «Una promozione sarebbe il coronamento di un percorso cominciato dal basso con tanta umiltà e fatto tutto in salita, ciò che per quanto mi riguarda chiuderebbe il cerchio di un’esperienza incredibilmente intensa e impegnativa sotto più punti di vista».

Politica: ‘Non vorrei rinunciare’

Quindi la politica attiva: «Come il calcio, fa parte di quel ‘sentirmi bellinzonese’ e mettermi a disposizione. Non vorrei rinunciarvi. Presiedere la Commissione della legislazione in Consiglio comunale, dove siedo dal 2015, valorizza quanto ho appreso lavorando nella Segreteria del Gran Consiglio. È un ambito interessantissimo. Deciderò a tempo debito, se proseguire o rinunciare». Molto dipenderà anche dai tempi di recupero della completa capacità di leggere e parlare, sulla quale come detto sta lavorando nell’ambito della terapia: «In questo senso, confido che raccontare agli amici quanto capitatomi potrà aiutarmi. Di sicuro non mi annoierò! E d’altronde, è così bello poter essere ancora qui a parlarne».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
acb bellinzona consigliere comunale emorragia cerebrale paolo righetti
Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved