ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
2 ore

In Appello i tre ventenni accusati di stupro di una coetanea

Sono comparsi alla sbarra i due fratelli e l’amico, tutti già condannati, che nel 2021 hanno approfittato di una ragazza: secondo loro era consenziente
Luganese
3 ore

Troppe zanzare tigre, Magliaso corre ai ripari

Nel 2022 è stata registrata un’importante espansione. L’istituto di microbiologia ha suggerito al Comune ulteriori misure
Luganese
3 ore

Carnevale in arrivo nei quartieri di Lugano

Da Villa Luganese a Davesco-Soragno, nei prossimi giorni si festeggerà in vari luoghi
Mendrisiotto
3 ore

Un’esplosione di colore in mostra al Parco San Rocco

Nella sede di Morbio Inferiore verranno esposte le opere dell’artista Vera Segre
Ticino
3 ore

La fiducia dei consumatori è bassa, ma gli acquisti non calano

È il dato, per certi versi sorprendente, che emerge dai dati della Seco. Stephani (Ustat): ‘Più preoccupazione per i rincari che per la disoccupazione’
Bellinzonese
4 ore

Al Nara c’è una fune da sostituire

Il Municipio chiede di concedere 240mila franchi per rimpiazzare, dopo 26 anni di servizio, il cavo portante-traente della seggiovia Leontica-Cancorì
Mendrisiotto
4 ore

Giornata mondiale contro il cancro infantile alla Filanda

Tre ore di incontri ed eventi sul tema, in programma il 15 febbraio al centro culturale di Mendrisio
Bellinzonese
4 ore

Raccolta di beni di prima necessità per la Turchia

La merce si potrà portare all’ingresso dell’Espocentro da domani a mezzogiorno. I primi furgoni partiranno già giovedì
Ticino
5 ore

‘Quel silenzio verso chi pedala’, Pro Velo sprona i candidati

L’associazione che difende i diritti dei ciclisti lamenta il fatto che nella campagna elettorale in corso sia assente il tema della mobilità lenta
Bellinzonese
5 ore

A Castione tre giorni di festa con il Carnevaa di Sciatt

55esima edizione da giovedì 16 a sabato 18 febbraio. Novità di quest’anno la cena offerta del sabato a base di polenta e formaggio o mortadella
Ticino
5 ore

Torna in aprile l’appuntamento con slowUp Ticino

Come di consueto lungo il percorso chiuso al traffico tra Locarno e Bellinzona ci si potrà muovere con mezzi non motorizzati godendosi natura e animazioni
Luganese
5 ore

Sorpresa per i 18enni di Bissone: Norman Gobbi in visita

Il consigliere di Stato ha partecipato alla tradizionale cerimonia di accoglienza dei neomaggiorenni svoltasi il 29 gennaio
Locarnese
6 ore

La formazione dei docenti in Ticino compie 150 anni

Nel 2023 l’anniversario dell’istituzione della Scuola magistrale, oggi Dipartimento formazione e apprendimento, verrà sottolineato con diverse iniziative
Bellinzonese
6 ore

Ospedali di valle, ‘De Rosa sapeva delle pressioni?’

Interpellanza Mps al governo sui rapporti intercorsi fra il primo firmatario Martinoli e i vertici del Dss coinvolti nel gruppo di lavoro
Locarnese
6 ore

Diego Togni nuovo vicesindaco di Cevio

Il rappresentante di Alleanza moderata nominato al posto del dimissionario Ercole Nicora. Pietro Palli in Municipio, Sonia Giussani-Gotti nel Legislativo
Locarnese
6 ore

L’Osteria Palazign nelle mani del Patriziato di Comologno

Grazie all’interessamento e all’aiuto (anche) del Cantone presto l’acquisto dell’immobile, che con Palazzo Gamboni costituisce un tutt’uno
Locarnese
6 ore

Tombola carnascialesca con l’As Riarena

Il tradizionale evento è in programma giovedì 9 febbraio dalle 20 presso il capannone del Carnevale ‘Sciavatt e Gatt’ di Cugnasco-Gerra
Locarnese
6 ore

Ronco s/Ascona, il ‘Comune sano’ può proseguire

Accolto dal legislativo il credito per l’ulteriore fase del progetto; archiviati i conti preventivi, come pure tutte le trattande all’ordine del giorno
Locarnese
7 ore

Lavori sulla strada cantonale Gordola-Sonogno

A Vogorno tratto chiuso da giovedì 9 febbraio alle 22 a venerdì 10 febbraio alle 5.30, con un’apertura al traffico di 15 minuti alle ore 00.30
Locarnese
7 ore

Alla Biblioteca cantonale di Locarno per ‘diventare scrittrici’

È il tema della conferenza organizzata dal Lyceum club venerdì 10 febbraio alle 18.15
Locarnese
7 ore

Serata dedicata al dolore nel paziente oncologico

La organizza l’Associazione Triangolo in collaborazione con il Circolo Medico di Locarno giovedì 9 febbraio alle ore 18.30 alla Sopracenerina
Luganese
7 ore

Acli organizza corsi per referenti delle comunità di migranti

Le formazioni avranno luogo il 20 febbraio e il 13 marzo alla sede delle Associazioni cristiane lavoratori italiani di via Simen a Lugano
Locarnese
7 ore

‘Locarno ieri e oggi’, mostra fotografica a Tenero

Scatti che ripercorrono lo sviluppo urbanistico e architettonico della città
20.12.2021 - 17:18
Aggiornamento: 20:15

Nuove Medie di Castione, respinti anche gli ultimi tre ricorsi

Nulla da fare per Amica, il suo coordinatore e la sessantina di confinanti: sulla variante di Pr ottengono ragione dal governo solo in due punti

nuove-medie-di-castione-respinti-anche-gli-ultimi-tre-ricorsi
Il progetto che ha vinto il concorso nel lontano autunno 2015

E tre. Anzi quattro e cinque. Dopo i primi due ricorsi respinti lo scorso primo settembre, il Consiglio di Stato pronunciandosi adesso su altri tre ricorsi accende il semaforo verde che dà il via libera alla pianificazione per l’attesa realizzazione del nuovo, grande complesso scolastico di Castione. Il quale in base al progetto dell’architetto Edy Quaglia scelto dalla giuria nel novembre 2015 e denominato ‘Se ci fosse la luna si potrebbe cantare’ prevede l’edificazione di un parallelepipedo lungo 200 metri e alto 12 (con ampi spazi vuoti e coperti al piano terreno) che prolungherebbe l’attuale vecchio stabile delle Medie inglobando sezioni di Scuola dell’infanzia e Scuola elementare. La decisione governativa di due settimane fa (7 dicembre) avalla dunque la variante di Piano regolatore nel suo complesso, sebbene con due lievi modifiche rispetto a quella proposta dal Municipio e votata dal Consiglio comunale nell’ottobre 2017. In pratica la distanza del nuovo edificio dal confine non potrà scendere a 5 metri ma dovrà rimanere a 6; inoltre l’indice di occupazione massimo del vasto mappale dovrà restare del 30% e non salire al 40% visto che vi saranno comunque già ulteriori 1’340 metri quadrati occupabili da eventuali strutture future non previste dal progetto contestato.

Aperta la via al Tram

Così facendo il governo cantonale accoglie in minima parte il ricorso interposto a titolo personale da Arnaldo Gianini, coordinatore dell’Associazione per il miglioramento ambientale di Castione (Amica), e quello identico sottoscritto da una sessantina di abitanti rappresentati dall’Amica stessa e domiciliati nel quartiere di Bergamo situato appena a nord lungo la strada Carrale di Bergamo che costeggerà la futura scuola, per metà in territorio di Lumino e per metà in quello di Arbedo-Castione. Per contro il CdS ha respinto, ritenendolo irricevibile, il ricorso a sua volta identico ai due precedenti e interposto dall’Amica singolarmente: motivo, l’associazione non è direttamente lesa dalla variante di Pr e non ha nel proprio Statuto lo scopo della difesa degli interessi dei propri soci. Gianini, Amica e la sessantina di residenti hanno ora tempo un mese per eventualmente interporre ricorso al Tribunale cantonale amministrativo. Per contro, ricordiamo, da tre mesi è cresciuta in giudicato, ossia senza ricorsi al Tram, la sentenza governativa che il 1° settembre ha avallato la decisione adottata quasi all’unanimità dal Cc di Arbedo-Castione il 28 maggio 2018 per lo stanziamento di 630mila franchi da destinare alla progettazione definitiva della prima tappa, ritenendo il Comune urgente poter disporre dei nuovi spazi di Scuola dell’infanzia completati dall’area viaria e dal parco.

Il perché dei due ‘no’

Quanto alla variante di Piano regolatore, il governo afferma di condividerla “rispondendo alla necessità di disporre di spazi supplementari da destinare alle scuole, nonché all’esigenza di riqualificare urbanisticamente gli spazi pubblici centrali di Castione”. Inoltre l’adeguamento del vincolo Ap-Ep per i tre livelli di scuola “permette, oltre che di conformare la pianificazione al progetto vincitore del concorso di architettura, di creare le premesse per ricucire il comparto scolastico”. Quindi i due punti respinti, ossia l’indice di occupazione che non potrà lievitare del 10% e la distanza dal confine che non potrà diminuire di un metro: il governo spiega di non poter accogliere le due proposte municipali “sebbene dal profilo dell’uso del territorio potrebbero risultare in linea con le disposizioni che regolano l’utilizzo di altri fondi destinati a edifici d’interesse pubblico”. L’incremento dal 30 al 40% infatti “ha comunque delle ripercussioni non indifferenti nel rapporto fra spazi costruiti e spazi liberi in un contesto dedicato alla formazione”. Questo ancor di più visto che l’incremento finirebbe per diminuire la superficie verde complessiva che in base alle norme deve rappresentare un terzo degli spazi liberi. È poi vero che il 10% garantirebbe un margine per eventuali future edificazioni aggiuntive quali ad esempio un nuovo blocco per palestra, piscina e aula magna più grande dell’attuale, l’ampliamento degli spazi destinati alle Elementari o ancora tettoie per biciclette; ma siccome al momento tali bisogni sono ancora allo stadio delle ipotesi, “non sono sufficienti per giustificare la misura proposta”, vista anche la riserva edificabile di 1’340 metri quadrati. Idem per la distanza dal confine: “Né la documentazione, né il progetto fanno ritenere questa misura necessaria per l’adempimento degli obiettivi”.

Cosa piace

Lungo invece l’elenco degli aspetti giudicati positivamente dal Consiglio di Stato. Citiamo per esempio la Zona d’incontro con limite a 20 km/h. Come pure il nuovo centro aggregativo, ossia la volontà di mettere a disposizione della popolazione una struttura polivalente (asilo nido, centro diurno, spazi aggregativi) per la quale si dà luce verde alla destinazione d’uso di un mappale. Quindi la mobilità dolce, che verrà arricchita con la trasformazione dell’ex Ferrovia retica in un percorso ciclopedonale, con un tratto che transiterà vicino al comparto scolastico, così come la corsia dedicata ai bus scolastici e l’alberatura: ebbene, la variante di Pr “tiene giustamente conto del futuro assetto viario previsto dal progetto stradale” ma il tutto dovrà essere ripreso nella pianificazione comunale. Pure corretta, a mente del CdS, è la scelta di definire nel Piano regolatore la necessità di realizzare un parcheggio pubblico con 50 posti auto in sostituzione di quello oggi codificato lungo Carrale di Bergamo, senza definire un’area specifica all’interno del comparto scolastico.

Botta e risposta

Dal canto loro i ricorrenti criticavano la variante pianificatoria (oltre ai due punti accolti dal CdS per la distanza dal confine e l’occupazione massima del terreno) evidenziando diverse lacune: una carenza informativa del Comune a favore della popolazione, un concorso di architettura che non rispetterebbe i vincoli imposti dal bando di concorso, un progetto architettonico che non avrebbe rispettato i parametri di zona e i criteri urbanistici, un peggioramento della qualità di vita e del soleggiamento degli abitanti nel quartiere di Bergamo, nonché l’assenza di un adeguato Piano del traffico. Censure che il Consiglio di Stato rispedisce al mittente. Sul piano informativo ritiene anzitutto che il progetto (dal concorso alle successive decisioni del Cc) abbia avuto ampio spazio sui media e risultano “sufficientemente esaustivi” tutti gli atti posti in consultazione, comprese le motivazioni che sorreggono la scelta di modificare il Pr. Quest’ultima, poi, “è sostenuta da un chiaro interesse pubblico rispondendo alla necessità di ampliare e ammodernare le strutture scolastiche di Castione e di concretizzare le misure viarie previste dal Programma di agglomerato”. Impedendo invece l’ampliamento dell’edificabilità e la riduzione della distanza dal confine, “non risulta compromessa la salubrità e la qualità di vita dei residenti del quartiere di Bergamo”. Infine il progetto vincitore viene promosso poiché “tende a sviluppare il comparto rispettando le esigenze pianificatorie superiori”, e cioè mantenendo un’importante area verde all’interno del comparto scolastico e favorendo l’interazione intergenerazionale in un contesto qualificato e di prossimità.

Cosa c’è da migliorare

E sul fatto che il progetto non rispetterebbe il bando di concorso, tali censure non vengono considerate dal CdS non rientrando nell’ambito pianificatorio. Governo che su questo punto propone tuttavia qualche riflessione: dopo aver ricordato che il progetto dovrà essere affinato “sulla base delle indicazioni e criticità sollevate dalla giuria”, aggiunge che la futura progettazione “dovrà tener conto della necessità di sviluppare una proposta volumetrica e urbanistica più equilibrata rispetto al contesto circostante attraverso, per esempio, un’articolazione più attenta ai diversi contenuti”.

Leggi anche:

Nuova Scuola media di Castione, luce verde governativa

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved