ULTIME NOTIZIE Cantone
GALLERY
Mendrisiotto
1 ora

Il parco delle gole della Breggia si fa più inclusivo

Inaugurato un percorso per ipovedenti nell’area del mulino del Ghitello. Stella: ‘È un patrimonio da difendere, ma anche rendere accessibile a tutti’.
Ticino
1 ora

Premi cassa malati, Marco Chiesa (Udc) insiste e interroga Berna

Il presidente nazionale democentrista segue De Rosa e chiede al Consiglio federale perché nel calcolo per il ’23 non siano stati calcolati ’20 e ’21
Luganese
3 ore

Cornaredo, ‘tabula rasa’ pronta sulla carta

Presto in pubblicazione a Lugano e Porza il Piano di quartiere del comparto B1a. Previsti edifici misti di altezza tra i 30 e i 60 metri
Ticino
4 ore

Le idee dei sindaci dei centri urbani per risparmiare energia

Si tratta di sei proposte presentate ai rispettivi Municipi. ‘Anche per non pregiudicare per i commerci un clima di avvicinamento al Natale’
Grigioni
4 ore

A Mesocco non si ripresenta il sindaco Christian De Tann

In corsa per la carica di capo dell’esecutivo alle elezioni comunali del 30 ottobre vi sono John Seghezzi, Fausto a Marca e Mattia Ciocco
Ticino
5 ore

Siamo il quinto cantone col maggior aumento di fallimenti

È il dato registrato da un’analisi della società Crif: +64,3 per cento nel terzo trimestre del 2022 rispetto all’anno precedente
Luganese
5 ore

Cinque anni di Sambì, ad Arogno un evento di festa

Sabato 8 ottobre verrà presentato il nuovo assetto societario, con aperitivo e castagnata offerti, all’Azienda agricola Bianchi
Locarnese
5 ore

Il giudice sul pedofilo: ‘È solo la punta dell’iceberg’

Un 77enne del Sopraceneri condannato a 8 anni di carcere per ripetuti atti sessuali con fanciulli e con persone inette a resistere tra il 2000 e il 2021
Bellinzonese
5 ore

Dialogo su repressione, diritto alla difesa e carcere

L’8 ottobre alle 16.15 al Circolo Carlo Vanza a Bellinzona si terrà un dibattito partendo dalla pubblicazione de ‘La cella dell’avvocato’ di Gabriele Fuga
Grigioni
5 ore

Covid, campagna di vaccinazione al via anche nel Moesano

Dall’11 ottobre sarà possibile farsi fare l’iniezione negli studi medici di Dieter Suter a Grono e di Chebaro Jihad a Mesocco
Ticino
6 ore

Il Festival dell’educazione pronto a parlare di emozioni

L’evento torna dopo la pausa forzata dovuta alla pandemia. Si parte venerdì sera con uno spettacolo al Teatro Sociale di Bellinzona
Bellinzonese
6 ore

Dai ruderi è nato un auditorium: inaugurazione a Biasca

Ultimati i lavori della struttura concertistica e per eventi culturali che potenzia l’offerta dell’attigua Casa Cavalier Pellanda
Luganese
6 ore

Una app per il Comune di Vezia

Il nuovo strumento digitale, assieme al rinnovato sito, permetterà una miglior comunicazione con la cittadinanza e informazioni più immediate
Locarnese
6 ore

Collaborazione tra Eoc e Santa Chiara, insorgono Ps e Mps

Strategie ospedaliere nel Locarnese, interpellanze al governo sui vantaggi per il privato e sugli svantaggi per il settore pubblico
Mendrisiotto
6 ore

Mendrisio, pomeriggio di sensibilizzazione di Pro Senectute

Evento dedicato alle persone in terza età, sull’importanza di muoversi nelle attività quotidiane, sul rischio delle cadute e come prevenirle
Ticino
6 ore

Ticino capitale del turismo sostenibile, ‘è la sfida del futuro’

Questa settimana si tiene l’Adventure travel world summit, l’evento più importante a livello internazionale per la promozione di una ‘nuova visione’
Grigioni
6 ore

Adolescenti e sport: serata pubblica con lo psicologo Morinini

La organizza a Roveredo il Raggruppamento calcio Grandinani del Moesano
Locarnese
6 ore

Bracconieri in Vallemaggia, la Federazione prende le distanze

La Fcti condanna senza mezzi termini i deplorevoli atti compiuti da un gruppo di persone nemmeno in possesso di una licenza venatoria
Ticino
6 ore

Apprendistato, finora i contratti firmati tengono bene

A oggi sono 2’452, cinque meno dell’anno scorso e 75 in più del 2019, ultimo anno pre pandemico. Ancora 115 i posti vacanti
Luganese
7 ore

A Lugano una serata pubblica sulla riforma delle Arp

Il dibattito si terrà l’11 ottobre nell’auditorium del Centro professionale tecnico di Trevano. Interverrà, fra gli altri, il consigliere di Stato Gobbi
Luganese
7 ore

A Lugano in esposizione i progetti di Impact Club

Sabato 15 ottobre gli otto progetti presenteranno i propri modelli di business a impatto e di innovazione sociale (profit e non) nella Svizzera italiana
laR
 
24.12.2021 - 05:30

Il guanto ‘magico’ che aumenta la qualità del massaggio cardiaco

Ideato dal 42enne di Claro Michele Musiari, l’utilità del ‘Life Glove’ è confermata dallo studio scientifico pubblicato su una rivista specializzata

il-guanto-magico-che-aumenta-la-qualita-del-massaggio-cardiaco
L’ultimo prototipo del guanto

“Un guanto in grado di fornire ai non professionisti un feedback in tempo reale, attraverso un sistema di ‘coaching’ che valuta frequenza, profondità e decadimento delle compressioni, può aiutare nell’esecuzione di un’appropriata manovra del massaggio cardiaco”. Questa la conclusione dello studio scientifico, pubblicato negli scorsi sulla rivista specializzata ‘Frontiers in Cardiovascular Medicine’, che di fatto promuove il guanto salvavita ideato e realizzato dal medico Michele Musiari. «Ora sarebbe bello poter trovare potenziali interessati per sviluppare un progetto industriale, visto che ad oggi sul mercato non esiste questo tipo di prodotto», spiega il 42enne di Claro, capoclinica di anestesia all’Ospedale cantonale di Friborgo e attivo anche alla Rega come medico d’urgenza dopo aver militato all’ospedale San Giovanni di Bellinzona e in precedenza tra le fila di Tre Valli Soccorso. Nato come soccorritore professionista, oggi Musiari è anche direttore sanitario del servizio ambulanza della Città di Friborgo. «È noto che un massaggio cardiaco tempestivo è fondamentale per ridurre la mortalità in caso di arresto cardiaco (ogni minuto che passa comporta un 10% in meno di probabilità di salvare una vita). È però altrettanto importante che venga effettuato correttamente, con la giusta frequenza e un’adeguata profondità delle compressioni toraciche. Per molte ragioni (ad esempio mancanza di esperienza e affaticamento), questo risultato spesso non viene raggiunto». Musiari si riferisce ai primi soccorsi forniti da persone senza una formazione specifica nel settore sanitario. Fa notare che in queste situazioni concitate di estrema emergenza, nonostante qualche nozione che può riaffiorare ad esempio dai corsi per ottenere la patente o durante la scuola reclute, «non è facile mantenere la calma, capire come agire con lucidità. Spesso prevale il panico. Per questo, dopo aver contattato il 144, l’operatore di centrale mantiene il contatto per indicare le istruzioni su come deve comportarsi in attesa dell’arrivo dei soccorritori professionisti. Ma il guanto salvavita può accompagnare e facilitare in maniera ancora più accurata, permettendo di rimanere pienamente focalizzati sul paziente».

In grado d’impartire tutte le istruzioni

Entrando nei dettagli il guanto, tascabile, è un prototipo in grado d’impartire a chi lo indossa tutte le istruzioni utili a eseguire un corretto massaggio al petto di una persona colpita da arresto cardiaco, il tutto mentre lo stesso guanto lancia l’allarme alla centrale di soccorso sanitario con la quale è anche possibile comunicare via voce e immagini grazie a microfono, altoparlante e microcamera incorporati. Uno strumento, spiega il 42enne di Claro, che oltre a migliorare la qualità della manovra di rianimazione cardiopolmonare favorisce anche la comunicazione ai soccorritori grazie a un sistema Gps che risolverebbe i problemi in caso di assenza del segnale di rete.

La svolta nel 2017

È il 2012 quando Musiari, sulla base dell’esperienza maturata come soccorritore professionista, concepisce il ‘Life Glove’, elaborando l’idea nel garage di casa. Con il sostegno della Supsi, nel 2015 il prototipo è ultimato (faranno seguito due aggiornamenti prima di pubblicare lo studio scientifico) e viene selezionato tra i 10 finalisti della Start-Cup ticinese. Il progetto era stato sostenuto da vari enti (tra cui l’Ente Ospedaliero Cantonale e la Fondazione Ticino Cuore). Sull’onda dell’entusiasmo, insieme all’amico e manager Danilo Moroso fonda una start-up ma, dopo alcune esposizioni e i primi incoraggianti contatti, l’idea non decolla. Il punto di svolta, racconta Musiari, arriva nel 2017 grazie a un incontro con il Cardiocentro e in particolare con il Professor Tiziano Cassina, primario di cardioanestesia e cure intensive. «Mi è stato fatto capire che oltre al prototipo era fondamentale effettuare uno studio scientifico». Studio che viene effettuato al Cardiocentro dal 6 marzo al 26 aprile 2019 e che, oltre a Cassina, viene infine sottoscritto anche da altri rinomati medici ticinesi e d’Oltralpe che hanno deciso di partecipare. Il progetto viene presentato a congressi europei di emergenza sanitaria e, grazie all’aiuto del Dr. Med Samuele Ceruti e della sua equipe di ricerca, il lavoro viene infine accettato dalla rivista scientifica.

I risultati: 21,4% in più di accuratezza

130 i volontari senza una formazione specifica nel settore sanitario coinvolti nella fase di test del prototipo su manichini elettronici. Sono stati divisi in due gruppi: solo uno ha effettuato il massaggio cardiaco con l‘ausilio del guanto. Il ciclo di frequenza appropriato è risultato del 92,4% nel gruppo con il guanto rispetto al 71% nel gruppo ’classico’, con una differenza significativa del 21,4%. “Il feedback acustico e visivo fornito dal sistema di coaching del dispositivo – si legge nelle conclusioni dello studio – è stato utile per dettare la corretta frequenza delle compressioni traducendola in una rcp significativamente più accurata”. Per una questione di costi, durante il test non è stato attivato il piccolo monitor installato sul guanto: i volontari hanno ricevuto il feedback visivo e acustico tramite un portatile (le informazioni che si vedono sul pc sono le stesse che il prototipo consente di osservare sul display del guanto e che vedrebbero in tempo reale anche i soccorritori in remoto). Per quanto riguarda, invece, la profondità delle compressioni toraciche la profondità media di compressione nel gruppo con guanti è stato di 5,2 centimetri e di 5,5 nel gruppo di controllo. È stata osservata una riduzione media della profondità di compressione nel tempo di 5,3 millimetri al minuto nel gruppo di controllo rispetto a una riduzione di 0,83 millimetri al minuto nel gruppo dei guanti. Dopo 10 minuti di massaggio cardiaco, la profondità di compressione nel gruppo di controllo è risultata di 4,9 centimetri rispetto ai 5,1 nel gruppo dei guanti. Pur se non emerge una differenza significativa, si legge nelle conclusioni dello studio, “fattori come la qualità del messaggio e il decadimento nel tempo erano già visibili durante questo breve test, e si può quindi ipotizzare che, con una potenziale maggiore durata del tempo di rcp, questo divario tra i due gruppi potrebbe aumentare”. Anche se, ammette Musiari, sono necessari miglioramenti tecnici e ulteriori studi per confermare questi risultati promettenti, «il nostro approccio innovativo potrebbe potenzialmente migliorare l’efficacia della rcp effettuata da persone non formate nel settore sanitario, sui pazienti vittime di arresto cardiaco improvviso». Come detto in apertura, il desiderio del medico di Claro sarebbe quello di riuscire a coinvolgere partner interessati per sviluppare un progetto industriale.

Ogni anno 300 arresti cardiaci in Ticino

Gli incidenti cardiovascolari sono la prima causa di morte nel mondo. Ogni anno in Ticino – informava il professor Cassina in occasione della conferenza stampa dello scorso agosto per informare sulle condizioni critiche del compianto Sindaco di Lugano Marco Borradori – vengono registrati 300 arresti cardiaci. Per i pazienti che arrivano in ospedale con ritmo defibrillabile (circa 40 all’anno) la sopravvivenza può arrivare fino al 50% (più che in altre aree della Svizzera e del mondo), che si riduce al 10% per quanto riguarda le persone che non hanno ritmo defibrillabile. Un cantone, sottolinea Musiari, dove la rete di soccorso attraverso la Federazione Cantonale Ticinese dei Servizi Ambulanza, 144 Ticino Soccorso, Fondazione Ticino Cuore, è giudicata ‘estremamente efficiente’: 900 i defibrillatori presenti sul territorio, 3’500 ‘first responder’.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved