ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
2 ore

Mendrisio, poco usa e getta alla sagra e alla fiera

Il divieto generalizzato per l’uso di stoviglie di plastica monouso non è ancora entrato in vigore, ma l’autorità sensibilizza gli organizzatori
Luganese
2 ore

In dogana con 30mila franchi di francobolli non dichiarati

L’uomo si era presentato al valico di Ponte Cremenaga alla guida di una vettura con targhe svizzere
Locarnese
2 ore

Tre milioni di franchi per combattere le neofite invasive

È la richiesta di credito formulata, attraverso il relativo messaggio, dal Municipio di Locarno, per una vera a propria strategia sull’arco di 10 anni
Locarnese
2 ore

Più passeggeri nel 2022 sul trenino bianco-azzurro e i bus

Le Fart hanno conosciuto un incremento dei viaggiatori su gomma e rotaia grazie anche al notevole potenziamento del trasporto pubblico regionale
Luganese
3 ore

A Monteceneri scatta il referendum sull’acquedotto

Partita la raccolta firme contro il credito da 2 milioni per rinnovare ed estendere le condotte sotto alla Cantonale: ‘Non prioritario né necessario’
Locarnese
3 ore

Troppo traffico e troppo rumore in alcune vie di Locarno

Lo sostengono alcuni cittadini che hanno lanciato una petizione per far abbassare la velocità a 30 km/h in via Franzoni, via Varenna e via Vallemaggia
Bellinzonese
3 ore

Ecco il bando per progettare il nuovo ospedale di Bellinzona

L’Eoc indica una prima fase realizzativa alla Saleggina entro il 2030, seguita da ulteriori sviluppi nel 2050
Ticino
4 ore

Piove troppo poco: scatta il divieto di fuochi all’aperto

La misura, decisa in considerazione dell’elevato rischio di incendio di boschi, concerne Ticino, Moesano, Val Bregaglia e Val Poschiavo
Mendrisiotto
4 ore

Mendrisio, consigli per evitare le truffe

Incontro rivolto agli anziani nella sala del Consiglio comunale. Lo organizzano diversi enti, in collaborazione con la Polizia cantonale
14.12.2021 - 12:00
Aggiornamento: 18:41

Lupi a Olivone, il Wwf auspica rispetto: ‘Comportamento normale’

Pur comprendendo l’apprensione dei residenti, per l’organizzazione l’avvistamento di 3 esemplari nei pressi dell’abitato non è una situazione insolita

lupi-a-olivone-il-wwf-auspica-rispetto-comportamento-normale
archivio Ti-Press

“L’avvistamento di lupi nei fondovalle e nei pressi degli abitati, soprattutto in inverno, è un comportamento conosciuto e del tutto normale per la specie. Con l’arrivo della neve, i cervi si spostano a quote più basse e i lupi semplicemente seguono le loro prede”. Pur comprendendo l’apprensione che sta suscitando tra la popolazione la presenza di tre lupi che da alcuni giorni si aggirano a Olivone, tramite un comunicato il Wwf Svizzera italiana auspica “rispetto verso questa specie, soprattutto – come in questo caso – quando si comporta da lupo e non genera danni ai capi di allevamento o pericoli per l’uomo”.

L’ultimo avvistamento, ricordiamo, risale alla scorsa domenica quando alcuni abitanti hanno osservato i tre esemplari per alcuni minuti al limitare del bosco. A loro volta i predatori hanno osservato le persone senza scappare e senza mostrare il tipico atteggiamento di diffidenza. L’Ufficio cantonale caccia e pesca sta monitorando la situazione con attenzione, in particolare per capire se gli esemplari siano o meno intimoriti dall’uomo.

‘Gli abitanti ne trarranno benefici’

Nel comunicato diramato oggi il Wwf afferma che “i lupi – nella stragrande maggioranza dei casi – non rappresentano un pericolo per l’uomo e anche nel caso specifico non sembrerebbero mostrare comportamenti aggressivi. Questi lupi stanno semplicemente comportandosi da lupi, predando i cervi e operando un’importante selezione. Proprio nel periodo invernale, a causa della scarsità di cibo, la presenza eccessiva di cervi causa importanti danni al bosco, anche quelli con funzione di protezione degli abitati e delle infrastrutture. I lupi pertanto contribuiscono a riequilibrare il rapporto tra ungulati e bosco a tutto vantaggio della salute di quest’ultimo”. Il Wwf aggiunge che “nel medio-lungo periodo gli abitanti della Valle di Blenio ne trarranno importanti benefici: gli abitati saranno più sicuri in caso di eventi meteo estremi, così come diminuiranno i costi per riparare i danni alle infrastrutture e di gestione dei boschi danneggiati”.

Come riferito alla ‘Regione’ dal capoufficio Caccia e pesca Tiziano Putelli, negli ultimi giorni è stato intensificato il monitoraggio. La situazione, spiegava ieri Putelli, non richiede ancora un intervento vero e proprio, «però non va neanche presa sotto gamba». Il guardacaccia di zona ha nel frattempo posizionato delle nuove fototrappole. Sono state inoltre programmate delle ronde serali e notturne al fine di capire se si tratti di lupi solitari o di un branco, e quanti esemplari siano esattamente.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved