tassa-rifiuti-a-bellinzona-lega/udc-chiedono-piu-causalita
Chi più inquina più paga? Si tenta di ragionare sul principio (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
3 ore

Intragna, dal cornicione della scuola cadono pezzi d’intonaco

Immediato intervento dei tecnici per una verifica dell’accaduto. Municipio pronto a metter mano agli interventi del caso; la ripresa a settembre garantita
Ticino
5 ore

Finiscono le vacanze, torna la colonna: 10km al Gottardo sud

Fra Biasca e Airolo si arrivava nel primo pomeriggio di oggi a due ore di attesa
Ticino
9 ore

Furti per 5mila franchi nei distributori automatici, due arresti

Un 40enne e una 30enne avrebbero colpito le gettoniere di almeno 8 apparecchi soprattutto nei pressi delle stazioni ferroviarie
Luganese
11 ore

È morto il motociclista coinvolto ieri in un incidente a Croglio

L’uomo, un 28enne italiano, ha urtato violentemente un’automobile all’altezza di Madonna del Piano, venendo sbalzato dal mezzo e rovinando a terra
Locarnese
12 ore

A Locarno ‘movida’ prolungata, gli esercenti: ‘è un primo passo’

Le reazioni di bar e ristoranti dopo la decisione dell’Esecutivo di prolungare la possibilità per quest’ultimi di mettere musica di sottofondo 
Mendrisiotto
13 ore

InterCity a Chiasso, ‘Difenderemo sempre la nostra fermata’

Molti i temi in agenda per la seduta extra-muros che impegnerà il Municipio a fine mese. Il punto con il sindaco Bruno Arrigoni.
Gallery
Luganese
21 ore

Auto contro moto a Madonna del Piano: un ferito grave

Incidente della circolazione attorno alle 20 sulla strada che da Ponte Tresa conduce a Fornasette, chiusa per i rilievi del caso
Ticino
1 gior

Il luglio 2022 è stato il secondo più caldo di sempre in Ticino

Il mese appena trascorso ha visto uno scarto di +2,6 °C rispetto alla norma 1991-2020: il record rimane a luglio 2015, con uno scarto di oltre 3°C
Ticino
1 gior

Strategia energetica, Marchesi (Udc): ‘Il nucleare al centro’

Il presidente e consigliere nazionale democentrista ‘preoccupato’ per la situazione attuale svela la sua ricetta: ‘Finora da Berna proposte insufficienti’
Bellinzonese
1 gior

Dieci chilometri di colonna sotto il sole tra Biasca e Airolo

Rientro dei vacanzieri e momentanea chiusura della galleria del San Gottardo mandano l’asse autostradale in tilt
Bellinzonese
1 gior

Tunnel del San Gottardo chiuso in entrambe le direzioni

Veicolo in avaria poco prima di mezzogiorno: situazione ‘calda’ sull’asse autostradale ticinese
Bellinzonese
1 gior

Bistrot di Bellinzona, ‘Nessuna truffa né maltrattamenti’

Il gerente Ivan Lukic non nasconde le difficoltà economiche. Tuttavia alcune persone hanno ‘tenuto duro, credendo nel progetto. Altre lo hanno diffamato’
12.12.2021 - 12:05
Aggiornamento: 15:43

Tassa rifiuti a Bellinzona: Lega/Udc chiedono più causalità

Mozione sollecita un sistema più equo per la tassa base e sovvenzioni per casi di comprovata necessità

Si sovrappongono più idee, proposte e critiche a Bellinzona sulla discussa tassa rifiuti. Dopo che il Municipio ha deciso di raddoppiare la tassa base per le sole economie domestiche portandola dal prossimo gennaio dagli attuali 80 a 150 franchi indipendentemente dal numero di persone e con l’obiettivo di incassare 1,8 milioni in più portando così il grado di copertura dal 69 al 100%; dopo che da più parti politiche tale agire è stato criticato auspicando un dietrofront; dopo che lo stesso Esecutivo ha parallelamente avviato un approfondimento volto a capire se e come reimpostare nel suo complesso, nel corso del 2022, la tassa base per le persone fisiche e giuridiche; e dopo che la Commissione della Gestione del Consiglio comunale nel proprio rapporto di maggioranza sul Preventivo 22 gli ha chiesto di rinunciare al balzello immediato per le sole economie domestiche sollecitandolo a prevedere una soluzione d’assieme; ora si aggiunge anche la Lega. La stessa, ricordiamo, che negli ultimi decenni si è battuta sul piano cantonale contro la tassa sul sacco, definendola (Nano dixit) il “fetido balzello”. Il quale è infine diventato regola sul piano cantonale dopo che nel 2017 i ticinesi hanno respinto il referendum contrario alla modifica di legge portata avanti dal ministro del Territorio Claudio Zali, modifica osteggiata da una parte della Lega capeggiata da Attilio Bignasca che raccolse le firme.


Manuel Donati della Lega (Ti-Press)

Ora, a Bellinzona, Manuel Donati (Lega) e co-firmatari hanno depositato una mozione a nome del gruppo Lega/Udc. “Pur deplorando la manovra puramente da cassetta fatta per limitare i danni di un Preventivo in profondo rosso – attacca il testo – siamo consapevoli che il Consiglio comunale non può modificare questa decisione del Municipio”, il quale interviene nell’ambito della forchetta per la tassa base che nel Regolamento comunale sui rifiuti prevede un tetto massimo di 150 franchi a economia domestica. L’obiettivo di Lega e Udc è “cercare di implementare meglio il principio di chi inquina paga”, lo stesso che la Lega fino a pochi anni fa contestava facendone un cavallo di battaglia specialmente a Lugano. “Inoltre l’attuale regolamento non è per nulla sociale – prosegue la mozione – perché non prevede sovvenzioni a nessuna fascia della popolazione con comprovata necessità”. Si chiede quindi di modificare l’articolo 15 “cercando un sistema più equo basato sul principio di chi inquina paga” e “aggiungendo una parte di sovvenzione municipale a casi di comprovata necessità”. Da nemici del ‘fetido balzello’ a un rafforzamento del principio di causalità il passo è insomma breve. Principio che l’iniziativa generica di Maddalena Ermotti-Lepori (Ppd), depositata in ottobre e firmata da una quindicina di granconsiglieri di quasi tutto l’arco parlamentare, chiede a sua volta di migliorare sul piano cantonale lasciando libertà ai Comuni di decidere il costo del sacco, abolendo così la fissazione governativa del tetto massimo che oggi si basa sul costo di smaltimento dei rifiuti solidi urbani nel termovalorizzatore di Giubiasco. Incrementare il costo del sacco – rispetto al franco e 20 centesimi per quello da 35 litri posto come tetto massimo dal governo per l’anno prossimo – potrebbe a mente degli iniziativisti incrementare il principio di “chi più inquina più paga” lo smaltimento, mantenendo bassa la tassa base che copre le spese fisse del servizio di raccolta, spese meno legate ai quantitativi di rifiuti.

Leggi anche:

Conti in rosso a Bellinzona: raddoppia la tassa rifiuti

Tassa base rifiuti: molti distinguono, Bellinzona è al palo

Tassa rifiuti a Bellinzona, la Gestione boccia il raddoppio

Siano i Comuni a stabilire l’importo della tassa sul sacco

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
bellinzona comprovata necessità lega manuel donati tassa base
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved