ULTIME NOTIZIE Cantone
Video
Ticino
1 ora

La Chiesa si mette in attesa ‘un po’ particolare’ del Natale

Messaggio alla Diocesi ticinese del vescovo Alain de Raemy in occasione domenica dell’inizio del cammino d’Avvento
Luganese
4 ore

A2, PoLuMe anche da Gentilino alla Vedeggio-Cassarate

L’Ustra conferma: in autostrada si potrà usare la terza corsia d’emergenza come ‘dinamica’ in caso di necessità fino a Lugano nord
Ticino
4 ore

Cantonali ’23, Andrea Giudici torna in pista. E lo fa con l’Udc

Deputato liberale radicale dal 2003 al 2019, l‘avvocato locarnese proverà a tornare in Gran Consiglio: ’I democentristi rappresentano meglio le mie idee’
VIDEO
Locarnese
4 ore

‘Non si può ammazzare una donna per un ciuffo di capelli’

Tre 18enni che frequentano il Liceo Papio hanno deciso di compiere un gesto simbolico a sostegno delle donne iraniane che lottano per i propri diritti
Bellinzonese
13 ore

‘Hanno dato il massimo ma sono stati travolti da una tempesta’

La difesa dei vertici della casa anziani di Sementina chiede l’assoluzione contestando anche le direttive di Merlani. Morisoli: ‘Fatto il possibile’
Ticino
13 ore

Targhe, il governo rilancia con 2 proposte. Dal Centro nuovo No

Il Consiglio di Stato tende la mano con delle alternative di calcolo. Gli iniziativisti non ci stanno, la sinistra sì. Ognuno per la sua strada, ancora
Ticino
13 ore

‘Polizia unica? Sfruttiamo le potenzialità del sistema attuale’

Fsfp in assemblea. E sul delicato e controverso dossier si attende che la politica decida.‘Venga però sentita anche la nostra Federazione’
Luganese
14 ore

La proposta: due vie a senso unico a Cassarate

In un’interrogazione, la consigliera comunale Lara Olgiati (Plr) ritiene che la modifica viaria delle vie Pico e Vicari migliorerebbe traffico e sicurezza
Gallery
Mendrisiotto
14 ore

Boffalora: al posto della villetta arrivano due palazzine

Altro cantiere residenziale in vista alla porta nord di Chiasso. L’operazione annuncia un investimento di oltre 6 milioni di franchi
Luganese
14 ore

Il 46° parallelo a Lugano? ‘Lo promuoverà l’ente turistico’

Non sarà il Comune, se non indirettamente, ad assumersi la promozione della latitudine geografica che attraversa la città
Locarnese
15 ore

Picchiò un ragazzo in Piazza Grande, 3 anni di carcere

Un 19enne di origini siriane residente nel Luganese colpevole anche di rapina, infrazione e contravvenzione alla Legge federale sugli stupefacenti
Luganese
15 ore

Lugano, viadotto del Brentino: ‘Progetto in pausa’

Slitta qualsiasi ipotesi di riqualifica del comparto, in attesa che si completino gli approfondimenti su altri temi (PoLuMe e svincolo Lugano Sud)
Ticino
15 ore

Il salario minimo legale non sarà adeguato al rincaro

Il Consiglio di Stato boccia la mozione di Ivo Durisch (Ps): ‘Un adeguamento sarebbe contrario alla volontà del legislatore e alla legge’
01.12.2021 - 05:30
Aggiornamento: 17:46

Ore di attesa per un tampone e il rischio d’infettarsi

Gestione problematica dell’importante afflusso di persone che nel fine settimana si reca all’Ospedale San Giovanni di Bellinzona per farsi testare

ore-di-attesa-per-un-tampone-e-il-rischio-d-infettarsi
Ti-Press
Il checkpoint dell’ospedale realizzato nell’autosilo viene preso d’assalto il sabato e la domenica

Brutta esperienza per chi ha dovuto sottoporsi a un tampone Pcr per il Covid-19 lo scorso fine settimana all’Ospedale San Giovanni di Bellinzona. Lunghe code, ore di attesa al freddo e la paura di venire contagiati (se non già infetti) a causa della mancanza di distanza sociale in uno spazio chiuso e ristretto. Chi si è recato sabato pomeriggio al nosocomio per effettuare un test ha dovuto armarsi di pazienza. All’imbocco dell’autosilo, al posto di alcuni parcheggi, sono stati ricavati spazi dove vengono accolte le persone che devono farsi testare. Queste aspettano in fila in piedi e sabato, quando le temperature erano peraltro rigide, erano una ventina quelle in attesa. Una volta giunte alla fine della coda, prima di venire tamponate, entravano in una saletta, uno spazio chiuso ma non riscaldato, di dimensioni ridotte. Un’anticamera ristretta secondo chi ci è entrato: due metri e mezzo per lato con all’interno quattro persone che attendevano il turno.

Quattro in una saletta di dimensioni ridotte

La percezione di chi vi è entrato era di disagio: «C’erano persone con forte tosse e altri sintomi in uno spazio troppo ristretto», racconta un uomo il quale prima di entrare nella saletta ha trascorso, raffreddato e febbricitante, un’ora in piedi nell’autosilo al freddo. La permanenza nella sala era di circa mezz’ora a testa, poi si varcava una porta dove un’operatrice effettuava il test. Nella saletta c’erano sia persone vaccinate che non. «Non mi sentivo sicuro in quella situazione anche perché le distanze erano ridotte. Sono risultato negativo al test, ma in quella situazione potrei anche essermi contagiato. Se così fosse lo saprò solo nei prossimi giorni», ci racconta la stessa persona con visibile fastidio. «Sarebbe un paradosso ammalarsi proprio quando ci si sottopone a un tampone», aggiunge. «Alcuni presenti non erano vaccinati: lo so perché lo hanno detto all’operatrice. Dall’altra parte della parete si sentiva tutto e la privacy non era garantita». Una situazione logistica non ottimale sotto vari punti di vista.

Impiegata una sola operatrice

Una volta chiamati dall’operatrice per il test, la sorpresa: tutto veniva gestito da una sola persona. Da sola raccoglieva i dati personali, verificava l’identità di chi doveva essere testato, dopo ogni paziente cambiava camice e guanti e poi effettuava il tampone. Infine consegnava il materiale informativo e spiegava come sarebbe stato comunicato l’esito del test. Una procedura oltremodo lunga, con la conseguenza di una lunga fila in attesa all’esterno. Perciò la domanda è d’obbligo: essendo la recrudescenza dei casi di Covid-19 una realtà, non si è pensato d’impiegare più personale? Questo per evitare che persone già malate siano costrette a sorbirsi lunghe attese, prima al freddo e poi nella saletta.

In settimana il problema non si pone essendo possibile rivolgersi a varie farmacie e studi medici, come anche ai checkpoint Covid riaperti a inizio mese dal lunedì al venerdì (a Bellinzona in via Brunari 2a, di fronte al centro sportivo). Nel fine settimana il nostro interlocutore si era dapprima rivolto alla farmacia di turno del Bellinzonese. La quale lo ha però informato che non consegnando i test al laboratorio durante i weekend, non avrebbe ricevuto l’esito in tempi rapidi. Lo ha quindi indirizzato al San Giovanni. Peraltro, chi il lunedì deve recarsi al lavoro, durante il fine settimana desidera sapere al più presto se sia positivo al Covid o meno. Inoltre, come ricordato dal Dss, per le persone vaccinate con sintomi è necessario effettuare un test Pcr, mentre quello antigenico rapido non è raccomandato.

‘Previsto un potenziamento del personale’

Interpellato da ‘laRegione’ per una spiegazione, Dila Zanetti, vicedirettore dell’Ospedale regionale Bellinzona e valli, fornisce alcune spiegazioni: «Da nostre verifiche confermiamo che lo spazio è adatto ad accogliere al massimo tre persone in attesa, come indicato anche nel cartello applicato all’ingresso della sala». Tuttavia il vicedirettore non esclude che nel weekend possa esservi stata una presenza aggiuntiva non prevista. «Standoci molto a cuore la sicurezza sia dei pazienti che del nostro personale, abbiamo comunque prontamente provveduto nuovamente a sensibilizzare sul numero di persone in attesa», aggiunge Zanetti. Come mai nel locale vi fossero quattro sedie non è dato sapere. Quanto al personale addetto ai test, Matteo Tessarollo, responsabile del servizio di comunicazione dell’Eoc, spiega che è in previsione un potenziamento che andrà di pari passo con la situazione di recrudescenza pandemica.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved