ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
6 ore

‘Appalti internazionali, si chieda il certificato anti-mafia’

Con una mozione Ermotti-Lepori e altri deputati invitano il Consiglio di Stato a modificare il regolamento della legge sulle commesse pubbliche
Luganese
7 ore

Lugano, crisi in vista: nel 2023 -20% di reddito disponibile

Un rapporto della Statistica urbana prevede tempi duri per i cittadini di Lugano qualora l’attuale crisi perdurasse con la stessa intensità
Luganese
7 ore

Manno, datore di lavoro a processo per omicidio colposo

I fatti riguardano la morte di un suo dipendente nel 2017, caduto da circa 6 metri di altezza mentre lavorava. Secondo la difesa è colpa della vittima
Ticino
7 ore

Certificati Covid in azienda: ‘Una misura che non serve più’

Lo sostiene la commissione sanità e sicurezza sociale, che invita il Gran Consiglio a respingere una mozione dell’Udc Pamini (dell’ottobre 2021) sul tema
Ticino
8 ore

Ffs, aumentano i passeggeri e i treni in transito in Ticino

Roberta Cattaneo: ‘Alle 70mila persone sui Tilo dobbiamo aggiungere le molte che usano Ir e Ic’. Zali: ‘Traffico passeggeri incrementato del 15%’
Ticino
8 ore

‘È una risposta concreta ai bisogni degli anziani’

La commissione parlamentare Sanità e sicurezza sociale firma il rapporto di Lorenzo Jelmini favorevole alla Pianificazione integrata
Luganese
9 ore

Lugano, riciclaggio di denaro: 39enne a processo

L’uomo, domiciliato nel Sopraceneri, avrebbe fatto parte di un ‘giro di truffa carosello’ per l’ammontare di circa 16,4 milioni di franchi
Ticino
9 ore

Malattie trasmissibili: esclusione da centri diurni e colonie

La nuova direttiva del medico cantonale estende il campo di applicazione. Giorgio Merlani: ‘Chiediamo il massimo scrupolo’
Mendrisiotto
9 ore

Oggi il punto di riferimento è l’Ente regionale per lo sport

A un anno dal varo si è già risposto ai bisogni del territorio. A cominciare dalla logistica. Lurati: ‘Il 2023 sarà il vero Anno zero’
Bellinzonese
9 ore

Ospedali di valle, Gina La Mantia nominata presidente

L’attuale presidente del Gran Consiglio è stata eletta al vertice dell’associazione, dopo la scomparsa di Tiziana Mona
Mendrisiotto
10 ore

Con ‘Gnammaggio e l’ApeRitivo’ alla scoperta della Val di Spinee

Pubblicato il quinto racconto per bambini scritto da Moreno Colombo. L’opera contiene anche dei disegni da colorare
Locarnese
10 ore

Locarnese: ‘Periferie e agglomerato, parti dello stesso albero’

Presentati i risultati di uno studio sulla demografia e il parco immobiliare di Onsernone, Verzasca, Vallemaggia e Centovalli. Con proposte di rilancio
Locarnese
10 ore

Locarno on ice, dal 2 dicembre con... ice

Pronta per l’apertura la pista di ghiaccio. E continua il programma dei concerti
01.12.2021 - 05:30
Aggiornamento: 17:46

Ore di attesa per un tampone e il rischio d’infettarsi

Gestione problematica dell’importante afflusso di persone che nel fine settimana si reca all’Ospedale San Giovanni di Bellinzona per farsi testare

ore-di-attesa-per-un-tampone-e-il-rischio-d-infettarsi
Ti-Press
Il checkpoint dell’ospedale realizzato nell’autosilo viene preso d’assalto il sabato e la domenica

Brutta esperienza per chi ha dovuto sottoporsi a un tampone Pcr per il Covid-19 lo scorso fine settimana all’Ospedale San Giovanni di Bellinzona. Lunghe code, ore di attesa al freddo e la paura di venire contagiati (se non già infetti) a causa della mancanza di distanza sociale in uno spazio chiuso e ristretto. Chi si è recato sabato pomeriggio al nosocomio per effettuare un test ha dovuto armarsi di pazienza. All’imbocco dell’autosilo, al posto di alcuni parcheggi, sono stati ricavati spazi dove vengono accolte le persone che devono farsi testare. Queste aspettano in fila in piedi e sabato, quando le temperature erano peraltro rigide, erano una ventina quelle in attesa. Una volta giunte alla fine della coda, prima di venire tamponate, entravano in una saletta, uno spazio chiuso ma non riscaldato, di dimensioni ridotte. Un’anticamera ristretta secondo chi ci è entrato: due metri e mezzo per lato con all’interno quattro persone che attendevano il turno.

Quattro in una saletta di dimensioni ridotte

La percezione di chi vi è entrato era di disagio: «C’erano persone con forte tosse e altri sintomi in uno spazio troppo ristretto», racconta un uomo il quale prima di entrare nella saletta ha trascorso, raffreddato e febbricitante, un’ora in piedi nell’autosilo al freddo. La permanenza nella sala era di circa mezz’ora a testa, poi si varcava una porta dove un’operatrice effettuava il test. Nella saletta c’erano sia persone vaccinate che non. «Non mi sentivo sicuro in quella situazione anche perché le distanze erano ridotte. Sono risultato negativo al test, ma in quella situazione potrei anche essermi contagiato. Se così fosse lo saprò solo nei prossimi giorni», ci racconta la stessa persona con visibile fastidio. «Sarebbe un paradosso ammalarsi proprio quando ci si sottopone a un tampone», aggiunge. «Alcuni presenti non erano vaccinati: lo so perché lo hanno detto all’operatrice. Dall’altra parte della parete si sentiva tutto e la privacy non era garantita». Una situazione logistica non ottimale sotto vari punti di vista.

Impiegata una sola operatrice

Una volta chiamati dall’operatrice per il test, la sorpresa: tutto veniva gestito da una sola persona. Da sola raccoglieva i dati personali, verificava l’identità di chi doveva essere testato, dopo ogni paziente cambiava camice e guanti e poi effettuava il tampone. Infine consegnava il materiale informativo e spiegava come sarebbe stato comunicato l’esito del test. Una procedura oltremodo lunga, con la conseguenza di una lunga fila in attesa all’esterno. Perciò la domanda è d’obbligo: essendo la recrudescenza dei casi di Covid-19 una realtà, non si è pensato d’impiegare più personale? Questo per evitare che persone già malate siano costrette a sorbirsi lunghe attese, prima al freddo e poi nella saletta.

In settimana il problema non si pone essendo possibile rivolgersi a varie farmacie e studi medici, come anche ai checkpoint Covid riaperti a inizio mese dal lunedì al venerdì (a Bellinzona in via Brunari 2a, di fronte al centro sportivo). Nel fine settimana il nostro interlocutore si era dapprima rivolto alla farmacia di turno del Bellinzonese. La quale lo ha però informato che non consegnando i test al laboratorio durante i weekend, non avrebbe ricevuto l’esito in tempi rapidi. Lo ha quindi indirizzato al San Giovanni. Peraltro, chi il lunedì deve recarsi al lavoro, durante il fine settimana desidera sapere al più presto se sia positivo al Covid o meno. Inoltre, come ricordato dal Dss, per le persone vaccinate con sintomi è necessario effettuare un test Pcr, mentre quello antigenico rapido non è raccomandato.

‘Previsto un potenziamento del personale’

Interpellato da ‘laRegione’ per una spiegazione, Dila Zanetti, vicedirettore dell’Ospedale regionale Bellinzona e valli, fornisce alcune spiegazioni: «Da nostre verifiche confermiamo che lo spazio è adatto ad accogliere al massimo tre persone in attesa, come indicato anche nel cartello applicato all’ingresso della sala». Tuttavia il vicedirettore non esclude che nel weekend possa esservi stata una presenza aggiuntiva non prevista. «Standoci molto a cuore la sicurezza sia dei pazienti che del nostro personale, abbiamo comunque prontamente provveduto nuovamente a sensibilizzare sul numero di persone in attesa», aggiunge Zanetti. Come mai nel locale vi fossero quattro sedie non è dato sapere. Quanto al personale addetto ai test, Matteo Tessarollo, responsabile del servizio di comunicazione dell’Eoc, spiega che è in previsione un potenziamento che andrà di pari passo con la situazione di recrudescenza pandemica.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved