ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
1 ora

Nuovo giallo a Bellinzona sulle orme della Banda dei Cedri

Sabato 3 dicembre nella sala del Consiglio comunale Gionata Bernasconi e Lietta Santinelli presenteranno il loro romanzo per ragazzi
Ticino
4 ore

Livelli, Speziali chiude la porta: ‘Il Decs ritiri il messaggio’

Il presidente del Plr sull‘ultima proposta di superamento dei corsi A e B alla scuola media: ’Deludente e inconsistente, da noi troppo ottimismo iniziale’
Locarnese
4 ore

Losone, una ‘rivoluzione’ da (non) buttare nel cestino

Tra novità già attuate e altre in arrivo, il Comune locarnese può considerarsi un precursore nella strategia di gestione dei rifiuti
Bellinzonese
4 ore

Area di servizio a Giornico, progetto ridotto ma ancora vivo

Ridimensionato l’investimento di 12 milioni inizialmente previsto. Per realizzare la ‘Green Station’ la Sa chiede all’Aet di collaborare
Ticino
12 ore

‘Appalti internazionali, si chieda il certificato anti-mafia’

Con una mozione Ermotti-Lepori e altri deputati invitano il Consiglio di Stato a modificare il regolamento della legge sulle commesse pubbliche
Luganese
12 ore

Lugano, crisi in vista: nel 2023 -20% di reddito disponibile

Un rapporto della Statistica urbana prevede tempi duri per i cittadini di Lugano qualora l’attuale crisi perdurasse con la stessa intensità
Luganese
13 ore

Manno, datore di lavoro a processo per omicidio colposo

I fatti riguardano la morte di un suo dipendente nel 2017, caduto da circa 6 metri di altezza mentre lavorava. Secondo la difesa è colpa della vittima
Ticino
13 ore

Certificati Covid in azienda: ‘Una misura che non serve più’

Lo sostiene la commissione sanità e sicurezza sociale, che invita il Gran Consiglio a respingere una mozione dell’Udc Pamini (dell’ottobre 2021) sul tema
Ticino
13 ore

Ffs, aumentano i passeggeri e i treni in transito in Ticino

Roberta Cattaneo: ‘Alle 70mila persone sui Tilo dobbiamo aggiungere le molte che usano Ir e Ic’. Zali: ‘Traffico passeggeri incrementato del 15%’
Ticino
13 ore

‘È una risposta concreta ai bisogni degli anziani’

La commissione parlamentare Sanità e sicurezza sociale firma il rapporto di Lorenzo Jelmini favorevole alla Pianificazione integrata
Luganese
14 ore

Lugano, riciclaggio di denaro: 39enne a processo

L’uomo, domiciliato nel Sopraceneri, avrebbe fatto parte di un ‘giro di truffa carosello’ per l’ammontare di circa 16,4 milioni di franchi
Ticino
14 ore

Malattie trasmissibili: esclusione da centri diurni e colonie

La nuova direttiva del medico cantonale estende il campo di applicazione. Giorgio Merlani: ‘Chiediamo il massimo scrupolo’
Mendrisiotto
14 ore

Oggi il punto di riferimento è l’Ente regionale per lo sport

A un anno dal varo si è già risposto ai bisogni del territorio. A cominciare dalla logistica. Lurati: ‘Il 2023 sarà il vero Anno zero’
Bellinzonese
14 ore

Ospedali di valle, Gina La Mantia nominata presidente

L’attuale presidente del Gran Consiglio è stata eletta al vertice dell’associazione, dopo la scomparsa di Tiziana Mona
Mendrisiotto
15 ore

Con ‘Gnammaggio e l’ApeRitivo’ alla scoperta della Val di Spinee

Pubblicato il quinto racconto per bambini scritto da Moreno Colombo. L’opera contiene anche dei disegni da colorare
23.11.2021 - 16:02
Aggiornamento: 16:42

Esercenti e negozianti: ‘Bene l’autosilo sotto Piazza Governo’

Bellinzona, i rispettivi presidenti di categoria giudicano positivamente l’idea proposta dall’architetto Filippo Broggini

esercenti-e-negozianti-bene-l-autosilo-sotto-piazza-governo
Piazza Governo e i 13 posteggi destinati a sparire con la Zona d’incontro (laRegione)

«Bene» e ancora «bene». I rispettivi presidenti della Società commercianti di Bellinzona e di Gastro Bellinzona e Alto Ticino si esprimono positivamente sul progetto abbozzato dall’architetto Filippo Broggini, pubblicato oggi sulla ‘Regione’, che propone alla Città, con un’eventuale partecipazione privata, di realizzare sotto Piazza Governo un piccolo autosilo di due o più piani interrati dotato di una capacità minima di 64 posti auto. Un’idea che va a contrastare il progetto di Zona d’incontro: voluto dal Municipio in collaborazione col Cantone e votato a fine ottobre dal Consiglio comunale, prevede più spazio per i pedoni, un nuovo limite massimo di 20 km/h e l’eliminazione dei 13 posteggi situati vicino al Teatro Sociale.

‘Coinvolgere, non imporre’

«La sensibilità va coltivata e il cambiamento di mentalità nel campo della mobilità individuale va costruito coinvolgendo, non imponendo soluzioni unilaterali, specie nel nostro contesto di piccola città», attacca la presidente dei commercianti Claudia Pagliari. Anche per questo motivo, prosegue, «ritengo opportuno ragionare sull’ipotesi di nuovo autosilo sotterraneo in Piazza Governo. Certo, al momento è solo un’idea, una proposta, qualcosa che andrebbe però a ogni modo approfondito interpellando tutte le parti in causa, noi compresi. Siamo pronti a ulteriormente rimarcare le difficoltà con le quali il settore commerciale del centro storico è confrontato da lungo tempo».

‘Auto spesso irrinunciabile’

A titolo personale («ma molti colleghi la pensano come me») promuove dunque l’idea abbozzata da Broggini: «Ben volentieri uso il trasporto pubblico per recarmi dal domicilio al negozio in centro. Arrivo in bus più rilassata. Sostengo le soluzioni ‘verdi’, laddove però non si scontrino con aspetti pratici. Quando infatti ho a che fare con tante borse e scatoloni, giocoforza l’auto diventa irrinunciabile. Perciò, se trasferiamo questo ragionamento sulla potenziale clientela, o su chi vuole semplicemente farsi un giro fra le vetrine del centro per vedere se c’è qualcosa d’interessante da comprare, molto facilmente troviamo persone che preferiscono usare l’automobile. Ripeto: va bene l’onda verde. Ma sebbene il bus, la bicicletta e lo spostamento a piedi siano in molti casi le soluzioni ideali, in molti altri l’auto è irrinunciabile. E la sua sosta richiede soluzioni confacenti e pratiche, non a priori limitative».

‘Durante il cantiere al Cervia dove si posteggerà?’

Ecco perché, prosegue Claudia Pagliari, la Zona d’incontro votata dal Cc «non rappresenta per il nostro settore una soluzione ottimale. Anzi, qui si rischia un grossissimo danno. Se si mira a favorire i pedoni e la mobilità dolce, non lo si faccia eliminando i 13 stalli situati vicino al Teatro Sociale. L’alternativa per chi vuole fermarsi a pranzo o bere un caffè, è andare altrove, magari in un centro commerciale». La presidente rileva inoltre il pericolo insito nella prevista ristrutturazione, con ampliamento, dell’autosilo comunale Cervia dietro Piazza Indipendenza: «Talvolta è già oggi pienissimo. Non so con quali tempistiche l’intervento è finalmente previsto, ma di sicuro il cantiere durerebbe a lungo riducendo sensibilmente, anche qualora lo si faccia a tappe o per piani, la disponibilità di posti auto a ridosso del centro. La vedo male se non vi sarà un’alternativa valida nelle vicinanze, quale potrebbe essere appunto un piccolo autosilo sotto Piazza Governo costruito prima di quel risanamento». Da qui l’invito all’autorità cittadina affinché «calcoli bene i tempi, pena il rischio di ritrovarci una città vuota. E che una volta svuotata, sarà poi difficile tornare a riempire».

‘Alla fine ne beneficiano i centri commerciali’

Sul fronte esercentesco il presidente Luca Merlo ribadisce che «è inopportuno eliminare posteggi». Nel quartiere Nocca, dove gestisce la propria locanda, «vivo questa situazione in prima persona: pur essendo a soli tre minuti a piedi dall’autosilo Cervia, che dista appena 250 metri, tanti faticano ad arrivare fino a qui se non trovano il posteggio nelle immediate vicinanze. Perciò non è affatto una buona soluzione quella di eliminare tredici stalli accanto alla fontana della foca. Alcuni esercenti attivi in centro città mi hanno comunicato la loro ferma contrarietà». Non è la prima volta che si ritrova a ripetere il concetto: «Di sicuro – sottolinea Luca Merlo – è sbagliato togliere posteggi. E ne mancano. Abbiamo ribadito la nostra opinione anche al gruppo di lavoro istituito dalla Città» e chiamato a radiografare lo stato di salute dei ristoratori e negozianti turriti. «La tendenza è generale e non tocca soltanto Bellinzona. La conseguenza è sotto gli occhi di tutti: a beneficiarne sono alla fine i centri commerciali che offrono posteggi in gran quantità e gratuitamente. Mente il centro città andrà sempre peggio».

Leggi anche:

‘Un autosilo sotto Piazza Governo per aiutare bar e negozi’

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved