un-autosilo-sotto-piazza-governo-per-aiutare-bar-e-negozi
L’architetto Broggini dal terrazzo del suo studio indica l’area sotto la quale inserire due piani interrati (laRegione)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
6 ore

Lega dei Ticinesi, Consiglio esecutivo al completo

Agli eletti in Cds e al Nazionale, si aggiungono Sabrina Aldi, Massimiliano Robbiani, Patrizio Farei e Alessandro Mazzoleni
Locarnese
8 ore

Gordola, ‘Littering: quando si passerà dalle parole ai fatti?’

Con un’interrogazione al Municipio, il Plr chiede se quanto pianificato per combattere il fenomeno sia stato attuato, altrimenti quando
Ticino
8 ore

Referendum sulla giustizia, votano anche gli italiani all’estero

Il plico con il materiale di voto arriverà per posta entro il 25 maggio a tutti gli iscritti alle anagrafi consolari
Ticino
9 ore

È attivo il Centro tumori cutanei complessi dell’Eoc

Il cancro della pelle è in costante aumento in tutto il mondo. Diagnosi e cura sono ora più efficaci e i tassi di mortalità in calo
Ticino
9 ore

Il futuro energetico al centro dell’assemblea dei fiduciari

I lavori inizieranno domani alle 16 presso Villa Negroni di Vezia, sede dell’istituto di formazione professionale del settore
Locarnese
9 ore

Orselina, i maggiorenni festeggiati dal Municipio

Dopo due anni di attesa, l’esecutivo ha potuto tornare a omaggiare i 18enni del Comune con una visita alla Madonna del Sasso
Luganese
9 ore

Il tempo libero lungo la Tresa

Analizzato da uno studio della Supsi, presentazione a Ponte Tresa
Locarnese
9 ore

Verzasca e Piano, torna la rassegna gastronomica

Dallo scorso 20 maggio, è partita la manifestazione mangereccia dedicata a prodotti locali e piatti della tradizione. Coinvolti undici ristoranti.
Luganese
10 ore

Fienile distrutto dalle fiamme ad Arogno

Le cause del rogo sono per ora sconosciute. Non ci sarebbero feriti o intossicati.
Bellinzonese
10 ore

Malattie genetiche rare, ‘La cucina di Manu’ dona 30mila franchi

La pubblicazione del ricettario in memoria di Manuela Righetti ha permesso di raccogliere l’importante somma per l’Associazione malattie genetiche rare
Luganese
10 ore

Besso pulita! in assemblea

Si parlerà anche dei disagi provocati dai lavori alla stazione Ffs di Lugano
Locarnese
10 ore

Locarno, Ps: ‘Accuse spiacevoli, pretestuose e imbarazzanti’

Bocciatura mozione contro il tabagismo nei parchi giochi: il Ps locale risponde alle insinuazioni della presa di posizione dell’associazione non fumatori
Luganese
11 ore

Molestie all’Unitas, assemblea tesa

Allontanati i giornalisti, trapela malcontento; il Comitato attende l’esito dell’inchiesta
Locarnese
13 ore

San Nazzaro, annegamento al bagno pubblico

Si tratterebbe di un turista. Sul posto sono intervenuti i soccorritori e gli agenti della Polizia cantonale e della Polizia lacuale
Grigioni
1 gior

Lostallo, tamponamento sull’A13: due feriti

L’incidente è avvenuto ieri pomeriggio. Un 79enne e un 30enne sono stati trasportati in ospedale.
Bellinzonese
1 gior

Monte Carasso, auto colpisce un motociclista e si dà alla fuga

L’incidente è avvenuto poco prima delle 00.30 su via El Stradun. La Polizia cantonale cerca testimoni
Luganese
1 gior

Guerra in Ucraina, a Lugano storie di donne e del loro riscatto

Testimonianze di ucraine sopravvissute al conflitto e della loro forza in una conferenza tenutasi giovedì sera al Palazzo dei congressi
Locarnese
2 gior

Botte in stazione: commozione cerebrale per un 18enne

Il fatto di violenza è avvenuto a Muralto nel tardo pomeriggio di venerdì: un gruppetto di quattro giovani ha aggredito tre ragazzi senza motivo
Bellinzonese
2 gior

Torna l’evento ‘Belli di sera’

Appuntamento per mercoledì 25 maggio nel centro cittadino. L’orario di chiusura del mercato del mercoledì e dei negozi sarà posticipato alle 21
Luganese
2 gior

Unitas, il finanziamento cantonale non sarebbe in dubbio

In seguito alla denuncia di molestie, ma si valuterà l’esito dell’inchiesta
Bellinzonese
2 gior

‘No a Avs 21 e nel 2023 un nuovo sciopero femminista’

La presidente Vania Alleva è intervenuta alla Conferenza nazionale delle donne Unia che ha riunito a Bellinzona 150 delegate
Mendrisiotto
2 gior

‘Mettete il fotovoltaico sui tetti delle vostre imprese’

Il Cantone chiama a raccolta il mondo economico del Distretto per dare un’accelerata alla svolta energetica
Locarnese
2 gior

Gli allevatori: ‘Scegliete, o noi o il lupo’

A Cevio s’incendia l’incontro con il Cantone. Criticata l’assenza del ministro Claudio Zali
Bellinzonese
2 gior

E a Bellinzona già si pensa a un Bar Blues

Il comitato EsercEventi accolto dal municipale Bison. Il coordinatore Morici: ‘Soddisfatti’. In programma non solo Notte bianca e Notte live
Ticino
2 gior

Offerta straordinaria di corsi per bambini non italofoni

L’iniziativa del Decs per i giovani in età di scuola elementare e scuola media per i ragazzi provenienti dall’Ucraina (ma non solo)
Ticino
2 gior

Nel caldo maggio ticinese, occhio a non ‘scottarsi’ con un radar

La Polizia cantonale comunica le località nelle quali nel corso della prossima settimana verranno effettuati controlli elettronici della velocità
Mendrisiotto
2 gior

Chiasso, è lotta alla flavescenza dorata nei vigneti

Il Comune indica che il primo trattamento è da prevedere orientativamente tra il 10 e il 15 giugno
23.11.2021 - 05:30
Aggiornamento : 10:21

‘Un autosilo sotto Piazza Governo per aiutare bar e negozi’

Bellinzona, l’architetto Filippo Broggini propone la realizzazione comunale (ma aperta a privati) di due o più piani interrati con un minimo di 64 stalli

«Un’idea di carattere viario e infrastrutturale per aiutare il centro storico di Bellinzona a sviluppare la sua vitalità e in particolare per sostenere commerci, bar e ristoranti. Per avvicinare la clientela e anche, perché no, per agevolare l’accesso agli spettacoli del Teatro Sociale. Perché la pandemia e le vendite online hanno soltanto accelerato una crisi che in realtà è iniziata ormai molti anni fa e che rischia di peggiorare ulteriormente con l’eliminazione di una decina di posteggi prevista in Piazza Governo e immediate vicinanze a seguito della prossima introduzione della Zona d’incontro voluta dal Municipio e dal Cantone e votata dal Consiglio comunale il 26 ottobre». Dal suo studio-atelier a forma di serra, ricavato in una limonaia di fine ottocento che si affaccia sul Sociale e sulla Fontana della foca, l’architetto Filippo Broggini lancia lo sguardo sulla sottostante Piazza Governo e con la mano tratteggia in aria la sua idea. Una bozza messa nero su bianco negli scorsi mesi completandola con un preventivo tecnico e finanziario – inclusa la sostenibilità a lungo termine per il Comune committente – elaborato da un’importante impresa edile ticinese. «Ovviamente la parte del leone dovrebbe farla l’autorità cittadina – spiega Broggini presentando il progetto in anteprima alla ‘Regione’ – ma si potrebbe anche immaginare una partecipazione privata, qualora suscitasse un reale interesse».


L’architetto Broggini dal terrazzo del suo studio indica l’area sotto la quale inserire due piani interrati. Nei riquadri l’idea di progetto (laRegione)

Cosa è previsto e come lo si finanzierebbe

L’uovo di Colombo sarebbe l’inserimento in Piazza Governo di un autosilo sotterraneo di due o più piani. Quello che molti potrebbero ritenere impossibile, Broggini lo ha calcolato. Previsti 32 stalli a piano per un totale di 64, investimento richiesto 5,7 milioni considerando un costo al metro cubo di 480 franchi, durata del cantiere un anno e mezzo. Le due rampe di entrata e uscita verrebbero collocate all’incrocio fra via Dogana e Piazza Governo, sulla sinistra del Palazzo delle Orsoline. I due (o più) piani interrati verrebbero collocati sotto l’attuale tratto che dal Bar Incontro conduce al Teatro Sociale, dove in superficie vi sono i 13 stalli destinati a sparire con la Zona d’incontro che prevede in quel punto la pedonalizzazione e il divieto di circolazione. Dettaglio importante: «Nessuna infrastruttura fra aree di parcheggio, rampe d’accesso e di uscita, chiocciole per il superamento del dislivello fra un piano e l’altro ed eventuale chiocciola per risalire da un eventuale terzo o quarto piano, andrebbe a collidere con gli edifici pubblici e privati affacciati su Piazza Governo, né con la fontana e né con gli alberi ad alto fusto, e loro radici, presenti nel prato. Tutte queste realtà verrebbero messe al riparo dalle vibrazioni col preventivo inserimento nel terreno di speciali pareti verticali». Probabilmente andrebbe ripensata la circolazione viaria nel quadrilatero compreso fra piazza Indipendenza, via Dogana e via Jauch che con la Zona d’incontro è destinata a diventare la nuova via d’accesso veicolare al posto di via Ghiringhelli dietro il palazzo governativo. Quanto alla sostenibilità finanziaria, annota Broggini, «non vedo problemi laddove pagando un interesse ipotecario dell’1% e percependo una rendita del 3% con un incasso medio giornaliero di 10-15 franchi per ogni stallo di breve durata, si può immaginare una copertura dell’investimento nell’arco di 15-20 anni». Il discorso potrebbe, come detto, coinvolgere anche dei privati: «Lavorando qui da molti anni, ho recepito l’interesse di taluni proprietari di appartamenti e abitazioni nel centro storico a possedere degli stalli. Se pensiamo a un valore di 50’000 franchi l’uno, vedo buone possibilità di successo».

Ma chi è Filippo Broggini e perché si lancia in questa idea?

«Premetto che per i brevi spostamenti qui in città vado a piedi o uso la bici. Non ho la patente e quando mi reco all’estero oppure Oltralpe per lavoro, per esempio al Politecnico di Losanna col quale collaboro, utilizzo i mezzi pubblici. Ho insegnato ‘Progettazione’ e ‘Villes et grands territoires’ all’Ecole nationale supérieure d’architecture de
Grenoble e osservando quanto avviene in altre città elvetiche ed estere, ma anche ascoltando le lamentele dei negozianti ed esercenti di Bellinzona, mi sono convinto che l’avvicinamento veicolare della clientela al nostro centro storico vada rivisto. E soprattutto che non possa ridursi a una Zona d’incontro, progetto nato stanco che toglie 13 stalli accanto al Teatro Sociale, ossia un terzo del totale di quelli presenti in Piazza Governo, per poi recuperarne alcuni non si sa bene dove. Non possiamo illuderci che la componente auto possa scomparire dalla nostra realtà. Il trasporto pubblico potrà forse essere ulteriormente migliorato, ma l’auto giocherà sempre un ruolo importante nella mobilità privata. Specie laddove la missione è raggiungere negozi, bar e ristoranti».

La sua è dunque anche una critica all’autorità politica di Bellinzona. Quali osservazioni muove?

«Le stesse che mia moglie Margot ha sollevato durante il dibattito in Consiglio comunale al momento di votare la Zona d’incontro. Lei si è opposta ritenendo che la logica del commercio imporrebbe la presenza di posteggi di breve durata gratuiti o a basso costo, come fanno le grosse aree commerciali. Invece qui si puniscono negozianti ed esercenti, peraltro senza proporre una vera miglioria paesaggistica e urbanistica, a parte qualche arredo. Più in generale, sebbene il Municipio si esprima in termini di ‘progetti strategici’, noto in realtà una mancanza di progettualità. La nostra politica fatica insomma a inventarsi un futuro. Ecco perché ritengo che la Zona d’incontro finirà per frenare il businness in centro città, anziché favorirlo».

Durante il medesimo dibattito il vicesindaco Simone Gianini ha tuttavia annunciato la volontà di ampliare l’autosilo comunale Cervia, dietro piazza Indipendenza, e ha invitato a riflettere su come sarebbe il centro storico oggi se i bellinzonesi non ne avessero votato nel 2007 la totale pedonalizzazione.

«Ricordo bene il dibattito di allora. Oggi, 14 anni dopo, chi abita nel centro storico può in effetti beneficiare di maggiore tranquillità. Ma nel contempo l’offerta commerciale è radicalmente cambiata e soprattutto, a parte nei finesettimana durante i quali si concentrano alcuni eventi a grande richiamo, la vitalità del centro ha perso colpi. Per accontentare qualche avvocato dal ricorso facile, si è preferito addormentare la vita sociale serale. E a proposito di pedonalizzazione, andrebbe forse fatto un bilancio valutando magari l’introduzione di mini bus elettrici. È vero, nel 2007 la popolazione si schierò in modo chiaro, ma nel frattempo il mondo è cambiato e temo che taluni obiettivi di allora non siano stati raggiunti e non siano nemmeno più attuali. Andrebbe insomma rivisto l’approccio, compreso quello della viabilità privata, evitando visioni unilaterali. Coira, Lucerna e Padova potrebbero costituire ottimi esempi dai quali prendere spunto: dispongono di più autosili e quello che suggerisco di realizzare in Piazza Governo, pensato per favorire le soste brevi e a prezzi interessanti, potrebbe essere una valida soluzione aggiuntiva al Cervia. A ogni modo, anche per indirizzare correttamente il flusso viario ed evitare il congestionamento in Piazza Teatro, la disponibilità di stalli andrebbe indicata sin dalle strade periferiche in avvicinamento, compresa l’occupazione dell’autosilo in Piazza del Sole, nel quale si sente chiaramente la mancanza capacitiva dell’ultimo piano interrato mai realizzato».

Quali altri pregi, o ricadute positive, intravede nel suo progetto?

«La desertificazione del centro storico va combattuta non solo evitando di punire commercianti ed esercenti, arrabbiati per la prevista riduzione del numero di posti auto nelle loro vicinanze, ma anche investendo nella qualità dello spazio a disposizione in superficie. Con la Zona d’incontro, che costerà 680mila franchi, si otterrà davvero poca cosa sotto questo punto di vista. Un nuovo piccolo autosilo favorirebbe invece un approccio diverso».

Lo ha già sottoposto al Municipio o a dei politici locali?

«Ne ho accennato al vicesindaco Gianini, responsabile della pianificazione cittadina. L’accoglienza non è stata entusiastica: da una parte per i lunghi tempi pianificatori e realizzativi tipici di questo Cantone, dall’altra per l’indirizzo preso da Città e Cantone in materia di mobilità generale. A mio avviso, per contro, andrebbe preferito un approccio più elastico e proattivo, evitando di sfruttare i soliti pretesti in caso di contrarietà. La pianificazione serve a gestire lo spazio comune e perciò andrebbe adattata alle nuove esigenze della comunità. Ecco perché suggerirei di lanciare, per esempio, un sondaggio fra gli attori della piccola economia locale e, pensando al centro storico, fra i suoi abitanti e utilizzatori quotidiani e saltuari. Un esercizio analogo temo sia mancato per la Zona d’incontro. La si fa e basta».

Guarda le 3 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved