autismo-al-dottor-ramelli-l-award-per-il-contributo-ticinese
Il neuropediatra Gian Paolo Ramelli (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
17 min

Locarno, alla Gestione piacciono gli orti comunali

Il rapporto commissionale preavvisa favorevolmente la richiesta di credito municipale per la realizzazione di 16 appezzamenti in zona Morettina
Bellinzonese
47 min

Torna il Mercalibro in Piazza Buffi a Bellinzona

L’Associazione MeTeOra annuncia che il prossimo appuntamento è in programma per mercoledì 2 febbraio
Luganese
1 ora

Meditazione, silenzio e riflessioni al Convento del Bigorio

Nel mese di febbraio ci saranno tre appuntamenti. Il primo è dedicato a un aspetto della figura di S. Francesco d’Assisi
Locarnese
1 ora

Il presidente della Confederazione in visita da Rabinowicz

Nel Giorno della Memoria, Ignazio Cassis ha raggiunto nel suo domicilio di Locarno il 97enne artista, reduce dai campi di sterminio nazisti
Ticino
2 ore

Prestazione ponte Covid, il Governo propone la proroga

Il Messaggio del Consiglio di Stato recepisce gli auspici del Gran Consiglio chiedendo la proroga degli aiuti di almeno 6 mesi con effetto retroattivo
Luganese
2 ore

Paradiso, un corso per i giovani tiratori

Lo organizza la società San Salvatore e si rivolge a ragazzi e ragazze svizzeri nati tra il 2004 e il 2007
Bellinzonese
2 ore

‘Le mille e una notte’ sul palco dell’oratorio di Bellinzona

Il 4 febbraio saranno di scena nell’ambito della rassegna Minimusica gli attori di Storie di Scintille
Grigioni
2 ore

I fondisti (giovani e adulti) si sfidano a San Bernardino

Domenica mattina gara sul circuito di Fornas. La pista sarà poi nuovamente aperta al pubblico da mezzogiorno
Ticino
2 ore

In Ticino contagi in calo, pazienti Covid stabili e zero decessi

Restano 166 le persone positive al Covid in ospedale, una più nei reparti di cure intense dove sono 15 le persone con complicazioni più gravi da Covid
Ticino
3 ore

Torna la processionaria: come riconoscerla e come proteggersi

Osservati i primi nidi della farfalla le cui larve danneggiano gli alberi e possono causare infiammazioni cutanee e allergie a persone e animali
19.11.2021 - 17:500
Aggiornamento : 19:45

Autismo: al dottor Ramelli l’Award per il contributo ticinese

L’associazione svizzera gli ha consegnato oggi il premio in occasione del secondo congresso nazionale in corso a Berna

“Un riconoscimento per l’impegno dimostrato e il lavoro svolto negli ultimi anni in Ticino, a stretto contatto con i genitori, a favore dei bambini affetti da autismo”. Con questa motivazione Autismo Svizzera, l’associazione che riunisce sul piano nazionale soprattutto le famiglie, ma anche specialisti e operatori, ha consegnato oggi pomeriggio al neuropediatra Gian Paolo Ramelli il proprio premio in occasione del congresso in corso a Berna. Il primario di neuropediatria all’Istituto pediatrico della Svizzera italiana, attivo con il proprio studio all’ospedale San Giovanni di Bellinzona, prima di ricevere l’Award ha presentato ai molti presenti una relazione dal titolo “Diagnosi precoce e trattamento dei bambini con disturbo dello spettro autistico: esperienze dal Ticino”. Intervento che riassume appunto l’impegno profuso da una quindicina d’anni a questa parte in stretta collaborazione con l’associazione Autismo della Svizzera italiana, approccio che ha sensibilmente migliorato il rilevamento precoce del disturbo dello sviluppo nei bambini e il successivo trattamento.

Per una vita il più normale possibile

«L’obiettivo – spiega il primario alla ‘Regione’ – è di far partecipare il bambino, nell’arco della sua crescita, a una vita il più normale possibile inserendolo nella scuola e avviandolo verso una formazione. Ciò che in precedenza, per mancanza di conoscenze, di finanziamenti e di un approccio corretto, si faceva in modo inadeguato finendo per confinare le persone, una volta adulte, negli istituti». La rete odierna si muove per contro con un approccio multidisciplinare che oltre a pediatri e neropediatri ingaggia fisioterapisti, ergoterapisti, psicologi e con loro i genitori e gli insegnanti. «Abbiamo scoperto che con una terapia adeguata, volta a relazionarsi con gli altri, i bambini autistici riescono a esprimere correttamente le loro capacità cognitive, specie in quei settori nei quali sono particolarmente dotati rispetto alla media», sottolinea Gian Paolo Ramelli.

Si cominciò da alcuni genitori

Il cambiamento in Ticino si è innescato una decina d’anni fa su pressione di alcuni genitori che sollecitavano una maggiore copertura delle terapie comportamentali, copertura allora insufficiente perché limitata a qualche ora alla settimana. «Nell’ambito dell’assicurazione invalidità si sono così trovate le risorse utili a sostenere il miglior approccio possibile tramite un progetto pilota avviato nel 2014 coinvolgendo, in Ticino, la classe Arcobaleno all’Otaf di Sorengo affiancata ad altre quattro realtà simili d’Oltralpe. Dopo sei anni si sono accertati benefici importanti che ora miriamo a estendere ad altri Cantoni». Dal profilo più medico uno screening è stato implementato sin dal 2008 andando a migliorare l’accertamento del disturbo sin dall’età di due anni: «Così facendo si è anticipato e accelerato notevolmente il processo di presa a carico. Il quale, se precoce e specifico fra i due e i quattro anni, risulta fondamentale per migliorare le competenze dei bambini e consentire loro, nei due terzi dei casi, di frequentare le scuole normali. Il mio sogno – conclude Gian Paolo Ramelli – è che la decisa apertura conosciuta alle scuole dell’infanzia ed elementari, avvenga anche alle medie e in ambito professionale».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved