rete-ciclopedonale-potenziata-con-un-ulteriore-tassello
Manufatto inaugurato sabato scorso (Ti-Press/Gianinazzi)
+3
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
8 ore

Lega dei Ticinesi, Consiglio esecutivo al completo

Agli eletti in Cds e al Nazionale, si aggiungono Sabrina Aldi, Massimiliano Robbiani, Patrizio Farei e Alessandro Mazzoleni
Locarnese
10 ore

Gordola, ‘Littering: quando si passerà dalle parole ai fatti?’

Con un’interrogazione al Municipio, il Plr chiede se quanto pianificato per combattere il fenomeno sia stato attuato, altrimenti quando
Ticino
10 ore

Referendum sulla giustizia, votano anche gli italiani all’estero

Il plico con il materiale di voto arriverà per posta entro il 25 maggio a tutti gli iscritti alle anagrafi consolari
Ticino
11 ore

È attivo il Centro tumori cutanei complessi dell’Eoc

Il cancro della pelle è in costante aumento in tutto il mondo. Diagnosi e cura sono ora più efficaci e i tassi di mortalità in calo
Ticino
11 ore

Il futuro energetico al centro dell’assemblea dei fiduciari

I lavori inizieranno domani alle 16 presso Villa Negroni di Vezia, sede dell’istituto di formazione professionale del settore
Locarnese
11 ore

Orselina, i maggiorenni festeggiati dal Municipio

Dopo due anni di attesa, l’esecutivo ha potuto tornare a omaggiare i 18enni del Comune con una visita alla Madonna del Sasso
Luganese
11 ore

Il tempo libero lungo la Tresa

Analizzato da uno studio della Supsi, presentazione a Ponte Tresa
Locarnese
11 ore

Verzasca e Piano, torna la rassegna gastronomica

Dallo scorso 20 maggio, è partita la manifestazione mangereccia dedicata a prodotti locali e piatti della tradizione. Coinvolti undici ristoranti.
Luganese
12 ore

Fienile distrutto dalle fiamme ad Arogno

Le cause del rogo sono per ora sconosciute. Non ci sarebbero feriti o intossicati.
Bellinzonese
12 ore

Malattie genetiche rare, ‘La cucina di Manu’ dona 30mila franchi

La pubblicazione del ricettario in memoria di Manuela Righetti ha permesso di raccogliere l’importante somma per l’Associazione malattie genetiche rare
Luganese
12 ore

Besso pulita! in assemblea

Si parlerà anche dei disagi provocati dai lavori alla stazione Ffs di Lugano
Locarnese
12 ore

Locarno, Ps: ‘Accuse spiacevoli, pretestuose e imbarazzanti’

Bocciatura mozione contro il tabagismo nei parchi giochi: il Ps locale risponde alle insinuazioni della presa di posizione dell’associazione non fumatori
Luganese
13 ore

Molestie all’Unitas, assemblea tesa

Allontanati i giornalisti, trapela malcontento; il Comitato attende l’esito dell’inchiesta
Locarnese
15 ore

San Nazzaro, annegamento al bagno pubblico

Si tratterebbe di un turista. Sul posto sono intervenuti i soccorritori e gli agenti della Polizia cantonale e della Polizia lacuale
Grigioni
1 gior

Lostallo, tamponamento sull’A13: due feriti

L’incidente è avvenuto ieri pomeriggio. Un 79enne e un 30enne sono stati trasportati in ospedale.
Bellinzonese
1 gior

Monte Carasso, auto colpisce un motociclista e si dà alla fuga

L’incidente è avvenuto poco prima delle 00.30 su via El Stradun. La Polizia cantonale cerca testimoni
Luganese
1 gior

Guerra in Ucraina, a Lugano storie di donne e del loro riscatto

Testimonianze di ucraine sopravvissute al conflitto e della loro forza in una conferenza tenutasi giovedì sera al Palazzo dei congressi
Locarnese
2 gior

Botte in stazione: commozione cerebrale per un 18enne

Il fatto di violenza è avvenuto a Muralto nel tardo pomeriggio di venerdì: un gruppetto di quattro giovani ha aggredito tre ragazzi senza motivo
01.11.2021 - 18:17
Aggiornamento : 18:57

‘Rete ciclopedonale potenziata con un ulteriore tassello’

La nuova passerella tra Gorduno e Castione si inserisce in un progetto più ampio di estensione dell’offerta per la mobilità lenta nel Bellinzonese

Nel Bellinzonese la mobilità lenta può contare su una nuova opera: sabato scorso è stata inaugurata la passerella ciclopedonale lunga 270 metri che collega Gorduno alla stazione di Castione-Arbedo. «Si tratta di un ulteriore tassello nell’ambito dell’ampliamento della rete ciclabile della regione», conferma a ‘laRegione’ Simone Gianini, presidente della Commissione regionale dei trasporti del Bellinzonese (Crtb) e capodicastero Territorio e mobilità della Città di Bellinzona. In futuro per quel comparto è poi previsto l’allacciamento diretto alla pista ciclabile che attraversa il fiume Moesa verso sud, un nuovo collegamento tra Claro e Arbedo e l’allacciamento (grazie alla realizzazione della ciclopista tra Castione e Lumino) alla pista ciclabile della Bassa Mesolcina, recentemente approvata in votazione popolare dai Comuni di San Vittore, Roveredo e Grono. Oltre a Gianini, all’inaugurazione erano anche presenti il sindaco di Bellinzona Mario Branda, secondo cui questo nuovo collegamento migliorerà la qualità di vita di tutti i quartieri situati nella zona nord della Città, il sindaco di Arbedo-Castione Luigi Decarli che ha sottolineato l’importanza delle vie di comunicazione quali espressione di civiltà e Martino Colombo, direttore della Divisione dello sviluppo territoriale del Dipartimento del territorio, che ha rilevato come quest’opera si inserisca in una rete di percorsi ciclabili, sia utilitari che di svago.

Un’opera da 5,9 milioni di franchi

Il manufatto – il progetto era stato votato dal Consiglio comunale dell’ex Comune di Gorduno, poi ripreso dalla Città di Bellinzona dopo l’aggregazione, il cui Legislativo aveva approvato il credito di realizzazione nel 2019 –, considerando anche il recente importante rincaro del ferro a livello mondiale, è costato 5,9 milioni di franchi (anziché i previsti 5,7) ed è stato finanziato con 1,4 milioni (più Iva e rincari) dalla Confederazione, 2,15 milioni da parte del Cantone e 1,16 milioni a carico dei Comuni facenti parte della Crtb. Quello che manca è stato garantito dalla Città di Bellinzona che in totale ha quindi messo sul piatto quasi due milioni di franchi: 917’560 franchi nell’ambito della chiave di riparto della Crtb (il 79,1% dei 1,16 milioni) più circa un milione per coprire i costi restanti una volta incassati i sussidi cantonali e federali.

Verso l’allacciamento con la ciclopista in direzione sud

Il nuovo percorso – lungo in totale circa 720 metri, se si considerano anche la rampa di accesso di 150 metri a Gorduno e il nuovo collegamento di 300 metri dalla passerella alla stazione di Castione – «da un lato potenzia la rete ciclopedonale della regione grazie all’allacciamento con i percorsi nazionali e regionali, mentre dall’altro migliora l’accessibilità di Gorduno e degli altri quartieri della sponda destra del fiume Ticino al nodo intermodale di Arbedo-Castione», spiega Gianini. «Questa passerella sarà anche un elemento importante sia durante, sia dopo il cantiere legato alla costruzione del nuovo stabilimento industriale delle Ffs a Castione», i cui lavori dovrebbero concludersi nel 2026. «Durante il cantiere verrà infatti interrotto il percorso ciclabile di campagna tra Claro e Arbedo, che verrà poi ripristinato con uno nuovo a fine lavori. La passerella consentirà quindi anche di aggirare questo ‘ostacolo’ temporaneo». Sempre nell’ambito di quel cantiere è poi previsto l’allacciamento della nuova passerella con la pista ciclabile che parte dal campo di calcio di Arbedo e percorre la sponda sinistra del fiume verso sud. «La Crtb ha promosso uno studio di fattibilità per rendere accessibile a tutti questo collegamento. Infatti – sottolinea Gianini – attualmente solo chi utilizza un rampichino può percorrere l’argine sotto il ponte dell’autostrada e quindi poi raggiungere, dalla nuova passerella, quel percorso ciclabile».

Unire le due sponde del fiume Ticino

Il presidente della Crtb rileva poi come «il fiume Ticino rappresenti la colonna vertebrale identitaria della regione. Ma è anche un elemento di frattura tra la sponda destra e quella sinistra. Si sta quindi lavorando per unire sempre più le due sponde: e questa è la quarta passerella ciclopedonale che attraversa il fiume nella regione, a cui se ne aggiungerà presto una quinta, in corrispondenza dell’ex ponte della Torretta, la cui realizzazione è in corso. Se si aggiungono anche i ponti per il traffico motorizzato, arriviamo a circa dieci collegamenti tra la sponda destra e quella sinistra, tutti molto utilizzati sempre di più anche dalla mobilità ciclabile».

Giorgio Masotti: ‘Far convivere le esigenze di pedoni e ciclisti’

Questa nuova passerella di 270 metri è una «tra le più lunghe in Svizzera in zona urbana», ci dice Giorgio Masotti, il cui studio d’ingegneria ha progettato l’opera ed è all’origine di diversi altri manufatti di questo genere. L’ingegnere ci ha anche illustrato alcune particolarità della nuova passerella che assicura il superamento dell’autostrada, della golena e del fiume Ticino. «Vi è stata l’esigenza di collegare il camminamento, che si svolge in sopraelevazione fra le fronde degli alberi, con la vasta area golenale. Abbiamo quindi pensato di allargare il manufatto al centro, integrandovi una scala che scende a terra». È così anche stato generato «uno spazio, dedicato alla sosta, che permette di migliorare la sicurezza dei pedoni, moderando il transito dei ciclisti». Infatti, queste passerelle a traffico misto sono da un lato molto apprezzate dagli utenti (e quelle già esistenti nel Bellinzonese lo dimostrano ampiamente), ma dall’altro possono anche generare conflitti tra ciclisti e pedoni. E con questa area di sosta, l’intenzione è quella di minimizzarli, «facendo convivere le esigenze dei diversi utenti». Un’altra particolarità riguarda il materiale usato per costruire la struttura: «L’acciaio Corten, grazie al processo di ossidazione superficiale, forma una patina che protegge il manufatto, conferendogli una colorazione rosso/bruno. Oltre a integrarsi in modo armonioso con l’ambiente naturale, questo materiale necessita anche di una ridotta manutenzione», conclude Masotti.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
bellinzonese castione gorduno passerella rete ciclopedonale
Guarda tutte le 7 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved