ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
1 ora

Secondo sgombero ex Macello, c’è stata sproporzionalità

La Corte dei reclami penali ha accolto alcune contestazioni degli autogestiti in merito ai rilievi del Dna e alla raccolta delle impronte
Bellinzonese
3 ore

Nuova sede Ior a Bellinzona, approvato lo studio di fattibilità

Il Consiglio di fondazione lo sottoporrà ora all’Usi che lo invierà, con la richiesta di finanziamento federale, alla Segreteria di Stato per la ricerca
Mendrisiotto
4 ore

Basso Mendrisiotto, depositata una istanza di aggregazione

I tre promotori di Balerna alle intenzioni hanno fatto seguire i fatti. Ora avranno tre mesi di tempo per raccogliere 350 firme
Luganese
12 ore

Lugano, Lombardi: ‘Commissioni di quartiere da attivare’

Il municipale amareggiato per lo scarso interesse dimostrato nella consultazione sul Piano direttore comunale. ‘Coinvolgere resta importante’
Mendrisiotto
12 ore

Al Centro temporaneo per migranti si sente la pressione

Tornano a salire i numeri della struttura che, dopo Rancate, accoglie le persone destinate a essere riammesse in Italia
Mendrisiotto
12 ore

Morbio Inferiore, a dicembre torna Natale in piazza

Dal 2 al 23 saranno diverse le attività e proposte. Non mancheranno il tradizionale albero addobbato e lo chalet, ma non verranno usate luminarie
Mendrisiotto
12 ore

Mendrisio, ufficializzato il primo Consiglio dei giovani

Il progetto, avviato dal Dicastero politiche sociali e politiche di genere in stretta collaborazione con il Dicastero istruzione, è una prima in Svizzera
Luganese
13 ore

Val Mara, arriva il concerto di Natale

I canti gospel e natalizi del coro dell’Accademia ticinese di musica e il sestetto vocale Atm avranno luogo giovedì 8 dicembre a Maroggia
Ticino
13 ore

Premi cassa malati, deduzioni in più per i figli verso il sì

Lega, Plr, Centro e Udc sottoscrivono il rapporto che dà via libera alla loro iniziativa. Il Ps: ‘Valutiamo il referendum, favorisce i più ricchi’
Luganese
13 ore

Lugano, Test Hiv anonimi, gratuiti e senza appuntamento

Verranno effettuati in occasione della Giornata mondiale di lotta all’Aids, giovedì 1° dicembre presso la sede di Zona protetta in via Bagutti 2
Mendrisiotto
13 ore

Rancate festeggia due nuovi servizi pubblici

Le novità per il comune saranno festeggiate alla Farmacia Santo Stefano in via della Posta 5 il 13 dicembre alle 18.30
Ticino
13 ore

Preventivo, il sì borghese vincolato alla revisione della spesa

Lega, Plr, Centro e Udc sostengono la previsione per il 2023 del governo (-80 milioni), ma con dei paletti. Il Ps: ‘No a queste politiche neoliberiste’
Mendrisiotto
13 ore

Ligornetto, mattinata musicale al museo Vela

Domenica 4 dicembre le note del clarinetto, del violoncello e del pianoforte allieteranno gli spettatori della 44esima Stagione concertistica di musica
Mendrisiotto
14 ore

L’artista dei presepi in mostra a Morbio Inferiore

Giuseppe Bollini, sacrestano presso la chiesa San Giorgio, espone le sue opere alla Fondazione Casa San Rocco
Bellinzonese
14 ore

Biasca, alla Bibliomedia un ‘viaggio musicale trasversale’

Domenica 4 dicembre alle 17.30 si terrà il concerto con i musicisti Mario Milani (fisarmonica) e Fausto Saredi (clarinetto)
Ticino
14 ore

Targhe, Centro e Udc firmano un rapporto senza maggioranza

Calcolo della nuova imposta di circolazione, la Lega per ora si defila mentre Plr e Ps confermano il loro no al testo Dadò/Pamini. E il clima è teso
laR
 
28.10.2021 - 05:30
Aggiornamento: 07:27

Liceo Bellinzona e prefabbricati, preoccupata pure la Direzione

E dal Collegio dei docenti giunti ‘diversi interventi su punti critici’ della soluzione provvisoria prevista nei tre anni di cantiere

liceo-bellinzona-e-prefabbricati-preoccupata-pure-la-direzione
La caffetteria trasformata in aula magna in occasione di una conferenza (Ti-Press)
+2

La Direzione del Liceo di Bellinzona condivide le preoccupazioni espresse dagli studenti sulla soluzione logistica concepita dal Cantone per accogliere dal prossimo settembre, in un complesso di moduli prefabbricati dal costo di 9 milioni, i quasi 800 allievi e il centinaio di docenti durante i tre anni necessari a ristrutturare e ampliare l’edificio risalente agli anni 70. Lo spiega interpellato dalla ‘Regione’ il direttore Nicola Pinchetti.

L’importante cantiere ha un costo preventivato di 42,8 milioni, prefabbricati inclusi. I liceali, ricordiamo, il 19 ottobre hanno consegnato al presidente del Gran Consiglio Nicola Pini una petizione scritta dal Comitato studentesco e corredata da 548 firme che chiede di ripensare soprattutto la parte prefabbricata ritenendo la sua gestione degli spazi “disastrosa e assolutamente inadeguata”. In particolare, lamentano i liceali, la nuova struttura provvisoria prevista fra il vecchio Liceo e il Bagno pubblico con una forma quadrata e a corte “prevede un unico spazio comune, diviso in due parti, grande poco più dell’attuale caffetteria e in grado di ospitare al massimo 250 persone”. Quest’unico dato, prosegue la petizione, “dovrebbe far ripensare all’intera gestione del progetto dei prefabbricati, ancor più dopo l’esperienza pandemica”.

Martedì pomeriggio – rileva dal canto suo il direttore – ha avuto luogo un collegio docenti voluto per presentare al corpo insegnante e a una delegazione di allievi il progetto di ristrutturazione e ampliamento dell’Istituto. Hanno preso la parola Daniele Sartori (capo Sezione insegnamento medio superiore del Decs), Giovanni Realini (capo Sezione logistica al Dfe) e gli architetti Pia Durisch, Aldo Nolli e Niccolò Nessi dello studio progettista Durisch+Nolli.

Nicola Pinchetti, cos’è emerso dall’incontro?

I docenti hanno potuto prendere visione dello stato di avanzamento del progetto, sia per quanto concerne il villaggio provvisorio, che dovrebbe ospitare l’intera comunità scolastica per tre anni, sia per il progetto definitivo.

Qual è la posizione della direzione sul progetto? Lo sostiene? Ha individuato criticità? Ha proposto modifiche?

La direzione – quella precedente e l’attuale – sostiene il progetto. Per quanto riguarda le criticità, inevitabili in questa fase del progetto, sia il committente, la Sezione della logistica, sia i progettisti si sono mostrati molto disponibili ad approfondire le proposte della direzione e dei docenti.

Qual è la posizione dei docenti? Sono preoccupati o appoggiano il progetto?

Durante l’incontro ci sono stati diversi interventi che hanno evidenziato punti critici ancora da affrontare e da risolvere e alcuni spunti interessanti da approfondire, tuttavia nessuno si è finora espresso esplicitamente contro il progetto. Una presa di posizione formale e condivisa dei docenti non c’è ancora. In ogni caso, esprimere preoccupazione non significa ancora essere contrari al progetto.

La posizione della maggior parte degli allievi è invece piuttosto chiara. Cosa pensa la Direzione della petizione? Condivide le preoccupazioni degli studenti?

La posizione degli studenti appare chiaramente sia dalla presa di posizione di qualche settimana fa sia dalla petizione: non sono contrari al progetto di ristrutturazione ma esprimono preoccupazione per i tre anni che dovremo trascorrere nei prefabbricati. Anche la Direzione ha espresso le medesime preoccupazioni e sia i capi sezione di riferimento sia il committente hanno mostrato disponibilità a entrare nel merito delle richieste avanzate. Per il resto la Direzione saluta positivamente l’iniziativa degli allievi di prendere posizione pubblicamente e sollecitare direttamente il presidente del legislativo cantonale: è un esercizio di maturità civica e di educazione democratica.

La petizione mette l’accento sul fatto che nella struttura provvisoria non vi saranno spazi comuni sufficientemente ampi. Sarà veramente così? Cosa risponde la Direzione a chi è preoccupato?

I calcoli degli allievi sono forse un po’ imprecisi. Come affermato in precedenza, le preoccupazioni espresse sono state recepite dagli organi competenti e si confida si trovino soluzioni adeguate.

La lettera

‘Il Decs non apporterà miglioramenti’

Nel frattempo, in una lettera appesa ieri all’albo dell’Istituto, tre rappresentanti del comitato studentesco hanno definito l’incontro di martedì una “grottesca farsa”. “Speravamo che le nostre rimostranze sulla ristrutturazione avrebbero potuto portare a una riflessione autocritica, alla riconsiderazione di un progetto che presenta evidentissime carenze: ci sbagliavamo”, si legge nella presa di posizione. Il rappresentante del Decs avrebbe infatti sottolineato che “mai e poi mai potrà essere messa in dubbio la natura del progetto e in nessun caso il budget potrà essere aumentato. Come, date queste premesse, possano essere apportati miglioramenti qualitativi e quantitativi alla situazione del villaggio provvisorio, è cosa che non ci è data a sapere”.

Leggi anche:

Esplodono di 17 milioni i costi per il Liceo di Bellinzona

Liceo di Bellinzona, 548 allievi contro la sede provvisoria

Liceo Bellinzona, assemblea studenti contro i prefabbricati

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved