ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
6 ore

‘Appalti internazionali, si chieda il certificato anti-mafia’

Con una mozione Ermotti-Lepori e altri deputati invitano il Consiglio di Stato a modificare il regolamento della legge sulle commesse pubbliche
Luganese
6 ore

Lugano, crisi in vista: nel 2023 -20% di reddito disponibile

Un rapporto della Statistica urbana prevede tempi duri per i cittadini di Lugano qualora l’attuale crisi perdurasse con la stessa intensità
Luganese
7 ore

Manno, datore di lavoro a processo per omicidio colposo

I fatti riguardano la morte di un suo dipendente nel 2017, caduto da circa 6 metri di altezza mentre lavorava. Secondo la difesa è colpa della vittima
Ticino
7 ore

Certificati Covid in azienda: ‘Una misura che non serve più’

Lo sostiene la commissione sanità e sicurezza sociale, che invita il Gran Consiglio a respingere una mozione dell’Udc Pamini (dell’ottobre 2021) sul tema
Ticino
7 ore

Ffs, aumentano i passeggeri e i treni in transito in Ticino

Roberta Cattaneo: ‘Alle 70mila persone sui Tilo dobbiamo aggiungere le molte che usano Ir e Ic’. Zali: ‘Traffico passeggeri incrementato del 15%’
Ticino
8 ore

‘È una risposta concreta ai bisogni degli anziani’

La commissione parlamentare Sanità e sicurezza sociale firma il rapporto di Lorenzo Jelmini favorevole alla Pianificazione integrata
Luganese
8 ore

Lugano, riciclaggio di denaro: 39enne a processo

L’uomo, domiciliato nel Sopraceneri, avrebbe fatto parte di un ‘giro di truffa carosello’ per l’ammontare di circa 16,4 milioni di franchi
Ticino
8 ore

Malattie trasmissibili: esclusione da centri diurni e colonie

La nuova direttiva del medico cantonale estende il campo di applicazione. Giorgio Merlani: ‘Chiediamo il massimo scrupolo’
Mendrisiotto
9 ore

Oggi il punto di riferimento è l’Ente regionale per lo sport

A un anno dal varo si è già risposto ai bisogni del territorio. A cominciare dalla logistica. Lurati: ‘Il 2023 sarà il vero Anno zero’
Bellinzonese
9 ore

Ospedali di valle, Gina La Mantia nominata presidente

L’attuale presidente del Gran Consiglio è stata eletta al vertice dell’associazione, dopo la scomparsa di Tiziana Mona
27.10.2021 - 16:50

Limite 30 km/h notturno a Bellinzona? Più no che sì

Ridurre il rumore dalle 22 alle 6: il Municipio attende il test pilota di Losanna, ma già adesso afferma di preferire la posa di asfalto fonoassorbente

limite-30-km/h-notturno-a-bellinzona-piu-no-che-si
Ti-Press
I Verdi suggeriscono riduzioni notturne

Dopo averlo fatto in via definitiva in diverse strade comunali di vari quartieri, la Città di Bellinzona è pronta a introdurre solo temporaneamente, ossia dalle 22 alle 6 del mattino, il limite di velocità di 30 km/h su tutte le arterie all’interno degli abitati? Alla domanda posta dai Verdi con un’interpellanza incentrata sul rumore notturno causato dai veicoli, il vicesindaco Simone Gianini durante la seduta di Legislativo di ieri sera si è espresso con molta prudenza (la risposta è comunque quasi un ‘no’), pur segnalando interesse ad approfondire la proposta ambientalista che riprende un progetto pilota avviato dalla Città di Losanna in deroga alla necessità di adeguare le carreggiate stradali al nuovo limite perché temporaneo, nel senso che valendo solo di notte è impossibile posare, in pochi minuti e per la durata di sole otto ore, quelle misure di moderazione solitamente previste per le Zone 30.

‘Responsabilità del singolo’

La scelta losannese, ha detto Gianini, «punta molto sulla responsabilità del singolo, cui è richiesto di rispettare il limite di 30 km/h pur transitando in strade importanti, di notte non particolarmente cariche di traffico e la cui conformazione, mancando del tutto quegli elementi tipici di moderazione a difesa degli utenti più deboli quali ciclisti e pedoni, non aiuta a rispettare tale limite», se non con l’impiego di mezzi repressivi quali i radar. Il rispetto della modifica notturna del limite di velocità «sarà uno degli elementi, accanto all’effettiva riduzione delle immissioni foniche, che dovranno essere verificati nell’efficacia di tale misura oltre il progetto pilota che era stato in precedenza effettuato su due sole strade». Ma, appunto, la Turrita potrebbe andare in questa direzione? Gianini ha rammentato che nel Bellinzonese «per la stragrande maggioranza si tratterebbe d’intervenire su strade cantonali subordinate al consenso del Cantone, idem per quelle comunali poiché sottoposte a preavviso del Dipartimento del territorio». Il cui direttore Claudio Zali, interpellato dai media sul progetto losannese, «ha già espresso pubblicamente il proprio scetticismo, confermando di puntare semmai sul risanamento fonico delle strade in corso, ciò che il Municipio di principio condivide». A ogni modo prima di prendere definitivamente posizione sulla riduzione notturna, l’Esecutivo «attenderà i risultati di quanto messo in atto a Losanna». Risultati «in misura limitata replicabili nella nostra realtà locale».

In arrivo il risanamento dell’A2 fra Sementina e Castione

Per il resto, il vicesindaco ricorda che l’Ufficio prevenzione rumori del Dt ha pubblicato nel 2017 il Catasto del rumore stradale della nuova Bellinzona aggregata. In base al quale è ora in esecuzione il risanamento fonico delle strade cantonali e comunali del Bellinzonese, Locarnese e Vallemaggia tramite la posa di asfalto fonoassorbente. Lo stesso sta facendo l’Ufficio federale delle strade che dopo avere terminato il risanamento dell’autostrada tra Camorino e il Ceneri, avvierà presto quello tra Sementina e Castione con un investimento di 140 milioni di franchi. In questo ambito i Verdi chiedevano quanti bellinzonesi sono sottoposti a rumore notturno che supera le ordinanze federali e quali strategie a lungo termine sono previste. Stando alle informazioni ottenute dal Cantone – ha risposto Gianini – l’aggiornamento del catasto cantonale è previsto ogni cinque anni.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved