ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
2 ore

La politica momò, tra municipali che vanno e che vengono

A Morbio Inferiore Fabio Agustoni lascia il gruppo Morbio 2030, ma resta come indipendente. Altra novità a Mendrisio, stavolta nel Centro
Gallery
Locarnese
2 ore

In Parlamento per promuovere il diritto all’accessibilità

Marco Altomare, 29enne di Losone, soffre di una malattia genetica rara. Ma questo non gli impedisce di tentare la carta del Gran Consiglio
Bellinzonese
2 ore

Ronco Bedretto: prima del verde 10 anni di deposito Ustra

L’area della cava Leonardi sarà trasformata in zona agricola con il materiale di scavo proveniente dal secondo tubo autostradale del San Gottardo
Luganese
9 ore

Lugano agevola l’accesso alla cultura ai 18enni

Il pass per i giovani è stato accolto dal Consiglio comunale che ha dato luce verde al concorso per il piazzale ex Scuole (senza mercato)
Luganese
12 ore

In Appello i tre ventenni accusati di stupro di una coetanea

Sono comparsi alla sbarra i due fratelli e l’amico, tutti già condannati, che nel 2021 hanno approfittato di una ragazza: secondo loro era consenziente
Luganese
12 ore

Troppe zanzare tigre, Magliaso corre ai ripari

Nel 2022 è stata registrata un’importante espansione. L’istituto di microbiologia ha suggerito al Comune ulteriori misure
Luganese
12 ore

Carnevale in arrivo nei quartieri di Lugano

Da Villa Luganese a Davesco-Soragno, nei prossimi giorni si festeggerà in vari luoghi
Mendrisiotto
12 ore

Un’esplosione di colore in mostra al Parco San Rocco

Nella sede di Morbio Inferiore verranno esposte le opere dell’artista Vera Segre
Ticino
13 ore

La fiducia dei consumatori è bassa, ma gli acquisti non calano

È il dato, per certi versi sorprendente, che emerge dai dati della Seco. Stephani (Ustat): ‘Più preoccupazione per i rincari che per la disoccupazione’
Bellinzonese
13 ore

Al Nara c’è una fune da sostituire

Il Municipio chiede di concedere 240mila franchi per rimpiazzare, dopo 26 anni di servizio, il cavo portante-traente della seggiovia Leontica-Cancorì
Mendrisiotto
13 ore

Giornata mondiale contro il cancro infantile alla Filanda

Tre ore di incontri ed eventi sul tema, in programma il 15 febbraio al centro culturale di Mendrisio
Bellinzonese
14 ore

Raccolta di beni di prima necessità per la Turchia

La merce si potrà portare all’ingresso dell’Espocentro da domani a mezzogiorno. I primi furgoni partiranno già giovedì
Ticino
14 ore

‘Quel silenzio verso chi pedala’, Pro Velo sprona i candidati

L’associazione che difende i diritti dei ciclisti lamenta il fatto che nella campagna elettorale in corso sia assente il tema della mobilità lenta
Bellinzonese
14 ore

A Castione tre giorni di festa con il Carnevaa di Sciatt

55esima edizione da giovedì 16 a sabato 18 febbraio. Novità di quest’anno la cena offerta del sabato a base di polenta e formaggio o mortadella
Ticino
15 ore

Torna in aprile l’appuntamento con slowUp Ticino

Come di consueto lungo il percorso chiuso al traffico tra Locarno e Bellinzona ci si potrà muovere con mezzi non motorizzati godendosi natura e animazioni
Luganese
15 ore

Sorpresa per i 18enni di Bissone: Norman Gobbi in visita

Il consigliere di Stato ha partecipato alla tradizionale cerimonia di accoglienza dei neomaggiorenni svoltasi il 29 gennaio
Locarnese
15 ore

La formazione dei docenti in Ticino compie 150 anni

Nel 2023 l’anniversario dell’istituzione della Scuola magistrale, oggi Dipartimento formazione e apprendimento, verrà sottolineato con diverse iniziative
Bellinzonese
15 ore

Ospedali di valle, ‘De Rosa sapeva delle pressioni?’

Interpellanza Mps al governo sui rapporti intercorsi fra il primo firmatario Martinoli e i vertici del Dss coinvolti nel gruppo di lavoro
Locarnese
15 ore

Diego Togni nuovo vicesindaco di Cevio

Il rappresentante di Alleanza moderata nominato al posto del dimissionario Ercole Nicora. Pietro Palli in Municipio, Sonia Giussani-Gotti nel Legislativo
Locarnese
15 ore

L’Osteria Palazign nelle mani del Patriziato di Comologno

Grazie all’interessamento e all’aiuto (anche) del Cantone presto l’acquisto dell’immobile, che con Palazzo Gamboni costituisce un tutt’uno
Locarnese
16 ore

Tombola carnascialesca con l’As Riarena

Il tradizionale evento è in programma giovedì 9 febbraio dalle 20 presso il capannone del Carnevale ‘Sciavatt e Gatt’ di Cugnasco-Gerra
Locarnese
16 ore

Ronco s/Ascona, il ‘Comune sano’ può proseguire

Accolto dal legislativo il credito per l’ulteriore fase del progetto; archiviati i conti preventivi, come pure tutte le trattande all’ordine del giorno
laR
 
23.10.2021 - 05:30

Stabili di via Vela e Irb/Ior 2: chi entra e chi paga

Bellinzona, il ForumAlternativo si distanzia dal rapporto di minoranza Mps e invitando i Verdi a fare altrettanto esplicita i dettagli dell’operazione

stabili-di-via-vela-e-irb/ior-2-chi-entra-e-chi-paga
L’ormai ex sede di via Vela (Ti-Press)

«Avremmo gradito essere consultati». Prime divergenze nel gruppo Verdi/Mps/ForumAlternativo presente nel Legislativo di Bellinzona con sei consiglieri (tre Verdi e tre Movimento per il socialismo). Il comitato cantonale e quello bellinzonese del ForumAlternativo (Fa) si dissociano dal rapporto di minoranza della Commissione gestione del Cc contrario allo stanziamento di 6 milioni chiesti dal Municipio per comprare lo stabile di via Vela 6 finora occupato dall’Istituto di ricerca in biomedicina (Irb) che sta traslocando nella nuova sede di via Chiesa condivisa con i laboratori dell’Ente ospedaliero cantonale (Eoc) e dell’Istituto oncologico di ricerca (Ior). Rapporto di minoranza, ricordiamo, firmato dal coordinatore dell’Mps Giuseppe Sergi, l’unico rappresentante in Gestione del gruppo Verdi/Mps/Fa. Dal canto loro ForumAlternativo a livello cantonale e Fondazione dello Ior sono presieduti dall’oncologo Franco Cavalli. Il quale ha inviato ieri ai Verdi turriti una presa di posizione sottoscritta anche da Lorenza Giorla e Alessandro Robertini in vista del dibattito di lunedì prossimo in Cc sul credito di 6 milioni. «Confidiamo – spiega Cavalli interpellato dalla ‘Regione’ – che i Verdi comprendano le ragioni favorevoli all’acquisto da parte della Città e si dissocino dalle motivazioni di Giuseppe Sergi».


Franco Cavalli coordina il ForumAlternativo e presiede la Fondazione Ior (Ti-Press)

Il ‘cattivo affare’

Il quale, come pubblicato nei giorni scorsi, considera l’acquisto “un cattivo affare” ritenendo da una parte che l’attuale proprietaria Residenze del Ceresio Sa abbia trovato il pollo da spennare due volte (dapprima incassando in vent’anni dieci milioni pagati dalla Città che ha garantito il versamento dell’affitto senza beneficiare di lavori di risanamento oggi ritenuti necessari sul medio termine per circa 6 milioni e sul breve per 1,25 milioni); dall’altra incassando ora 6 milioni di soldi sempre pubblici per liberarsene. Perciò Sergi propone di proseguire col rapporto d’affitto, suggerendo che a loro volta lo versino alla Città gli enti e i gruppi di ricerca interessati a insediarvisi per altri cinque anni, nell’attesa di potersi ricongiungere all’interno del campus all’ex Campo militare dov’è prevista la realizzazione dello stabile gemello a quello dell’Irb/Ior/Eoc che sarà inaugurato il 27 novembre. È su questo secondo edificio, a mente di Sergi, che il Comune dovrebbe concentrarsi, senza disperdere risorse in via Vela.

Sempre più legati a doppio filo

Tesi, quella di Sergi, che Cavalli e colleghi rigettano. «Infatti per il secondo edificio gemello che lo Ior intende realizzare in via Chiesa – dettaglia l’oncologo e coordinatore di Fa – verrebbe richiesto alla Città un sostegno minimo o nullo considerati gli importanti contributi prevedibili dalla Confederazione e dal Cantone (così è stato per il primo stabile e ancor di più lo sarà con il consolidamento di Irb e Ior sotto il cappello della neonata associazione Bios+), come pure da una signora che nell’arco di diversi anni ha generosamente finanziato la ricerca, la crescita e il successo dello Ior. Un aiuto fondamentale di cui le siamo grati». Un patrimonio privato che stava per essere indirizzato sull’acquisto di via Vela, con successiva donazione del vecchio edificio allo Ior. «Ma lo Ior – annota Cavalli – è intrinsecamente legato all’Irb. E non essendo possibile sviluppare le due realtà in sedi separate, ecco che l’opzione dello stabile gemello ha assunto recentemente sempre più forza, facendo cadere quella di via Vela. Stabile gemello di cui sentiamo l’esigenza con una certa urgenza, anche perché i ricercatori dell’Eoc hanno insistito per occupare una parte del primo nuovo edificio, lasciando a noi una porzione di spazio insufficiente per la crescita prevista». Irb e Ior peraltro dotati di laboratori costosissimi e che perciò necessitano di operare a stretto contatto in campi vieppiù vicini. Irb infatti si occupa soprattutto di immunologia, Ior di oncologia: e uno dei punti centrali della ricerca oncologica oggi – si legge nella presa di posizione del ForumAlternativo – è proprio il ruolo delle difese immunologiche nei tumori. Ciò che ha indotto i due istituti a costituire in luglio l’associazione Bios+ (Bellinzona Institutes of Sciences), ossia il Centro di ricerche biomediche della Svizzera italiana che mira a trasformare Bellinzona nel nucleo di questo settore in costante espansione. A tal punto in crescita da rappresentare un centro d’importanza nazionale (del tutto simile ai due politecnici di Zurigo e Losanna) per il quale richiedere alla Confederazione notevoli finanziamenti.

Espansione e fame di spazio

Restando sul piano logistico, nel nuovo edificio di via Chiesa operano da metà ottobre 13 gruppi di ricerca Irb, sette dello Ior e diversi dell’Eoc. Come detto, lo Ior ha conosciuto uno sviluppo molto rapido: dieci anni fa contava tre gruppi di ricerca, oggi sette, l’anno prossimo ci sarà l’ottavo, nel 2023 il nono, mentre a medio termine ambisce allo stesso numero dell’Irb. Essendo lo spazio in via Chiesa insufficiente, per il momento ha mantenuto in affitto anche l’edificio di via Pometta 1, soluzione solo transitoria non essendo in condizioni ottimali per dei laboratori di ricerca. Per tutti questi motivi dunque lo Ior mira a costruire l’edificio gemello in via Chiesa, sul terreno di proprietà comunale già pianificato per questo scopo, abbandonando così l’opzione di via Vela per la quale la Sa proprietaria aveva chiesto di ricevere 9 milioni e mezzo di franchi contro i 5 peritati sia dallo Ior, sia in seconda battuta dal Municipio che ha poi raggiunto un accordo per 6 per l’acquisto.

In via Vela le piattaforme un po’ meno avanzate

Municipio che nel messaggio al Cc non ha specificato i possibili inquilini di via Vela. Stando alla presa di posizione del ForumAlternativo tutto il primo piano (dove c’è la maggior parte degli uffici) sarà occupato dalla European School of Oncology, ora in affitto nel palazzo Fidinam in piazza Indipendenza, e dall’International Extranodal Lymphoma Study Group (Iosi-Ior) attualmente localizzato all’ospedale San Giovanni che ne richiede la partenza per bisogno di spazio. Ai piani superiori dovrebbero accasarsi altri inquilini: l’Eoc (un numero crescente di nuovi professori, appena nominati, richiedono spazio di laboratorio), il Centro di competenze farmacologiche, Humabs e due start-up. Questo dovrebbe garantire un’occupazione di quasi tutti gli spazi disponibili. Franco Cavalli e colleghi in definitiva ne sono convinti: a loro avviso la conclusione proposta dal rapporto di minoranza non ha senso finanziariamente, ma anche dal profilo della crescita del polo di ricerca. Perché in via Vela 6, conclude l’appello rivolto ai Verdi, “si concentreranno tutti quei gruppi di ricerca che non hanno assolutamente bisogno delle piattaforme tecnologiche estremamente avanzate e care (genomica, differenziazioni cellulari immunologiche, spettrografia di massa, microscopio elettronico, ecc), ma che hanno a che fare con la ricerca clinica, con quella di tipo farmacologico e con gruppi Eoc legati a chirurgia, cardiochirurgia, ortopedia, gastroenterologia e altro”. In questo senso, conclude Franco Cavalli, il rapporto di minoranza non considera lo sviluppo della Facoltà di biomedicina dell’Usi e il crescente bisogno di spazi per la ricerca: «Sviluppo che detterà in gran parte anche il consolidamento del polo biomedico di Bellinzona, come detterà giocoforza lo sviluppo delle strutture ospedaliere verso un ospedale universitario».

Leggi anche:

Acquisto della sede Irb, Gestione d’accordo ma non all’unanimità

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved