brenno-martignoni-polti-prende-in-mano-l-udc-di-bellinzona
Designato all’unanimità
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
2 ore

Dalle macerie della cappelletta i germogli di un mestiere

A Gordola la ricostruzione del manufatto raso al suolo dalle ruspe nel 2018 è diventata esercizio didattico per gli apprendisti muratori del Cfp Ssic
Bellinzonese
2 ore

Gudo e Castione: presto più sicurezza e nuova ciclopista

Pronto il progetto per l’Isolone, dove l’accesso a chiocciola verso il ponte dello Stradonino permetterà di evitare l’insidiosa rampa
Ticino
12 ore

‘Coi test in azienda si dovrebbero rilasciare certificati Covid’

È la proposta dell’Udc depositata sotto forma di mozione urgente. Si vuole ‘evitare di sovraccaricare le strutture esistenti nel periodo delle vacanze’
Ticino
13 ore

Personale sanitario, licenziate perché non si vogliono testare

È il caso di due collaboratrici della Cinica luganese Moncucco. In Ticino i casi simili sarebbero meno di una decina
Bellinzonese
13 ore

Bene la zona d’incontro, meno il taglio di 10 posti auto

Piazza Governo a Bellinzona: la maggioranza commissionale suggerisce di ridiscutere la questione col Cantone. Dalla minoranza no alla riduzione
Luganese
13 ore

Torricella, il caso scuole non finisce qui

Il Municipio ne discuterà nuovamente, mentre spuntano lettere dei genitori a difesa del maestro
Luganese
13 ore

L’Operazione Macello vince il premio Agustoni

Convince la giuria, il documentario realizzato da Anna Bernasconi per Falò sulla demolizione di un edificio del centro sociale
Gallery
Ticino
13 ore

‘Il riformismo fiscale non deve essere rallentato’

All’assemblea della Camera di commercio è stato ribadita la necessità di ridurre l’aliquota sugli utili delle imprese dall’8 al 5%
Bellinzonese
14.10.2021 - 21:470
Aggiornamento : 15.10.2021 - 07:16

Brenno Martignoni Polti prende in mano l’Udc di Bellinzona

L’ex sindaco acclamato nuovo presidente dopo le dimissioni di Orlandi travolto dallo scandalo delle targhe

«Pronti a voltar pagina con energia e ottimismo». L’ex sindaco turrito Brenno Martignoni Polti (dapprima Plr, successivamente Noce, infine Udc) è stato acclamato questa sera nuovo presidente della sezione democentrista di Bellinzona dopo le dimissioni di Simone Orlandi entrato in carica nel luglio 2020 e travolto lo scorso agosto dallo scandalo dello smercio illegale di targhe automobilistiche. Brenno Martignoni Polti, che negli ultimi due mesi ha condotto la sezione ad interim, è stato scelto come unico candidato in occasione dell’assemblea tenutasi alla presenza di una ventina di aderenti. Soffermandosi sul «non cercato» difficile momento vissuto dalla sezione, il neo presidente ha spiegato che il comitato «ha dimostrato, anzitutto, di essere una compagine affiatata e con tanta voglia di fare».

“Bisogna assaggiare la piazza’

Guardando alla legislatura in corso, durante la quale l’Udc conta due consiglieri comunali sui nove formanti il gruppo Lega/Udc, Brenno Martignoni Polti ha esortato ad agire «con impegno e tenacia, poiché le sfide non mancano e chiedono assoluta devozione e abnegazione». Quanto all’elettorato, che ha portato la lista Lega/Udc ad essere la terza migliore votata alle elezioni di aprile, «la gente chiede presenza e dialogo. Ma soprattutto si aspetta delle piattaforme di confronto aperte a tutti, in un crescente innegabile divario tra base e classe politica. Ciò vuol dire cambiare registro ed essere pronti a dialogare col cittadino comune e con chi fatica a identificarsi in un partito». L’obiettivo, ha proseguito, è «diventare compagine di riferimento, che ha diramazioni ben oltre i confini comunali». Perciò ha esortato i colleghi ad «assaggiare la piazza, uscire, informarsi sulla vita pubblica, a non vivere in una sfera di cristallo, in una torre d’avorio a Palazzo civico. A rendersi conto del contesto e di chi ci circonda». Le elezioni di aprile hanno però premiato altre formazioni: «A fronte di un esecutivo uscente che non ha raggiunto la sufficienza in più ambiti, lo zoccolo duro dell’elettorato ha fatto ciecamente cerchio attorno alle logiche di partito, confermando lo status quo» nonostante i sorpassi di spesa milionari in tre opere pubbliche: «In uguali contingenze, nel privato, un qualsiasi Direttivo o Consiglio di amministrazione non sarebbe stato promosso. A Bellinzona è invece capitato il contrario».

Cinque obiettivi

Quanto all’azione da mettere in campo, il neo presidente ha fissato cinque ambiti: captare i bisogni della gente ascoltandola, aprirsi alla comunicazione creando occasioni d’incontro e scambio, rendere il più sottile possibile il divario fra istituzioni e piazza, favorire il rispetto e la tolleranza, agire con fermezza e vigilare su chi non intende conformarsi a semplici regole di rispetto del prossimo.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved