record-assoluto-di-pernottamenti-nel-bellinzonese-e-alto-ticino
Da inizio anno fino a settembre 50’000 turisti paganti hanno visitato i castelli (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
1 ora

Piogge torrenziali, grandine e forte vento sul Ticino

Allarme di intensità ‘rossa’ per le prossime ore in alcune regioni a ridosso del confine con l’Italia
Bellinzonese
1 ora

Il temporale lascia ‘muto’ internet a Gudo

Ha provocato qualche disagio il fronte di maltempo che nella notte ha attraversato il nostro cantone
Ticino
1 ora

Guasto tecnico alla linea Flüelen-Biasca, treni soppressi

Interrotto fino almeno a mezzogiorno il traffico ferroviario da e per il Ticino lungo il Gottardo. Mattinata di perturbazioni
Luganese
3 ore

Lidi e piscine nel Sottoceneri: dov’è l’acqua più ‘salata’?

Famiglie, persone in Avs, studenti: quanto pagano per una giornata di tuffi? Dall’economica Riva San Vitale alla chic Riva Caccia, viaggio fra le tariffe
Ticino
3 ore

‘Due milioni di franchi per proteggere gli allevamenti dal lupo’

Li chiede al Cantone una mozione di Gardenghi (Verdi), firmata anche dal Ps. Donati (Protezione dai grandi predatori): ‘Non servono soldi, ma meno lupi’
Bellinzonese
3 ore

Ricca offerta culturale del Centro Pro Natura Lucomagno

La rinnovata infrastruttura di Acquacalda proporrà delle escursioni guidate nella regione e delle colonie estive
Locarnese
10 ore

Quasi 6mila franchi, il debito pro capite della Città di Locarno

Il Consiglio comunale ha approvato il consuntivo 2021: pesante deficit di 5’428’560 franchi e capitale proprio abbassato da 11,3 a circa 5,8 milioni.
Bellinzonese
13 ore

Manupia in concerto alla Spiaggetta di Arbedo-Castione

La collaudata coverband ticinese si esibirà alle 21
Locarnese
13 ore

Formazza-Rovana, sul confine i lupi uccidono un vitello

All’alpe di Cravariola azzannato a morte un bovino. I cani mettono in fuga i due predatori. Anche il vescovo emerito da Mogno difende la pastorizia
Ticino
13 ore

Polizia unica, Dafond in commissione: demolendo non si migliora

Il presidente dell’Associazione comuni (Act) in audizione alla ‘Giustizia e diritti’ ribadisce: ‘Prossimità, le polcomunali hanno un ruolo fondamentale’
Bellinzonese
14 ore

Abusò del figlio e di altri bambini, 4 anni e 6 mesi di carcere

Condannato un uomo sulla settantina: tra le mura di casa ha approfittato di una dozzina di ragazzini, la maggior parte durante sedute di massaggi
Bellinzonese
14 ore

Porte aperte al Teatro Sociale di Bellinzona

Durante l’estate, per cinque sabati, in concomitanza con il mercato cittadino, sarà possibile visitare la struttura dalle 10 alle 13
Bellinzonese
14 ore

Per valorizzare le ‘Ville’ della Val Malvaglia

Il Cantone ha promosso un incontro con le autorità federali in modo da assicurare le opere di recupero e trasformazione della regione
Locarnese
14 ore

Il BaseCamp 2022 del Festival si terrà alle Elementari di Losone

Il Comune ha confermato che l’Istituto scolastico accoglierà dal 3 al 13 agosto i giovani che nel 2019 e nel 2021 si erano ritrovati all’ex caserma
Bellinzonese
15 ore

Introduzione dei 30 km/h sulla strada principale a Daro

Il progetto, in pubblicazione fino al 29 agosto, ha lo scopo di migliorare la sicurezza dei pedoni e in particolare del percorso casa-scuola
Locarnese
15 ore

Locarno, Colonia estiva aperta ai Comuni

Al Parco della Pace cinque pomeriggi di animazione con ‘Tutti al circo’, rivolti ai bambini dai 5 ai 12 anni
laR
 
15.10.2021 - 05:15
Aggiornamento: 13:23

Record assoluto di pernottamenti nel Bellinzonese e Alto Ticino

Nei primi otto mesi dell’anno si registra una crescita del 46% rispetto al 2020 e del 6% rispetto al 2019. Juri Clericetti: ‘Dobbiamo fare ancora di più’

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Malgrado i numeri siano più bassi rispetto a Locarnese e Luganese, con quasi 136mila pernottamenti da gennaio fino ad agosto, nella regione Bellinzona e valli ha stabilito «il record assoluto da quando si misurano queste statistiche, ossia dal 1992». Juri Clericetti, direttore dell’Organizzazione turistica regionale Bellinzonese e Alto Ticino (Otr-Bat), è ovviamente soddisfatto di questo risultato, anche se l’intenzione ora è quella di cercare di migliorarsi ulteriormente in particolare promuovendo l’utilizzo delle case secondarie da parte dei turisti: «Dobbiamo fare un passo in più a livello di offerte di letti, cosicché i visitatori restino nella nostra regione almeno una o due notti e non solo per una giornata».

Cifre mai raggiunte pure per agosto

I numeri parlano chiaro: nei primi otto mesi del 2021 i pernottamenti sono cresciuti del 46% rispetto al 2020 e del 6% rispetto al 2019. Analizzando questi dati bisogna considerare che l’anno scorso nei mesi di aprile e maggio era in corso il lockdown, con tutte le strutture ricettive chiuse. Il confronto va quindi piuttosto fatto con il periodo pre-pandemia, ovvero due anni fa. Va poi precisato che anche il 2019, con 130mila pernottamenti, era stato un ottimo anno per la regione Bellinzona e valli, che era addirittura stata quella ticinese cresciuta maggiormente rispetto all’anno precedente. Un confronto con l’anno scorso si può tuttavia fare considerando solo il mese di agosto, visto che gli alberghi erano aperti come lo sono stati quest’anno. E anche in questo caso la crescita è stata molto importante, con il 42% di pernottamenti in più: in numeri assoluti, le notti passate in strutture alberghiere sono state 31’500, un’altra cifra mai raggiunta in passato. A consolidare questo dato vi è anche l’aumento del 30% rispetto al 2019. «Un risultato straordinario, malgrado il fatto che negli ultimi anni abbiano chiuso i battenti più alberghi rispetto a quanti ne siano stati aperti, soprattutto nelle valli», sottolinea Clericetti a ‘laRegione’.

Promuovere i letti nelle case secondarie

Va detto che la regione Bellinzona e valli presenta numeri assoluti nettamente inferiori rispetto ad esempio al Locarnese dove nei primi otto mesi dell’anno sono stati registrati un milione e 100mila pernottamenti. Per il direttore dell’Otr-Bat ciò non significa però che la regione sia meno attrattiva rispetto ad altre: «Nella nostra regione abbiamo circa un decimo degli alberghi presenti nel Locarnese», spiega. E infatti la proporzione è circa questa se si considera il numero totale di pernottamenti. Insomma, nella regione Bellinzona e valli «ci sono ancora poche strutture ricettive», ma l’intenzione è quella d’incrementarle: «La nostra strategia mira a mettere a disposizione del turista un numero maggiore di letti, ad esempio promuovendo le case secondarie». Un settore, quello paralberghiero, pure in costante crescita: nel 2020 i pernottamenti in rustici, chalet o case di vacanza è aumentato del 25% rispetto all’anno precedente e anche per quest’anno «la tendenza è al rialzo». In questo senso l’Otr-Bat ha appena lanciato un’iniziativa – rivolta in una prima fase ai possessori di rustici in Valle di Blenio – per stimolare i proprietari di case secondarie a metterle a disposizione dei turisti d’Oltralpe, ma anche degli autoctoni. Un settore con «un grande potenziale» per aumentare la capacità ricettiva. «L’apertura di nuovi alberghi (come ad esempio il Sun Village ad Acquarossa) ben venga, ma non basterà per implementare lo sviluppo turistico della regione», rileva Clericetti. «Dobbiamo quindi cercare di mettere a disposizione altre forme di accoglienza».

Fortezza di Bellinzona, crescita importante di visitatori

Oltre all’accoglienza, vi sono poi gli attrattori turistici. «E per la nostra regione si tratta in particolare della Fortezza di Bellinzona che pure presenta numeri in continuo rialzo». Infatti, da gennaio a settembre i visitatori sono cresciuti del 35% rispetto al 2020 e del 20% rispetto al 2019. Concretamente, nei primi otto mesi dell’anno, 50mila persone (paganti) hanno visitato i castelli, alle quali bisogna aggiungerne altre 20-30mila che hanno semplicemente fatto una passeggiata, senza visitare musei e mostre. Anche in questo caso si tratta dunque di «un ottimo risultato».

Molti visitatori sono però turisti di giornata che si recano a Bellinzona in provenienza da Locarno, Lugano o dal resto della Svizzera ad esempio per visitare il mercato o la Fortezza e poi ritornare a casa o in un albergo di un’altra regione. Un turismo di giornata che «genera sicuramente un indotto per l’economia locale non indifferente», afferma Clericetti. Tuttavia, «l’obiettivo dell’Otr-Bat a lungo termine è quello di riuscire a far rimanere i visitatori nella nostra regione almeno una notte o due». Infatti le attrazioni, come detto, ci sono e «grazie a promozioni mirate come quella relativa al Treno Gottardo della Südostbahn, che percorre la linea ferroviaria panoramica di montagna, i turisti hanno la possibilità di approfittare maggiormente di tutte le nostre offerte sul territorio», ricorda il direttore dell’Otr-Bat. Resta il fatto che «a livello di pernottamenti vi è ancora un ampio margine di miglioramento».

Leggi anche:

Turismo Lago Maggiore e valli, il record degli ultimi 25 anni

Case di vacanza, puntare sui rustici per soddisfare la domanda

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
alto ticino bellinzonese juri clericetti otr-bat pernottamenti turismo
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved