record-assoluto-di-pernottamenti-nel-bellinzonese-e-alto-ticino
Da inizio anno fino a settembre 50’000 turisti paganti hanno visitato i castelli (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Grigioni
3 ore

San Vittore: audit esterno e querele archiviate dalla Procura

Coira ha firmato due Decreti d’abbandono per la sindaca e un membro della Gestione denunciatisi a vicenda. Istituto analizzerà l’Amministrazione comunale
Mendrisiotto
3 ore

Eventi a Mendrisio, la Lista civica vuole la distinta

Il gruppo interroga la Città in nome della trasparenza. Alla lente società e contributi a fronte dell’ipotesi di tagliare mezzo milione
Ticino
4 ore

Il Conservatorio: ‘Formazione musicale, la politica ora agisca’

Nel Rapporto 2021 il direttore Brenner a 10 anni dal voto popolare ‘bacchetta’ per i ritardi. Medici: ‘Offriamo un’educazione di alta valenza formativa’
Mendrisiotto
4 ore

Uno scippo e poche rapine, ma più sfratti e atti giudiziari

La sicurezza tiene nella Regione I di Polizia nel Sud del Mendrisiotto. A mettere a dura prova i cittadini sono le difficoltà effetto della pandemia
Mendrisiotto
4 ore

Mendrisio, 45 consiglieri comunali bastano

Il gruppo Lega-Udc rilancia, per la terza volta, la mozione che chiede di abbattere il numero di membri del legislativo e delle commissioni
Ticino
4 ore

Capanne pronte ad accogliere gli escursionisti

L’offerta della Federazione alpinistica ticinese si è arricchita di altri ottanta posti letto
Ticino
5 ore

Il turismo rallenta, ma l’estate sarà ottima

Difficilmente si replicherà la stagione dello scorso anno, ma le prospettive restano positive per gli operatori del settore
Gallery
Bellinzonese
5 ore

Serravalle, in scena ‘Visioni di una battaglia in corso’

Il 26, 27 e 28 di maggio il Teatro Tan di Biasca ritornerà ad animare la fortezza bleniese con la pièce di Remo Binosi
Mendrisiotto
6 ore

Ospitava uno spacciatore e si faceva pagare in coca: condannato

Un 50enne del Mendrisiotto condannato per complicità all’infrazione aggravata alla Legge sugli stupefacenti. Come ‘affitto’ riceveva la sostanza.
Luganese
7 ore

Atti sessuali con fanciulli, ‘ora devo dirlo a mio marito’

Un 55enne è stato condannato per aver avuto rapporti con un 14enne, parente acquisito. ‘Doveva essere una figura di fiducia, ma si è rivelato l’opposto’
Locarnese
7 ore

Gambarogno, le autorità ricevono i neo 18enni (nel fortino)

Una ventina i giovani che hanno partecipato al tradizionale incontro
Luganese
7 ore

A Lugano va in scena il festival delle due ruote

Bike Emotions raddoppia con gare e attività varie sull’arco di quattro giorni a fine mese. Tra le novità, una pedalata in e-bike.
Luganese
8 ore

Vezia, il Municipio incontra i 18enni

Cerimonia con i neo-maggiorenni del paese ai quali il sindaco ha presentato il progetto “Laboratorio di Villaggio”
Locarnese
8 ore

Verzasca, incontro con Flavio Zappa a Castello Marcacci

Domani i luoghi dimenticati della valle al centro della conferenza dello storico, che parlerà anche del senso della memoria
Bellinzonese
8 ore

All’asta in Riviera mezzo quintale di canapa, ma è light

Proviene dall’attività di una società di Iragna fallita nel 2020. Il capo Sezione fallimenti: oggetti talvolta particolari, purché siano legali
Locarnese
8 ore

Ascona, promosso il progetto della copertura della Siberia

In Consiglio comunale l’idea di un tetto per la pista di ghiaccio ha raccolto unanime consenso
laR
 
15.10.2021 - 05:15
Aggiornamento : 13:23

Record assoluto di pernottamenti nel Bellinzonese e Alto Ticino

Nei primi otto mesi dell’anno si registra una crescita del 46% rispetto al 2020 e del 6% rispetto al 2019. Juri Clericetti: ‘Dobbiamo fare ancora di più’

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Malgrado i numeri siano più bassi rispetto a Locarnese e Luganese, con quasi 136mila pernottamenti da gennaio fino ad agosto, nella regione Bellinzona e valli ha stabilito «il record assoluto da quando si misurano queste statistiche, ossia dal 1992». Juri Clericetti, direttore dell’Organizzazione turistica regionale Bellinzonese e Alto Ticino (Otr-Bat), è ovviamente soddisfatto di questo risultato, anche se l’intenzione ora è quella di cercare di migliorarsi ulteriormente in particolare promuovendo l’utilizzo delle case secondarie da parte dei turisti: «Dobbiamo fare un passo in più a livello di offerte di letti, cosicché i visitatori restino nella nostra regione almeno una o due notti e non solo per una giornata».

Cifre mai raggiunte pure per agosto

I numeri parlano chiaro: nei primi otto mesi del 2021 i pernottamenti sono cresciuti del 46% rispetto al 2020 e del 6% rispetto al 2019. Analizzando questi dati bisogna considerare che l’anno scorso nei mesi di aprile e maggio era in corso il lockdown, con tutte le strutture ricettive chiuse. Il confronto va quindi piuttosto fatto con il periodo pre-pandemia, ovvero due anni fa. Va poi precisato che anche il 2019, con 130mila pernottamenti, era stato un ottimo anno per la regione Bellinzona e valli, che era addirittura stata quella ticinese cresciuta maggiormente rispetto all’anno precedente. Un confronto con l’anno scorso si può tuttavia fare considerando solo il mese di agosto, visto che gli alberghi erano aperti come lo sono stati quest’anno. E anche in questo caso la crescita è stata molto importante, con il 42% di pernottamenti in più: in numeri assoluti, le notti passate in strutture alberghiere sono state 31’500, un’altra cifra mai raggiunta in passato. A consolidare questo dato vi è anche l’aumento del 30% rispetto al 2019. «Un risultato straordinario, malgrado il fatto che negli ultimi anni abbiano chiuso i battenti più alberghi rispetto a quanti ne siano stati aperti, soprattutto nelle valli», sottolinea Clericetti a ‘laRegione’.

Promuovere i letti nelle case secondarie

Va detto che la regione Bellinzona e valli presenta numeri assoluti nettamente inferiori rispetto ad esempio al Locarnese dove nei primi otto mesi dell’anno sono stati registrati un milione e 100mila pernottamenti. Per il direttore dell’Otr-Bat ciò non significa però che la regione sia meno attrattiva rispetto ad altre: «Nella nostra regione abbiamo circa un decimo degli alberghi presenti nel Locarnese», spiega. E infatti la proporzione è circa questa se si considera il numero totale di pernottamenti. Insomma, nella regione Bellinzona e valli «ci sono ancora poche strutture ricettive», ma l’intenzione è quella d’incrementarle: «La nostra strategia mira a mettere a disposizione del turista un numero maggiore di letti, ad esempio promuovendo le case secondarie». Un settore, quello paralberghiero, pure in costante crescita: nel 2020 i pernottamenti in rustici, chalet o case di vacanza è aumentato del 25% rispetto all’anno precedente e anche per quest’anno «la tendenza è al rialzo». In questo senso l’Otr-Bat ha appena lanciato un’iniziativa – rivolta in una prima fase ai possessori di rustici in Valle di Blenio – per stimolare i proprietari di case secondarie a metterle a disposizione dei turisti d’Oltralpe, ma anche degli autoctoni. Un settore con «un grande potenziale» per aumentare la capacità ricettiva. «L’apertura di nuovi alberghi (come ad esempio il Sun Village ad Acquarossa) ben venga, ma non basterà per implementare lo sviluppo turistico della regione», rileva Clericetti. «Dobbiamo quindi cercare di mettere a disposizione altre forme di accoglienza».

Fortezza di Bellinzona, crescita importante di visitatori

Oltre all’accoglienza, vi sono poi gli attrattori turistici. «E per la nostra regione si tratta in particolare della Fortezza di Bellinzona che pure presenta numeri in continuo rialzo». Infatti, da gennaio a settembre i visitatori sono cresciuti del 35% rispetto al 2020 e del 20% rispetto al 2019. Concretamente, nei primi otto mesi dell’anno, 50mila persone (paganti) hanno visitato i castelli, alle quali bisogna aggiungerne altre 20-30mila che hanno semplicemente fatto una passeggiata, senza visitare musei e mostre. Anche in questo caso si tratta dunque di «un ottimo risultato».

Molti visitatori sono però turisti di giornata che si recano a Bellinzona in provenienza da Locarno, Lugano o dal resto della Svizzera ad esempio per visitare il mercato o la Fortezza e poi ritornare a casa o in un albergo di un’altra regione. Un turismo di giornata che «genera sicuramente un indotto per l’economia locale non indifferente», afferma Clericetti. Tuttavia, «l’obiettivo dell’Otr-Bat a lungo termine è quello di riuscire a far rimanere i visitatori nella nostra regione almeno una notte o due». Infatti le attrazioni, come detto, ci sono e «grazie a promozioni mirate come quella relativa al Treno Gottardo della Südostbahn, che percorre la linea ferroviaria panoramica di montagna, i turisti hanno la possibilità di approfittare maggiormente di tutte le nostre offerte sul territorio», ricorda il direttore dell’Otr-Bat. Resta il fatto che «a livello di pernottamenti vi è ancora un ampio margine di miglioramento».

Leggi anche:

Turismo Lago Maggiore e valli, il record degli ultimi 25 anni

Case di vacanza, puntare sui rustici per soddisfare la domanda

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
alto ticino bellinzonese juri clericetti otr-bat pernottamenti turismo
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved