bellinzona-lo-ior-si-attivi-subito-per-il-secondo-edificio
A destra Gabriele Gendotti e a sinistra il presidente onorario dell’Irb Giorgio Noseda (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
7 min

Auto in fiamme a Camorino, nessun ferito ma disagi al traffico

È accaduto intorno alle 14 su via Tirada. Il conducente e la passeggera, vedendo del fumo uscire dal vano motore, hanno abbandonato il veicolo in tempo
Mendrisiotto
17 min

Morbio Inferiore festeggia un nuovo centenario

Nino Albisetti, assieme ai due figli, ha accolto nella sua casa la sindaca Claudia Casanova per un brindisi e alcune curiosità sul paese
Ticino
17 min

Aperte le iscrizioni alla scuola per cure infermieristiche

Il termine per inoltrare la richiesta di ammissione è fissato per il 28 febbraio. Organizzati alcuni incontri informativi
Locarnese
29 min

Orari Fart, anche l’Astuti chiede il ritorno alla carta

Locarnese, stando all’associazione utenti dei trasporti pubblici sarebbe stata opportuna una transizione a tappe
Luganese
44 min

Caslano, ristrutturato l’ufficio postale

Creati nuovi spazi funzionali a riunire le prestazioni fisiche e quelle digitali rivolte alla consulenza e all’accompagnamento della clientela
Gallery
Bellinzonese
2 ore

Faido, riuscita la festa sportiva sul ghiaccio

Un successo la prima edizione del quadrangolare di hockey amatoriale voluto per animare un cartellone invernale orfano di carnevali e (per ora) di neve
Ticino
4 ore

Telefonate dai falsi poliziotti: una vittima nel Mendrisiotto

La Polizia cantonale riporta numerose segnalazioni di tentate truffe telefoniche volte a estorcere o sottrarre con l’inganno grosse somme alle vittime
Locarnese
4 ore

L’ambasciatrice di Polonia in visita a Losone

Le autorità comunali hanno accolto Iwona Kozłowska, per discutere delle celebrazioni degli 80 anni dalla costruzione della Strada dei polacchi
Locarnese
4 ore

Il semaforo del CO2: col rosso ‘scatta’ la ventilazione

In tutte le aule delle scuole comunali di Locarno posati i sensori che registrano il tenore dell’anidride carbonica
Locarnese
5 ore

Premio Dalcol 2021 all’associazione ‘Nella Casa del Padre mio’

L’associazione opera a favore della gioventù bisognosa in Ghana. A ritirare il riconoscimento è stato il medico dentista Luca Cheda con la moglie Adelia
Ticino
5 ore

In Ticino +14 pazienti Covid e nessun decesso. Contagi in calo

Continua per il quinto giorno di fila la diminuzione dei casi giornalieri. Due persone in meno in cure intense. 25 i positivi in casa anziani in 72 ore
Mendrisiotto
5 ore

Ente turistico e Football club Chiasso assieme per la regione

Collaborazione tra Ort Mendrisiotto e Basso Ceresio e la squadra di calcio per incrementare la promozione del territorio
Locarnese
10 ore

Verzasca, fiume e foce limacciosi: si aspetta la pioggia

Sono visibili le prime e inevitabili conseguenze ambientali dello svuotamento della diga lungo il greto del fiume, fino alla foce.
Mendrisiotto
10 ore

A Stabio i giovani aiutano a trovare casa al loro Spazio

Il Municipio ha convocato una Commissione. Da 19 anni il Centro condivide con i ragazzi attività ed esperienze
Ticino
10 ore

‘Specialisti utili alla ricerca e all’economia elvetiche’

Il Consiglio di Stato: sì all’ammissione agevolata sul mercato del lavoro degli stranieri di Stati terzi con master o dottorato conseguito in Svizzera
Ticino
17 ore

Trenord, il Covid continua a colpire il personale

I dati forniti da Regione Lombardia dopo le proteste dei pendolari
Locarnese
20 ore

Cevio, lieve calo demografico nel 2021

La diminuzione della popolazione nel capoluogo distrettuale è dovuta soprattutto alle partenze
Locarnese
20 ore

Locarno, quest’anno non si scaccia gennaio

La Pro Città Vecchia ha annullato l’edizione della tradizione che da tempo immemore coinvolge i bambini alla fine di questo mese
 
12.10.2021 - 11:590
Aggiornamento : 12:21

Bellinzona, ‘lo Ior si attivi subito per il secondo edificio’

Il presidente dell’Irb, Gabriele Gendotti, saluta positivamente l’intenzione di Franco Cavalli di raddoppiare gli spazi all’ex Campo militare

«Concordo sulla necessità di cominciare a valutare l’avvio della procedura orientata a realizzare, non troppo in là nel tempo, il secondo edificio che all’ex Campo militare di Bellinzona affiancherebbe la nuova sede dell’Irb». Gabriele Gendotti, presidente del Consiglio di fondazione dell’Istituto di ricerca in biomedicina (Irb), conferma la validità delle riflessioni fatte dall’oncologo Franco Cavalli che sulla ‘Regione’ di sabato 9 settembre in qualità di presidente della Fondazione per l’Istituto oncologico di ricerca (Ior) ha reso pubblica la volontà di poter disporre, con tempistiche non geologiche, dello spazio necessario a soddisfare le esigenze logistiche di uno Ior in continuo sviluppo. Il terreno di 6mila metri quadrati, ricordiamo, è quello di proprietà comunale messo a disposizione dalla Città con un diritto di superficie gratuito della durata di 50 anni per edificarvi la nuova ‘casa’ dell’Irb che al termine del cantiere protrattosi tre anni sarà inaugurata il 27 novembre grazie a un investimento di 45 milioni per l’edificio e di 15 per le infrastrutture di laboratorio.

Sviluppo già pianificato

«L’altra metà del terreno – spiega al riguardo il vicesindaco Simone Gianini, capodicastero Territorio e mobilità – è già debitamente iscritta a Piano regolatore quale riserva per poter accogliere un eventuale secondo stabile da destinare alla ricerca medica. Gli indici di sfruttamento forniscono le informazioni su superficie e volumetria massime ammesse. Da questo punto di vista non dovrebbero così ripetersi gli impedimenti che avevano caratterizzato l’avvio della procedura pianificatoria di quel mappale». Fra gli impedimenti citiamo il referendum lanciato nel 2011 contro la variante di Piano regolatore (referendum bocciato da nove votanti su dieci) e i successivi ricorsi interposti dal Comitato dell’iniziativa popolare ‘Parco grande’ contro la decisione governativa di ritenere corretta la variante di Pr relativa all’aumento dell’edificabilità dell’ex Campo militare e all’inserimento dell’Irb nel mappale dov’è poi sorto (ricorsi respinti e iniziativa infine ritirata in cambio della realizzazione del Parco urbano e della trasformazione a prato dell’ex posteggio abusivo situato fra Espocentro e Irb). La fase progettuale era poi stata rallentata di alcuni mesi quando nel 2014 un’ottantina fra ingegneri e architetti ticinesi aveva ottenuto la ripubblicazione di un nuovo bando dopo aver protestato contro le condizioni del primo ritenendo i requisiti richiesti troppo elevati, a tal punto da escludere de facto gli addetti ai lavori attivi nel cantone. Incarico infine affidato all’architetto luganese Aurelio Galfetti autore del progetto ‘Nel parco’. Architetto che da solo, o insieme ad altre illustre firme, nell’arco di più decenni aveva già conferito la propria impronta al comparto disegnando il vicino Bagno pubblico (1960), il Centro tennistico (1983) e quello sportivo dotato di pista di ghiaccio e piscina coperte (1993).

Un secondo bando di progettazione?

Quanto alla volumetria e ai contenuti dell’eventuale secondo padiglione, Franco Cavalli l’altro giorno ha auspicato, magari rinunciando a qualche posteggio, l’aggiunta di una sala polivalente che possa contenere 250 persone in occasione di giornate di studio e convegni. È ancora presto dire se sarà nuovamente lo studio Galfetti a progettare l’eventuale seconda ala, o se la decisione dovrà avvenire nell’ambito di un secondo bando internazionale: dal canto suo Gabriele Gendotti temendo che un incarico diretto rischierebbe di venire impugnato con dei ricorsi, ritiene necessario fare i dovuti approfondimenti volti a identificare la procedura corretta.

‘Faccia quello che abbiamo fatto noi 10 anni fa’

«Attualmente è in corso il trasloco nella nuova di via Chiesa dove, per il momento, c’è spazio a sufficienza sia per noi, sia per lo Ior e sia per i laboratori dell’Ente ospedaliero», osserva il presidente dell’Irb. Ma osservando l’evoluzione conosciuta negli anni da Irb e Ior, nonché la recente costituzione dell’associazione comune Bios+ incentrata sulla ricerca contro i tumori e sulla volontà di consolidare Bellinzona come polo nazionale in questo campo, «è chiaro che in prospettiva futura un ulteriore sviluppo dello Ior (destinato a passare dagli attuali gruppi di studio a 13: ndr) e un potenziamento di taluni nostri gruppi richiederanno strutture idonee. Per il momento salutiamo quindi molto positivamente la proposta municipale di acquistare dalla Sa proprietaria, e successivamente proporlo in affitto, lo stabile di via Vela già dotato di laboratori e dove l’Irb ha operato durante gli ultimi vent’anni. In prospettiva futura non è invece affatto da escludere un’ulteriore realizzazione». Se questa si renderà effettivamente necessaria, sottolinea Gendotti, «allora vi sarà la conferma che il polo biomedico di Bellinzona sta crescendo nella giusta direzione». A suo avviso comunque «questo volta dovrebbe essere lo Ior, col nostro sostegno e di comune accordo, a muoversi come fatto dall’Irb una decina d’anni fa». Considerato poi che la realizzazione di uno stabile nuovo di questo tipo richiede circa 7-8 anni di tempo, «sarebbe buona cosa che si attivasse subito considerando anche i tempi per l’ottenimento dei sussidi federali e cantonali da affiancare alle risorse derivanti da donazioni private e/o di fondazioni». Dei 45 milioni resisi necessari per il primo stabile (più altri 15 per le attrezzature), 15 vengono garantiti da sussidi della Confederazione, 10 da quelli cantonali, 10 da quelli della Città che ha offerto anche il terreno (6 milioni) e ha trasformato in contributo a fondo perso un iniziale prestito di 2,8 milioni (totale 18,8). Cui si aggiungono corposi aiuti privati e di fondazioni. «Non ci saranno debiti bancari – sottolinea Gendotti – mentre la parte di spesa per gli spazi riservati allo Ior e all’Eoc sarà coperta dal loro affitto».

Guarda le 3 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved