ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
16 min

La Sagra della castagna riparte ‘con il botto’

A Morbio Superiore sono pronti ad accogliere l’edizione numero 43 della manifestazione, che torna alla normalità
Mendrisiotto
1 ora

Mendrisio ritrova la ‘sua’ Fiera di San Martino

Da giovedì 10 a domenica 13 sui prati attorno alla chiesetta si rinnoverà l’incontro con il mondo agricolo
Mendrisiotto
1 ora

Disturbi dell’apprendimento, conferenza a Riva San Vitale

L’appuntamento è per mercoledì 19 ottobre nell’aula magna dello Steger Center Viginia Tech
Luganese
2 ore

‘Cambiare il sistema di nomina per i direttori delle scuole’

È quanto chiede, con un’interpellanza al Governo, l’Mps dopo l’arresto per atti sessuali con fanciulli del direttore di una scuola media di Lugano
Locarnese
2 ore

Locarno, la Mappo-Morettina chiusa di notte per lavori

Gli interventi di manutenzione degli impianti elettromeccanici si protrarranno da lunedì prossimo al 28 ottobre. Traffico deviato sulle cantonali
Luganese
2 ore

‘Lugano città universitaria?’, se ne parla in una conferenza

L’evento promosso da Lugano Forum 2030 è in programma lunedì 17 ottobre al palazzo dei Congressi
Mendrisiotto
2 ore

Risparmio energetico, ‘come si sta organizzando Mendrisio?’

Il consigliere comunale Massimiliano Robbiani (Lega-Udc-Udf) interroga il Municipio e lamenta il ritardo nell’annunciare le misure
Luganese
3 ore

Lugano, si misurano pressione e glicemia

Il controllo, gratuito, è organizzato dalla sezione del Sottoceneri della Croce Rossa Svizzera
Luganese
3 ore

Lugano, nell’amministrazione non ci sono differenze di salario

La Città ha pubblicato i risultati delle analisi effettuate sui collaboratori retribuiti secondo il Regolamento organico comunale
Mendrisiotto
3 ore

‘Ampliare le scuole? Un pilastro per attrarre famiglie’

Il Municipio di Breggia difende il progetto di ampliamento della sede di Lattecaldo. ‘Sostenibile per le finanze, necessario per la didattica’
Ticino
3 ore

I ghiacciai ticinesi rischiano di sparire entro 5-10 anni

Le scarse nevicate e l’estate caldissima hanno accelerato la fusione. Il ghiacciaio del Basòdino potrebbe sciogliersi del tutto in mezzo secolo
Locarnese
4 ore

Apertura al pubblico della miniferrovia Minusio Mappo

Nel fine settimana in circolazione treni a vapore, diesel ed elettrici provenienti anche da Oltralpe e dalla Germania
Luganese
5 ore

Nel mondo delle sale Snoezelen con Sofia Santori

Popolari nelle case per anziani e negli istituti per disabili, oggi si diffondono sempre più anche nell’ambito privato grazie al loro valore terapeutico
Ticino
5 ore

‘Ok al libero esercizio, ma solo in vista dell’esame federale’

È il controprogetto del governo a due iniziative per il riconoscimento di naturopati, terapisti complementari e arteterapeuti con certificato settoriale
04.10.2021 - 17:13

Polveri di legno, ‘Perché il Dt non è mai intervenuto?’

L’Mps non è soddisfatto delle risposte del governo in merito all’attività di triturazione della Congefi, dove sono state ravvisate delle irregolarità

polveri-di-legno-perche-il-dt-non-e-mai-intervenuto
Il proprietario della ditta ha sempre detto che l'apparecchio tritura unicamente all'interno del capannone

Non convincono il Movimento per il socialismo le risposte del Consiglio di Stato in merito all’attività di triturazione di legname svolta dalla ditta di riciclaggio di materiali Congefi Sa di Giubiasco dove – ha spiegato il governo cantonale rispondendo all’interrogazione dei deputati dell’Mps – la Sezione della protezione dell’aria, dell’acqua e del suolo (Spaas) del Dipartimento del territorio ha effettivamente riscontrato delle irregolarità durante i sopralluoghi effettuati nel 2020 e nell’estate 2021. In entrambe le occasioni è stato ribadito all’azienda “di eseguire le triturazioni unicamente in modo conforme alla licenza edilizia, cioè solo all’interno del capannone”. I granconsiglieri Angelica Lepori, Simona Arigoni e Matteo Pronzini tornano ora alla carica con una seconda interrogazione in cui chiedono di chiarire “molti interrogativi aperti”. L’Mps vorrebbe innanzitutto sapere come mai, se come sostenuto nella risposta la Congefi Sa è stata soggetta a controlli regolari, il Dipartimento del territorio non sia mai intervenuto se non a fronte delle segnalazioni dei cittadini nel 2020 nonostante “l’attività di trituraggio si svolgesse all’aperto dal 2011. È consapevole che Congefi, per un decennio, triturando e stoccando scarti di legname all’aperto e su sedime sterrato ha compiuto e reiterato un grave reato provocando un gravissimo inquinamento atmosferico, del suolo e acustico?”, scrivono nell’interrogazione i deputati dell’Mps, chiedendo al governo di specificare quali sanzioni siano state inflitte alla ditta per le “gravi e reiterate violazioni”. “Può specificare – domanda ancora l’Mps – quali misure di controllo atte all’immediato ripristino della legalità sono state intraprese?”.

‘Anche Google Maps conferma le violazioni’

Quanto al luogo dove avvengono la triturazione e lo stoccaggio del materiale all’aperto, i deputati segnalano che “anche Google Maps conferma le violazioni relative all’abusiva triturazione e stoccaggio di legname all’aperto”, riferendosi all’immagine satellitare dove “sono ben visibili il trituratore, il nastro trasportatore e la catasta di triturato”. Il capannone chiuso dove Congefi sostiene di triturare il legname – chiedono i deputati – “è dotato di filtri antiparticolato come da normative Ufam?”. Perché – viene nuovamente sollecitato il governo – “non obbliga immediatamente Congefi a chiudere completamente i suoi capannoni ed eseguire le proprie attività esclusivamente all’interno?”.

A detta dello stesso proprietario di Congefi (come riferito dalla ‘Regione’ lo scorso 9 luglio), il materiale triturato destinato a essere riutilizzato “viene provvisoriamente stoccato all’esterno, ma sotto una tettoia e debitamente inumidito per evitare che si sollevi della polvere. Materiale che viene poi caricato su camion e ritirato da due ditte di Lucerna e Nord Italia specializzate nella produzione di pannelli compensati per mobili da cucina e bagno. Visto questo tipo di riutilizzo, si tratta di legname di scarto privo di inquinanti”. “Considerato che il terreno dove viene depositato il materiale è sterrato – chiede ora l’Mps – non vi è il fondato rischio che il drenaggio contenente vernici, solventi, colle, idrocarburi possa essere confluito nel terreno?”.

Per quanto riguarda le immissioni di polveri, il Consiglio di Stato spiegava che è in corso una campagna di misurazione specifica nell’area adiacente alla Congefi, precisando che “i dati raccolti ad oggi non mostrano una chiara provenienza di polvere dalla ditta in questione”. Sulle polveri fini, scriveva il governo, la stazione di misura situata proprio nel quartiere, poco distante dalla Congefi Sa, “non presenta picchi di valori di polveri fini anomali”, aggiungendo che i superamenti registrati “sono di fatto tutti da ricondurre a questioni meteorologiche e in generale seguono l’andamento delle altre stazioni di misura, dimostrando che sono da ricondurre al carico di inquinanti a cui è solitamente soggetto il nostro cantone e non alle attività specifiche delle ditte nelle immediate vicinanze”. L’Mps non si dice convinto da queste spiegazioni. Chiede al Consiglio di Stato se non ritenga che i dati delle centraline di rilevamento abbiano “scarsissima credibilità o perlomeno debbano essere verificati da un’entità terza. Come spiega che le centraline di via Baragge non rilevano mai le immense nuvole di polveri fini che s’innalzano dal deposito Congefi? Per sgombrare tutti gli equivoci e a tutela della salute della popolazione non ritiene che andrebbe analizzata la composizione chimica e il reale Pm della polvere che da anni avvolge il quartiere Seghezzone?”. Viene infine chiesto al governo se ritenga che ci sia “la necessità di monitorare l’intensità dell’inquinamento acustico?”.

Leggi anche:

Polveri di legno: la Congefi di Giubiasco richiamata all’ordine

Polveri di legno: l’Mps attacca, Congefi si dice a posto

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved