bellinzona-6-milioni-sul-piatto-per-acquistare-lo-stabile-irb
Ti-Press
L'istituto di ricerca in biomedicina si sposterà presto nella sua nuova sede sull'ex campo militare
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
1 ora

Locarno, revocato il credito per l’autosilo ai Monti

Vizi di forma: il legislativo deve fare marcia indietro. Rinnovato l’Ufficio presidenziale: nuovo primo cittadino è Mauro Belgeri (Per Locarno)
Ticino
3 ore

Riaperta la A2 in direzione sud su una corsia

Era stata chiusa per un veicolo in fiamme. Su Twitter la Polizia cantonale segnala rallentamenti tra Maroggia e Mendrisio
Bellinzonese
3 ore

Sorpassi a Giubiasco, ex Oratorio archiviato fra le critiche

Votati dal Cc il credito suppletorio di 2,71 milioni e la sistemazione esterna. Il conto finale sale da 8 a quasi 11 milioni
Luganese
3 ore

Lugano, la Coppa svizzera svetta sul tavolo del Municipio

All’inizio della seduta di Consiglio comunale, applausi alle parole di Michele Campana e di Olivier Custodio, l’autore del parziale vantaggio di 2 a 1
Bellinzonese
4 ore

Morti Covid a Sementina, il Cc (per ora) non ne discute

Bellinzona, bocciate le richieste di Lega/Udc e Mps/Verdi/Fa: Municipio esortato dai gruppi a esprimere vicinanza e solidarietà ai familiari dei defunti
Luganese
5 ore

In un libro l’opera omnia poetica di Valeria Masoni

Si tratta del primo volume, che raccoglie le poesie scritte fra il 1944 e il 1957. Perlopiù inedite: solo alcune sono state pubblicate in passato
Ticino
5 ore

Trasporti, ‘sarà assorbita solo parte della crescente domanda’

Un recente studio analizza le tendenze della richiesta di mobilità in Ticino. ‘Gli investimenti in corso non potranno che fornire un viatico parziale’
Luganese
5 ore

Vezia, previdenza professionale: se n’è parlato a Villa Negroni

Si è tenuta oggi la prima edizione dell’evento Annual Focus Casse Pensioni, che ha toccato le principali tematiche relative al secondo pilastro
Ticino
5 ore

‘Formazione professionale, borse di studio fino ai 55 anni’

Compromesso in commissione tra la proposta di alzare da 40 a 60 anni la soglia e l’invito del governo di fermarsi a 50. Biscossa soddisfatta, Pronzini no
Bellinzonese
6 ore

Raduno della società di artiglieria al bunker di Mairano

Appuntamento con la tradizionale scampagnata per domenica 22 maggio alle 11
Grigioni
6 ore

San Vittore, conferenza sul restauro al Museo Moesano

L’evento si terrà giovedì 19 maggio alle 20 con il restauratore-indoratore Marco Somaini
Luganese
6 ore

Lugano, Besso Pulita! in assemblea

L’appuntamento è per il 23 maggio alle Elementari di Besso. Si parlerà dei lavori alla Stazione Ffs e dei Patriziati
01.10.2021 - 16:20

Bellinzona, 6 milioni sul piatto per acquistare lo stabile Irb

Per la Città si tratta di un’opportunità irrinunciabile per sviluppare ulteriormente il settore della ricerca biomedica a Bellinzona e in Ticino

Sei milioni di franchi per acquistare lo stabile Irb in via Vela, che resterà libero in quanto l’Istituto di ricerca in biomedicina si trasferirà nella sua nuova sede in via Chiesa, sull’ex campo militare (inaugurazione il 27 novembre). Il Municipio in un messaggio chiede al Consiglio comunale di approvare questo credito con clausola d’urgenza, così da concretizzare le trattative con gli attuali proprietari (Residenze del Ceresio Sa) entro la fine dell’anno in modo da non dover prolungare il contratto di locazione (che scadrà il 31 dicembre prossimo). L’esecutivo ritiene che l’acquisto di questo edificio “costituisca un’opportunità irrinunciabile per assicurare ulteriore sviluppo e solidità al settore della ricerca biomedica a Bellinzona e nel Canton Ticino”, si legge nel messaggio. Infatti lo stabile “assicurerebbe per i prossimi 10-20 anni ed in attesa del nuovo quartiere delle Officine, spazio sufficiente per enti, società, gruppi intenzionati ad insediarsi a Bellinzona per sviluppare la propria attività di formazione, ricerca, produzione mettendo a frutto collaborazioni e sinergie con altri enti e società”. Attualmente vi sono già enti e gruppi interessati ad affittare gli spazi di via Vela: “Le discussioni sono in corso e si conta di poterle finalizzare nel corso dei prossimi mesi”. A partire dal 2022 l’edificio diventerebbe quindi “parte costitutiva e integrante del Polo biomedico di Bellinzona”. L’intenzione è infatti quella di “concentrare all’interno di uno spazio geografico ristretto (via Chiesa, via Vela, Ospedale e, in futuro, nuovo quartiere Officine) l’eccellenza della ricerca”. Insomma, si tratterebbe di un passo importante verso la costituzione di “un centro di competenza all’avanguardia a livello nazionale nel settore delle scienze della vita” nell’ambito del progetto ‘Switzerland innovation park Ticino’. Un investimento netto di 4 milioni di franchi (visto che dai 6 milioni vanno dedotti 2 milioni provenienti dal contributo cantonale relativo ai progetti strategici inerenti all’aggregazione) definito dal Municipio “di carattere strategico rivolto al futuro e alle prossime generazioni”.

I costi di risanamento saranno oggetto di un altro messaggio

Lo stabile in via Vela è stato realizzato tra il 1964 e il 1965 e dal 2000 ospita una parte dei laboratori dell’Irb. Per adeguare l’edificio alle esigenze legate all’attività di ricerca, nei primi anni 2000 sono stati fatti importanti lavori di rinnovo. Attualmente l’immobile si sviluppa su 5 piani fuori terra e uno interrato ed è attualmente adibito a laboratori (3 piani), uffici (un piano) e spazi comuni (pianterreno). “L’edificio nel suo complesso si presenta in uno stato discreto”, sottolinea il Municipio nel messaggio, precisando che “alcune parti dell’edificio si trovano prossime alla fine del loro ciclo di vita e necessitano di un rifacimento”. I costi per un rinnovo completo sono stimati attorno ai 6 milioni di franchi, mentre per risolvere le problematiche più urgenti si dovrebbe spendere circa 1,25 milioni. L’esecutivo prevede quindi di investire nei prossimi anni quest’ultima cifra per risanare le “parti che hanno raggiunto la fine del proprio ciclo di vita”. Un risanamento completo (anche dei laboratori e degli uffici) è poi previsto tra circa 10-15 anni. “Tale soluzione permette di utilizzare lo stabile nei prossimi 10-15 anni, per, nel frattempo, sviluppare il polo biomedico pensando ad altre possibilità, prima fra tutte quella del nuovo quartiere delle Officine”. La relativa richiesta di credito sarà oggetto di un messaggio separato che sarà presentato nel corso dell’anno prossimo.

Se il Consiglio comunale accoglierà il credito per l’acquisto dello stabile in via Vela, gli enti, le aziende o le start-up interessati potranno già insediarsi nei primi mesi del 2022 pagando alla Città l’affitto a “condizioni congrue” che li incentivino “a scegliere Bellinzona quale sede della loro attività”. Tenendo conto dei costi di gestione e dei potenziali affitti incassabili “si considera che nei primi anni la Città si assuma un onere netto di circa 200’000 franchi a partire dal 2023”.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
6 milioni acquisto bellinzona messaggio polo biomedico stabile irb via vela
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved