le-condizioni-di-vita-dei-migranti-in-ticino-vanno-migliorate
La consegna delle firme al Cancelliere dello Stato Arnoldo Coduri (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Gallery
Locarnese
7 ore

Vergeletto, dopo covid e danni c’è voglia di ripartire

La pista di ghiaccio, rimasta chiusa tutta la stagione, ha dovuto fare i conti con la pandemia e il maltempo. Ma ora si volta pagina e si pianifica il futuro
Luganese
7 ore

Muzzano e Cureglia: quando il timone passa da donna a donna

Entrambi i Municipi vantano due sindache, come già nella precedente legislatura. Intervista a Verena Hochstrasser e Tessa Gambazzi Pagnamenta.
Luganese
10 ore

Viganello, duemila persone alla festa nel Campus Est

Un successo la manifestazione popolare voluta da tre Commissioni di quartiere con la collaborazione di Usi e Supsi
Bellinzonese
10 ore

Incontro con i 18enni e 19enni di Airolo

Le autorità comunali hanno incontrato i maggiorenni del Comune negli stabilimenti della ditta Tenconi Sa
Mendrisiotto
10 ore

L’Istituto di microbiologia della Supsi fa base a Mendrisio

Centro di competenze con 60 anni di storia, oggi indaga il territorio e diventa un punto di riferimento per i giovani ricercatori
Ticino
10 ore

Suter affiliato all’Udc: ‘Faccio politica associativa’

A livello svizzero si registra un calo del fatturato del 20 per cento per i ristoranti dall’introduzione dell’obbligo del Covid pass
Bellinzonese
10 ore

La filarmonica di Gorduno celebra i 100 anni con un libro

Il volume scritto da Pasquale Genasci ripercorre la storia della società tenendo conto anche dei cambiamenti politici, economici e sociali del paese
Luganese
10 ore

L’agente di Malcantone ovest richiede l’assoluzione

Il poliziotto, accusato di favoreggiamento e ripetuta infrazione alle norme della circolazione, è tornato in aula davanti alla Corte di appello
Luganese
11 ore

Lugano, il 5,6% dei veicoli supera i limiti presso le scuole

Malgrado le 404 multe, la Polizia della Città traccia un bilancio soddisfacente dell’operazione ‘Bimbi sicuri’, centrata anche sulla prevenzione
Bellinzonese
11 ore

Iragna, porte aperte al bunker militare di Mairano

Sabato 2 ottobre, dalle 11 alle 16, sarà possibile visitare l’opera fortificata situata sulla Via della Pietra
Bellinzonese
15.09.2021 - 17:390
Aggiornamento : 19:05

‘Le condizioni di vita dei migranti in Ticino vanno migliorate’

Consegnata al Consiglio di Stato la petizione che ha raccolto 1’580 firme. Diverse misure sollecitate, compresa la chiusura del ‘bunker’ di Camorino

Quasi 1’600 firme a sostegno della petizione ‘In Ticino il rispetto del migrante è sotto terra?’, che chiede in primo luogo la chiusura del Centro richiedenti l’asilo di Camorino, il cosiddetto ‘bunker’ gestito dalla Croce Rossa e dal Dipartimento sanità e socialità già al centro di numerose proteste e richieste di chiusura sempre respinte dal Cantone, sono state consegnate oggi pomeriggio alla Cancelleria dello Stato a Bellinzona. La petizione lanciata dal Forum Alternativo e appoggiata dai Verdi e dall’organizzazione Campax – sottoscritta da 1’580 persone – vuole sollecitare nuovamente il Consiglio di Stato sulle condizioni di vita ritenute indegne e inaccettabili (spazi ristretti, temperature oltremodo alte durante l’estate) degli ospiti a Camorino, i cosiddetti Nem, la cui domanda è stata respinta o per i quali è scattata la procedura di non entrata in materia. Oltre all’immediata serrata del centro di Camorino con relativo trasferimento degli ospiti, la petizione (la stessa consegnata tre anni fa da 12 associazioni) chiede di migliorare le condizioni di vita dei richiedenti l’asilo presenti in Ticino, indipendentemente dal loro statuto. «È importante che tutti e tutte abbiano la possibilità di vivere con dignità», ha dichiarato Lorenza Giorla, promotrice della petizione, in occasione della consegna delle firme a Palazzo delle Orsoline.

Nello specifico si sollecita la riduzione del sovraffollamento, l’attivazione della rete di famiglie disposte a ospitare richiedenti l’asilo anche per brevi periodi, la messa a disposizione di possibilità per lavori di pubblica utilità; in materia di condizioni di alloggio, abbigliamento, sussistenza e simili viene chiesta l’applicazione dei criteri minimi previsti dalla Conferenza svizzera dell’istituzione dell’azione sociale, come pure il libero accesso nei centri per rifugiati di medici, infermieri, assistenti sociali e avvocati; pure auspicata l’applicazione delle medesime condizioni di vita per tutti i rifugiati, indipendentemente dal loro statuto giuridico; e l’istituzione di un servizio d’ispettorato riguardante le condizioni di vita dei rifugiati designato dall’Organizzazione svizzera per i rifugiati con l’obiettivo di verificare il rispetto delle condizioni per le entità appaltatrici; infine vengono anche richiesti un sostegno psicologico per l’elaborazione dei traumi e il divieto d’interventi notturni e senza preavviso da parte della polizia.

Chiusura entro la fine del 2021, in attesa del nuovo centro polifunzionale

Durante la seduta del prossimo 20 settembre, il Gran Consiglio dovrà decidere se stanziare un credito di 11 milioni di franchi per la realizzazione del nuovo centro polifunzionale (previsto a Camorino al posto del ‘bunker’ sullo stesso sedime) che metterà a disposizione 180 posti per i richiedenti l’asilo. La soluzione, aveva spiegato il Dss, dovrà essere preferibilmente non più sotterranea bensì fuori terra; questo quando fino all’anno scorso il Consiglio di Stato, rispondendo ad alcune interrogazioni sul tema, riteneva la soluzione di Camorino “modesta ma idonea”.

L’inizio del cantiere è previsto per l’inizio del 2022, mentre l’apertura del nuovo centro è pianificata durante l’estate del 2023. Il controverso ‘bunker’ s’incammina dunque verso la chiusura entro la fine del 2021. Ci sarà la necessità di trovare una soluzione alternativa per gli attuali ospiti a Camorino con una struttura fuori terra per 30 persone.

Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved