il-cantone-ribadisce-nei-centri-fitness-solo-col-covid-pass
(Keystone)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Gallery
Locarnese
5 ore

Vergeletto, dopo covid e danni c’è voglia di ripartire

La pista di ghiaccio, rimasta chiusa tutta la stagione, ha dovuto fare i conti con la pandemia e il maltempo. Ma ora si volta pagina e si pianifica il futuro
Luganese
5 ore

Muzzano e Cureglia: quando il timone passa da donna a donna

Entrambi i Municipi vantano due sindache, come già nella precedente legislatura. Intervista a Verena Hochstrasser e Tessa Gambazzi Pagnamenta.
Luganese
8 ore

Viganello, duemila persone alla festa nel Campus Est

Un successo la manifestazione popolare voluta da tre Commissioni di quartiere con la collaborazione di Usi e Supsi
Bellinzonese
8 ore

Incontro con i 18enni e 19enni di Airolo

Le autorità comunali hanno incontrato i maggiorenni del Comune negli stabilimenti della ditta Tenconi Sa
Mendrisiotto
8 ore

L’Istituto di microbiologia della Supsi fa base a Mendrisio

Centro di competenze con 60 anni di storia, oggi indaga il territorio e diventa un punto di riferimento per i giovani ricercatori
Ticino
8 ore

Suter affiliato all’Udc: ‘Faccio politica associativa’

A livello svizzero si registra un calo del fatturato del 20 per cento per i ristoranti dall’introduzione dell’obbligo del Covid pass
Bellinzonese
8 ore

La filarmonica di Gorduno celebra i 100 anni con un libro

Il volume scritto da Pasquale Genasci ripercorre la storia della società tenendo conto anche dei cambiamenti politici, economici e sociali del paese
Luganese
9 ore

L’agente di Malcantone ovest richiede l’assoluzione

Il poliziotto, accusato di favoreggiamento e ripetuta infrazione alle norme della circolazione, è tornato in aula davanti alla Corte di appello
Bellinzonese
15.09.2021 - 18:380
Aggiornamento : 18:55

Il Cantone ribadisce: ‘Nei centri fitness solo col Covid Pass’

Il Servizio della comunicazione del Consiglio di Stato non commenta il caso specifico del Gimnasium di Castione ma avverte che i controlli saranno puntuali

“A partire dal 13 settembre, nei centri fitness l’allenamento di persone a partire dai 16 anni è possibile solo se in possesso di un certificato Covid”. Alle nostre domande in merito alla comunicazione diramata dal centro fitness Gimnasium di Castione, il Servizio dell’informazione e della comunicazione del Consiglio di Stato chiarisce che, fermo restando che non intende esprimersi su casi singoli, “tutti i centri fitness sono tenuti a rispettare le norme federali: non esistono quindi margini per una ‘concorrenza sleale’ in questo ambito”. Norme emanate dalla Confederazione che per le autorità cantonali ticinesi sono sufficientemente chiare e non rischiano di generare confusione.

Nei giorni scorsi i responsabili del centro fitness di Castione hanno diramato una e-mail (con oggetto ‘Accesso al Gimnasium senza pass’) annunciando l’intenzione di allestire un’apposita sala con attrezzi (il centro ne ha a disposizione sette) con lo scopo di accogliere gruppi di massimo 30 persone che frequentano regolarmente lo stesso gruppo, senza l’obbligo di presentare il Covid Pass al fine di non discriminare nessuno. Il Servizio dell’informazione e della comunicazione del Consiglio di Stato risponde che “le verifiche sulla legalità riguarderanno ciò che effettivamente accade, non ciò che viene semplicemente annunciato”. Conformemente a quanto avviene anche negli altri cantoni svizzeri, “la Polizia cantonale agirà in maniera puntuale, su segnalazione. La collaborazione con le Polizie comunali, che ha funzionato molto bene durante tutto il periodo Covid-19, continuerà anche in questa fase di gestione della pandemia”.

Previste multe per gestori e avventori

Quanto al capitolo sanzioni, il Servizio dell’informazione e della comunicazione del Consiglio di Stato specifica che le contravvenzioni sono rivolte “a chi ha la responsabilità di garantire l’applicazione dei piani di protezione in accordo con le attuali disposizioni di legge. Le multe disciplinari, i cui importi non sono cambiati (arrivano a un massimo di 200 franchi), vanno a colpire il singolo avventore che non ottempera alle disposizioni vigenti. Nel caso di mancanze riscontrate dell’obbligo di presentare il certificato Covid, per l’organizzatore o il gestore è prevista una multa il cui importo viene stabilito dal Ministero pubblico, mentre per gli avventori (ad esempio di un luogo o di una manifestazione) è prevista una multa disciplinare di 100 franchi”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved