ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
4 ore

Lavori forestali, nelle selve degli appalti

Per decidere su un concorso nel Basso Distretto ci sono voluti due bandi e tre sentenze. E (forse) non è ancora finita
Ticino
4 ore

Cantonali ‘23, Marchesi: ’Mi candido per entrare in governo’

Il presidente Udc, in un‘intervista a ‘laRegione’, ufficializza la discesa in campo: ’In Consiglio di Stato meno famiglia Mulino Bianco e più dinamismo’
Luganese
10 ore

Lugano, Lalia non slega il legislativo

I prelievi dovuti per legge ottengono la maggioranza assoluta, malgrado il teatrino in salsa leghista, con Bignasca contro il suo sindaco
Locarnese
10 ore

Il Museo di Storia naturale è ancorato alla pianificazione

Approvata dal legislativo di Locarno la variante per l’insediamento della struttura nel complesso conventuale di Santa Caterina
Ticino
12 ore

Detenuti e misure terapeutiche, il parlamento accelera

Presto una mozione delle commissioni ‘Giustizia’ e ‘Carceri’. Durisch: ora il trattamento in carcere non funziona, urge un reparto di psichiatria forense
Bellinzonese
12 ore

In arrivo sei aule prefabbricate per i bambini della Gerretta

Bellinzona: accolta la clausola d’urgenza e bocciato l’emendamento che chiedeva di riattivare le vecchie scuole di Molinazzo e Daro
Bellinzonese
13 ore

Daro, ecco i soldi: parte la ricostruzione di via ai Ronchi

Il Cc ha votato l’anticipo di 2,45 milioni. La Città pretende il risarcimento dal proprietario del cantiere edile all’origine del crollo
Luganese
13 ore

AlpTransit verso sud, Lugano picchia i pugni contro Berna

Votata all’unanimità la risoluzione extra-Loc che critica il progetto di Berna di tagliare la Neat e chiede di proseguire il tracciato fino al confine
15.09.2021 - 18:38
Aggiornamento: 18:55

Il Cantone ribadisce: ‘Nei centri fitness solo col Covid Pass’

Il Servizio della comunicazione del Consiglio di Stato non commenta il caso specifico del Gimnasium di Castione ma avverte che i controlli saranno puntuali

il-cantone-ribadisce-nei-centri-fitness-solo-col-covid-pass
(Keystone)

“A partire dal 13 settembre, nei centri fitness l’allenamento di persone a partire dai 16 anni è possibile solo se in possesso di un certificato Covid”. Alle nostre domande in merito alla comunicazione diramata dal centro fitness Gimnasium di Castione, il Servizio dell’informazione e della comunicazione del Consiglio di Stato chiarisce che, fermo restando che non intende esprimersi su casi singoli, “tutti i centri fitness sono tenuti a rispettare le norme federali: non esistono quindi margini per una ‘concorrenza sleale’ in questo ambito”. Norme emanate dalla Confederazione che per le autorità cantonali ticinesi sono sufficientemente chiare e non rischiano di generare confusione.

Nei giorni scorsi i responsabili del centro fitness di Castione hanno diramato una e-mail (con oggetto ‘Accesso al Gimnasium senza pass’) annunciando l’intenzione di allestire un’apposita sala con attrezzi (il centro ne ha a disposizione sette) con lo scopo di accogliere gruppi di massimo 30 persone che frequentano regolarmente lo stesso gruppo, senza l’obbligo di presentare il Covid Pass al fine di non discriminare nessuno. Il Servizio dell’informazione e della comunicazione del Consiglio di Stato risponde che “le verifiche sulla legalità riguarderanno ciò che effettivamente accade, non ciò che viene semplicemente annunciato”. Conformemente a quanto avviene anche negli altri cantoni svizzeri, “la Polizia cantonale agirà in maniera puntuale, su segnalazione. La collaborazione con le Polizie comunali, che ha funzionato molto bene durante tutto il periodo Covid-19, continuerà anche in questa fase di gestione della pandemia”.

Previste multe per gestori e avventori

Quanto al capitolo sanzioni, il Servizio dell’informazione e della comunicazione del Consiglio di Stato specifica che le contravvenzioni sono rivolte “a chi ha la responsabilità di garantire l’applicazione dei piani di protezione in accordo con le attuali disposizioni di legge. Le multe disciplinari, i cui importi non sono cambiati (arrivano a un massimo di 200 franchi), vanno a colpire il singolo avventore che non ottempera alle disposizioni vigenti. Nel caso di mancanze riscontrate dell’obbligo di presentare il certificato Covid, per l’organizzatore o il gestore è prevista una multa il cui importo viene stabilito dal Ministero pubblico, mentre per gli avventori (ad esempio di un luogo o di una manifestazione) è prevista una multa disciplinare di 100 franchi”.

Leggi anche:

In palestra a Castione senza certificato Covid

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved