Zurigo
Young Boys
14:15
 
Udinese
0
Genoa
0
2. tempo
(0-0)
in-palestra-a-castione-senza-certificato-covid
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
14 min

Paolo Beltraminelli eletto alla testa del Ppd di Lugano

Tutto come da pronostico all’assemblea sezionale; la presidenza era vacante da quasi due anni
Locarnese
2 ore

Locarno, in ricordo di Pierre Codiroli

Al Liceo di Locarno martedì vi sarà un incontro-tributo allo scomparso docente, ricercatore e scrittore scomparso nel 1996
Locarnese
3 ore

Brissago, famiglie patrizie riunite in assemblea

L’ente terrà una seduta martedì prossimo alle 20, nella sala del consiglio comunale
Locarnese
3 ore

Locarno, pranzo Atte e tombola

Appuntamento giovedì prossimo al Centro diurno. Iscrizioni entro martedì
Ticino
18 ore

L’UDC non commenterà con la RSI i risultati delle votazioni

I democentristi: ‘Professionalità e imparzialità non sono garantite’. L’emittente respinge le accuse
Bellinzonese
20 ore

Nuovo Irb: ‘Sogno realizzato’ a favore delle scienze della vita

Oggi si è tenuta la cerimonia d’inaugurazione del nuovo edificio a Bellinzona. Una giornata di festa che permette di guardare ‘al futuro con ottimismo’
Bellinzonese
20 ore

Morena Pedruzzi, la vita dopo l’attentato, diretta streaming

Sabato 27 novembre 2021 - dalle 17 presentazione del libro Risollevarsi
Locarnese
1 gior

Incendio a Cugnasco

In un’abitazione in via al Bosco si sono sviluppate delle fiamme dalla canna fumaria del camino
Locarnese
1 gior

‘L’unico consenso possibile è senza bus lungo viale Cattori’

Nodo intermodale all’impasse alla stazione di Muralto: la condizione-base di Gianluigi Varini, imprenditore, albergatore e rappresentante degli oppositori
Ticino
1 gior

‘Una rendita ponte cantonale per i disoccupati anziani’

È la proposta di Ps e Ppd. ‘Il Ticino si doti di una propria legge affinché la prestazione transitoria sia riconosciuta dai 55 anni di età’
Bellinzonese
1 gior

Pronto intervento Bellinzona, Minotti esce allo scoperto

Il municipale e presidente del Patriziato di Carasso proprietario del terreno, caldeggia un approfondimento sul mappale Sarecc
Luganese
1 gior

Energia, la Capriasca diventa ‘comunità di autoconsumo’

Dopo il progetto pilota di Lugaggia, a inizio dicembre parte una nuova tappa che coinvolge l’arena sportiva di Tesserete
Mendrisiotto
1 gior

Martedì i tecnici al capezzale della pista di ghiaccio

Le strutture sportive chiassesi sono sotto pressione, e si annunciano gli importanti lavori al Palapenz
Ticino
1 gior

‘Le regioni devono cooperare durante le crisi’

L’auspicio è stato espresso dal consigliere di Stato Norman Gobbi durante l’incontro della Comunità di lavoro alpina Arge Alp
Bellinzonese
13.09.2021 - 20:560
Aggiornamento : 21:12

In palestra a Castione senza certificato Covid

Il centro Gimnasium intende creare un’apposita sala a circuito con attrezzi. Il titolare: "Cerchiamo soluzioni per permettere a tutti di tenersi in forma"

In palestra senza certificato Covid. Da oggi non è più possibile, eppure sembra non essere così per tutti. Sta facendo discutere una comunicazione diramata dal centro fitness Gimnasium di Castione che proprio questa mattina ha informato che l’accesso al centro è possibile senza pass. “La sicurezza e il benessere dei nostri soci sono al centro di ogni nostra azione e la nostra struttura è dotata di un piano di protezione scrupoloso”, si legge in una e-mail intitolata “Accesso al Gimnasium senza pass” diramata dalla struttura. Per questo motivo, spiega la palestra, “ci siamo attivati per riuscire ad accogliere nel nostro centro e alle nostre attività tutte le persone che lo desiderano, indiscriminatamente”. Il centro fa presente inoltre che per partecipare ai corsi di gruppo non sarà necessario alcun pass. “Ci stiamo organizzando in modo che anche l’accesso alla sala fitness sia possibile a chi non ha il certificato e dovremmo potervi aggiornare già domani”. Il centro informa anche che aggiungerà dei servizi in modo da poter offrire delle alternative per chi non ha un pass e non intende effettuare dei test. La struttura tiene a evidenziare che la “prevenzione e promozione della salute attraverso il movimento e lo stile di vita sano sono la nostra professione, ci impegniamo quotidianamente per stimolare il maggior numero di persone a muoversi e migliorare il proprio stile di vita”. La comunicazione si chiude con due frasi evidenziate: “Gli effetti salutari di un’attività fisica regolare sono molteplici e fondamentali. È quindi importante che a tutti sia garantito il diritto di fare movimento in sicurezza”.

Interpellato dalla ‘Regione’ Jürg Heim, titolare del centro fitness e di salute Gimnasium spiega che per accedere alla sala fitness il decreto prevede effettivamente un certificato Covid «ma ci sono strutture che hanno anche altre offerte, come nel nostro caso. Per cui, a seconda dell’offerta è possibile accedere senza certificato, basti pensare ai corsi di gruppo con partecipazione regolare degli stessi partecipanti», fa presente. Chiediamo dunque al nostro interlocutore in che modo si stanno organizzando per consentire l’accesso alla sala fitness senza certificato. «Abbiamo la fortuna di avere ben 7 sale e l’idea è di creare un’apposita sala a circuito con attrezzi, con gruppi di massimo 30 persone che frequentano regolarmente lo stesso gruppo, per poter permettere alle persone che vogliono mantenersi in salute di poter comunque frequentare il centro», spiega. Facciamo notare che gli attrezzi vengono toccati da diverse persone. «Nei centri membri della Federazione svizzera dei centri fitness e di salute da sempre abbiamo dei disinfettanti a disposizione e norme d’igiene superiori a praticamente tutti gli altri settori economici, quindi l’igiene è garantita», risponde il titolare della struttura, spiegando che la volontà è quella di non discriminare nessuno. «Non vogliamo creare intolleranza tra chi ha scelto di sottoporsi al vaccino, che di fatto è una sostanza sperimentale, e chi no», aggiunge. La soluzione individuata potrebbe però apparire come una sorta di escamotage facciamo notare… «No, assolutamente, noi cerchiamo soluzioni che possano permettere a tutte le persone di tenersi in forma e ritengo che questo sia un diritto legittimo di ogni persona». Chiediamo al nostro interlocutore se non teme che altri titolari di palestre, una volta letta l’e-mail intitolata “Accesso senza pass” inviata dal suo centro, possano sentirsi infastiditi da quella che potrebbe apparire come concorrenza sleale. «Noi non lo facciamo per rubare clienti ad altri centri, al contrario, rischiamo di creare addirittura qualche polemica tra i nostri abbonati, infatti ho già ricevuto un’e-mail da una nostra cliente che richiede un rimborso dell’abbonamento perché voleva che l’accesso al centro fosse consentito solo a persone vaccinate», risponde.

‘Categoria discriminata’

La Federazione svizzera dei centri fitness e di salute, di cui Jürg Heim è delegato, è del parere che con l’obbligatorietà del pass Covid per l’accesso ai centri fitness la categoria venga discriminata. «È una misura che corrisponde a una chiusura parziale della nostra attività, perché c’è una parte della popolazione che non vuole sottoporsi al vaccino e tamponi, ma anche circa 200'000 persone in Svizzera che non possono per motivi di salute. I centri ricevono infatti delle disdette di abbonamento da parte di chi non è vaccinato o che non vuole esserlo», rileva Heim, che tiene a far presente che i centri fitness non sono fonte di contagio. «Anzi, il nostro settore contribuisce a una riduzione delle ospedalizzazioni e il Consiglio federale dovrebbe considerare quest’aspetto», conclude.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved