dramma-di-via-san-gottardo-la-difesa-chiede-il-proscioglimento
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Grigioni
4 ore

San Vittore: audit esterno e querele archiviate dalla Procura

Coira ha firmato due Decreti d’abbandono per la sindaca e un membro della Gestione denunciatisi a vicenda. Istituto analizzerà l’Amministrazione comunale
Mendrisiotto
5 ore

Eventi a Mendrisio, la Lista civica vuole la distinta

Il gruppo interroga la Città in nome della trasparenza. Alla lente società e contributi a fronte dell’ipotesi di tagliare mezzo milione
Ticino
5 ore

Il Conservatorio: ‘Formazione musicale, la politica ora agisca’

Nel Rapporto 2021 il direttore Brenner a 10 anni dal voto popolare ‘bacchetta’ per i ritardi. Medici: ‘Offriamo un’educazione di alta valenza formativa’
Mendrisiotto
6 ore

Uno scippo e poche rapine, ma più sfratti e atti giudiziari

La sicurezza tiene nella Regione I di Polizia nel Sud del Mendrisiotto. A mettere a dura prova i cittadini sono le difficoltà effetto della pandemia
Mendrisiotto
6 ore

Mendrisio, 45 consiglieri comunali bastano

Il gruppo Lega-Udc rilancia, per la terza volta, la mozione che chiede di abbattere il numero di membri del legislativo e delle commissioni
Ticino
6 ore

Capanne pronte ad accogliere gli escursionisti

L’offerta della Federazione alpinistica ticinese si è arricchita di altri ottanta posti letto
Ticino
6 ore

Il turismo rallenta, ma l’estate sarà ottima

Difficilmente si replicherà la stagione dello scorso anno, ma le prospettive restano positive per gli operatori del settore
Gallery
Bellinzonese
7 ore

Serravalle, in scena ‘Visioni di una battaglia in corso’

Il 26, 27 e 28 di maggio il Teatro Tan di Biasca ritornerà ad animare la fortezza bleniese con la pièce di Remo Binosi
Mendrisiotto
8 ore

Ospitava uno spacciatore e si faceva pagare in coca: condannato

Un 50enne del Mendrisiotto condannato per complicità all’infrazione aggravata alla Legge sugli stupefacenti. Come ‘affitto’ riceveva la sostanza.
Luganese
8 ore

Atti sessuali con fanciulli, ‘ora devo dirlo a mio marito’

Un 55enne è stato condannato per aver avuto rapporti con un 14enne, parente acquisito. ‘Doveva essere una figura di fiducia, ma si è rivelato l’opposto’
Locarnese
9 ore

Gambarogno, le autorità ricevono i neo 18enni (nel fortino)

Una ventina i giovani che hanno partecipato al tradizionale incontro
Luganese
9 ore

A Lugano va in scena il festival delle due ruote

Bike Emotions raddoppia con gare e attività varie sull’arco di quattro giorni a fine mese. Tra le novità, una pedalata in e-bike.
Luganese
9 ore

Vezia, il Municipio incontra i 18enni

Cerimonia con i neo-maggiorenni del paese ai quali il sindaco ha presentato il progetto “Laboratorio di Villaggio”
Locarnese
9 ore

Verzasca, incontro con Flavio Zappa a Castello Marcacci

Domani i luoghi dimenticati della valle al centro della conferenza dello storico, che parlerà anche del senso della memoria
Bellinzonese
9 ore

All’asta in Riviera mezzo quintale di canapa, ma è light

Proviene dall’attività di una società di Iragna fallita nel 2020. Il capo Sezione fallimenti: oggetti talvolta particolari, purché siano legali
Locarnese
9 ore

Ascona, promosso il progetto della copertura della Siberia

In Consiglio comunale l’idea di un tetto per la pista di ghiaccio ha raccolto unanime consenso
14.09.2021 - 18:58

Dramma di via San Gottardo, la difesa chiede il proscioglimento

L’avvocata Manuela Fertile fa leva sul principio in dubio pro reo e si batte per l’assoluzione del 40enne eritreo

In un processo bis fortemente indiziario, fa leva sul principio in dubio pro reo la difesa del 40enne eritreo accusato di avere ucciso la moglie spingendola giù dal balcone del quinto piano di una palazzina di via San Gottardo a Bellinzona, la sera del 3 luglio 2017. Davanti alla Corte di appello e di revisione penale presieduta dalla giudice Giovanna Roggero-Will, l’avvocata Manuela Fertile, patrocinatrice dell’imputato condannato in prima istanza a 16 anni di carcere per il reato di assassinio, ha chiesto il proscioglimento del suo assistito da tutti i capi d’accusa al termine di un’arringa che, così come fatto dal procuratore pubblico Moreno Capella (in mattinata il pp ha chiesto 18 anni di carcere), ha ricalcato in buona sostanza quanto sentito dalla Corte delle Assise criminali in occasione del dibattimento andato in scena al Tribunale penale cantonale lo scorso dicembre. La legale ha chiesto la scarcerazione immediata del suo assistito (dietro le sbarre da più di 4 anni) e un risarcimento di 267mila franchi per «l’ingiusto» periodo trascorso in prigione.

La difesa ha nuovamente sostenuto la tesi secondo cui la moglie, che aveva raggiunto il marito in Ticino nel marzo del 2017, si sia suicidata. «Si è trattato probabilmente di un insieme di motivi di natura psicologica – ha detto Fertile –. In Svizzera non aveva trovato la realtà che si immaginava: non conosceva la cultura, era senza amici, con un marito senza lavoro e che non voleva altri figli. Ha affrontato un aborto, l’epatite B che andava comunque curata, un marito inquisitore che minacciava di raccontare alla comunità eritrea il sospetto che la moglie lo tradisse. Era in una situazione di grande stress. Chi ci dice che non ha perso il controllo compiendo un gesto disperato? È possibile escludere con certezza che ciò non si sia verificato?», ha affermato Fertile rivolgendosi alla Corte.

Quanto alla perizia affidata dal procuratore pubblico Moreno Capella all’Istituto di medicina legale dell’Università di Berna (che agli occhi della pubblica accusa risulta un elemento fondamentale a prova della colpevolezza dell’uomo), Fertile ha esposto i propri dubbi, sostenendo che non ci siano sufficienti elementi oggettivi per una ricostruzione fedele. A cominciare, ha osservato, dall’esatta posizione del cadavere che sarebbe stato spostato dai soccorritori, e dal fatto che i test con il manichino (volti a determinare la ricostruzione della traiettoria del corpo in aria) non siano stati condotti dalla medesima altezza del balcone del quinto piano della palazzina di via San Gottardo.

Fertile ha poi contestato la tesi dell’accusa in merito alla posizione della donna sul terrazzo prima della caduta. Secondo la difesa, si sbaglia quando si dice che, prima di precipitare per 18 metri, la 24enne era seduta a cavalcioni sul parapetto del balcone (questo fatto non è contestato) contro la sua volontà. Secondo la legale il suo assistito non aveva nessun motivo per metterla in quella posizione prima di spingerla nel vuoto. Per la difesa le escoriazioni rinvenute sul corpo della donna – che l’accusa reputa compatibili con la posizione a cavalcioni e con il tentativo di aggrapparsi al parapetto per opporsi alle intenzioni dell’uomo – potrebbero essere riconducibili alla foga con cui la donna ha scavalcato il parapetto prima dell’atto estremo. La difesa non ritiene inoltre per niente credibili le testimonianze dei dirimpettai della coppia.

Questo processo, ha concluso l’avvocata riconoscendo tuttavia che la gelosia del suo assistito sia stato un movente servito su un piatto d’argento agli inquirenti, «non ha fornito sufficienti elementi. Il rischio – ha aggiunto rivolgendosi alla Corte – è di cercare di liberarsi da questa angoscia ritenendolo colpevole di assassinio. Sulla scorta degli indizi agli atti potete fare affermazioni di certezza sulla sua colpevolezza?».

Chiesti 50mila franchi per ciascuno dei due figli

Associandosi alla tesi accusatoria del pp Capella, l’avvocata Demetra Giovanettina – legale dell’accusa privata rappresentata dai due figli – ha chiesto la conferma della condanna per assassinio. «Era una donna forte e intelligente, volenterosa di integrarsi in Ticino», ha affermato, sottolineando come la 24enne «non avesse nessun motivo per suicidarsi». Oggi in aula l’imputato, ha continuato Giovanettina, «ha relativizzato il sentimento della gelosia», mentre in sede d’inchiesta «parla apertamente della sua insistenza, del desiderio di controllo sulla moglie e della sua testardaggine. È sorprendente la caparbietà con cui ha sempre negato ogni sua responsabilità nella morte della moglie. Il movente è chiaro: futile gelosia che avvelena la vita della famiglia già da qualche mese». Quanto ai due bambini, trasferitisi Oltralpe dopo i fatti, Giovanettina ha riferito che, dopo le difficoltà iniziali causate da un’elaborazione del trauma lunga e dolorosa, ora stanno un po’ meglio ma necessitano di intraprendere un percorso terapeutico per il quale l’imputato ha dato oggi il suo consenso. La legale ha infine chiesto che venga confermato un risarcimento di 50mila franchi per ognuno dei figli, così come sancito in prima istanza.

‘Vorrei che i miei figli sapessero che sono innocente’

«Piangerò per tutta la vita la madre dei miei figli – ha affermato l’imputato quando la giudice gli ha concesso la facoltà dell’ultima parola –. Sono innocente, non sono un bugiardo. Sono in pace con la mia coscienza. Vorrei solo che i miei figli sapessero che non sono stato io a uccidere la mamma», ha concluso l’uomo che anche in occasione del dibattimento chiusosi oggi non è riuscito a trattenere le lacrime.

La sentenza dovrebbe essere comunicata nel corso della prossima settimana.

Leggi anche:

‘Solo con una spinta poteva atterrare a 3,5 metri dal palazzo’

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
assassinio eritreo processo
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved