Milan
1
Salernitana
0
1. tempo
(1-0)
solo-con-una-spinta-poteva-atterrare-a-3-5-metri-dal-palazzo
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
1 ora

I Babbi Natale fanno rombare i motori

A Lugano si è svolta la tradizionale parata dei Santa Claus a bordo delle Harley Davidson
Locarnese
3 ore

Navigazione, ‘la Convenzione internazionale va disdetta’

Il consigliere nazionale Bruno Storni, e con lui tutta la deputazione ticinese, lo chiede con una mozione al Consiglio federale
Ticino
9 ore

‘Anche al Ticino serve una strategia climatica’

Lo chiede una mozione socialista, primo firmatario Ivo Durisch, che ricalca quanto fatto dai Grigioni e dal Cantone di Berna
Mendrisiotto
18 ore

Il moltiplicatore non si tocca, i balzelli causali sì

Per i cittadini di Mendrisio si annuncia un rincaro della tassa sul sacco (e non solo). Si monitorano i bisogni, che cambiano. L’analisi della Gestione
Ticino
19 ore

Altra ‘manif’ di protesta sabato a Bellinzona

Gli Amici della Costituzione sfilano contro gli inasprimenti decisi oggi dal Consiglio federale
Ticino
20 ore

Tassazione frontalieri, Roma dà luce verde alla ratifica

Il Consiglio dei ministri ha dato via libera all’esecuzione dell’accordo italo-svizzero. Un iter analogo è in corso a Berna
Bellinzonese
20 ore

Mercatino di Natale sulla piana di Ambrì

Appuntamento per mercoledì 8 dicembre sul piazzale esterno dello stadio multifunzionale
Luganese
20 ore

Lugano: tornano i corsi d’italiano per stranieri de ‘Il Centro’

Le lezioni dell’associazione, organizzate nell’ambito delle attività a favore dell’integrazione, si svolgeranno da febbraio a giugno 2022
Bellinzonese
20 ore

‘Music on Ice’ pronto a incantare i ticinesi

Lo spettacolo proporrà un viaggio nel tempo il 21 e 22 gennaio al Centro sportivo di Bellinzona
Luganese
20 ore

Tesserete: la Bottega del Mondo cambia orari sotto Natale

Durante il periodo festivo il negozio resterà aperto durante giorni e fasce orarie un po’ diversi dal solito
Luganese
20 ore

A Lugano l’acqua costerà il 20% in più. ‘Giù gli sprechi’

Un’interpellanza interpartitica chiede al Municipio di valutare l’introduzione di tasse progressive basate sul consumo domestico dell’oro blu
Luganese
20 ore

Lugano: ‘Al Conza attesa incredibile per il vaccino’

Lunghe code anche al freddo. ‘Tanti si sono presentati per la terza dose senza appuntamento’. Segnalata anche una carenza di personale sanitario
Luganese
21 ore

Lugano: aperture straordinarie dei negozi e mega show

In programma diverse aperture eccezionali dal 5 al 19 dicembre e lo spettacolo ‘Effimero & Balocchi di Huma Show’ il 16 dicembre
Bellinzonese
14.09.2021 - 14:460
Aggiornamento : 18:59

‘Solo con una spinta poteva atterrare a 3,5 metri dal palazzo’

Il procuratore pubblico Moreno Capella chiede 18 anni di carcere per il 40enne eritreo accusato di avere assassinato la moglie

Come in occasione del processo in primo grado, il procuratore pubblico Moreno Capella ha chiesto 18 anni di carcere per il 40enne eritreo accusato di aver ucciso la moglie spingendola giù dal balcone del quinto piano di una palazzina di via San Gottardo a Bellinzona, la sera del 3 luglio 2017. Dopo essere stato condannato per il reato di assassinio a una pena detentiva di 16 anni dalla Corte delle Assise criminali lo scorso 23 dicembre, l’uomo – da sempre professatosi innocente sostenendo che la moglie 24enne si sia suicidata e che lui abbia semmai tentato di salvarla – ha impugnato la sentenza ed è quindi tornato in aula questa mattina di fronte alla Corte di appello e di revisione penale di Locarno presieduta dalla giudice Giovanna Roggero-Will.

«Un caso difficile e complesso – ha esordito il pp Capella durante la sua requisitoria, sottolineando la natura fortemente indiziaria del processo –. Ma a seguito del lavoro svolto dagli specialisti, possiamo giungere a una situazione chiara e lampante». Nel corso di un intervento decisamente più breve rispetto alle sei ore dello scorso dicembre, Capella si è in particolare soffermato sulle conclusioni della perizia affidata all’Istituto di medicina legale dell’Università di Berna. Una lunga serie di accertamenti, dal punto di vista tecnico-scientifico (compresi test con dei manichini), ritenuti un elemento fondamentale a sostegno della tesi accusatoria e che secondo il pp minano l’attendibilità della versione dell’imputato. «I periti concludono che la vittima non hai raggiunto la velocità necessaria (almeno 6,8 km/h, ndr) per coprire la distanza orizzontale che separa il parapetto dalla posizione in cui è stato ritrovato il corpo (3,56 metri, ndr)». In sostanza, ha aggiunto il pubblico magistrato, se le cose fossero andate come racconta l’imputato, il corpo della donna avrebbe impattato al suolo a soli 1,3 metri di distanza dal muro del palazzo. «Un elemento che certamente ci permette di dire che la sua ipotesi è impossibile nella sua realizzazione». Un altro elemento, ha continuato Capella, è la dinamica del corpo in volo: «Se la posizione di partenza della donna fosse quella descritta dall’imputato (a cavalcioni sul parapetto, ndr), per atterrare al suolo con le mani protese in avanti la vittima avrebbe dovuto compiere volontariamente durante la caduta una sequenza di movimenti coordinati, come una tuffatrice». Il pp ha poi evidenziato altri indizi che rendono «la versione dell’imputato molto poco probabile se non impossibile», come le «importanti linee escoriate sulla gamba e sul braccio della vittima, compatibili con la posizione a cavalcioni e con il tentativo di aggrapparsi al parapetto per opporsi a un evento a lei avverso», le testimonianze dei vicini circa la discussione animata prima della caduta, i comportamenti minacciosi dell’imputato in soggiorno (compresa la minaccia con un coltello), il fatto che quest’ultimo abbia chiuso a chiave delle porte (compresa quella della stanza in cui si trovavano i due figli), la rottura dell’osso ioide della donna «non provocata dalla caduta ma dal tentativo di strangolamento dell’imputato» e il comportamento dell’uomo appena dopo la caduta. «Ha atteso almeno cinque minuti prima di scendere sul piazzale. Cinque minuti nei quali risponde al telefono, nasconde il coltello e non chiama i soccorsi».

Il pp è poi arrivato al movente: «Il motivo per cui ha agito, asserito durante l’inchiesta, ribadito in primo grado e anche oggi è la presunta infedeltà della moglie». La gelosia dell’uomo era alimentata dal fatto che la donna avesse contratto l’epatite B a causa di un rapporto sessuale (in realtà la malattia era cronica e aveva origini remote) e che potesse essere incinta nonostante le rassicurazioni della dottoressa della moglie.

L’ipotesi del suicidio sostenuta dalla difesa, per Capella non trova alcun riscontro. «Nessun testimone ha raccontato di una vittima che soffriva di depressione o in preda di propositi suicidali. C’è da chiedersi perché dopo la lite del 29 maggio l’ha lasciata da sola in casa se aveva paura che si suicidasse».

La sera del 3 luglio 2017, ha concluso il pp, «l’imputato ha agito con un movente particolarmente perverso, futile e infondato, afferrando la moglie, sollevandola e spingendola giù dal balcone».

Nel corso del pomeriggio prenderanno la parola le avvocate Demetra Giovanettina (rappresentante dell’accusa privata) e Manuela Fertile, patrocinatrice dell’imputato.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved