ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
4 ore

‘Dovete osare, la possibilità di fare bene è concreta’

Le elezioni cantonali e il Congresso del Centro, il presidente Dadò sprona candidati e candidate a scendere in campo. Ovvero, a fare campagna
Ticino
7 ore

‘Approfondiremo il tema, ma così su due piedi sono scettico’

Speziali dice la sua sulla congiunzione delle liste con l’Udc per le ‘federali’. Per il presidente Plr: ‘Differenze piuttosto evidenti tra i due partiti’
Bellinzonese
10 ore

‘Fin lì era filato tutto liscio, poi la bottigliata in testa’

Per il sindaco di Cadenazzo Marco Bertoli, il battibecco di Carnevale sarebbe nato da una sigaretta accesa all’interno del capannone
Bellinzonese
14 ore

Coriandoli ma non solo: a Cadenazzo volano pure pugni e calci

Prima serata di bagordi carnascialeschi segnata da una persona ferita al capannone. Il presidente: ‘Episodio fortunatamente isolato e circosrcritto’
Locarnese
19 ore

Brissago, il bando di pesca finisce imbrigliato nelle reti

Il Tribunale amministrativo concede l’effetto sospensivo al ricorso di un professionista che contesta l’ampliamento dell’area inizialmente concordata
Luganese
1 gior

‘Spetta agli organizzatori gestire i propri rifiuti’

Il Municipio risponde a un’interrogazione in cui si questionava sull’impatto ambientale delle manifestazioni pubbliche
Luganese
1 gior

Lac, bilancio condizionato dalla pandemia del Covid

L’ente culturale fa segnare un leggero utile d’esercizio, i conti in Consiglio comunale
Bellinzonese
1 gior

Bodio: riprendono i mercatini benefici dell’Associazione Alessia

A partire da mercoledì 1 febbraio nello stabile ex Monteforno
Ticino
1 gior

Città dei mestieri, ‘un punto centrale, ora bisogna irradiarsi’

Presentato il bilancio del terzo anno: in continua crescita gli utenti alla ricerca di informazioni su formazione professionale e mondo del lavoro
Mendrisiotto
1 gior

Truffe per almeno due milioni di franchi: venti mesi sospesi

Condannato alle Assise correzionali di Mendrisio un 67enne per fatti avvenuti tra il 2012 e il 2014. Danneggiate oltre 19 persone.
Bellinzonese
1 gior

Porte aperte alle Scuole Santa Maria di Bellinzona

Giovedì 9 febbraio possibilità di assistere alle lezioni e incontrare i docenti di scuole elementari e medie
Luganese
1 gior

Gli orologi... del crimine, confiscati e messi all’asta

Rolex, Cartier, e una quantità di monili a un incanto giudiziario a Rivera
Ticino
1 gior

Ufficio anziani e cure a domicilio, nominato Daniele Stival

Prende il posto di Francesco Branca, in pensione dopo una lunga carriera. La nomina è stata decisa nella riunione di mercoledì dal Consiglio di Stato
13.09.2021 - 18:12
Aggiornamento: 18:27

Quartiere Officine, ‘uffici cantonali preferiti all’innovazione?’

Con un’interrogazione il consigliere comunale Matteo Mozzini sollecita maggiore attenzione per i contenuti tecnologici del futuro comparto

quartiere-officine-uffici-cantonali-preferiti-all-innovazione

Nuovo Quartiere Officine: “Il Municipio di Bellinzona preferisce destinare le superfici a stabili amministrativi cantonali o ad attività coerenti con la vocazione tecnologica e innovativa del comparto, come formazione e ricerca?”. La domanda è del consigliere comunale Matteo Mozzini (Plr): attraverso un’interrogazione formula alcune considerazioni nell’ottica della pianificazione del sedime che sarà lasciato libero con il trasferimento a Castione dell’attuale stabilimento industriale. Circa la metà dei 120mila metri quadrati del comparto (oggi interamente di proprietà Ffs) passerà a Cantone e Città per la realizzazione di contenuti d’interesse pubblico, in particolare un polo dell’innovazione, oltre a servizi amministrativi, di ricerca e formativi. L’altra metà sarà edificata dalle Ffs con aree commerciali nonché edifici residenziali e amministrativi. Per Mozzini appare discutibile l’inserimento di stabili amministrativi nella superficie a disposizione di Città e Cantone. Parlando di grandi opportunità e quindi anche di importanti responsabilità, per davvero creare un polo tecnologico con condizioni quadro favorevoli all’innovazione, l’esponente del Plr ritiene “essenziale che vi sia pertinenza tra vocazione e contenuti, ovvero che l’assetto pianificatorio preveda l’insediamento di stabili e attività che siano funzionali e coerenti con i centri di competenza del polo”. In un’intervista pubblicata dalla ‘Regione’ lo scorso 12 febbraio, lo stesso Mozzini, parlando in qualità di vicedirettore del Centro professionale tecnico (Cpc) di Bellinzona in seno al quale operano Scuola d’arti e mestieri (Sam), Spai (apprendisti) e Scuola specializzata superiore di tecnica, aveva espresso il desiderio di trasferire la Sam (attualmente in viale Franscini) nel nuovo Quartiere Officine. “Quali attività di formazione e ricerca – torna oggi alla carica il consigliere comunale – sono attualmente prese in considerazione per affiancare in loco il parco dell’innovazione/polo tecnologico a favorirne lo sviluppo?”.

Considerata “la portata epocale delle riflessioni e decisioni strategiche così come delle loro conseguenze sul futuro della capitale – scrive ancora Mozzini nell’interrogazione – è importante che il Consiglio comunale conosca idee e posizioni che il Municipio, per il tramite dei suoi delegati, propone e difende in seno agli organi di coordinamento” della Convenzione stipulata tra Cantone e Città con l’obiettivo di allestire un assetto pianificatorio del comparto che permetta l’insediamento dello Switzerland Innovation Park Ticino, del Tecnopolo Ticino e di altri contenuti di interesse pubblico. Riferendosi alla fase di pianificazione finalizzata a definire la ripartizione della superficie utile lorda per l’elaborazione della variante di Piano regolatore, Mozzini chiede dunque quali proposte di contenuti sostengano i delegati del Municipio.

A supporto della proposta di fondo di focalizzarsi in primo luogo sui contenuti legati all’innovazione e alla formazione, Mozzini cita anche il futuro semi-svincolo autostradale che trasformerà il comparto Tatti nella nuova ‘porta viaria’ di Bellinzona. Proprio in questa zona, fa notare il consigliere comunale, “sono stati edificati i più recenti e grandi uffici dell’amministrazione cantonale. Si tratta di un intelligente riposizionamento del baricentro dell’amministrazione”.

Si parla anche di Liceo, Scuola cantonale di commercio e Supsi

L’idea di Mozzini di trasferire la sede della Sam risulta un’alternativa alla mozione interpartitica, presentata in Consiglio comunale nel novembre del 2020, che suggerisce di spostare nel Quartiere Officine il Liceo o la Scuola cantonale di commercio. La proposta del vicedirettore del Cpc aveva attirato anche l’interesse del Gran Consiglio. È infatti ancora pendente anche la mozione interpartitica (primo firmatario Fabio Käppeli) sottoscritta lo scorso febbraio da una ventina di deputati che chiede al Consiglio di Stato di programmare il raggruppamento di attività formative a carattere tecnologico attorno allo Swiss Innovation Park e al Tecnopolo Ticino, pianificando nel nuovo Quartiere Officine il trasferimento di tutto il Centro professionale tecnico di Bellinzona e l’espansione del Dipartimento tecnologie innovative della Supsi.

Leggi anche:

L’Arti e mestieri, e non il Liceo, nel Quartiere Officine

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved