l-arti-e-mestieri-e-non-il-liceo-nel-quartiere-officine
La storica sede dell'Arti e mestieri in viale Franscini a Bellinzona (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
10 min

Il Plr di Lumino in assemblea

La seduta si terrà giovedì 27 gennaio alle 20 nella palestra comunale. Obbligatori certificato Covid 2G e mascherina
Bellinzonese
19 min

Pistole, coltelli e minacce da gangster

La Corte delle Assise criminali di Bellinzona ha condannato a quasi tre anni un 32enne per estorsione aggravata, truffa e infrazione alla legge sulle armi
Bellinzonese
28 min

Auto in fiamme a Camorino, nessun ferito ma disagi al traffico

È accaduto intorno alle 14 su via Tirada. Il conducente e la passeggera, vedendo del fumo uscire dal vano motore, hanno abbandonato il veicolo in tempo
Mendrisiotto
38 min

Morbio Inferiore festeggia un nuovo centenario

Nino Albisetti, assieme ai due figli, ha accolto nella sua casa la sindaca Claudia Casanova per un brindisi e alcune curiosità sul paese
Ticino
39 min

Aperte le iscrizioni alla scuola per cure infermieristiche

Il termine per inoltrare la richiesta di ammissione è fissato per il 28 febbraio. Organizzati alcuni incontri informativi
Locarnese
51 min

Orari Fart, anche l’Astuti chiede il ritorno alla carta

Locarnese, stando all’associazione utenti dei trasporti pubblici sarebbe stata opportuna una transizione a tappe
Luganese
1 ora

Caslano, ristrutturato l’ufficio postale

Creati nuovi spazi funzionali a riunire le prestazioni fisiche e quelle digitali rivolte alla consulenza e all’accompagnamento della clientela
Gallery
Bellinzonese
2 ore

Faido, riuscita la festa sportiva sul ghiaccio

Un successo la prima edizione del quadrangolare di hockey amatoriale voluto per animare un cartellone invernale orfano di carnevali e (per ora) di neve
Ticino
4 ore

Telefonate dai falsi poliziotti: una vittima nel Mendrisiotto

La Polizia cantonale riporta numerose segnalazioni di tentate truffe telefoniche volte a estorcere o sottrarre con l’inganno grosse somme alle vittime
Locarnese
5 ore

L’ambasciatrice di Polonia in visita a Losone

Le autorità comunali hanno accolto Iwona Kozłowska, per discutere delle celebrazioni degli 80 anni dalla costruzione della Strada dei polacchi
Locarnese
5 ore

Il semaforo del CO2: col rosso ‘scatta’ la ventilazione

In tutte le aule delle scuole comunali di Locarno posati i sensori che registrano il tenore dell’anidride carbonica
Locarnese
5 ore

Premio Dalcol 2021 all’associazione ‘Nella Casa del Padre mio’

L’associazione opera a favore della gioventù bisognosa in Ghana. A ritirare il riconoscimento è stato il medico dentista Luca Cheda con la moglie Adelia
Ticino
5 ore

In Ticino +14 pazienti Covid e nessun decesso. Contagi in calo

Continua per il quinto giorno di fila la diminuzione dei casi giornalieri. Due persone in meno in cure intense. 25 i positivi in casa anziani in 72 ore
Mendrisiotto
5 ore

Ente turistico e Football club Chiasso assieme per la regione

Collaborazione tra Ort Mendrisiotto e Basso Ceresio e la squadra di calcio per incrementare la promozione del territorio
Locarnese
10 ore

Verzasca, fiume e foce limacciosi: si aspetta la pioggia

Sono visibili le prime e inevitabili conseguenze ambientali dello svuotamento della diga lungo il greto del fiume, fino alla foce
Mendrisiotto
10 ore

A Stabio i giovani aiutano a trovare casa al loro Spazio

Il Municipio ha convocato una Commissione. Da 19 anni il Centro condivide con i ragazzi attività ed esperienze
Ticino
10 ore

‘Specialisti utili alla ricerca e all’economia elvetiche’

Il Consiglio di Stato: sì all’ammissione agevolata sul mercato del lavoro degli stranieri di Stati terzi con master o dottorato conseguito in Svizzera
 
12.02.2021 - 06:000
Aggiornamento : 25.03.2021 - 12:00

L’Arti e mestieri, e non il Liceo, nel Quartiere Officine

Bellinzona: secondo il vicedirettore della Sam lo storico istituto tecnico si affiancherebbe idealmente alla Supsi e allo Swiss Innovation Park

Tecnologia chiama tecnologia. Visto che nel nuovo Quartiere Officine di Bellinzona è previsto l’insediamento dello Swiss Innovation Park, «ritengo che la scuola di grado post-obbligatorio che meglio vi si affiancherebbe sia l’Arti e mestieri». L'istituto nella sede in viale Franscini offre una formazione a tempo pieno quadriennale nelle professioni di elettronico, operatore in automazione, polimeccanico e progettista meccanico. L’auspicio affinché il Cantone favorisca un suo trasloco strategico arriva da Matteo Mozzini, vicedirettore del Centro professionale tecnico in seno al quale operano Sam, Spai (apprendisti) e Scuola specializzata superiore di tecnica. La sua è un’alternativa alla mozione interpartitica, presentata in Consiglio comunale lo scorso novembre, che suggerisce di spostare nel Quartiere Officine il Liceo o la Scuola cantonale di commercio, oggi in zona Torretta lontano dalla stazione. «La mozione – spiega Mozzini alla ‘Regione’ – ha il pregio di portare la scuola nel dibattito politico della capitale, ma affronta il tema partendo da una necessità edificatoria contingente, ovvero l’imminente ristrutturazione del Liceo, anziché da un’analisi erudita e specialistica dell’ambito formativo».

E se a Viganello manca spazio...

Il punto focale a suo dire è proprio il previsto insediamento nel Quartiere Officine dello Swiss Innovation Park: «Non si tratta di un’azienda tecnologica o di una regia federale che si trasferisce a Bellinzona portando lavoro e benessere, bensì di un’offerta di spazi e condizioni di lavoro flessibili (uffici, laboratori, officine, aree comuni, ecc.) che si prefigge di avvicinare e far collaborare tra loro aziende, ricerca privata e pubblica e formazione». Secondo il vicedirettore non sorprende quindi che la Supsi abbia da tempo manifestato il proprio interesse per il progetto, vista la sua specificità formativa e di ricerca in ambito tecnologico. Ma non solo. Infatti poiché «già adesso emerge una carenza di spazi nel nuovo Campus di Viganello causata dal costante aumento del numero di studenti e di corsi, è facile immaginare quale possa essere il futuro sbocco dell’ateneo ticinese». Mozzini ne è convinto: «Una simile prospettiva offre a Bellinzona l’opportunità di creare, accanto al parco dell’innovazione, un autentico polo formativo in ambito tecnologico, integrando nel progetto l'Arti e mestieri che rappresenta un caposaldo storico della formazione tecnica del nostro cantone».

Favorire una collaborazione più stretta

Ma a parte l’affinità tecnologica, chiediamo andando più nel dettaglio, quali sono le argomentazioni a sostegno di una convergenza dei due livelli scolastici e formativi? Sono davvero così intimamente legati? «La vocazione dell’Arti e mestieri – evidenzia Mozzini – è fornire ai propri studenti un’estesa formazione tecnica, scientifica e umanistica, garantendo al Dipartimento delle tecnologie innovative della Supsi, con il quale condivide i settori d’attività della meccanica, dell’elettronica e della produzione industriale, un bacino privilegiato cui attingere gli ingegneri del futuro». Da qui la convinzione che avvicinando fisicamente le due eccellenze formative «si favorirebbe una collaborazione più stretta ed efficace nell’ambito delle aree disciplinari di comune interesse, condividendo e sfruttando al meglio le risorse umane, logistiche e finanziarie a disposizione». Sul piano pratico gli studenti dei due istituti «potrebbero collaborare su progetti innovativi, realizzando nei laboratori della formazione di base ciò che viene immaginato e sviluppato nella formazione superiore o nelle aziende presenti sullo stesso sedime».

Opportunità per docenti e ingegneri

La prossimità porterebbe belle opportunità anche per docenti e ingegneri: «Il transfer di conoscenze e l’aggiornamento tecnologico sarebbero assicurati dalla condivisione del capitale umano, ovvero da quei tecnici e ingegneri che a seconda delle necessità vestirebbero i panni di ricercatore, docente di teoria o insegnante di attività pratica». Peraltro i vantaggi andrebbero oltre la logica formativa, perché lo spostamento dell’Arti e mestieri «libererebbe spazi molto interessanti per i servizi del Cantone». In effetti l’attuale sede della Sam si trova nel comparto Tatti che il futuro semi-svincolo autostradale trasformerà nella nuova ‘porta viaria’ di Bellinzona. Mozzini è dell’opinione che si potrebbero così creare due comparti ben definiti: Tatti, votato all’amministrazione cantonale e ai servizi d'importanza regionale, razionalmente ubicato alle porte della capitale per essere facilmente e rapidamente raggiungibile dalla cittadinanza; e Quartiere Officine, incentrato sull’innovazione e la tecnologia, «la cui valenza sovra-cantonale lo situa logicamente a ridosso della stazione ferroviaria, ottimamente collegata al resto della Svizzera».

Lungimiranza delle autorità

Il tema è anche molto politico-strategico. E una spinta dal basso, dal Legislativo cittadino, potrebbe in effetti contribuire ad aprire una via concretamente praticabile. Mozzini ne è persuaso: «Poiché le autorità cantonali e comunali si sono sin qui dimostrate abili e lungimiranti nel portare a Bellinzona il Parco dell’innovazione, confido che siano altrettanto capaci e avvedute nel garantire gli spazi necessari al suo sviluppo futuro e nel definire le attività pertinenti da affiancargli». In questo senso il messaggio che arriva dal vicedirettore è chiaro: «Il Consiglio comunale continui a dibattere di formazione, ma punti deciso su innovazione e tecnologia proponendo di spostare nel nuovo quartiere officine la giusta scuola, ovvero l’Arti e mestieri, non il Liceo».

Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved