caserma-dei-pompieri-allagata-a-causa-di-un-evento-straordinario
Danni per 1'900 franchi
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
11 min

Meditazione, silenzio e riflessioni al Convento del Bigorio

Nel mese di febbraio ci saranno tre appuntamenti. Il primo è dedicato a un aspetto della figura di S. Francesco d’Assisi
Bellinzonese
17 min

Italia, multata l’azienda che aveva chiesto foto in costume

La multa per l’annuncio di lavoro di una società di Napoli che cercava una receptionist è stata inflitta dall’Ispettorato nazionale del lavoro
Locarnese
56 min

Il presidente della Confederazione in visita da Rabinowicz

Nel Giorno della Memoria, Ignazio Cassis ha raggiunto nel suo domicilio di Locarno il 97enne artista, reduce dai campi di sterminio nazisti
Ticino
1 ora

Prestazione ponte Covid, il Governo propone la proroga

Il Messaggio del Consiglio di Stato recepisce gli auspici del Gran Consiglio chiedendo la proroga degli aiuti di almeno 6 mesi con effetto retroattivo
Luganese
1 ora

Paradiso, un corso per i giovani tiratori

Lo organizza la società San Salvatore e si rivolge a ragazzi e ragazze svizzeri nati tra il 2004 e il 2007
Bellinzonese
1 ora

‘Le mille e una notte’ sul palco dell’oratorio di Bellinzona

Il 4 febbraio saranno di scena nell’ambito della rassegna Minimusica gli attori di Storie di Scintille
Grigioni
1 ora

I fondisti (giovani e adulti) si sfidano a San Bernardino

Domenica mattina gara sul circuito di Fornas. La pista sarà poi nuovamente aperta al pubblico da mezzogiorno
Ticino
1 ora

In Ticino contagi in calo, pazienti Covid stabili e zero decessi

Restano 166 le persone positive al Covid in ospedale, una più nei reparti di cure intense dove sono 15 le persone con complicazioni più gravi da Covid
Ticino
2 ore

Torna la processionaria: come riconoscerla e come proteggersi

Osservati i primi nidi della farfalla le cui larve danneggiano gli alberi e possono causare infiammazioni cutanee e allergie a persone e animali
13.09.2021 - 12:420
Aggiornamento : 18:35

Caserma dei pompieri allagata a causa di ‘un evento straordinario’

Il Municipio di Bellinzona sul nubifragio dell’8 luglio: ‘Non sono emerse responsabilità riconducibili al precedente risanamento’

“L’entità dei danni cagionati dalle infiltrazioni d’acqua ammonta a 1'900 franchi così composti: 700 franchi per la sostituzione/riparazione delle apparecchiature danneggiate e 1'200 per la riparazione e il ripristino dell’impianto di rilevazione incendi”. Questa la conta dei danni alla caserma dei pompieri di Bellinzona, dove – precisa il locale Municipio rispondendo a un’interrogazione dei consiglieri comunali Emilio Scossa-Baggi e Gabriele Pedroni (Ppd-Gg) – “non sono stati danneggiati mezzi o apparecchiature di pronto intervento” in occasione del nubifragio con grandine che lo scorso 8 luglio ha colpito in particolare il Bellinzonese allagando in maniera importante lo stabile.

Altri episodi simili senza criticità

Si è però trattato, si legge nella risposta, di un evento straordinario. “Le cause sono riconducibili alla straordinaria grandinata combinata a un picco di 16,2 mm di pioggia sull’arco di 10 minuti. La presenza di un grosso quantitativo di grandine nei compluvi ha ostacolato il deflusso dell’acqua nei pluviali e dai troppopieni di sicurezza”, scrive l’esecutivo, che precisa che “dagli accertamenti effettuati non sono emerse responsabilità riconducibili all’operato di ditte o progettisti” che due anni fa hanno provveduto al risanamento del tetto della caserma. Il Municipio ricorda infatti che in due occasioni di picchi di pioggia superiori ai 15mm in 10 minuti (17 agosto 2020 e 7 agosto 2021) non sono state evidenziate criticità nel sistema di smaltimento delle acque meteoriche.

Previsti interventi di miglioria di poca entità

Si sottolinea poi che “l’infiltrazione è stata immediatamente gestita e prontamente ripristinata, in nessun momento è venuta a mancare la prontezza di intervento del Corpo pompieri” (ricordiamo che quel giorno i pompieri erano già molto sollecitati da un’ottantina di chiamate in poche ore per richiesta di interventi di soccorso legati proprio ad allagamenti e cadute di alberi). Tuttavia, per scongiurare il ripetersi di situazioni simili in futuro, l’esecutivo annuncia che “i quattro troppopieni posti in testata ai compluvi saranno ingranditi con un intervento di miglioria di poca entità”.

Centro di pronto intervento: ‘Valutazioni ancora in corso’

Da tempo immemore, scrivevano nell’interrogazione i due consiglieri comunali, “si sollecita da più parti il Comune per la realizzazione di un Centro di pronto intervento che raggruppi almeno alcuni dei principali Enti di soccorso: pompieri in particolare, Croce Verde, Polizia comunale, Protezione civile, ecc., progetto sempre rimandato nel tempo di cui, malgrado le periodiche rassicurazioni dell’Esecutivo, ancora non si intravede uno sbocco”. A questo proposito il Municipio risponde che “come noto valutazioni e approfondimenti sono in corso, con il coinvolgimento di Amb (anch’essa alla ricerca di nuovi spazi) e gli altri enti di pronto intervento”. Quanto alle tempistiche, viene aggiunto, “considerando le difficoltà nell’individuare un terreno adatto e gli ingenti costi di realizzazione, allo stato attuale non è possibile dare indicazioni precise”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved