ULTIME NOTIZIE Cantone
Muralto
2 min

Corso di cajon con la Scuola di musica

Cinque sedute per apprendere l’uso di questo strumento musicale con la Sam. Lezioni al via il 9 febbraio
Mendrisiotto
20 min

Laveggio in... bianco: c’è finita della polvere d’argilla

Sul posto Pompieri e tecnici del Dipartimento del territorio: sospesi i lavori in un cantiere a Stabio. I pescatori vigilano
Locarnese
25 min

A Intragna le pratiche postali si fanno al San Donato

Dal primo febbraio la Casa anziani accoglierà, all’entrata, la filiale della Posta. Un’insolita collaborazione che animerà, ulteriormente, l’istituto
Locarnese
42 min

Lungo il ‘Maschinenweg’ la strada della gestione si divide

A Ronco s/Ascona vi sono due rapporti sul credito di 100mila franchi necessario alla sistemazione del sentiero antincendio che taglia il pendio
Luganese
49 min

Collina d’Oro si avvicina ai 5’000 abitanti

Importante aumento (+110 persone) di popolazione nel 2022, grazie esclusivamente al saldo migratorio e in larga parte all’accoglienza degli ucraini
Luganese
55 min

Esce di strada e sbatte contro un rimorchio, è grave un 76enne

Incidente intorno alle 13.30 a Villa Luganese. Probabilmente un malore alla base della perdita di controllo del veicolo
Bellinzonese
1 ora

Quasi mille abitanti in più a Bellinzona

Nel 2022 sono stati registrati 3’098 arrivi e 2’315 partenze, 360 nascite e 377 decessi. La popolazione è formata da 198 nazionalità diverse
Luganese
3 ore

L’ambasciatrice svizzera a Roma sarà ospite a Lugano

Monika Schmutz Kirgöz sarà la protagonista della seconda serata del ciclo ‘Incontri diplomatici’ al Consolato generale d’Italia
Luganese
4 ore

A Lugano tornano i corsi di italiano per stranieri

La prossima serie di lezioni è prevista tra febbraio e giugno. Organizza l’Associazione Il Centro, nella propria sede di via Brentani
Luganese
4 ore

Salute e salvezza spirituale, un convegno a Lugano

Nell’era post-pandemica, quale il ruolo della Chiesa? Se ne parlerà l’11 febbraio alla Biblioteca cantonale. Seguiranno rinfresco e visita a una mostra
Mendrisiotto
4 ore

Ai nastri di partenza il Carnevale di Genestrerio

I bagordi di Zenebritt si terranno domenica 5 febbraio, con musica, pranzo in compagnia e giochi
12.07.2021 - 11:48
Aggiornamento: 16:31

Nel nubifragio pompieri costretti a soccorrere se stessi

La caserma di Bellinzona ha subìto un importante allagamento. Scatta l'interrogazione di Scossa-Baggi e Pedroni (Ppd-GG) sul nuovo Centro di pronto intervento

nel-nubifragio-pompieri-costretti-a-soccorrere-se-stessi
Foto d'archivio (Ti-Press)

I pompieri sono stati chiamati a soccorrere... se stessi. Sembra una battuta ma non lo è. Come riferito nell'interrogazione dei consiglieri comunali di Bellinzona Emilio Scossa-Baggi e Gabriele Pedroni del gruppo Ppd-Gg, il nubifragio con grandine che giovedì scorso ha colpito in particolare il Bellinzonese ha allagato in maniera importante la caserma dei pompieri. Pompieri già molto sollecitati da un'ottantina di chiamate in poche ore per richiesta di interventi di soccorso legati proprio ad allagamenti e cadute di alberi. "È contestualmente paradossale come la caserma stessa dei pompieri, a cui appena 2 anni prima era stata rifatta la copertura, ha subito un importante allagamento", scrivono i consiglieri comunali. "Conseguenza immediata di questo evento è pure stata la messa fuori esercizio dell’impianto elettrico della caserma stessa e della centralina telefonica interna, con danni ai Pc e rendendo inservibili alcune apparecchiature elettroniche, mettendo in seria difficoltà l’operatività del Corpo pompieri in un momento in cui, come detto, era molto sollecitato (dovendo oltretutto nell’urgenza dedicare preziose risorse innanzitutto al proprio interno!)", si legge nell'interrogazione.

In attesa del Centro di pronto intervento

Da tempo immemore, scrivono i consiglieri comunali "si sollecita da più parti il Comune per la realizzazione di un Centro di pronto intervento che raggruppi almeno alcuni dei principali Enti di soccorso: pompieri in particolare, Croce verde, Polizia comunale, Protezione Civile, ecc., progetto sempre rimandato nel tempo di cui, malgrado le periodiche rassicurazioni dell’Esecutivo, ancora non se ne intravvede uno sbocco! Alla fatiscente caserma dei Pompieri, ad esempio, erano state messe delle pezze per un importo non indifferente. Nel corso dell’ultimo Consiglio Comunale sono stati votati importanti crediti per “eseguire opere (rappezzi) che non potevano, per decenza, essere ancora rimandate” alla sede della Polizia comunale che, in tutta evidenza, è costretta ad agire da una base logistica scarsamente adeguata e funzionale. Da parte sua, la Croce Verde sollecita da tempo un’indicazione per capire e/o poter programmare il suo futuro sviluppo logistico, avendo ora una sede ai limiti della funzionalità".

Alla luce di queste considerazioni, i consiglieri comunali chiedono dunque quali danni ha subìto la caserma, e i mezzi e le apparecchiature d’intervento, in relazione al nubifragio in oggetto ed in particolare quali sono state le cause dell’allagamento della stessa. "Vi sono delle responsabilità legate alle ditte che hanno provveduto alle recenti opere di risanamento della caserma? Se sì, di che tipo?". Inoltre viene chiesto se la situazione alla caserma è stata correttamente ripristinata e se ora è escluso "il rischio che eventi del genere possano determinare logisticamente l’imbarazzante ed inaccettabile “disguido” degli scorsi giorni?". Infine i consiglieri comunali chiedono al Municipio se non ritiene che sia "tempo e ora di dare una concreta accelerata al progetto della realizzazione del Centro di pronto intervento come (da ormai lungo tempo) auspicato". In caso affermativo "quale tempistica si prospetta per poter disporre di un’indicazione definitiva perlomeno sul luogo di realizzazione Centro di pronto intervento della Città (sulla base di progetti e non solo parole e di promesse elettorali)?".

Leggi anche:

Maltempo in Ticino, pioggia, grandine e strade interrotte

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved