frana-di-gudo-situazione-critica-ma-sotto-controllo
A sinistra come si presentava il versante dopo il crollo del 5 dicembre. A destra come si presenta la situazione ora, con detriti scesi maggiormente a valle
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
8 ore

Lega dei Ticinesi, Consiglio esecutivo al completo

Agli eletti in Cds e al Nazionale, si aggiungono Sabrina Aldi, Massimiliano Robbiani, Patrizio Farei e Alessandro Mazzoleni
Locarnese
10 ore

Gordola, ‘Littering: quando si passerà dalle parole ai fatti?’

Con un’interrogazione al Municipio, il Plr chiede se quanto pianificato per combattere il fenomeno sia stato attuato, altrimenti quando
Ticino
10 ore

Referendum sulla giustizia, votano anche gli italiani all’estero

Il plico con il materiale di voto arriverà per posta entro il 25 maggio a tutti gli iscritti alle anagrafi consolari
Ticino
10 ore

È attivo il Centro tumori cutanei complessi dell’Eoc

Il cancro della pelle è in costante aumento in tutto il mondo. Diagnosi e cura sono ora più efficaci e i tassi di mortalità in calo
Ticino
11 ore

Il futuro energetico al centro dell’assemblea dei fiduciari

I lavori inizieranno domani alle 16 presso Villa Negroni di Vezia, sede dell’istituto di formazione professionale del settore
Locarnese
11 ore

Orselina, i maggiorenni festeggiati dal Municipio

Dopo due anni di attesa, l’esecutivo ha potuto tornare a omaggiare i 18enni del Comune con una visita alla Madonna del Sasso
Luganese
11 ore

Il tempo libero lungo la Tresa

Analizzato da uno studio della Supsi, presentazione a Ponte Tresa
Locarnese
11 ore

Verzasca e Piano, torna la rassegna gastronomica

Dallo scorso 20 maggio, è partita la manifestazione mangereccia dedicata a prodotti locali e piatti della tradizione. Coinvolti undici ristoranti.
Luganese
12 ore

Fienile distrutto dalle fiamme ad Arogno

Le cause del rogo sono per ora sconosciute. Non ci sarebbero feriti o intossicati.
Bellinzonese
12 ore

Malattie genetiche rare, ‘La cucina di Manu’ dona 30mila franchi

La pubblicazione del ricettario in memoria di Manuela Righetti ha permesso di raccogliere l’importante somma per l’Associazione malattie genetiche rare
Luganese
12 ore

Besso pulita! in assemblea

Si parlerà anche dei disagi provocati dai lavori alla stazione Ffs di Lugano
03.08.2021 - 19:30
Aggiornamento : 19:46

Frana di Gudo: ‘Situazione critica ma sotto controllo’

La prima famiglia ha potuto rientrare nella propria abitazione, mentre gli abitanti delle altre due case rimangono fuori per ragioni di sicurezza

Col diradarsi della nebbia la frana di Gudo si svela nella sua nuova forma. Dopo lo scoscendimento di mercoledì scorso, agli occhi dei passanti che alzano lo sguardo risulta ora ben visibile, con una marcata e più ampia scia di detriti scesi maggiormente a valle rispetto allo scorso 5 dicembre quando vi era stato il primo smottamento. Oggi, a sei giorni dall’evacuazione, la prima famiglia ha potuto fare rientro nella propria abitazione situata immediatamente sotto la strada in via Al Sasso Grande. Delle tre proprietà evacuate è quella più protetta e discosta, ma anche meno a rischio essendo situata più distante dalla zona interessata dallo smottamento. Per contro le persone che abitano nelle altre due case (una di queste era già stata evacuata a dicembre per quasi tre mesi) non possono ancora farvi rientro per ragioni di sicurezza. «È ancora difficile immaginare quando potranno tornarvi, attualmente gli esperti non possono revocare l’ordine di evacuazione per ragioni di sicurezza. In generale la situazione rimane critica, ma comunque sotto controllo», rileva Daniele Togni, direttore del settore Ambiente e Servizi urbani della Città di Bellinzona.

Quanto alla strada, per ora rimane chiusa «e valuteremo nei prossimi giorni se sarà possibile riaprirla», aggiunge. Le condizioni meteo non permettono infatti di fare previsioni riguardo a quando verrà riaperta definitivamente, ma a partire da giovedì si proverà a riaprirla in modo controllato nelle due direzioni per mezz’ora o un’ora alla mattina e alla sera. La carreggiata è stata nel frattempo sgomberata, ma a monte gli operai sono al lavoro per mettere in sicurezza il materiale più instabile e fintanto che non verranno rimossi i detriti pericolanti la via sotto va mantenuta chiusa. Altri detriti potrebbero quindi scendere? Daniele Togni non lo esclude poiché il quantitativo di materiale pericolante è ancora abbastanza importante e la sua stabilità dipende anche dalle condizioni meteorologiche. Inoltre, anche il cantiere in sé potrà generare piccoli scoscendimenti controllati. Tuttavia le precipitazioni dello scorso fine settimana non hanno creato problemi: «Si sono registrati piccoli movimenti ma poco significativi», rileva Togni. «Dobbiamo quindi monitorare la situazione giorno per giorno», aggiunge.

Attualmente a occuparsi di controllare e mettere in sicurezza la zona sono alcuni tecnici dei Servizi urbani e ambiente, supportati dal consulente geotecnico Floriano Beffa della ditta Geoalps Engineering di Faido, nonché alcuni operai di imprese private. Siccome tutti devono poter lavorare in condizioni di sicurezza, il tempo ha una certa rilevanza perché forti precipitazioni potrebbero generare altri crolli. «Quando ci saranno le condizioni meteorologiche adatte e riusciremo a lavorare con le escavatrici, gradatamente potremo valutare meglio la situazione e definire le tempistiche», osserva Togni. In questi giorni nei punti in cui è stata spazzata via la vegetazione gli operai hanno realizzato degli ancoraggi per poter far salire un ‘ragno escavatore’ con delle funi speciali (oggi non è stato possibile perché pioveva troppo). Una volta giunto sul posto, il macchinario dovrà iniziare lentamente a spianare e depositare il materiale per stabilizzarlo. L’intenzione è di realizzare allo stesso tempo anche un deposito tale da contenere eventuali piccoli detriti che dovessero staccarsi quando i tecnici sono all'opera. Quanto agli abitanti, fino a quando la via Al Sasso Grande sarà chiusa, l’unica possibilità per scendere a valle è percorrere un sentiero a piedi.

Leggi anche:

Gudo: ‘È una frana del vecchio detrito di dicembre’

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
daniele togni frana gudo
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved