ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
2 ore

La Imerys di Bodio taglia sei impieghi

Non sono attualmente noti i motivi dei licenziamenti, che seguono ai quattordici del 2018 ma anche agli ingenti investimenti di due anni fa
Ticino
4 ore

Mobilità Usi al top: ‘Coltiviamo la dimensione internazionale’

L’ateneo ticinese è tra i pochi in Svizzera (4 su 36) ad aver raggiunto l’obiettivo del 20% dei diplomati con un’esperienza all’estero. Ecco i motivi
Orselina
5 ore

Nuovo albergo-ristorante Funicolare, c’è la licenza edilizia

Da novembre il cantiere per l’edificazione ex novo della struttura, simbolo turistico collinare soprastante la Madonna del Sasso
chiasso
6 ore

Un Nebiopoli all’insegna del vero spirito del Carnevale

Svelato il programma dell’evento, che dopo due anni di pandemia torna ‘in grande’. Ne abbiamo parlato con il presidente del comitato Alessandro Gazzani
Grigioni
6 ore

Giovane morta dopo il party: nessuno voleva perdere la patente

Le persone interrogate hanno confermato che si è atteso a lungo prima di portare la 19enne in ospedale per paura di incappare in controlli di polizia
Bellinzonese
7 ore

Quartiere Officine: per i Verdi ‘ancora troppi posteggi’

Giulia Petralli apprezza che il Municipio di Bellinzona abbia rivalutato il progetto iniziale, ‘ma ci sono ancora punti che non ci soddisfano’
Luganese
7 ore

Lugano mantiene la tradizione del Pane di Sant’Antonio

Con una decisione presa a maggioranza, il Municipio ha incaricato la Cancelleria e la Divisione attività culturali di preparare un progetto
Mendrisiotto
7 ore

L’economia su scala locale e il coraggio di cambiare

Se ne è parlato a una tavola rotonda patrocinata a Chiasso dal Comune e dal Centro culturale
Mendrisiotto
8 ore

Mendrisio non ha un vicesegretario comunale

Dopo il pensionamento di Roberto Crivelli, la Città non ha ancora pubblicato il concorso per il successore e il gruppo Lega-Udc-Udf ne chiede conto
Luganese
8 ore

‘Degrado e abbandono’ lungo il sentiero di Gandria

La consigliera comunale Sara Beretta Piccoli (Indipendente) presenta un’interpellanza al Municipio di Lugano
Ticino
8 ore

Pensioni, la rete ErreDiPi evolve e diventa un’associazione

La scelta, dice il portavoce Quaresmini, ha l’obiettivo di essere interlocutori solidi e di partecipare attivamente agli incontri tra governo e sindacati
Locarnese
8 ore

Poetica-MenteCuore, l’installazione teatrale

Domenica 5 febbraio a Vira Gambarogno in scena Stefania Mariani su testi di grandi autori di oggi e di ieri
28.07.2021 - 13:16
Aggiornamento: 16:01

Gudo: ‘È una frana del vecchio detrito di dicembre’

Scesi 1000-1200 metri cubi di materiale. La geologa cantonale: 'Non potevamo prevederlo. Ci sono ancora detriti che potrebbero scendere ma il grosso è sceso'

gudo-e-una-frana-del-vecchio-detrito-di-dicembre
Ti-Press
+5

Nel corso della notte, verso le 2, le precipitazioni hanno causato uno scoscendimento che ha reso necessaria la chiusura di via Al Sasso Grande a Gudo. Come confermatoci dal servizio stampa della polizia cantonale si tratta della stessa zona, situata sulla collina di Gudo, che lo scorso 5 dicembre era stata interessata da una frana, con il crollo di 800 metri cubi di detriti e massi. I massi che si erano staccati erano scesi a valle finendo nei giardini e su via Sasso Grande. Blocchi importanti e che in taluni casi raggiungevano i 5-10 metri cubi di volume. I crolli avevano reso necessario l’allontanamento di due famiglie, una di queste per quasi tre mesi. Lo scoscendimento avvenuto questa notte ha portato invece all’evacuazione di tre abitazioni e nove persone. Il materiale sceso è di circa 1000-1200 metri cubi ed è costituito anche in questo caso da grossi massi, alberi, tronchi, materiale terroso e fango. «Il grosso è sceso, ma ci sono ancora delle placche detritiche che potrebbero scendere», fa presente la geologa cantonale Lorenza Re. «Finché la situazione meteorologica non si sarà stabilizzata e il materiale colmo d’acqua non si sarà seccato la situazione per noi rimane critica», commenta. Il servizio stampa della polizia cantonale da noi raggiunto ci spiega che le famiglie evacuate non rientreranno nelle loro abitazioni almeno fino a quando non sarà garantita la sicurezza. La geologa cantonale e l’ufficio tecnico di Bellinzona nelle prossime ore perlustreranno la zona di distacco con l’aiuto di droni per valutare la situazione e capire se vi è ancora materiale che potrebbe staccarsi. Il crollo avvenuto questa notte, caratterizzato da massi, fango e piante, ha danneggiato dei giardini e una vettura. Sul posto sono intervenuti agenti della Polizia cantonale, i pompieri di Bellinzona, una geologa dell'Ufficio dei pericoli naturali, degli incendi e dei progetti e addetti Amb.

'La situazione rimane critica'

La zona interessata dallo smottamento è dunque la stessa toccata da una frana lo scorso dicembre. L’area era sotto controllo, come è dunque possibile che si sia verificato ora un evento simile? A risponderci è la geologa cantonale Lorenza Re: «Si tratta della stessa zona ma che è stata interessata questa volta da un fenomeno diverso. Lo scorso dicembre si era distaccata una porzione della parete rocciosa, una parte di questo distacco, quello che noi chiamiamo ‘accumulo di frana’ si era fermato ai piedi della parete sul versante. Ciò che è successo è che le piogge di questi giorni hanno probabilmente saturato questo materiale, quindi è franato l’accumulo di frana dello scorso dicembre». La parete rocciosa infatti, fa presente la nostra interlocutrice, era monitorata e da lì non si è staccato nulla. «Il materiale si è staccato dall’accumulo di frana, ma un suo franamento era molto difficile da prevedere. Era in una posizione che avevamo ritenuto stabile e non avevamo valutato che quel materiale potesse scendere in queste condizioni, ma chiaramente la natura è imprevedibile». 

Attualmente il tratto di strada comunale (via Al Sasso Grande) interessato dal deposito è stato chiuso e lo sarà fino a nuovo avviso e oggi un’impresa si occuperà di mettere in sicurezza la zona. Come ci viene spiegato dalla geologa vi sono infatti ancora delle placche di materiale dell’accumulo sul tratto di versante sotto la parete che sono rimaste un po’ instabili e che bisognerà prima mettere in sicurezza. 

Famiglie fuori casa, una era già stata evacuata per quasi tre mesi

Difficile per ora prevedere quando verrà riaperta la strada. Ci sono diverse proprietà da cui si accede da quella strada, che non sono in pericolo, ma la via di accesso non è sicura. Per ora sono state evacuate alcune famiglie, una di queste era già stata evacuata in dicembre per quasi tre mesi. Un’altra abita in una casa che si trova immediatamente sotto la strada, ma il materiale a causa dell’acqua ha oltrepassato la strada comunale raggiungendo l’abitazione. 

Per stabilire quando le persone potranno rientrare nelle loro abitazioni, la geologa spiega che sono necessarie valutazioni più approfondite che verranno effettuate verosimilmente nei prossimi giorni di tregua dal maltempo, poiché ora recarsi nella zona di distacco sarebbe troppo pericoloso.

Leggi anche:

Frana sopra Gudo, due abitazioni evacuate

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved