ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
1 ora

‘I detenuti con misure terapeutiche vanno adeguatamente seguiti’

La richiesta al governo delle commissioni ‘Giustizia’ e ‘Carceri’ è ora nero su bianco. La mozione firmata da tutti i gruppi parlamentari
Ticino
1 ora

‘Avanti’, la porta è aperta a tutti

Presentato il nuovo movimento fondato da Mirante e Roncelli dopo le dimissioni dal Partito socialista. ‘Una forza di centro sinistra, moderna e aperta’
Luganese
2 ore

Pura, condannata a 4 anni la donna che accoltellò l’ex marito

La Corte ha accolto integralmente le richieste di pubblica accusa e accusatore privato, sostenendo che l’imputato abbia mentito per costruirsi un alibi
Ticino
3 ore

Primo incontro fra partiti sul dopo Carobbio agli Stati

Domani rendez-vous tra i vertici cantonali delle forze politiche rappresentate a Berna. Per scongiurare un ‘bel pasticcio’, Farinelli dixit
Ticino
3 ore

Tirocinio, ‘i contratti sciolti non allungano la formazione’

Lo fa sapere il Dipartimento dell’educazione cultura e sport (Decs), che ha anche aperto il concorso per la nomina dei docenti per il prossimo anno
Grigioni
3 ore

Val Calanca, strada forse riaperta prima del weekend

Nella migliore delle ipotesi i lavori di sgombero inizieranno domani. Anche oggi il meteo ha ostacolato la valutazione dei rischi di nuovi scoscendimenti
Luganese
3 ore

Il Convento del Bigorio apre le sue porte per una giornata

L’8 dicembre sarà possibile visitare gli spazi di un monumento cantonale protetto, dal coro dei frati alla cappella Botta
Luganese
4 ore

Sottrasse mezzo milione a un conoscente, ma non fu riciclaggio

Appropriazione indebita: inflitti 15 mesi di carcere, sospesi con la condizionale, a un 39enne comparso di fronte alle Assise criminali di Lugano
Bellinzonese
4 ore

Corsi di potatura secca di alberi da frutta

Sabato 10 dicembre dalle 9.30 alle 12.30 a Malvaglia e sabato 17 dicembre dalle 9.30 alle 12.30 a Stabio
Bellinzonese
4 ore

Ultima tappa per completare la fibra ottica nel Bellinzonese

Amb e Swisscom comunicano che l’anno prossimo saranno connessi anche a Pianezzo, Paudo, Claro, Gudo, Moleno e Preonzo
Locarnese
5 ore

Museo e atelier Remo Rossi, è ‘BIANCA’ l’idea vincente

Lo studio Buzzi Architetti ha vinto il concorso a inviti per la progettazione di complesso e spazio espositivo dedicati allo scultore morto 40 anni fa
Bellinzonese
5 ore

‘Via Roggia dei Mulini rimarrà sicura anche con le palazzine’

Il Municipio di Bellinzona risponde all’interpellanza di Boscolo e Sansossio, confermando che il comparto rientra nella mobilità sostenibile
Bellinzonese
5 ore

Patriziato di Carasso in assemblea

Giovedì 15 dicembre alle 20.15 nella sala patriziale sarà, fra l’altro, discusso il preventivo 2023 che prevede un avanzo d’esercizio di 260mila franchi
Mendrisiotto
5 ore

Stabio, consegnate le Menzioni comunali 2022

Il Municipio incontra la popolazione per lo scambio di auguri e premia sportivi e cittadini meritevoli. Oltre a un edificio ecosostenibile
Ticino
5 ore

‘Il nuovo accordo fiscale è molto favorevole per i frontalieri’

Lo scrive in una lettera ai giornali lombardi il ministro dell’Economia italiano Giorgetti, che fa il punto della situazione sull’annoso dossier
Bellinzonese
5 ore

La ‘Mostra d’arte solidale’ allo Spazio aperto di Bellinzona

L’inaugurazione con musica e rinfresco si terrà domenica 11 dicembre alle 16
Luganese
5 ore

Lugano, dibattito sulla protezione dei diritti umani

Convegno all’Usi, sabato 10 dicembre, per discutere del tema partendo dall’Esame periodico universale dell’Assemblea generale dell’Onu
Bellinzonese
5 ore

Omaggio a più voci a Enrico Della Torre a Camorino

Appuntamento per il 12 dicembre alle 19 al centro culturale Areapangeart
Luganese
6 ore

Il ballo aiuta a convivere con il Parkinson

La Croce Rossa Svizzera propone un corso dedicato alla sede di Lugano. Si inizia il 19 gennaio
Bellinzonese
6 ore

Bellinzona, Veglia d’Avvento con il vescovo Alain De Raemy

L’evento organizzato dalla Pastorale giovanile avrà luogo sabato 17 dicembre dalle 20.30 nella chiesa di San Giovanni
Bellinzonese
6 ore

La Saga di Teodorico da Verona farà tappa a Sementina

Sabato 10 dicembre alle 17 nel centro Ciossetto verrà proposta la seconda rappresentazione del ciclo di poemi sinfonici composto da Matteo Manzolini
Luganese
6 ore

Lugano-Montarina, Villa Ganser e Casa Walty salvate dalla Stan

Il Tribunale amministrativo cantonale accoglie il ricorso presentato contro la licenza concessa dal Municipio per un progetto edilizio
Bellinzonese
6 ore

La Fondazione Idea sostiene attività destinate ai bambini

Consegnato un assegno di 6’000 franchi all’Associazione Feste dei Bambini di Monte Carasso
Grigioni
6 ore

Grono, presentazione del libro ‘Vola bass 6: sbassa la cresta!’

Appuntamento lunedì 12 dicembre in compagnia dell’autore Christian Demarta, Franco Lazzarotto e Lulo Tognola
Mendrisiotto
6 ore

Fiera dell’antiquariato in veste natalizia a Mendrisio

Domenica nel nucleo storico si propone la prima edizione ‘fuori stagione’, tra oggetti da collezionismo e specialità gastronomiche
Bellinzonese
6 ore

Weekend dedicato all’unihockey a Faido

Sabato 10 dicembre, dalle 16.30 alle 18, nella palestra, si festeggeranno i 20 anni dalla fusione tra i Flippers di Lavorgo e i Tanachin di Ambrì
Bellinzonese
6 ore

‘Nevica bene, ma dovrà restare freddo per poter sciare dal 17’

Alto Ticino e Moesano, i responsabili delle stazioni invernali sono fiduciosi. A San Bernardino si parte già giovedì 8, a Campo Blenio forse sabato 10
Mendrisiotto
6 ore

La Sezione del Centro a Mendrisio si ritrova a tavola

Tradizionale pranzo natalizio e momento di incontro al Mercato coperto. Saranno presentati i candidati alle Cantonali 2023
Locarnese
6 ore

Verzasca, l’Hockey club cambia ‘testa’ e saluta Ivo Bordoli

Dopo 12 anni di presidenza e 18 in comitato, il sindaco lascia il sodalizio in ottima salute, a partire dal contingente di giovani discatori e pattinatori
Bellinzonese
6 ore

Esposizione dedicata a Titta Ratti a Malvaglia

In occasione del 30° dalla morte dello scultore, l’omonimo atelier inaugura una mostra sabato 10 dicembre alle 11
Luganese
6 ore

Lugano favorisce la conciliazione famiglia-lavoro?

Un gruppo di consiglieri comunali guidati da Raoul Ghisletta (Ps) interpella il Municipio sulla mappatura dei servizi extrascolastici
laR
 
09.06.2021 - 05:10

Stazioni invernali, sussidi cantonali verso una ricalibrazione

Per il nuovo credito quadro 2021/25 si ipotizza un biennio transitorio di statu quo e una successiva revisione in base alla destagionalizzazione

stazioni-invernali-sussidi-cantonali-verso-una-ricalibrazione
Secondo due altre stazioni, Airolo-Pesciüm beneficia eccessivamente dell'aiuto cantonale alla manutenzione (Ti-Press)

Torna d’attualità il sussidio cantonale alla gestione ordinaria delle cinque stazioni invernali di Airolo, Bosco Gurin, Campo Blenio, Carì e Nara, contributo che nel credito quadro 2017-21 ammonta a 5,4 milioni di franchi da destinare alle opere di manutenzione regolare degli impianti a fune. Torna d’attualità perché il Dipartimento finanze ed economia ha iniziato a elaborare – non senza qualche complicazione viste le sollecitazioni giunte da più parti – il messaggio governativo da sottoporre al Gran Consiglio entro l’estate/autunno per il quadriennio 2021/25. I possibili scenari in fase di approfondimento sono almeno quattro: il primo equivale allo statu quo con una chiave di riparto invariata rispetto all’ultimo credito quadro, ossia un sussidio annuo di 800mila franchi per Airolo (totale 3,2 milioni nel quadriennio), 180mila per Bosco Gurin (720mila), 80mila per Campo Blenio (320mila), 120mila per Carì (480mila) e 170mila per il Nara (680mila). Il secondo scenario – che sembrava inizialmente poter fare breccia, ma è nel frattempo stato messo in standby – vede talune stazioni, per esempio Bosco Gurin e Carì, lamentare una disparità di trattamento e sollecitare una chiave di riparto differente che le favorisca un po’ di più rispetto ad Airolo. Il terzo scenario mira a premiare quelle stazioni che avranno dimostrato d'investire nell’offerta estiva, così da riposizionarsi turisticamente sul piano cantonale consolidando l’attrattiva nell’arco delle quattro stagioni a fronte anche di inverni tendenzialmente (eccezioni a parte, come l’ultimo) sempre più avari di neve.

Analizzare altre possibili chiavi di riparto

Il quarto scenario – che al momento sembra piazzarsi in pole position – è un ibrido fra i primi tre e mira garantire lo statu quo nei primi due anni, concedendo il tempo necessario ai servizi cantonali, in collaborazione con le cinque stazioni, per approfondire altre possibili chiavi di riparto considerando più elementi in gioco: fra questi, ancora una volta, gli investimenti fatti per incrementare l’offerta estiva senza dover dipendere da quella invernale, il successo ottenuto delle varie iniziative e di conseguenza i bilanci consuntivi degli ultimi anni, lo stato generale delle finanze e degli impianti e le differenze fra gli stessi considerando la presenza di scilift, seggiovie e funivie.

Rizzi: ‘Approfondire le complessità’

Responsabile del dossier è la Divisione dell’economia al Dfe: il suo direttore, Stefano Rizzi, informa che i lavori sono in corso e da parte del Governo non è ancora stato approvato il messaggio per il rinnovo del credito. «Come lo era stato in passato, anche oggi il dossier presenta una serie di complessità che vanno affrontate e approfondite», si limita a dire. Un incontro si è in effetti tenuto la scorsa settimana a Bellinzona e ha permesso a ciascuna destinazione di mettere sul tavolo le proprie idee, proposte, attese e rivendicazioni.

‘A noi 180, a loro 800’

Ciò che appare subito chiaro è che talune stazioni – com’era accaduto negli anni passati quando c’era stata una levata di scudi contro il rischio che a beneficiare degli aiuti cantonali fosse la sola Alta Leventina – insistono su un’adeguata attenzione nei confronti della loro offerta che risulta essere complementare, e molto apprezzata dall’utenza, a quella delle stazioni a maggior richiamo. Giovanni Frapolli, proprietario degli impianti di Bosco Gurin, dall’incontro della scorsa settimana esce con sentimenti contrastanti: contento e deluso allo stesso tempo. «La disparità di trattamento che ho sempre denunciato tra Bosco e Airolo è ancora tale. Siamo, con Airolo, la principale stazione invernale e le più complete, ma a loro vanno 800mila franchi all'anno di aiuti e a noi 180mila. Cosa che non mi spiego ed è per questo che ho suggerito di rivedere la precedente chiave di riparto riducendo l'importo destinato alla stazione airolese a 500mila franchi. I trecento risparmiati andrebbero poi suddivisi tra le rimanenti località sciistiche. Cosa che i responsabili di Airolo ovviamente si sono guardati bene dall'accettare». Frapolli si dice invece soddisfatto di un altro aspetto che dal colloquio con le autorità cantonali è emerso come prioritario, ossia la questione della destagionalizzazione: «La chiave di riparto andrà a premiare maggiormente coloro che seguono le direttive della politica cantonale, vale a dire investire non solo nella stagione invernale bensì su tutte e quattro le stagioni. E a Bosco noi questa via l'abbiamo intrapresa da anni: basti pensare alla zipline, alla slittovia, al progetto di un metrò alpino con la Formazza e all'ampliamento dell'offerta ricettiva dell'Hotel Walser, con l'aggiunta dell'area wellness. Il Governo questo l'ha capito e apprezzato».

‘Non chiediamo la luna’

Giovanni Leonardi, presidente della Valbianca Sa che gestisce Airolo-Pesciüm, ritiene importante che approfittando dei primi due anni di transizione la possibile revisione del sistema sia avviata «coinvolgendo le cinque stazioni e tenendo presente la reale complessità dei loro impianti, ossia datazione, piani di manutenzione ordinaria e straordinaria, quest’ultima molto più onerosa, come pure le concessioni rilasciate dalle autorità». Gabriele Gendotti, presidente della Nuova Carì società di gestione Sagl, confida in una maggiore attenzione verso la stazione medio-leventinese: «Non chiediamo ovviamente la luna, ma una leggera correzione del sussidio che ci porti più o meno allo stesso livello del Nara considerando almeno due fattori: il primo è che da quattro anni vediamo premiati i nostri sforzi chiudendo i bilanci nelle cifre nere; il secondo è che i nostri impianti, rispetto ai calcoli fatti ormai diversi anni fa per fissare la chiave di riparto, non sono più così recenti e fra pochi anni vedranno scadere la concessione. L’impegno per la manutenzione si fa insomma crescente».

‘Ricercare fra noi la giusta soluzione’

Denis Vanbianchi, direttore della Società cooperativa impianti turistici Campo Blenio Ghirone, a sua volta intravede una «piccola disparità di trattamento: suggerisco quindi di ricercare al nostro interno una soluzione che vada bene a tutti e possa essere accolta positivamente dal Cantone, senza creare dei perdenti. Mi sembra di capire, inoltre, che il Cantone attenda da noi qualche passo in più verso il rafforzamento delle sinergie fra stazioni». Quanto alla destagionalizzazione, nell’autunno 2023 a Campo Blenio dovrebbe entrare nel vivo il progetto di rilancio estivo con nuove offerte per mountain bike e giochi d’acqua promosso dall’Associazione Campo Blenio Ghirone estate: «Miriamo a diversificare l’offerta con soluzioni che siano alla nostra portata».

‘Evitare doppioni e puntare sulla novità’

Infine nella media Valle di Blenio si guarda con fiducia al progetto turistico Sun Village di Acquarossa che dovrebbe a sua volta correlarsi con la stazione del Nara. Matteo Milani, presidente dell’Amici del Nara Sa, chiede che il sussidio non venga ridotto vista anche l’età degli impianti e la conseguente necessità di effettuare la dovuta manutenzione. Inoltre attende l’esito dello studio che il Municipio ha recentemente commissionato alla società specializzata Comal con l’obiettivo d’individuare e implementare le idee migliori affinché la futura offerta nel fondovalle e in quota risulti attrattiva e finanziariamente sostenibile durante tutto l’anno. «L’estate passata, vista anche la situazione un po’ particolare, è stata per noi un successo con quasi 2’500 persone salite con gli impianti», rammenta Milani: «Questo grazie non soltanto al valore naturalistico del luogo ma anche all’offerta. Penso ad esempio agli apprezzati quattro percorsi di discesa per mountain bike. Inoltre, ritenendo che occorra puntare sulle novità, abbiamo testato con successo i mountain gokart e i monopattini dotati di grandi ruote dentate. Quanto alla Comal, attendiamo input interessanti: il lieve ritardo accumulato al Nara ci permetterà di evitare errori e doppioni e di centrare gli obiettivi».

Nella Valbianca un uomo ‘strategico’ di Andermatt-Sedrun 

Si terrà intanto a inizio luglio l’assemblea della Valbianca Sa, la società che gestisce gli impianti di Pesciüm controllata all’80% dal Comune di Airolo e al 20% da quello di Quinto. Piatto forte all'ordine del giorno sarà il bilancio dell'ultima stagione invernale che ha dovuto fare i conti con la crisi pandemica subendo un forte calo di sciatori e quindi anche di entrate, parzialmente compensate dagli aiuti straordinari Covid. In quell'occasione il Consiglio di amministrazione, presieduto da Giovanni Leonardi e in gran parte giunto a scadenza di mandato, sarà rinnovato per quattro quinti e i due Legislativi comunali hanno nel frattempo avallato le rispettive proposte. Unico ‘superstite’ è Davide Gendotti, sindaco di Prato Leventina, che viene riproposto dal Comune di Quinto insieme alla municipale Patrizia Gobbi Coradazzi. Airolo si è invece orientato su Michele Beffa (direttore della locale ditta Tenconi il cui Cda è presieduto da Giovanni Leonardi), sull’ex vicesindaco di Lugano Michele Bertini (sostituisce l’ex sindaco Giorgio Giudici, membro della prima ora, da quando cioè nel 2009 la Città sul Ceresio mise a disposizione metà del capitale iniziale della Sa) e su Silvio Schmid, fino al 2018 ceo della Ski Arena Andermatt-Sedrun, dal 2019 attivo in seno all’Andermatt-Sedrun Sport Ag che ne gestisce gli impianti e dallo scorso febbraio nuovo presidente dell’ente Sedrun Disentis Tourismus ai vertici del quale ha già operato durante l’ultimo ventennio. Oltre a Giudici e a Leonardi lasciano Enzo Filippini (già presidente della Federazione ticinese di sci) e Arturo Mottini. Il nuovo presidente sarà designato nel corso della prima riunione di Cda. Prossimamente sarà anche scelto il futuro direttore dopo la partenza di Mauro Pini divenuto allenatore della campionessa mondiale di sci alpino Petra Vlhova. L’entrata di Schmid ha a tutti gli effetti una chiara connotazione strategica per Airolo-Pesciüm che secondo Leonardi – così intervistato dalla ‘Regione’ lo scorso 14 aprile – per poter confermare e rafforzare la propria posizione turistica nel cuore delle Alpi dovrebbe poter investire nell'arco dei prossimi 15 anni oltre 50 milioni di franchi. Airolo e Andermatt sono insomma destinate ad avvicinarsi, e non solo grazie alla seconda canna autostradale prevista sotto il Gottardo il cui materiale di scavo servirà a realizzare l’attesa ricucitura territoriale di Airolo, con tanta nuova superficie anche per lo svago.

Leggi anche:

Mauro Pini: ‘Porterò Petra Vlhova in un'altra dimensione’

Leonardi lascia Airolo: ‘Necessari massicci investimenti’

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved