bellinzona-faccia-la-prima-velostrasse-ticinese
Nella Svizzera interna sono una realtà diffusa e apprezzata, non da noi
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
4 ore

Muralto, botte in stazione: commozione celebrale per un 18enne

Il fatto di violenza è successo nel tardo pomeriggio di oggi: un gruppetto di quattro giovani ha aggredito tre ragazzi senza motivo
Bellinzonese
8 ore

Torna l’evento ‘Belli di sera’

Appuntamento per mercoledì 25 maggio nel centro cittadino. L’orario di chiusura del mercato del mercoledì e dei negozi sarà posticipato alle 21
Luganese
9 ore

Unitas, il finanziamento cantonale non sarebbe in dubbio

In seguito alla denuncia di molestie, ma si valuterà l’esito dell’inchiesta
Bellinzonese
9 ore

‘No a Avs 21 e nel 2023 un nuovo sciopero femminista’

La presidente Vania Alleva è intervenuta alla Conferenza nazionale delle donne Unia che ha riunito a Bellinzona 150 delegate
Mendrisiotto
9 ore

‘Mettete il fotovoltaico sui tetti delle vostre imprese’

Il Cantone chiama a raccolta il mondo economico del Distretto per dare un’accelerata alla svolta energetica
Locarnese
9 ore

Gli allevatori: ‘Scegliete, o noi o il lupo’

A Cevio s’incendia l’incontro con il Cantone. Criticata l’assenza del ministro Claudio Zali
Bellinzonese
9 ore

E a Bellinzona già si pensa a un Bar Blues

Il comitato EsercEventi accolto dal municipale Bison. Il coordinatore Morici: ‘Soddisfatti’. In programma non solo Notte bianca e Notte live
Ticino
10 ore

Offerta straordinaria di corsi per bambini non italofoni

L’iniziativa del Decs per i giovani in età di scuola elementare e scuola media per i ragazzi provenienti dall’Ucraina (ma non solo)
Ticino
10 ore

Nel caldo maggio ticinese, occhio a non ‘scottarsi’ con un radar

La Polizia cantonale comunica le località nelle quali nel corso della prossima settimana verranno effettuati controlli elettronici della velocità
Mendrisiotto
11 ore

Chiasso, è lotta alla flavescenza dorata nei vigneti

Il Comune indica che il primo trattamento è da prevedere orientativamente tra il 10 e il 15 giugno
Ticino
11 ore

‘Cavalli di razza’ sul banco degli imputati

’ndrangheta, prime decisioni giudiziarie in Italia sull’operazione che interessò anche il Ticino. I verbali del pentito
Ticino
11 ore

Tra aumento delle ditte senza notifica e lo spettro malaedilizia

Il bilancio 2021 dell’Associazione interprofessionale di controllo. Ambrosetti: ‘Sempre più permessi di corta durata’. Bagnovini: ‘Importante segnalare’
Mendrisiotto
12 ore

Corsie A2, ‘nessuna considerazione per il Distretto a Berna’

Il Plr di Mendrisio contesta il modus operandi dei servizi federali. ‘Si dia la precedenza ad AlpTransit a sud’
Video
Bellinzonese
12 ore

Riaperto il Passo del San Gottardo

Dalle ore 16 di oggi la strada è transitabile. Piccola colonna di auto e moto già sul posto all’ora indicata per la riapertura. Guarda il video
Grigioni
12 ore

Sport all’aria aperta: a Cama arriva il MisoXperience

Una settimana di opportunità per principianti, professionisti e famiglie tra workshop, gare, corsi e giornate dedicate
Locarnese
12 ore

Minusio e Chiasso, classi premiate in campo ecologico

La classe della 5ª D ha ottenuto un riconoscimento nell’ambito di un progetto transfrontaliero sulla biodiversità. Pure la 4ª A di Chiasso agli onori
Luganese
12 ore

A Lugano una strada dedicata a Mario Agliati

Lo ha deciso il Municipio, gli verrà assegnata una strada del centro città
laR
 
20.05.2021 - 05:20
Aggiornamento : 14:29

‘Bellinzona faccia la prima Velostrasse ticinese’

Bici, auto e incidenti: i Verdi premono sul Municipio affinché sensibilizzi i conducenti motorizzati e trasformi i principali percorsi ciclabili d'accesso

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

La mobilità dolce e ciclabile merita molto di più a Bellinzona, sul piano infrastrutturale come anche nella sensibilizzazione dei vari utenti delle strade, in primis gli automobilisti, specialmente in materia di sicurezza e rispetto verso chi transita senza addosso una carrozzeria. Ne sono convinti i consiglieri comunali Verdi Ronald David, Marco Noi e Giulia Petralli che premono sul Municipio partendo dal grave incidente della circolazione verificatosi lunedì 17 maggio quando un ventenne che stava attraversando il passaggio pedonale di via Tatti in sella a una bicicletta è stato travolto da una vettura guidata da un 62enne. Impatto violento sul parabrezza che ha richiesto il ricovero del giovane all’ospedale Civico di Lugano. Sebbene in futuro, con l’avvento del semisvincolo, quel passaggio pedonale sarà meglio gestito e ai piedi di via Tatti sorgeranno percorsi dedicati alle biciclette, oggigiorno e da lunghi anni quel punto non rappresenta sicuramente l’optimum. Sia perché nel passaggio pedonale sfocia un percorso ciclabile molto usato da chi si sposta da e verso il centro in sella alla bici, sia perché i conducenti che sopraggiungono dal ponte Tatti accelerano anziché frenare intravedendo la possibilità di proseguire col verde al semaforo di via Zorzi (idem in senso opposto per chi parte dall’incrocio).

‘Ottimi risultati in termini di sicurezza’

Considerato che la ciclomobilità “è fortemente aumentata ma le infrastrutture restano carenti in molti luoghi e concepite principalmente per la mobilità veicolare individuale”, fra le suggestioni portate dagli interpellanti una novità assoluta per il Ticino sarebbe l’istituzione delle cosiddette Velostrassen, ossia strade che attraversano i quartieri abitati e lungo le quali la precedenza è data alle biciclette. Una soluzione già diffusa e apprezzata Oltralpe e che richiederebbe da noi uno sforzo minimo per modificare ad esempio la gestione degli incroci nelle zone 30 dove sovente gli automobilisti non percepiscono il livello di rischio. Zone 30 nelle quali fino all'anno scorso il principio della precedenza da destra ha reso difficile in Svizzera la creazione delle cosiddette ‘strade ciclabili’; nel frattempo una modifica della specifica Ordinanza consente dal 1° gennaio l’abrogazione di tale precedenza, creando così la base legale per le Velostrassen. Da qui l'auspicio dei Verdi affinché il Municipio si affretti a “incentivare ulteriormente la mobilità ciclabile con interventi a basso costo ma con ottimi risultati in termini di sicurezza”. Guardando i principali percorsi ciclabili di accesso a Bellinzona che attraversano le zone 30, a titolo di esempio si citano via Golena a Giubiasco, via Ghiringhelli a Bellinzona e In Arla a Camorino. In definitiva, considerati proprio i molti incidenti verificatisi di recente in Ticino, i Verdi si dicono convinti che “per poter incentivare davvero la mobilità dolce occorra fare in modo che la stessa diventi più sicura e che la percezione non sia quella di doversi affidare a qualche santo in paradiso ogni volta che si sale in sella a una bicicletta”.

Scarsa considerazione

Anche l’aspetto educativo, sottolineano i Verdi, gioca un ruolo importante: “Da parte di una fetta minoritaria di popolazione vi è purtroppo scarsa considerazione verso i ciclisti, indicati come ostacoli che intasano le strade poiché incapaci di procedere correttamente ai lati o per il fatto che pedalano sui marciapiedi, a volte per evitare tuttavia situazioni pericolose”. E mentre a scuola viene già svolta una sensibilizzazione che mira ad avere più ciclisti consapevoli, “altrettanto importante sarebbe farla coinvolgendo anche gli automobilisti”, specie sui seguenti temi: comportamento da tenere nelle zone 30 e zone d’incontro 20 km/h (quali piazzale Stazione a Bellinzona e Borghetto di Giubiasco: qui le reclamazioni non mancano); sorpassi in sicurezza dei ciclisti con una distanza adeguata; nuova possibilità di svolta a destra per i ciclisti nei semafori rossi (laddove indicato) secondo quanto previsto dalle nuove norme sulla circolazione stradale in vigore da questo gennaio; la cattiva abitudine di usare le strade agricole per bypassare il traffico intenso.

Una raffica di domande

Per poter comprendere quale sia il reale impegno messo in campo dall’autorità cittadina, i tre consiglieri pongono al Municipio una raffica di domande: nel corso degli ultimi 10 anni quanti incidenti sono avvenuti sul suolo comunale con il coinvolgimento di ciclisti e automobilisti? Quali campagne ha intrapreso nei confronti degli automobilisti per spiegare le principali novità della circolazione stradale (zone 20, svolta a destra per ciclisti, ecc…)? Quanti controlli di polizia sono stati effettuati sulle zone di incontro? Quante le sanzioni inflitte? Quali azioni di sensibilizzazione sono state svolte sul sorpasso in sicurezza dei ciclisti? Quante sanzioni sono state decise per un infrazioni di questo tipo negli ultimi anni? Come mai a Bellinzona non ci si avvale ancora in nessun punto della facoltà di svolta a destra per i ciclisti con semaforo rosso? È prevista la posa di cartelli di questo tipo a breve? Quali azioni di sensibilizzazione sono state svolte per invitare gli automobilisti a non ricorrere alle strade agricole dov’è permesso solo il traffico agricolo e per i confinanti? Quante sanzioni sono state comminate lungo il piano di Magadino in territorio di Bellinzona per questo tipo di situazioni? Quali azioni di sensibilizzazione sono state svolte sulle strade di quartiere a velocità 30 km/h? Corrisponde al vero che lungo via Pratocarasso è stato posto un apparecchio radar su invito degli abitanti del quartiere ma è stato posato tra le 14.30 e le 15.30 in maniera chiaramente visibile? Qual è stato lo scopo di tale esercizio? Placare le proteste dei residenti o esercizio alibi in un momento di basso traffico rispetto agli orari in cui tali strade vengono usate a forte velocità per bypassare i principali intasamenti? Come valuta il Municipio la creazione di Velostrassen sul territorio cittadino? Conviene con gli interpellanti che alcune situazioni, lungo percorsi ciclabili d'interesse regionale, risultano attualmente pericolosi? Intende il Municipio dar seguito alla proposta?

Leggi anche:

Bellinzona, giovane ciclista investito sulle strisce pedonali

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
automobilisti bellinzona ciclisti mobilità sensibilizzazione velostrasse
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved