ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
3 sec

Bellinzona, Caffè narrativo e Notte dei pupazzi con BiblioBaobab

Mercoledì 5 ottobre dalle 16 alle 18 n momento di racconto attorno al tema del viaggio, venerdì 7 e sabato 8 ottobre doppio momento dedicato ai bambini
Luganese
9 min

Paradiso accoglie i suoi diciottenni

Il Municipio ha incontrato i quattro ragazzi e le tre ragazze che hanno raggiunto la maggiore età
Mendrisiotto
16 min

Mendrisio, il burraco sostiene il calcio femminile

La prima edizione del ‘Cartamante’ organizzato dal Lyons Club Monteceneri si è svolta a LaFilanda
Bellinzonese
23 min

Apre l’alambicco di Monte Carasso

Il locale sarà disponibile da lunedì 17 ottobre fino al 28 gennaio (eccetto durante le vacanze natalizie, dal 17 dicembre all’8 gennaio)
Luganese
24 min

Viganello, cerimonia di consegna del premio Americo Caratti

Nel giugno scorso Lorenzo Masiero e Alessandra Mocellin hanno conseguito la miglior licenza di scuola media
Bellinzonese
30 min

Bellinzona, corso di carboncino con Pro Senectute

Dal 4 ottobre al 20 dicembre, ogni martedì dalle 14 alle 16 al Centro diurno socioassistenziale ‘La Turrita’
Luganese
34 min

Lugano, cambia il direttore del Consorzio depurazione Acque

Francesco Poretti subentra a Laurent Kocher, giunto al beneficio della pensione dopo 21 anni di servizio
Luganese
44 min

Sorengo, conferenza con degustazione di prodotti fermentati

All’evento, promosso da Slow Food Ticino, è abbinata anche una degustazione. Le iscrizioni sono aperte
Locarnese
1 ora

Ronco, passeggiata guidata gratuita

Consueto appuntamento con le uscite alla scoperta delle bellezze del nucleo collinare, mercoledì prossimo, dalle 14.30
Luganese
1 ora

Caffè-quartiere a Breganzona e Molino Nuovo

Riprendono il 4 ottobre gli incontri dove i cittadini possono condividere informazioni, suggerimenti o iniziative sulla vita nel quartiere
Luganese
1 ora

Cassarate, un canyon per l’area giochi in via Pico

L’inaugurazione della rinnovata area è in programma sabato 8 ottobre. Durante la giornata musica e attività per i bambini
Luganese
2 ore

Lugano, torna la corsa dedicata alle donne del Ticino

In occasione della Ladies Run, al villaggio ufficiale sarà presente anche il Centro di senologia della Clinica Sant’Anna
Luganese
2 ore

Usura e migranti: quattro arresti tra il Luganese e Zurigo

Sono sospettati di far parte di un sodalizio internazionale dedito da tempo al trasporto di clandestini provenienti dall’Italia e diretti nel Nord Europa
Locarnese
3 ore

Servizi culturali, pubblicato il nuovo bando per la Direzione

Locarno cerca una figura ‘in grado di ridisegnare coerentemente e in maniera funzionale ed efficace la struttura’, ed elaborarne la gestione ideale
laR
 
25.05.2021 - 05:20
Aggiornamento: 14:54

Abba, 25 anni di progetti in paesi in via di sviluppo

L'associazione no-profit con sede a Corzoneso è nata nel 1996 'senza grandi ambizioni'. Attualmente sta finanziando un complesso scolastico in Kenya.

abba-25-anni-di-progetti-in-paesi-in-via-di-sviluppo
Già terminata la costruzione di 15 aule in Kenya

Sono molti i progetti avviati e anche conclusi in diversi paesi in via di sviluppo che Abba ha promosso nei suoi 25 anni di attività. «Siamo nati nel maggio del 1996 senza grandi ambizioni, per sostenere un progetto in Cambogia», racconta a ‘laRegione’ Daniela Abruzzi-Tami, responsabile della piccola associazione no-profit con sede a Corzoneso, frazione di Acquarossa, in Valle di Blenio. «Poi abbiamo ricevuto sempre più richieste anche da altre parti del mondo. E noi, nel limite delle nostre possibilità, abbiamo sempre cercato di rispondere. Mai avrei pensato che saremmo riusciti a realizzare tutto questo con le nostre piccole forze. Anche perché siamo un’organizzazione basata su volontari». Attualmente Abba (termine aramaico che indica l'amore di un padre verso i suoi figli) sta finanziando la realizzazione di un complesso scolastico in Kenya che ospiterà circa 500 studenti. Infatti, secondo Abruzzi-Tami, «l’istruzione è la base» che permette di portare un «miglioramento tangibile, per tutta una regione e anche per l’intera nazione».

Un ringraziamento ‘a chi ci ha sostenuto’

«Abbiamo potuto dare una risposta concreta a chi ci ha chiesto aiuto, grazie alla fiducia e alla generosità di molte persone». La responsabile di Abba tiene infatti innanzitutto a ringraziare tutti coloro che hanno sostenuto Abba in questi 25 anni di attività, durante i quali sono stati raccolti oltre 9 milioni di franchi di donazioni. Per alcuni progetti hanno partecipato con un contributo anche Confederazione, Cantone e Comuni. «Grazie a questi contributi abbiamo potuto sostenere persone in difficoltà che vivono in paesi in via di sviluppo, permettendo loro di vedere il futuro con occhi diversi».

L'importanza di essere sul posto

Per seguire i progetti dell’associazione, Abruzzi si reca anche spesso sul posto: «Negli ultimi otto mesi, cinque li ho passati in Kenya». Infatti, «è molto importante essere presenti, condividendo le nostre competenze ed esperienze». Altrettanto importante è però «anche venire via, lasciando sviluppare alla popolazione locale questi progetti, che devono sentire loro». E come venite accolti solitamente? «Dipende molto dal paese, dalla cultura e dal tipo di progetto», spiega la responsabile di Abba. «In Kenya ho notato molto più spirito di iniziativa, molta più voglia di fare rispetto ad altre nazioni».

60 persone impiegate sul cantiere

Concretamente, il progetto in Kenya prevede la costruzione di un complesso scolastico per oltre 500 alunni di scuola primaria, scuola materna e asilo nido. Il comparto comprende 15 aule, servizi igienici, due dormitori, cucina e mensa, un edificio polifunzionale con biblioteca, un’infermeria, una sala musica, una sala con computer e altro ancora. «La prima tappa che prevedeva la realizzazione delle aule è nel frattempo conclusa e ora è iniziata la costruzione dei dormitori», precisa Abruzzi-Tami. I lavori dureranno almeno ancora tre anni e sono iniziati nel 2020, nel mezzo dell’emergenza pandemica. Tuttavia, c’è anche stato un risvolto positivo: «Malgrado il lockdown, il cantiere non ha dovuto chiudere e ha così dato un’opportunità di lavoro a molte persone: attualmente ci sono 60 persone impiegate sul cantiere, quando altrove il lavoro non c’è. Inoltre, sono venuti ad aiutare anche diversi studenti, in particolare delle scuole tecniche (visto che erano chiuse come tutte le altre) e questo ha permesso loro di fare esperienza sul campo».

Un container per inviare materiale

La pandemia ha però anche avuto risvolti negativi: «C’è stato un innalzamento dei costi generali». L’associazione ha quindi deciso di organizzare l’invio di materiale con un container. «Solitamente non procediamo in questo modo, perché vogliamo sostenere l’economia locale», sottolinea la responsabile di Abba. Ma questo è un periodo particolare e quindi l’associazione lancia un appello, chiedendo, a chi ne ha la possibilità, di mettere a disposizione ad esempio materiale scolastico o per ufficio, giochi istruttivi, libri in inglese, apparecchi digitali, strumenti musicali, ma anche attrezzature di falegnameria, di sartoria, di infermeria, di cucina, così come rubinetteria, sanitari, elettrodomestici, ecc. Anche lenzuola, coperte, cuscini, piumoni e vestiti sono ben accetti, visto che il complesso scolastico sorge in una zona rurale a 2’700 metri di altitudine, una zona particolarmente fredda e piovosa.

Ma come è nata l’idea di questo progetto in Kenya? «Inizialmente ci hanno segnalato che in quel luogo serviva un dormitorio», spiega Abruzzi-Tami. «Poi, una volta sul posto, abbiamo notato che non avevano nemmeno l’acqua potabile. Abbiamo quindi dapprima costruito un pozzo e poi, discutendo, ci siamo accorti che non serviva solo un dormitorio, ma anche una nuova scuola, visto che quella che abbiamo visto era a rischio chiusura, perché non era più a norma. Ci siamo quindi detti che o si faceva tutto o niente: abbiamo così deciso per il ‘tutto’».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved