due-giovani-visioni-in-sfida-per-il-sindacato-di-lumino
Ti-Press
Il municipale Nicolò Parente (a sinistra) e il sindaco di quindicina Alessandro Spano (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
32 min

Ecco i vincitori del Festival del film non commerciale

Sono stati presentati 22 filmati realizzati in Ticino. Cinque parteciperanno al Festival nazionale Swiss.movie di Soletta.
Ticino
53 min

Aggiornato il preventivo, disavanzo stimato di -175.5 milioni

L'aumento di ricavi rispetto al previsto disavanzo di 230,7 milioni è dovuto soprattutto alla quota sull’utile di Bns, che cresce di 80,4 milioni più del previsto
Luganese
1 ora

Uffici vuoti a Lugano: 'Facciamoci residenze primarie'

Municipio e Commissione della pianificazione aderiscono parzialmente alla richiesta formulata tramite mozione da Lukas Bernasconi
Grigioni
1 ora

Incidente aereo di Bivio, identificate le vittime

Si tratta di tre uomini di 44,51, 72 anni, una donna di 41 anni e un bambino di 6 anni
Ticino
3 ore

Covid-19: numeri ancora bassi, in attesa del... cocktail

Sono 9 le persone che hanno contratto il virus nelle ultime 24 ore, due in più rispetto a ieri. Tre le persone ricoverate.
Bellinzonese
5 ore

Non dire gatto se... non trova il padrone

Un micio castrato, grigio e beige è stato trovato dalla Spab in via Portone a Bellinzona: si cerca il proprietario
Gallery
Locarnese
5 ore

Quel che resta del Monna Lisa. E spuntano i militari.

Si sono concluse nella notte le opere di spegnimento dell'incendio divampato ieri in serata nello stabile che ospitava il locale notturno di Gambarogno
Bellinzonese
8 ore

Appalto milionario ad Airolo: un ricorso contro Valbianca

Si è rivolta al Taf una delle cinque concorrenti per il servizio decennale di vitto e alloggio degli operai impiegati sotto il Gottardo
Locarnese
14 ore

Violento incendio all'ex Monna Lisa di Contone

La zona è stata isolata dalla Polizia cantonale. Sul posto sono intervenuti i pompieri di Cadenazzo e Bellinzona. Non vi sono persone ferite.
Locarnese
17 ore

Sul sedime della cappelletta di Gordola 'c'è un piano in più'

Un presunto abuso edilizio viene denunciato dal presidente della Stan Benedetto Antonini: 'Ma nessuno risponde'
Mendrisiotto
17 ore

Mendrisio: 'In via Vela non si vive dal rumore'

Un residente nella parte alta della strada chiede da tempo al Municipio di introdurre una zona 30. 'Oggi c'è troppo traffico, senza contare i bus'
Ticino
17 ore

Autogestione, Schnellmann ritira la mozione

Il deputato del Plr: 'Risposte del governo all'atto parlamentare già esaustive, e settimana prossima si sarebbe parlato di tutto fuorché di questo'
Mendrisiotto
17 ore

Basso Mendrisiotto, entusiasmo a geometria variabile

Dopo l'invito al dialogo arrivato da Vacallo, abbiamo chiesto un parere ai sindaci da sempre coinvolti nella discussione
Bellinzonese
18 ore

Massimo Della Vecchia nominato presidente del Plr di Airolo

È membro del comitato cantonale del partito e consigliere comunale. Sostituisce Alberto Dotta che termina il suo mandato dopo 9 anni.
Ticino
18 ore

De Rosa sul voto degli Stati: 'Grande delusione'

Casse malati, la bocciatura dell'iniziativa cantonale sull'obbligo di ridurre le riserve. Il direttore del Dss: forse a Berna il tema non è ben conosciuto...
Ticino
18 ore

Cedraschi (Plr): 'Mancano logopedisti, è un problema'

Con un'interpellanza al governo il deputato liberale radicale chiede delucidazioni su questa mancanza che non fa bene 'alle necessità degli allievi'
Bellinzonese
18 ore

Ecco i vincitori della lotteria del Consorzio Distillazione Gudo

1° premio a Lorenzo Codiroli, 2° Ivo Grossi, 3° Fabrizio Gianettoni e 4° Nello Codiroli.
Bellinzonese
18 ore

L'associazione Abba in assemblea nel suo 25° anno di attività

L'appuntamento è per sabato 19 giugno alle 10 nella sala del Centro civico di Arbedo
Bellinzonese
19 ore

Lavori sulla via Franco Zorzi a Bellinzona

Dal 21 giugno al 4 settembre, tra le 20 e le 5.30, è prevista la posa della pavimentazione fonoassorbente
Gallery
Luganese
19 ore

A Massagno consegnati gli attestati dei corsi di italiano

Per il periodo estivo sono confermati i corsi intensivi di lingua italiana per stranieri della durata di una o due settimane
Bellinzonese
19 ore

Ambrì, spettacolo teatrale degli allievi di quarta media

Nonostante l'anno caratterizzato dalla pandemia, gli studenti hanno lo stesso voluto mantenere viva questa tradizione
Ticino
19 ore

Acque, il tasso d’interesse è spropositato

Per le rate decennali sui contributi comunali si applica un saggio composto del 5%. Chiesto un adeguamento alla mutata situazione
Locarnese
19 ore

E... state a Locarno, proseguono i concerti

Nel programma del weekend musica con Ajelé e Manupia
Ticino
19 ore

Dalle 20 di nuovo in viaggio i treni fra Lugano e Mendrisio

La riapertura di uno dei due binari consentirà una prima ripresa del traffico, il secondo binario dovrebbe essere rimesso in funzione domattina alle 6
Gallery
Luganese
19 ore

Una mostra chiude l'anno scolastico a Casa Irma

L'esposizione all'aperto dal titolo 'Geometricamente' ha coinvolto oltre cento allievi della scuola elementare e media del metodo Montessori di Bedano
Bellinzonese
19 ore

Pro Natura Lucomagno, albergo e ristorante resteranno chiusi

La non riapertura è legata 'a lavori di ristrutturazione interna' e alle relative difficoltà finanziarie. In ogni caso sono previste diverse alternative.
Bellinzonese
20 ore

Forfait letti e case secondarie: il Tf respinge il ricorso

È la prima di una serie di sentenze. Proprietaria a Carì contestava l'ammontare deciso dall'Otr e il metodo previsto dalla Legge sul turismo
Luganese
20 ore

Lezioni di yoga al Lido di Lugano

Si partirà il 26 giugno tutti i sabati alle 9 fino al 28 agosto. Attività adatta a tutti e da riservare sul sito www.my.lugano.ch
Luganese
20 ore

Truffe Covid, le difese chiedono riduzioni di pena

Alle Assise criminali di Lugano i legali contestato il reato di truffa e sottolineano: gli imputati non si sono arricchiti. Domani la sentenza
Luganese
20 ore

Cade scendendo dal San Salvatore e batte la testa: è grave

Protagonista di un infortunio avvenuto in territorio di Pazzallo un 80enne domiciliato nel Canton Basilea Campagna
Luganese
20 ore

Casinò di Campione: 'Riapriremo entro fine anno'

La società di gestione della casa da gioco si rallegra della decisione del Tribunale di Como. Il sindaco Canesi: 'Questa è la nostra ripartenza'
Locarnese
20 ore

Verscio: lavori al serbatoio, occorre limitare i consumi

Sono in corso interventi di ristrutturazione dell'impianto e le possibilità di stoccaggio d'acqua sono ridotte. Appello all'utenza a un utilizzo razionale
Mendrisiotto
20 ore

Una serie d'incontri a Chiasso per discutere di educazione

L'Associazione progetto genitori (Apg) propone degli spazi per permettere una scambio d'idee tra genitori. Ai bambini saranno dedicati dei momenti di gioco
Ticino
20 ore

Bertoli: 'Un anno di scuola in presenza, obiettivo raggiunto'

Alla conferenza stampa di fine anno scolastico c'è soddisfazione: 'Non era scontato, è andata bene grazie all'impegno di tutti gli attori coinvolti'
Bellinzonese
07.05.2021 - 20:520

Due giovani visioni in sfida per il sindacato di Lumino

Al ballottaggio del 16 maggio i cittadini sceglieranno tra il sindaco di quindicina Alessandro Spano (Plr) e il municipale riconfermato Nicolò Parente (Ppd)

È sfida all’ultimo voto a Lumino, dove due giovani volti della politica si contendono la poltrona di sindaco. Da un lato vi è il 27enne liberale radicale Alessandro Spano, eletto sindaco di quindicina, dall’altro lo sfidante popolare democratico Nicolò Parente, 36 anni, municipale riconfermato. Il giovane Plr, volto nuovo della politica luminese si è laureato in diritto all’Università di Friburgo e sta svolgendo il praticantato legale e notarile allo studio Canevascini-Rotanzi di Muralto. Politicamente è stato presidente cantonale dei Giovani Plr e capogruppo in Consiglio comunale a Locarno, prima di trasferirsi a fine 2020 con la sua compagna a Lumino, Comune dove intende costruire la sua famiglia. Appassionato di sport Spano racconta di essere sempre stato molto vicino ai pompieri, una passione trasmessagli da suo padre. Anche Parente si è laureato all’Università di Friburgo, in storia e geografia. Oggi è collaboratore scientifico al Dipartimento della sanità e della socialità, in precedenza è stato segretario cantonale del Ppd. Già consigliere comunale, è stato eletto per la prima volta nel Municipio di Lumino nel 2016. Lumino è il luogo dove è nato e cresciuto e dove vive con sua moglie. Appassionato di viaggi, Nicolò Parente segue da vicino il calcio ed è grande tifoso della nazionale svizzera. Per chi tiferanno i cittadini invece lo sapremo il 16 maggio in occasione del ballottaggio per il sindacato. Nell’elezione del Municipio del 18 aprile Spano con 627 voti personali ha superato di sole 26 preferenze Parente che ha raggiunto quota 601. Facendo però la distinzione sui preferenziali, quelli dello sfidante sono stati 370, contro i 328 del sindaco di quindicina. La sfida è dunque lanciata. 

Perché una sfida al ballottaggio, i cittadini non si sono già espressi?

Nicolò Parente: Il risultato è stato risicato e ha premiato al primo turno Alessandro Spano. Trovo però che al secondo turno, determinate logiche di partito possano venire meno e possa essere messa al centro la persona con le proprie caratteristiche, visioni e progetti. Penso sia un esercizio democratico utile da fare, dopo anni in cui c’è stata una tradizione di un certo tipo (16 anni di sindacato Plr, ndr), per permettere alla popolazione di esprimersi. Come municipale uscente, riconfermato lo scorso aprile, mi metto volentieri a disposizione per un compito ancora più importante. 

Curzio De Gottardi è stato sindaco per 16 anni, lei vive a Lumino da qualche mese, è pronto a raccogliere questa importante eredità?

Alessandro Spano: Sento la responsabilità; quando ho visto il risultato ero felice ma anche sorpreso. Ritengo che il sindaco non abbia più potere degli altri municipali ma abbia la funzione di mediatore e di collante nell’esecutivo e tra i partiti. La mia esperienza politica mi porta a dire che posso dare qualcosa al Comune, sicuramente tenere l’asticella allo stesso livello non sarà facile perché le condizioni quadro sono cambiate radicalmente. Rispetto a De Gottardi ho però un’altra età, altre esperienze e venendo da fuori posso portare uno sguardo nuovo. 

Siete due giovani in politica, cosa potete portare? Siete più per il cambiamento o per la continuità?

Parente: Posso portare un modo di fare e di lavorare di prossimità, di vicinanza alla popolazione e di ascolto. Questo per me è fare politica. Ci sono sì i progetti e li stiamo portando avanti, ma la gente si aspetta anche il contatto e la vicinanza. Ho notato che nel passato è mancato un po’ e io in questo voglio impegnarmi perché è qualcosa in cui credo e a cui dedico molto tempo e cura. Sarebbe un’impostazione nuova e in questo senso sarebbe un rinnovamento perché posso, se la gente lo vorrà, mettere a disposizione questo mio modo di fare non più soltanto come municipale ma come sindaco. 

Spano: Come dicevo posso portare uno sguardo nuovo sul Comune, esterno e fuori da ogni dinamica, ciò che mi permette di avere un giudizio più equidistante su temi e problemi. Da parte mia c’è continuità nella visione ma c’è anche un po’ di stacco e cambiamento rispetto al passato. Penso che bisogna trovare il giusto compromesso tra progresso e rispetto delle tradizioni. Perché il mondo cambia e non possiamo rimanere fermi e questo in qualsiasi ambito della vita. È però giusto rimanere fedeli alle tradizioni perché sono quelle che hanno fatto la storia del nostro paese. È quindi corretto rispettarle e portarle avanti ma con la giusta innovazione che permette di crescere. 

Quale sarà il suo primo progetto per il Comune?

Parente: Ci sono già diversi progetti sul tavolo che adesso entreranno nella fase delicata della crescita. Penso in particolare all’operatore sociale che siamo riusciti a concordare con il Comune di Arbedo-Castione. Altro grande progetto è il centro extrascolastico che aprirà i battenti a breve e che rappresenterà una svolta importante per il Comune. È infatti un unicum nel comprensorio e sono sicuro che permetterà a Lumino di svilupparsi ulteriormente e di attrarre famiglie.

Spano: La prima questione che porterò sul tavolo del Municipio sarà il piano finanziario a lungo termine perché questo ci permetterà di capire dove saremo tra cinque e fra dieci anni. Una volta fatto questo potremo identificare meglio quali sono le priorità condivise tra tutte le sensibilità partitiche.

Nel 2015 Lumino aveva detto no all’aggregazione con Bellinzona. Questa scelta oggi ha ancora senso?

Spano: La popolazione si è espressa in maniera chiara, quindi siamo chiamati a portare avanti un Comune indipendente. Penso comunque che la scelta sia stata giusta perché Lumino è un Comune solido, negli anni ha dato avvio a una serie di progetti che gli permettono di camminare sulle proprie gambe. Siamo un Comune a sé ma comunque collaboriamo con gli enti locali confinanti e lo faremo anche in futuro. Se poi un giorno il Cantone o la nuova Bellinzona dovesse riportare sul tavolo il tema con un progetto saranno ancora i cittadini a decidere. 

Parente: Secondo me ha senso seguire ciò che la popolazione ha scelto anche in maniera chiara. Si è partiti subito verso la via solitaria con intraprendenza, coraggio e innovazione. È chiaro che dal punto di vista finanziario i prossimi anni saranno delicati anche perché si teme, ma si attende una conferma, una diminuzione del contributo di livellamento da parte del Cantone nei confronti del Comune. E per Lumino questo rischia di avere un certo impatto. Penso che tutti vogliano mantenere il moltiplicatore al 90% ma sarà importante avere un piano finanziario definito e un grande controllo della spesa pubblica.

Avete citato la buona collaborazione con Arbedo-Castione. Se insieme si lavora così bene, perché non aggregarsi con questo ente locale?

Parente: Proprio perché ci sono buone collaborazioni possiamo dire che va bene così e ora vogliamo concentrare le nostre energie a portarle avanti per fare il bene di Lumino. Poi si possono fare tanti pensieri ma a me piace la concretezza, la realtà e il pragmatismo, quindi per me adesso non è un tema. È un tema a livello cantonale e se ci verrà sottoposto lo approfondiremo.  

Spano: Io penso che l’aggregazione debba essere lo strumento e non il risultato. La popolazione aveva già detto di volere un Comune indipendente, poi se il Cantone o qualche ente locale confinante dovesse portare qualche nuova proposta a quel punto ne discuteremo, ma sarà comunque la popolazione a decidere. 

Gli effetti dell’emergenza sanitaria avranno delle ripercussioni sui Comuni. Qual è la vostra ricetta, che soluzioni vedete per aumentare le entrate?

Spano: Lumino è un Comune con un’alta qualità di vita e questo porta le famiglie a venire a vivere qui e di conseguenza ad accrescere il gettito fiscale. Non sappiamo se questo potrà compensare delle eventuali ripercussioni dovute al Covid, questa è un’incertezza che hanno tutti i Comuni. Siamo coscienti che potrebbero esserci delle perdite e questo ci porta a ponderare bene ogni spesa, proprio nell’ottica di un’incertezza che non possiamo prevedere. A Lumino c’è anche una zona industriale, dove possiamo cercare di portare nuova linfa e posti di lavoro per i residenti. 

Parente: Importante sarà l’impegno per cercare di mantenere il moltiplicatore attuale. Si spera che gli investimenti fatti, a medio-corto termine, possano iniziare a dare i loro frutti. L’auspicio è che possano incentivare le famiglie a scegliere di stabilirsi a Lumino e quindi ad accrescere il gettito fiscale. Sarà anche importante mettere in pratica un rigoroso controllo degli investimenti e della spesa. Questo per tenere le finanze sotto controllo nei prossimi anni. Quanto a nuovi posti di lavoro, va detto che bisogna anche dare gli strumenti e creare le condizioni affinché le aziende e le imprese vengano a Lumino, ma non è così immediato, è un processo che richiede tempo. 

Avete menzionato l’importanza di attirare famiglie. Negli anni si è già costruito molto, come fare a mantenere un equilibrio tra l’auspicata crescita demografica e la salvaguardia del verde?

Parente: Lumino ha la fortuna di essere attrattivo, questo genera nuovi insediamenti e negli ultimi anni abbiamo vissuto un fermento edilizio non indifferente. Costruire si può, ma il ragionamento va fatto sulla qualità delle edificazioni. È su questo che si gioca la partita e il tipo di sviluppo che si vuole per il Comune, che sia quindi razionale e ragionevole. Il Municipio ha creato una commissione di esperti in grado di valutare i progetti dal punto di vista dell’inserimento architettonico nella realtà comunale. Il verde va incentivato e bisogna fare in modo che chi progetta stabili di una certa dimensione tenga conto di mantenere nel complesso una parte di verde consistente. 

Spano: È vero che negli anni si è costruito tanto, ma adesso c’è un momento di stabilizzazione. Ritengo comunque che si sia trovato il giusto compromesso tra la salvaguardia del verde e le nuove costruzioni. Il masterplan ha fornito le linee guida al Comune e messo alcuni paletti. La sfida è costruire bene integrando nel territorio la nuova costruzione. Negli anni si è salvato molto verde, questo è positivo e dovremo continuare ad avere un occhio di riguardo per questi spazi. 

Da giovane: un progetto per i giovani del paese? E uno per gli anziani?

Spano: Penso che potremo farci promotori, con le associazioni del territorio, di momenti aggregativi per gli anziani per recuperare i momenti che abbiamo perso. Visto che tra nonni e nipoti si è stati distanti, non dobbiamo pensare a progetti per generazioni ma piuttosto a momenti intergenerazionali. 

Parente: Lumino è sprovvisto di un luogo di aggregazione. Negli scorsi anni ci abbiamo riflettuto elaborando dei progetti che per ora sono purtroppo fermi a causa degli investimenti ingenti che richiederebbero. Degli altri spazi ci sono, anche se non ideali, come la palestra o la sala del Consiglio comunale. Potrebbero essere messi a disposizione dei giovani, che già hanno espresso la volontà di avere un luogo di scambio, dove proporre contenuti tematici, immaginando anche una collaborazione con il Comune. Quanto agli anziani, grazie anche alla cultura con ad esempio la mostra dedicata all’artista luminese Lucien Tournour, vorremmo tornare a proporre attività di coinvolgimento, quindi pomeriggi tematici e quando sarà possibile momenti di aggregazione. 

 

 

Guarda le 3 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved