ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
56 min

Fra i 17 e i 27 milioni per la nuova piscina di Trevano

La notizia è trapelata a margine dell’assemblea dell’Ente regionale di sviluppo del Luganese. Passi in avanti per il Parco regionale del Camoghè.
Mendrisiotto
2 ore

Un territorio raccontato attraverso tredici storie di vita

Le conversazioni del poeta Massimo Daviddi e i ritratti del fotografo Aldo Balmelli in un libro che restituisce lo sguardo dei protagonisti
Ticino
4 ore

Tetto ai premi di cassa malati, Carobbio: ‘Grave non parlarne’

Per la consigliera agli Stati il ‘no’ all’entrata in materia è ‘un brutto segnale’. Chiesa: ‘rifiutiamo il principio, e per il Ticino cambierebbe poco’
Luganese
4 ore

Le oasi di Vezia, idee per un paese più visibile

Dai luoghi di aggregazione a piccole aree di ristoro, molte le proposte pervenute dalla cittadinanza
Luganese
5 ore

Lugano, il futuro del fiume Cassarate passa dal Liceo 1

Per la riqualifica un’inedita collaborazione fra Dipartimento del territorio e ragazzi dell’istituto scolastico, fra nuovi accessi e un percorso didattico
Ticino
5 ore

Vigilanza sulla Procura federale, proposta Fiorenza Bergomi

La Commissione giudiziaria sottopone le proprie indicazioni all’Assemblea federale in vista delle nomine in programma per il 14 dicembre
Ticino
5 ore

Targhe, Dadò: ‘Colpa del governo’. Gobbi: ‘Sei in malafede’

Caos imposta di circolazione, dopo il ritiro dei decreti da parte del Consiglio di Stato è botta e risposta al fulmicotone, tra accuse e puntualizzazioni
Luganese
6 ore

Lugano, assegnate le tre residenze musicali allo Studio Foce

Ai vincitori, tutti della Svizzera italiana, viene dato per cinque giorni un supporto per preparare un tour di almeno cinque date
Bellinzonese
6 ore

Altro appuntamento a Bellinzona con ‘Una volpe in Città’

Domenica 4 dicembre alle 17.30 a Castel Grande Andrea Fazioli svelerà il secondo capitolo del racconto. Venerdì 2 dicembre aprirà la pista di ghiaccio
Bellinzonese
6 ore

L’inverno porta 13 nuovi percorsi per gli amanti delle ciaspole

L’Organizzazione turistica regionale Bellinzonese a Alto Ticino lancia la stagione fredda, ancora una volta segnata dall’attenzione per le passeggiate
05.05.2021 - 17:53
Aggiornamento: 19:22

Tre condanne e un'assoluzione per i disordini della Valascia

Confermati i reati di sommossa e violenza contro le autorità per i due tifosi dell'Hcap e per quello del Losanna. Prosciolto l'altro supporter biancoblù

tre-condanne-e-un-assoluzione-per-i-disordini-della-valascia
Pene pecuniarie, di cui due sospese, per i tre condannati (Ti-Press)

Si è chiuso con tre condanne e un’assoluzione il processo a carico dei quattro tifosi coinvolti nei disordini della Valascia del 14 gennaio 2018 in occasione dalla sfida tra l’Ambrì Piotta e il Losanna. Ai due ultrà ticinesi dell’Hcap, la Corte delle assise correzionali presieduta dalla giudice Francesca Verda Chiocchetti ha inflitto pene pecuniarie sospese per un periodo di due anni: 60 aliquote giornaliere da 30 franchi per il primo, 55 aliquote giornaliere da 30 franchi per il secondo. Per la giustizia ticinese sono colpevoli dei reati di sommossa e violenza o minaccia contro le autorità e i funzionari. Non ha quindi retto la tesi difensiva dell’avvocato Costantino Castelli, il quale si era battuto per il proscioglimento sostenendo che i suoi due assistiti abbiano contrastato i tifosi del Losanna unicamente per preservare l’incolumità degli spettatori dal momento che, secondo il legale, l’impianto di sicurezza non ha svolto a dovere il proprio lavoro. Per la Corte, che ha sì sottolineato le lacune della sicurezza, i tifosi dell’Hcap non hanno tuttavia fatto altro che rendere più difficoltoso l’intervento degli agenti.  Il loro intervento, ha affermato la giudice, non era finalizzato a proteggere gli altri spettatori. «Invece di potersi concentrare pienamente sui tifosi del Losanna, la polizia si è dovuta occupare anche dei tifosi dell’Ambrì», ha affermato la giudice prima di emettere il verdetto, aggiungendo che i due avrebbero dovuto andarsene dal momento che la polizia era già intervenuta per ostacolare gli ultrà vodesi. «La Gioventù biancoblu ha raccolto la sfida. Nessuno si è difeso da nessuno, si è trattato di un attacco reciproco». Con responsabilità differenti, i due sono colpevoli di aver incitato altri compagni allo scontro, sferrato colpi di cintura ai vodesi e alla polizia e lanciato due fumogeni verso la massa di persone dove c'erano anche poliziotti. 

'Non era lui il tifoso ripreso dalla videosorveglianza'

È stato invece prosciolto da ogni capo d’accusa il supporter leventinese residente oltre Gottardo per il quale il suo legale Christian Bignasca aveva chiesto l'assoluzione. Per la Corte non ha infatti partecipato in nessun modo agli scontri: non è infatti lui il tifoso ripreso dalle telecamere di sorveglianza. 

Da ultimo, il tifoso del Losanna è stato condannato unicamente per il reato di sommossa, dal momento che ha preso parte in maniera attiva all’assembramento di tifosi durante il quale sono volati oggetti di vario genere. Per la Corte non si è contraddistinto per agire particolarmente aggressivo, ma era comunque in mezzo al gruppo. A suo svantaggio c’è inoltre il precedente per rissa. Dovrà scontare (senza condizionale) una pena pecuniaria composta da 110 aliquote giornaliere da 30 franchi. Difeso dall'avvocato Roy Bay, è invece stato prosciolto dai reati di violenza o minaccia contro le autorità e lesioni semplici: dai filmati non emergono sufficienti prove che sia stato lui a lanciare bottiglie di vetro all'esterno della pista e i fumogeni all'interno della Valascia. 

Ieri, ricordiamo, il procuratore pubblico Nicola Respini aveva chiesto la condanna a pena detentive sospese per i due tifosi ticinesi e per il supporer del Losanna, mentre una pena pecuniaria per l'imputato oggi prosciolto. 

Leggi anche:

Violenti scontri alla Valascia

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved