ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarno
3 min

Solduno, un poliziotto di prossimità gentile e apprezzato

Dopo 37 anni di servizio va in pensione il sergente maggiore Fabrizio Arizzoli. L’Associazione di quartiere esprime la sua gratitudine
Mendrisiotto
3 ore

“Nei paesini la gente è solidale, ma in città...”

Non sembra essere un periodo facile per il volontariato, che dopo la pandemia sembra aver perso drasticamente attrattiva
Ticino
6 ore

Caso Unitas, Mps e Noi (Verdi) tornano alla carica

Nuove interpellanze: ’Le risposte scritte del Consiglio di Stato sollevano altri interrogativi’
Luganese
6 ore

La comunità cripto trova casa in centro città

L’Hub s’insedierà nell’edificio che ospitava il Sayuri e una banca, tra via Motta e Contrada Sassello. Lunedì discussione generale in Consiglio comunale
Locarnese
6 ore

Scintille tra Gordola e la Sopracenerina sulle tariffe

Nuova lettera dal Municipio al CdA della Ses per fare chiarezza sui costi di produzione e i prezzi applicati. Dividendi? ’Si può rinunciare’
Bellinzonese
15 ore

‘Eros Walter era un vulcano: alla Federviti ha dato moltissimo’

Lutto nel mondo vitivinicolo ticinese: è deceduto lo storico presidente della sezione Bellinzona e Mesolcina. Il ricordo di amici e colleghi
Mendrisiotto
16 ore

Di satira (anche politica) e di Nebiolini

Il Carnevale chiassese anche quest’anno non ha rinunciato alla sua edizione unica del Giornalino
Ticino
17 ore

Marchesi: ‘Se l’Udc entrasse in governo, noi pronti per il Dfe’

I democentristi ribadiscono la loro ricetta per il risanamento delle finanze cantonali: ‘Se ci avessero ascoltato, avremmo già risparmiato 100 milioni’
Luganese
17 ore

Lugano, arte postale in campo a favore della diversità

L’associazione socioculturale Kosmos promuove una campagna di sensibilizzazione per la prevenzione di razzismo e discriminazione
Luganese
17 ore

Lugano, quel vuoto in piazza della Riforma

Verso la ristrutturazione l’edificio che ospitava il Caffè Federale, sulla cui facciata c’è la più vecchia insegna di caffetteria della piazza
Grigioni
17 ore

Raveglia nuovo presidente della Conferenza dei sindaci moesani

Approvato il Piano direttore regionale concernente il Parco naturale Val Calanca
Bellinzonese
18 ore

Ad Airolo-Pesciüm ciaspolare degustando

Domenica 26 febbraio la seconda edizione della Gastroracchettata: iscrizioni aperte
Bellinzonese
18 ore

Zac, via altri alberi a Bellinzona: perché?

I Verdi insorgono con un’interpellanza al Municipio sui tagli eseguiti lungo i viali Franscini e Motta
Luganese
18 ore

L’incendio boschivo sul Monte Brè è stato domato

Buone notizie, ma i Pompieri rimarranno tutta la notte a monitorare la situazione e continuare a gettare acqua
Ticino
18 ore

Radar: questa settimana sono in un comune su due

L’elenco delle località dove dal 6 al 12 febbraio verranno eseguiti controlli della velocità
gallery
chiasso
19 ore

Nebiopoli, in seimila al corteo dei bambini

L’appuntamento odierno ha visto sfilare 1’500 allievi delle scuole elementari e dell’infanzia
Luganese
19 ore

Confermato lo spostamento del circo Knie ad Agno

Lo spiega il Municipio di Lugano sollecitato da un’interrogazione. Una soluzione valida per il 2023 e che potrebbe continuare fino a fine 2030
Luganese
20 ore

Una tariffa unica per i trasporti pubblici a Lugano

È quanto chiede una mozione interpartitica presentata al Municipio, invitato ad avere coraggio
Luganese
20 ore

Non cambia la viabilità lungo le vie di Cassarate

Il Municipio di Lugano boccia la proposta formulata dalla consigliera comunale Lara Olgiati (Plr) per migliorare traffico e sicurezza
Locarnese
20 ore

Acqua potabile per tutti: Locarno, Losone e Muralto solidali

Raccolti e devoluti a favore delle popolazioni dell’Africa occidentale oltre 28mila franchi. Serviranno alla realizzazione d’infrastrutture idriche
Luganese
21 ore

‘Il sistema di designazione dei pretori di Lugano è adeguato’

Il Consiglio di Stato esprime parere negativo su una delle due proposte formulate in un’iniziativa elaborata presentata nel 2019
03.05.2021 - 10:20
Aggiornamento: 02.07.2021 - 13:04

Il Parco del Piano volta pagina: Antognini nuovo direttore

Dopo la partenza di Alma Sartoris la Fondazione ha designato il noto titolare di un'azienda vitivinicola di Gudo: ‘Profilo ideale per i nuovi progetti’

il-parco-del-piano-volta-pagina-antognini-nuovo-direttore
(Ti-Press)

Un uomo del territorio per il territorio. La Fondazione Parco del Piano di Magadino ha designato Giovanni Antognini nuovo direttore. A partire dal primo agosto il noto imprenditore vitivinicolo gudese colmerà il vuoto lasciato da Alma Sartoris, la prima direttrice che aveva dimissionato nel febbraio 2020 basando la decisione su sensibilità diverse con i vertici dell'organizzazione. Giovanni Antognini è stato scelto tra diversi candidati che avevano risposto al concorso lanciato negli scorsi mesi dalla Fondazione presieduta da Giacomo Zanini. Sono molteplici i motivi che hanno spinto il comitato a indirizzarsi sul suo profilo, “ma decisiva – viene spiegato in un comunicato – è stata la sua grande esperienza nel settore primario e la sua approfondita conoscenza del Piano di Magadino”.

La sua carriera

Domiciliato a Gudo, classe 1968, sposato e padre di due figli, la sua attività lavorativa si è sviluppata attorno ai temi agricoli, ma non solo. Infatti dopo aver ottenuto la licenza all’Università di Zurigo con indirizzo economia aziendale, dal 1995 al 2001 è stato collaboratore nel marketing e responsabile dei prodotti agricoli per Migros Ticino. Dal 2001 al 2007 ha diretto la Federazione orto-frutticola ticinese (Foft). La sua carriera si è quindi spostata nell’amministrazione cantonale come direttore della Sezione dell'agricoltura dal 2007 al 2013. Negli ultimi anni è tornato nel settore privato lavorando con funzioni dirigenziali per due aziende ticinesi (di cui una basata proprio nel Piano di Magadino) attive nella produzione e nel commercio di vini.

‘Sensibilità per l'ambiente’

Nei ruoli professionali e nella vita privata Giovanni Antognini “ha anche dimostrato una sensibilità per l'ambiente che gli permetterà di affrontare con competenza i delicati equilibri fra le diverse componenti del Parco”. La sua esperienza professionale formatasi in diversi settori pubblici e privati “gli hanno permesso di conoscere, sotto diversi punti di vista, il territorio di cui dovrà occuparsi” dall'estate 2021. Tra i vari aspetti ha peraltro fatto parte del gruppo di progetto che, a suo tempo, ha elaborato il Piano di utilizzazione cantonale (Puc) del Parco del Piano di Magadino e cioè lo strumento pianificatorio che regola in modo vincolante l’uso di quel particolare territorio d’interesse sovracomunale.

Zanini: ‘Corrisponde a un'idea precisa di progetto’

Come spesso succede, si cerca un nuovo direttore il cui profilo corrisponda a un’idea precisa di progetto. «In effetti è andata così», conferma alla ‘Regione’ il presidente Giacomo Zanini. Prima di lanciare il concorso per l’assunzione, cui hanno partecipato 36 candidati, «abbiamo voluto tracciare un piano delle iniziative da mettere in cantiere sul lungo termine. Una strategia sviluppata partendo da una valutazione di quanto avviato e concretizzato durante il primo quadriennio di vita del parco. Lo abbiamo fatto ascoltando il parere molto qualificato di Mario Colatrella, già direttore di Coop Ticino. La sua consulenza ha indicato la necessità di aggiustare il tiro, di guardare lontano nel tempo con gli obiettivi e di lavorare su alcune filiere prioritarie affinché il parco diventi un ‘soggetto evidente’ sia per chi lo frequenta abitualmente, sia per chi lo visita la prima volta e desidera vivere un'esperienza unica. Per arrivarci occorre il concreto coinvolgimento del settore agricolo in più ambiti, non solo quella produttivo, nonché un’adeguata promozione attraverso il marketing territoriale».

‘Bene inserito nel contesto e conosce l'ambiente’

Stabilito questo, è risultato altrettanto chiaro ‘cosa’ avrebbe dovuto essere il nuovo direttore: «Al termine della decina di audizioni fatte dopo la prima scrematura – annota Zanini – abbiamo ritenuto che il profilo ideale fosse quello di Giovanni Antognini. Tra i vantaggi, oltre al suo percorso formativo e professionale, oltre alla sua attitudine personale e alle capacità manageriali, vi è anche il fatto di essere già bene inserito in una realtà che conosce alla perfezione avendovi operato in più ambiti. Questo faciliterà enormemente la presa di contatto con i vari attori. E difatti proprio la moltitudine di attori coinvolti è uno dei punti più sensibili richiedendo buone doti d'interazione, ascolto, comunicazione e coordinamento».

La base c'è: la piattaforma agricola

A sua volta Antognini ha chiesto garanzie che potesse iniziare l’incarico partendo da una base consolidata di rapporti. «Che c’è», assicura Zanini: «Con Foft e con la Tior Sa, ossia la società commerciale di distribuzione della produzione dei soci Foft, abbiamo costituito una ‘piattaforma agricola’ che riunisce un insieme di settori e professionisti con ruoli diversi. In questo ambito uno dei progetti che sta prendendo corpo è la promozione dei prodotti agricoli nella ristorazione locale». Una sorta di marchio, come per esempio il ‘Piatto del parco’, aiuterebbe la clientela turistica e locale a identificare il progetto anche dal profilo culinario. Un secondo pilastro è rappresentato dalle visite guidate al parco, un’offerta più volte sollecitata dagli enti turistici: «Miriamo a un’esperienza che lasci il segno, che si distingua chiaramente da altre offerte simili».

Materiale didattico

Ritenuta di fondamentale importanza è anche la qualità del materiale didattico stampato per le scuole primarie: «Volendo rivolgerci adeguatamente alle nuove generazioni, stiamo collaborando sia col Dipartimento formazione e apprendimento della Supsi, sia con il Decs». Sul piano naturalistico, inoltre, da quest’anno la gestione degli interventi sono stati appaltati alla Fondazione Bolle di Magadino «che dispone di personale professionale». Infine il capitolo svago: se mezzo secolo fa questo non era un tema, annota Zanini, «oggi rappresenta invece un fenomeno che va adeguatamente gestito. Le stesse aziende agricole possono giocare un ruolo attivo gestendo per esempio il bike sharing o le griglie a disposizione per i pic nic». E mentre uno studio è stato avviato per individuare soluzioni utili a una corretta gestione dei sempre più numerosi e famelici ungulati, nel capitolo svago e agricoltura richiederà uno sforzo collettivo la risoluzione del traffico parassitario e delle strade a disposizione dei rispettivi ambiti, considerando l’equilibrio labile su cui si regge la circolazione (e sarà così ancora per un paio di decenni, aspettando il collegamento veloce A2/A13) lungo le congestionate strade cantonali nelle due sponde del Piano di Magadino.

Il Parco del Piano in cifre

Si estende su otto Comuni: Bellinzona (in origine Bellinzona, Giubiasco, Gudo e Sementina aggregatisi nel 2017), Cadenazzo, Cugnasco-Gerra, Gambarogno, Gordola, Locarno, S.Antonino e Tenero-Contra.

Ha una superficie di 2'350 ettari

Il potenziale bacino di utenza è di 100'000 abitanti

Conta 76 aziende agricole con 326 impiegati, 24 aziende con attività agrituristiche

Fornisce il 43% della produzione lattiera ticinese in estate e il 23% in inverno

Il 70% della superficie utile è agricola

Il 75% della produzione orticola ticinese in valore proviene dal Piano di Magadino

Conta 63 oggetti inventariati a livello cantonale, nazionale e internazionale

Leggi anche:

Parco del Piano, la direttrice lascia: 'Sensibilità diverse'

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved