parco-del-piano-la-direttrice-lascia-sensibilita-diverse
La direttrice dimissionaria Alma Sartoris e il presidente Giacomo Zanini (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
6 ore

Muralto, botte in stazione: commozione celebrale per un 18enne

Il fatto di violenza è successo nel tardo pomeriggio di oggi: un gruppetto di quattro giovani ha aggredito tre ragazzi senza motivo
Bellinzonese
10 ore

Torna l’evento ‘Belli di sera’

Appuntamento per mercoledì 25 maggio nel centro cittadino. L’orario di chiusura del mercato del mercoledì e dei negozi sarà posticipato alle 21
Luganese
10 ore

Unitas, il finanziamento cantonale non sarebbe in dubbio

In seguito alla denuncia di molestie, ma si valuterà l’esito dell’inchiesta
Bellinzonese
10 ore

‘No a Avs 21 e nel 2023 un nuovo sciopero femminista’

La presidente Vania Alleva è intervenuta alla Conferenza nazionale delle donne Unia che ha riunito a Bellinzona 150 delegate
Mendrisiotto
10 ore

‘Mettete il fotovoltaico sui tetti delle vostre imprese’

Il Cantone chiama a raccolta il mondo economico del Distretto per dare un’accelerata alla svolta energetica
Locarnese
10 ore

Gli allevatori: ‘Scegliete, o noi o il lupo’

A Cevio s’incendia l’incontro con il Cantone. Criticata l’assenza del ministro Claudio Zali
Bellinzonese
11 ore

E a Bellinzona già si pensa a un Bar Blues

Il comitato EsercEventi accolto dal municipale Bison. Il coordinatore Morici: ‘Soddisfatti’. In programma non solo Notte bianca e Notte live
Ticino
11 ore

Offerta straordinaria di corsi per bambini non italofoni

L’iniziativa del Decs per i giovani in età di scuola elementare e scuola media per i ragazzi provenienti dall’Ucraina (ma non solo)
Ticino
12 ore

Nel caldo maggio ticinese, occhio a non ‘scottarsi’ con un radar

La Polizia cantonale comunica le località nelle quali nel corso della prossima settimana verranno effettuati controlli elettronici della velocità
Mendrisiotto
12 ore

Chiasso, è lotta alla flavescenza dorata nei vigneti

Il Comune indica che il primo trattamento è da prevedere orientativamente tra il 10 e il 15 giugno
13.02.2020 - 20:19
Aggiornamento : 23:25

Parco del Piano, la direttrice lascia: 'Sensibilità diverse'

A soli due anni dalla nomina, Alma Sartoris si dimette per affrontare altre sfide professionali. 'La sfida era importante, ma non impossibile'

Colpo di scena in seno alla Fondazione Parco del Piano di Magadino. A soli due anni dalla sua nomina, avvenuta nel febbraio 2018, la direttrice Alma Sartoris ha rassegnato le dimissioni. È il presidente Giacomo Zanini a comunicarlo stasera in una breve nota stampa nella quale non espone nel dettaglio i motivi della separazione, limitandosi a parlare di “sensibilità diverse”. Ciò che la indurrà ad affrontare altre sfide professionali. Interpellato dalla 'Regione' Zanini assicura che a monte della decisione «non vi sono criticità particolari ma semplicemente visioni differenti». Il Parco, ricordiamo, è nato ufficialmente nell'ottobre 2016 e la Fondazione è responsabile dell’attuazione del Piano di utilizzazione cantonale Parco del Piano di Magadino, della messa in atto delle misure volte al conseguimento degli obiettivi tramite il coinvolgimento e la collaborazione di altri enti pubblici e privati, del monitoraggio territoriale e della ricerca di finanziamenti. Tornando alle dimissioni di Alma Sartoris, entrata in servizio nel luglio 2018, il Consiglio di Fondazione “prende atto di questa decisione e, ringraziandola sentitamente per avere impostato i lavori di avviamento del Parco, le augura successo e soddisfazione per il suo prosieguo professionale”. Cresciuta a Comano e originaria di Mosogno (Onsernone), Alma Sartoris ha conseguito il diploma in Geografia all’Università di Zurigo nel 1998. Nell’ambito dello sviluppo territoriale è stata collaboratrice scientifica alla Hochschule für Technik Rapperswil e ha collaborato come consulente dello stesso progetto del Parco del Piano di Magadino. Al momento della sua nomina era responsabile dei programmi di agglomerato presso l’Ufficio per lo sviluppo territoriale del Canton San Gallo.

'Come uno scrigno di gemme preziose'

Nel giugno 2018, presentandosi alla stampa, Alma Sartoris paragonava il parco a una casa da ristrutturare: «Pur considerando la componente svago – premetteva – l’agricoltura ha un ruolo fondamentale in un parco che è come uno scrigno contenente gemme preziose difficilmente visibili dalla strada. Gemme che andranno valorizzate e rese fruibili». Una ricetta possibile? «Migliorare l’attrattiva per lo svago porta con sé un’accresciuta attenzione e sensibilità generale per agricoltura e natura». La sfida, proseguiva allora, «è paragonabile alla ristrutturazione di una casa: abbiamo l’edificio e conosciamo l’obiettivo, ora si tratta di capire come far interagire i vari artigiani su un progetto comune di valorizzazione. Un progetto altresì complesso: per concretizzarlo bisognerà aprire canali di discussione fra più parti in causa, cercando d’individuare le giuste modalità d’attuazione delle 86 misure pensate per eliminare i punti deboli e gestire le minacce».

La causa: ‘Un modo differente di concepire le priorità’

Trascorsi 20 mesi da quelle parole pronunciate prima di assumere le redini, cosa è andato storto? Raggiunta al telefono dalla redazione, Alma Sartoris rimarca l’importanza del progetto del Parco e la complessità nel coniugare e sviluppare insieme le varie componenti individuate, in primis quelle agricole, ambientali e legate allo svago: «Sapevo sin dall’inizio che la sfida sarebbe stata importante, ma non certo impossibile. Nel frattempo un modo diverso, fra me e il Consiglio, di concepire le priorità mi ha indotto a optare per un’altra strada professionale, orientata alla consulenza nell’ambito dello sviluppo territoriale».

Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved