ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
2 ore

Ferite di media gravità per centauro finito fuori strada

L’incidente è avvenuto sul mezzogiorno di sabato lungo la strada cantonale che da Carabietta conduce ad Agnuzzo
Bellinzonese
4 ore

Scontro fra due auto a Cadenazzo: un ferito

Il tratto di via Ala Campagna è stato chiuso per oltre un’ora per consentire le operazioni di soccorso e il recupero dei veicoli accidentati
Video
Ticino
8 ore

La Chiesa si mette in attesa ‘un po’ particolare’ del Natale

Messaggio alla Diocesi ticinese del vescovo Alain de Raemy in occasione domenica dell’inizio del cammino d’Avvento
Luganese
12 ore

A2, PoLuMe anche da Gentilino alla Vedeggio-Cassarate

L’Ustra conferma: in autostrada si potrà usare la terza corsia d’emergenza come ‘dinamica’ in caso di necessità fino a Lugano nord
Ticino
12 ore

Cantonali ’23, Andrea Giudici torna in pista. E lo fa con l’Udc

Deputato liberale radicale dal 2003 al 2019, l‘avvocato locarnese proverà a tornare in Gran Consiglio: ’I democentristi rappresentano meglio le mie idee’
VIDEO
Locarnese
12 ore

‘Non si può ammazzare una donna per un ciuffo di capelli’

Tre 18enni che frequentano il Liceo Papio hanno deciso di compiere un gesto simbolico a sostegno delle donne iraniane che lottano per i propri diritti
Bellinzonese
20 ore

‘Hanno dato il massimo ma sono stati travolti da una tempesta’

La difesa dei vertici della casa anziani di Sementina chiede l’assoluzione contestando anche le direttive di Merlani. Morisoli: ‘Fatto il possibile’
Ticino
21 ore

Targhe, il governo rilancia con 2 proposte. Dal Centro nuovo No

Il Consiglio di Stato tende la mano con delle alternative di calcolo. Gli iniziativisti non ci stanno, la sinistra sì. Ognuno per la sua strada, ancora
Ticino
21 ore

‘Polizia unica? Sfruttiamo le potenzialità del sistema attuale’

Fsfp in assemblea. E sul delicato e controverso dossier si attende che la politica decida.‘Venga però sentita anche la nostra Federazione’
Luganese
21 ore

La proposta: due vie a senso unico a Cassarate

In un’interrogazione, la consigliera comunale Lara Olgiati (Plr) ritiene che la modifica viaria delle vie Pico e Vicari migliorerebbe traffico e sicurezza
13.02.2020 - 20:19
Aggiornamento: 23:25

Parco del Piano, la direttrice lascia: 'Sensibilità diverse'

A soli due anni dalla nomina, Alma Sartoris si dimette per affrontare altre sfide professionali. 'La sfida era importante, ma non impossibile'

parco-del-piano-la-direttrice-lascia-sensibilita-diverse
La direttrice dimissionaria Alma Sartoris e il presidente Giacomo Zanini (Ti-Press)

Colpo di scena in seno alla Fondazione Parco del Piano di Magadino. A soli due anni dalla sua nomina, avvenuta nel febbraio 2018, la direttrice Alma Sartoris ha rassegnato le dimissioni. È il presidente Giacomo Zanini a comunicarlo stasera in una breve nota stampa nella quale non espone nel dettaglio i motivi della separazione, limitandosi a parlare di “sensibilità diverse”. Ciò che la indurrà ad affrontare altre sfide professionali. Interpellato dalla 'Regione' Zanini assicura che a monte della decisione «non vi sono criticità particolari ma semplicemente visioni differenti». Il Parco, ricordiamo, è nato ufficialmente nell'ottobre 2016 e la Fondazione è responsabile dell’attuazione del Piano di utilizzazione cantonale Parco del Piano di Magadino, della messa in atto delle misure volte al conseguimento degli obiettivi tramite il coinvolgimento e la collaborazione di altri enti pubblici e privati, del monitoraggio territoriale e della ricerca di finanziamenti. Tornando alle dimissioni di Alma Sartoris, entrata in servizio nel luglio 2018, il Consiglio di Fondazione “prende atto di questa decisione e, ringraziandola sentitamente per avere impostato i lavori di avviamento del Parco, le augura successo e soddisfazione per il suo prosieguo professionale”. Cresciuta a Comano e originaria di Mosogno (Onsernone), Alma Sartoris ha conseguito il diploma in Geografia all’Università di Zurigo nel 1998. Nell’ambito dello sviluppo territoriale è stata collaboratrice scientifica alla Hochschule für Technik Rapperswil e ha collaborato come consulente dello stesso progetto del Parco del Piano di Magadino. Al momento della sua nomina era responsabile dei programmi di agglomerato presso l’Ufficio per lo sviluppo territoriale del Canton San Gallo.

'Come uno scrigno di gemme preziose'

Nel giugno 2018, presentandosi alla stampa, Alma Sartoris paragonava il parco a una casa da ristrutturare: «Pur considerando la componente svago – premetteva – l’agricoltura ha un ruolo fondamentale in un parco che è come uno scrigno contenente gemme preziose difficilmente visibili dalla strada. Gemme che andranno valorizzate e rese fruibili». Una ricetta possibile? «Migliorare l’attrattiva per lo svago porta con sé un’accresciuta attenzione e sensibilità generale per agricoltura e natura». La sfida, proseguiva allora, «è paragonabile alla ristrutturazione di una casa: abbiamo l’edificio e conosciamo l’obiettivo, ora si tratta di capire come far interagire i vari artigiani su un progetto comune di valorizzazione. Un progetto altresì complesso: per concretizzarlo bisognerà aprire canali di discussione fra più parti in causa, cercando d’individuare le giuste modalità d’attuazione delle 86 misure pensate per eliminare i punti deboli e gestire le minacce».

La causa: ‘Un modo differente di concepire le priorità’

Trascorsi 20 mesi da quelle parole pronunciate prima di assumere le redini, cosa è andato storto? Raggiunta al telefono dalla redazione, Alma Sartoris rimarca l’importanza del progetto del Parco e la complessità nel coniugare e sviluppare insieme le varie componenti individuate, in primis quelle agricole, ambientali e legate allo svago: «Sapevo sin dall’inizio che la sfida sarebbe stata importante, ma non certo impossibile. Nel frattempo un modo diverso, fra me e il Consiglio, di concepire le priorità mi ha indotto a optare per un’altra strada professionale, orientata alla consulenza nell’ambito dello sviluppo territoriale».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved