missione-aerospaziale-per-l-arti-e-mestieri-di-bellinzona
Sam Bellinzona
Uno degli studenti nella prima fase di montaggio
ULTIME NOTIZIE Cantone
Gallery
Mendrisiotto
25 min

Novazzano, vitello cade in una valletta. Lo recupera la Spab

Salvato con un elicottero, il giovane bovino è tornato a casa sano e salvo. E si è guadagnato il nome di Icaro
Ticino
39 min

Sirica: il Plr ha pagato una sua certa arroganza

'Opportuno il ballottaggio a Bellinzona e la nostra è stata una campagna corretta', ribatte il presidente dei liberali radicali Speziali all'omologo socialista
Ticino
47 min

'Imponimento': 147 persone rinviate a giudizio

'Ndrangheta, le richieste dei pm antimafia di Catanzaro in relazione all'inchiesta dai risvolti svizzeri
Luganese
51 min

Monte Ceneri, tiro obbligatorio

La società del Vedeggio organizza gratuitamente mercoledì al poligono militare
Mendrisiotto
1 ora

A Novazzano il 21 maggio si sciopera per il futuro

Anche nel Distretto si aderisce alla manifestazione indetta a livello nazionale per il clima
Luganese
1 ora

Insediato il nuovo Municipio di Lamone

A guidarlo è nuovamente il sindaco Marco Balerna, mentre il vicesindaco è Daniele Franzoni
Mendrisiotto
3 ore

Otto 'testimonial' per i cinque musei d'arte del Distretto

La Rete MAM aderisce a una campagna che racconta di legami d'affetto e con il territorio attraverso la voce di personalità della cultura
Locarnese
3 ore

Locarno, le e-bike vanno per la maggiore

Quasi esaurito il credito che la Città mette a disposizione dei cittadini per l'acquisto di biciclette elettriche
Mendrisiotto
4 ore

Genestrerio, si parte con il progetto stradale sulla zona 30

In pubblicazione il dossier che limita la velocità su tre vie interne e sistema il marciapiede. Obiettivo: più sicurezza e tranquillità
Locarnese
4 ore

Renata Casetta, protagonista dell'Ascona ‘da bere’

Personaggio conosciutissimo in tutto il Locarnese (anche per aver gestito il bar del Teatro Dimitri) è morta a 85 anni
Grigioni
4 ore

Scontro sulla cantonale a Roveredo: un ferito leggero

Subaru finisce rovesciata sul fianco. Per estrarre il conducente dall'abitacolo si è reso necessario l'intervento dei pompieri
Bellinzonese
6 ore

Bellinzona senza partita, Branda confermato sindaco col 60%

Con 9'169 voti contro i 6'024 dello sfidante Gianini, il socialista si aggiudica lo scranno per la terza volta consecutiva: ‘Risultato oltre le aspettative’
Ticino
LIVE

Spoglio concluso, le reazioni - Segui il live de La Regione

Concluso lo spoglio per i ballottaggi. A Bellinzona e Riviera confermati Branda e Pellanda, ribaltone a Lumino. A Vezia si impone Piva, Catarin a Losone
Luganese
6 ore

Novaggio conferma Andrea Pozzi sindaco

All'elezione, lo sfidante Piergiorgio Morandi ottiene 191 voti, il sindaco di quindicina (Spazio libero - per ambiente e socialità) 38 in più
Locarnese
6 ore

Piano direttore: discarica Quartino, faggeta Lodano e altri

Le modifiche decise dal Consiglio di Stato saranno in pubblicazione dal 17 maggio
Bellinzonese
26.04.2021 - 05:200
Aggiornamento : 15:39

Missione aerospaziale per l’Arti e mestieri di Bellinzona

Sei studenti stanno sviluppando un mini satellite per partecipare a una competizione internazionale organizzata dall'Agenzia spaziale europea

Sei studenti della Scuola d’arti e mestieri del Centro professionale tecnico (Cpt) di Bellinzona si sono lanciati in una sfida spaziale. Cinque ragazzi e una ragazza dai 17 ai 19 anni stanno sviluppando un mini satellite con cui parteciperanno a una competizione internazionale sfidando una ventina di squadre provenienti da tutta Europa. Il team rappresenterà la Svizzera al concorso CanSat organizzato dall’Agenzia spaziale europea (Esa), una gara che intende avvicinare i ragazzi all’industria aerospaziale permettendo loro di realizzare un primo concreto progetto spaziale. CanSat viene indetto da una decina d’anni e ogni edizione si svolge in una nazione diversa. Quest’anno a causa del coronavirus e delle varie restrizioni in vigore per limitare i contagi l’organizzazione dell’evento è stata rivista. Solitamente è l’Esa che, tramite degli appositi razzi, si occupa del lancio dei satelliti realizzati dai ragazzi. «Proprio negli ultimi giorni ci è stato comunicato che l’Esa non potrà eseguire il lancio a causa di difficoltà organizzative legate alla situazione pandemica», spiega alla ‘Regione’ Matteo Mozzini, vicedirettore del Cpt di Bellinzona, uno dei venti centri professionali coordinati dalla Divisione della formazione professionale del Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport. «È stata una doccia fredda – commenta – ma ora devo dire che con questa sfida in più, l’esperienza sarà anche più stimolante». Ciò significa infatti che saranno i ragazzi stessi a occuparsi del lancio con l’aiuto di Matteo Mozzini e del docente che li segue nel progetto, Rinaldo Geiler.

Il satellite in realtà non andrà nello spazio, ma verrà portato a un’altitudine di 1000 metri. Il team di Bellinzona lo condurrà a questa altezza con un drone, dopodiché verrà sganciato. Nella fase di discesa raccoglierà varie misure tramite strumenti appositi contenuti al suo interno, la corsa verrà rallentata e stabilizzata a circa 30 chilometri orari grazie a un paracadute. Il satellite, delle dimensioni di una lattina – da qui il nome della competizione CanSat (can, ovvero lattina in inglese) – dovrà pesare tra i 300 e i 350 grammi, paracadute compreso. Il lancio verrà effettuato tra fine maggio e inizio giugno, a seconda anche delle condizioni atmosferiche favorevoli, che prevedono l’assenza di pioggia. 

La finale della competizione si terrà a fine settembre. Tutti dovranno presentare il proprio progetto e a tutte le squadre verrà chiesto di eseguire una modifica specifica del proprio satellite. Ogni team avrà tempo una settimana per apportarla e fare una nuova presentazione. 

Due missioni

Nella fase di discesa il satellite dovrà svolgere due ‘missioni’. La prima è valida per tutti i team che partecipano e prevede la misurazione della pressione e la temperatura dell’aria con una frequenza di al minimo un hertz, quindi una volta al secondo. Ogni squadra sceglie una seconda missione: gli studenti di Bellinzona hanno deciso di caratterizzare ulteriormente il profilo verticale dell’atmosfera misurando anche l’umidità, la direzione e l’intensità del vento. Inoltre raccoglieranno campioni d’aria a diverse altitudini, servendosi di una micropompa con elettrovalvole e sacchetti sterili inerti che si gonfieranno in automatico a differenti altitudini. Tutta la strumentazione, salvo il paracadute che sarà posto all’esterno, verrà contenuta nella lattina: «fa parte della sfida, farci stare tutto e non sforare con il peso», spiega Mozzini. Ma anche con i costi. Sì, perché il satellite non deve avere un valore superiore ai 500 euro. 

Team multidisciplinare

Gli studenti hanno iniziato lo scorso autunno a preparare la candidatura per partecipare al concorso. Hanno iniziato a costruire il satellite in gennaio durante le ore di attività pratica a scuola. Il team è composto da giovani inseriti in percorsi della formazione professionale di base in tre diverse professioni: elettronici, operatori in automazione e progettisti meccanici. Ad accomunarli è la passione per l’astronomia, la tecnologia in generale e quella aerospaziale in particolare. I sei giovani sono stati scelti in base alle loro capacità, attitudini e passioni. 

Appuntamento con l’astronauta Nicollier

Martedì 4 maggio alle 11 alla Scuola d’Arti e mestieri di Bellinzona è prevista una presentazione pubblica del progetto. Tutte le classi della scuola seguiranno la presentazione in streaming, saranno pure collegate classi di terza e quarta delle Scuole Medie ticinesi. L’evento, organizzato in collaborazione con l’Agenzia spaziale europea, Space Innovation, Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana e la Città dei mestieri della Svizzera italiana è pubblico ed è aperto a tutti, e sarà tramesso in streaming sul sito www.samb.ti.ch/swisscan. Dalle 11 alle 11.20 è prevista la presentazione del progetto, dalle 11.20 alle 11.40 ci sarà un dialogo con l’ex astronauta svizzero Claude Nicollier e l’ingegnere Bruno Storni, ex studente della Sam. Mentre dalle 11.40 alle 12 è prevista la conferenza ‘Partager l’espace’ di Claude Nicollier. A disposizione del pubblico vi sarà una chat nella quale si potranno porre domande agli ospiti. 

Sam Bellinzona
Guarda le 3 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved