ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
58 min

Un fuoristrada, un gatto e l’amore per la (nuova) vita

Grazie al piacere nel viaggiare assieme al suo fedele Jek, il locarnese ‘Jonni’ è riuscito a riprendersi dopo un tragico incidente in cui è quasi morto
Ticino
1 ora

Salario minimo non adeguato all‘inflazione, Durisch: ‘Contesto!’

Il capogruppo Ps dopo la decisione del governo: ‘Assurdo, è una manovra per non arrivare all’ultima forchetta nel 2025: non sta né in cielo né in Terra’
Luganese
6 ore

Lugano, trasporto pubblico più friendly per i disabili

Approvato il maxi credito (13,6 milioni) per adeguare una parte delle fermate cittadine. Polemica in Consiglio comunale sulle telecamere nei parchi gioco.
Locarno
7 ore

Incrocio del Debarcadero,via libera alla sistemazione

Passa in Consiglio comunale anche la progettazione definitiva degli spazi pubblici del centro urbano
Luganese
8 ore

Morcote allacciata all’impianto di depurazione del Pian Scairolo

Tra i progetti previsti dal Consorzio l’abbattimento di microinquinanti e l’utilizzo di energie alternative
Ticino
9 ore

‘Quell’iniziativa è superata dagli eventi’

Consiglio della magistratura, così la commissione parlamentare: Assemblea dei magistrati e Gran Consiglio hanno nel frattempo designato il nuovo Cdm
Gallery
Mendrisiotto
10 ore

Volto coperto e armati: commando irrompe in una abitazione

In cinque rapinano una casa privata a Novazzano. Immobilizzate le persone all’interno, gli autori del ‘colpo’ si sono poi dati alla fuga
Ticino
10 ore

‘Riconoscimento del carovita così come proposto dal governo’

Risoluzione della sezione ticinese della Federazione svizzera funzionari di polizia
Bellinzonese
11 ore

Airolo ha omaggiato i suoi 18enni

Il ricevimento ufficiale organizzato dal Municipio si è tenuto sabato 26 all’Infocentro A2 Gottardo Sud
Bellinzonese
11 ore

‘Raccontami una storia in ucraino’ a Bellinzona

L’attività promossa dalla biblioteca interculturale BiblioBaobab si terrà mercoledì 30 novembre dalle 10 alle 11 nella sua sede
laR
 
15.04.2021 - 05:30
Aggiornamento: 14:29

Frane e alluvioni nel Bellinzonese, piano d’azione in arrivo

Per le zone più soggette a pericoli naturali è in corso una radiografia della situazione. Poi verrà definito un protocollo da adottare in caso di bisogno

frane-e-alluvioni-nel-bellinzonese-piano-d-azione-in-arrivo
Ti-Press
L'ex centro rifiuti di Carasso lo scorso ottobre completamente allagato a causa dell’acqua proveniente dagli adiacenti canali di scolo che sono collegati al fiume Ticino

Frane, distacchi di roccia ed eventi alluvionali. Quali sono le zone più soggette a questi pericoli naturali nel Bellinzonese? Una radiografia della situazione è in corso e dovrebbe concludersi entro la fine dell’anno. Dopodiché verrà definito un protocollo d’azione da adottare in caso di eventi effettivi sulla base di schede tecniche di pericolo. «Nel maggio 2017 è entrata in vigore una revisione della Legge sui territori interessati da pericoli naturali che prevede che i Comuni si debbano occupare della gestione del rischio e di allestire dei piani di emergenza di intervento nel caso di eventi naturali», spiega il municipale Christian Paglia, responsabile dei Servizi urbani del Comune di Bellinzona. «Per questo motivo, a fine 2019 abbiamo deliberato un mandato a uno studio di ingegneria specializzato, dal costo di 143mila franchi, sussidiato per l’80% dal Cantone, per allestire uno studio suddiviso in due parti», aggiunge. La prima fase è in corso e si sta procedendo con un’analisi del territorio, gli esperti sono dunque al lavoro per raccogliere piani e studi già esistenti relativi alle zone di pericolo presenti a Bellinzona e negli altri quartieri. Si tratta in pratica di raccogliere informazioni sugli eventi pregressi capitati nel passato e localizzare dove si sono verificati crolli e alluvionamenti. Una fase di indagine che prevede anche di interpellare i cittadini residenti in alcune zone sensibili al fine di raccogliere documentazione. Questa prima fase permetterà dunque di individuare le zone che devono essere protette e mantenute, soprattutto quelle in cui vi sono abitazioni, scuole, chiese e beni monumentali. La seconda fase prevede invece l’allestimento di schede di intervento per tipologia di zona di pericolo. Questi protocolli forniranno indicazioni su come procedere in determinate aree, ad esempio sbarrando strade, posando sacchi di sabbia anti allagamento, prendendo contatto con famiglie per evacuazioni. Verrà inoltre stabilito un organigramma definitivo; attualmente c’è un gruppo di tecnici che si attiva in caso di pericolo, ma sarà necessario incaricare un gruppo specializzato per intervenire in caso di emergenza. Il gruppo, formato da almeno dieci-quindici persone, dovrà interfacciarsi con il Municipio e gli enti di pronto intervento (come polizia e pompieri), nonché con un geologo di riferimento che fornirà supporto. Alcuni collaboratori di questo gruppo seguiranno anche corsi di inquadramento giuridico, in modo da essere in grado di definire le responsabilità qualora dovessero verificarsi eventi naturali.

Se per i pericoli finora citati, gli interventi e il monitoraggio sono di competenza perlopiù comunale, il discorso è diverso per quanto concerne la frana di Preonzo. Vi è infatti un gruppo tecnico comunale, che si occupa del monitoraggio con l’aiuto di un geologo, che si avvale della collaborazione diretta del Cantone.

I luoghi più sensibili

Gli ultimi eventi e i dati raccolti finora mostrano alcune prime evidenze: le zone collinari sono quelle maggiormente soggette a disagi. Negli ultimi anni, evidenzia Christian Paglia, i principali distacchi di materiale si sono verificati a Monte Carasso «dove sono in corso valutazioni per la posa di reti paramassi», nella zona sottomontagna di Preonzo e a Gudo dove vi è stata una frana lo scorso dicembre. Recenti esondazioni di ruscelli si sono verificate invece in zona ex birreria a Carasso, come anche a Preonzo in zona contro montagna dove si sono riscontrati ruscellamenti superficiali a seguito di forti piogge. 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved