CHI Blackhawks
3
Detroit Red Wings
6
fine
(1-1 : 1-4 : 1-1)
VEGAS Knights
NY Islanders
04:00
 
frane-e-alluvioni-nel-bellinzonese-piano-d-azione-in-arrivo
Ti-Press
L'ex centro rifiuti di Carasso lo scorso ottobre completamente allagato a causa dell’acqua proveniente dagli adiacenti canali di scolo che sono collegati al fiume Ticino
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
6 ore

Fiamme da un quadro elettrico in una palazzina a Locarno

Intervento dei pompieri questa sera in via San Jorio: una persona è rimasta leggermente intossicata. Inquilini presi in consegna dalla Protezione civile
Gallery
Locarnese
6 ore

Monte Salmone, si uniscono le forze per la capanna

Dopo l’abbandono del progetto contemplato dal Parco nazionale, i Municipi di Terre di Pedemonte e Onsernone e il Patriziato ne studiano il rilancio
Ticino
7 ore

Maxi riciclaggio di denaro, processo aggiornato di un mese

Tra gli imputati per un vasto giro di commercio illegale di oro ci sono anche quattro ticinesi e sei comaschi residenti in Svizzera.
Bellinzonese
8 ore

Bellinzona, cena classe 1943

Appuntamento per giovedì 28 ottobre al ristorante Penalty
Bellinzonese
8 ore

Daro, assemblea della Musica

Appuntamento per giovedì 28 ottobre nella sala del Consiglio patriziale
Locarnese
9 ore

Tenero, autista polacco ne combina di tutti i colori

Sabato sera in pochi minuti ha collezionato una serie incredibile d’infrazioni e causato danni con il suo camion. Fermato in extremis da un passante
Luganese
9 ore

Melide, il bell’autunno di Cantiamo Sottovoce

Il gruppo ha ripreso l’attività con diversi concerti anche alla Festa d’autunno a Lugano e in terra friburghese per la Bénichon
Gallery
Bellinzonese
10 ore

Il giorno del ricordo a 20 anni dalla tragedia del San Gottardo

Una cinquantina di persone si è radunata oggi al portale sud per commemorare le 11 vittime dell’incidente all’interno del tunnel del 24 ottobre 2001
Ticino
10 ore

Matrimoni con minori, sempre nulli anche a distanza di anni

La modifica del codice civile proposta da Berna trova il consenso del governo ticinese che invita a verificare legalmente quelli celebrati all’estero
Locarnese
10 ore

Locarno: arresto cardiaco, corso Bls-Dae col Salva

Il Servizio ambulanza lo organizza mercoledì prossimo nella sede in via Peschiera. Al termine verrà rilasciato un certificato
Bellinzonese
 
15.04.2021 - 05:300
Aggiornamento : 14:29

Frane e alluvioni nel Bellinzonese, piano d’azione in arrivo

Per le zone più soggette a pericoli naturali è in corso una radiografia della situazione. Poi verrà definito un protocollo da adottare in caso di bisogno

Frane, distacchi di roccia ed eventi alluvionali. Quali sono le zone più soggette a questi pericoli naturali nel Bellinzonese? Una radiografia della situazione è in corso e dovrebbe concludersi entro la fine dell’anno. Dopodiché verrà definito un protocollo d’azione da adottare in caso di eventi effettivi sulla base di schede tecniche di pericolo. «Nel maggio 2017 è entrata in vigore una revisione della Legge sui territori interessati da pericoli naturali che prevede che i Comuni si debbano occupare della gestione del rischio e di allestire dei piani di emergenza di intervento nel caso di eventi naturali», spiega il municipale Christian Paglia, responsabile dei Servizi urbani del Comune di Bellinzona. «Per questo motivo, a fine 2019 abbiamo deliberato un mandato a uno studio di ingegneria specializzato, dal costo di 143mila franchi, sussidiato per l’80% dal Cantone, per allestire uno studio suddiviso in due parti», aggiunge. La prima fase è in corso e si sta procedendo con un’analisi del territorio, gli esperti sono dunque al lavoro per raccogliere piani e studi già esistenti relativi alle zone di pericolo presenti a Bellinzona e negli altri quartieri. Si tratta in pratica di raccogliere informazioni sugli eventi pregressi capitati nel passato e localizzare dove si sono verificati crolli e alluvionamenti. Una fase di indagine che prevede anche di interpellare i cittadini residenti in alcune zone sensibili al fine di raccogliere documentazione. Questa prima fase permetterà dunque di individuare le zone che devono essere protette e mantenute, soprattutto quelle in cui vi sono abitazioni, scuole, chiese e beni monumentali. La seconda fase prevede invece l’allestimento di schede di intervento per tipologia di zona di pericolo. Questi protocolli forniranno indicazioni su come procedere in determinate aree, ad esempio sbarrando strade, posando sacchi di sabbia anti allagamento, prendendo contatto con famiglie per evacuazioni. Verrà inoltre stabilito un organigramma definitivo; attualmente c’è un gruppo di tecnici che si attiva in caso di pericolo, ma sarà necessario incaricare un gruppo specializzato per intervenire in caso di emergenza. Il gruppo, formato da almeno dieci-quindici persone, dovrà interfacciarsi con il Municipio e gli enti di pronto intervento (come polizia e pompieri), nonché con un geologo di riferimento che fornirà supporto. Alcuni collaboratori di questo gruppo seguiranno anche corsi di inquadramento giuridico, in modo da essere in grado di definire le responsabilità qualora dovessero verificarsi eventi naturali.

Se per i pericoli finora citati, gli interventi e il monitoraggio sono di competenza perlopiù comunale, il discorso è diverso per quanto concerne la frana di Preonzo. Vi è infatti un gruppo tecnico comunale, che si occupa del monitoraggio con l’aiuto di un geologo, che si avvale della collaborazione diretta del Cantone.

I luoghi più sensibili

Gli ultimi eventi e i dati raccolti finora mostrano alcune prime evidenze: le zone collinari sono quelle maggiormente soggette a disagi. Negli ultimi anni, evidenzia Christian Paglia, i principali distacchi di materiale si sono verificati a Monte Carasso «dove sono in corso valutazioni per la posa di reti paramassi», nella zona sottomontagna di Preonzo e a Gudo dove vi è stata una frana lo scorso dicembre. Recenti esondazioni di ruscelli si sono verificate invece in zona ex birreria a Carasso, come anche a Preonzo in zona contro montagna dove si sono riscontrati ruscellamenti superficiali a seguito di forti piogge. 

© Regiopress, All rights reserved