officine-di-bellinzona-stop-all-abbandono-di-attivita
Gianni Frizzo (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
38 min

Il temporale lascia ‘muto’ internet a Gudo

Ha provocato qualche disagio il fronte di maltempo che nella notte ha attraversato il nostro cantone
Ticino
52 min

Guasto tecnico alla linea Flüelen-Biasca, treni soppressi

Interrotto fino almeno a mezzogiorno il traffico ferroviario da e per il Ticino lungo il Gottardo. Perturbazioni almeno fino a mezzogiorno
Luganese
2 ore

Lidi e piscine nel Sottoceneri: dov’è l’acqua più ‘salata’?

Famiglie, persone in Avs, studenti: quanto pagano per una giornata di tuffi? Dall’economica Riva San Vitale alla chic Riva Caccia, viaggio fra le tariffe
Ticino
2 ore

‘Due milioni di franchi per proteggere gli allevamenti dal lupo’

Li chiede al Cantone una mozione di Gardenghi (Verdi), firmata anche dal Ps. Donati (Protezione dai grandi predatori): ‘Non servono soldi, ma meno lupi’
Bellinzonese
2 ore

Ricca offerta culturale del Centro Pro Natura Lucomagno

La rinnovata infrastruttura di Acquacalda proporrà delle escursioni guidate nella regione e delle colonie estive
Locarnese
9 ore

Quasi 6mila franchi, il debito pro capite della Città di Locarno

Il Consiglio comunale ha approvato il consuntivo 2021: pesante deficit di 5’428’560 franchi e capitale proprio abbassato da 11,3 a circa 5,8 milioni.
Bellinzonese
12 ore

Manupia in concerto alla Spiaggetta di Arbedo-Castione

La collaudata coverband ticinese si esibirà alle 21
Locarnese
13 ore

Formazza-Rovana, sul confine i lupi uccidono un vitello

All’alpe di Cravariola azzannato a morte un bovino. I cani mettono in fuga i due predatori. Anche il vescovo emerito da Mogno difende la pastorizia
Ticino
13 ore

Polizia unica, Dafond in commissione: demolendo non si migliora

Il presidente dell’Associazione comuni (Act) in audizione alla ‘Giustizia e diritti’ ribadisce: ‘Prossimità, le polcomunali hanno un ruolo fondamentale’
Bellinzonese
13 ore

Abusò del figlio e di altri bambini, 4 anni e 6 mesi di carcere

Condannato un uomo sulla settantina: tra le mura di casa ha approfittato di una dozzina di ragazzini, la maggior parte durante sedute di massaggi
Bellinzonese
13 ore

Porte aperte al Teatro Sociale di Bellinzona

Durante l’estate, per cinque sabati, in concomitanza con il mercato cittadino, sarà possibile visitare la struttura dalle 10 alle 13
Bellinzonese
13 ore

Per valorizzare le ‘Ville’ della Val Malvaglia

Il Cantone ha promosso un incontro con le autorità federali in modo da assicurare le opere di recupero e trasformazione della regione
Locarnese
13 ore

Il BaseCamp 2022 del Festival si terrà alle Elementari di Losone

Il Comune ha confermato che l’Istituto scolastico accoglierà dal 3 al 13 agosto i giovani che nel 2019 e nel 2021 si erano ritrovati all’ex caserma
Bellinzonese
14 ore

Introduzione dei 30 km/h sulla strada principale a Daro

Il progetto, in pubblicazione fino al 29 agosto, ha lo scopo di migliorare la sicurezza dei pedoni e in particolare del percorso casa-scuola
Locarnese
14 ore

Locarno, Colonia estiva aperta ai Comuni

Al Parco della Pace cinque pomeriggi di animazione con ‘Tutti al circo’, rivolti ai bambini dai 5 ai 12 anni
Ticino
14 ore

Como, il neosindaco: salto di qualità dell’elettorato

Le prime dichiarazioni di Alessandro Rapinese dopo la sua elezione a primo cittadino. Quando scrisse di multe non pagate e di ‘precisetti elvetici’
Bellinzonese
14 ore

A fine agosto la quinta edizione del Greina Trail

Oltre alle consuetudinarie competizioni, da quest’anno in calendario anche il percorso ‘Walking’ e il ‘Kids Trail’
Luganese
15 ore

Passaggio di consegne al Lions Club di Lugano

In occasione dell’annuale cerimonia di fine anno l’uscente Luca Maria Gambardella ha ceduto il testimone al neopresidente Paolo Lamberti
Grigioni
15 ore

Monica Piffaretti presenta ‘La memoria delle ciliegie’

Il prossimo 5 luglio alle 19 in quel di Verdabbio l’autrice illustrerà la nuova indagine della detective Delia Fischer
29.03.2021 - 18:07
Aggiornamento: 19:17

Officine di Bellinzona, ‘stop all'abbandono di attività’

La CoPe allargata chiede alle Ffs di fare chiarezza in vista dell'incontro del 30 aprile, quando dovrebbe essere presentato il Piano industriale per Castione

“Il ‘fermo immediato’ di tutte le iniziative intraprese alle Officine di Bellinzona, legate all’abbandono di attività”. Lo chiede la CoPe allargata (commissione del personale delle Officine e sindacati) in una lettera inviata oggi alle Ferrovie federali e in copia al Consiglio di Stato, riferendosi per esempio alla recente decisione di rinunciare alla manutenzione dei carri merci. Stop alle rinunce dunque “fintanto che non si avrà presa visione del Piano industriale” relativo al nuovo stabilimento di Castione e fatto chiarezza su diversi punti che dovrebbero essere discussi il 30 aprile durante un incontro tra la CoPe allargata, il governo cantonale e le Ffs. La cosiddetta riunione di Piattaforma sarà coordinata e moderata dall’avvocato Franz Steinegger. «Attualmente manca ancora il Piano industriale che dovrebbe dare risposte agli interrogativi emersi e segnalati nella lettera», afferma a ‘laRegione’ Gianni Frizzo, a nome della CoPe allargata. «Vogliamo capire come sarà gestito il periodo di transizione per le Officine e quale sarà la prospettiva occupazionale, in particolare per i dipendenti attualmente impiegati a Bellinzona, sia a tempo indeterminato, sia per gli interinali».

Mantenere i posti di lavoro attuali

Nella lettera viene innanzitutto espresso “sconcerto e indignazione” per il modo con cui le Ffs hanno comunicato l’aumento da 200/230 ad almeno 300 i posti di lavoro a tempo pieno previsti a Castione a partire dal 2026. Una notizia che la CoPe allargata ha appreso dalla stampa e non dalle Ffs: “Un modo di procedere per nulla rispettoso nei riguardi del personale e dei loro rappresentanti”. Nella missiva si ricorda poi che “vige il rispetto (oltre che morale anche scritto) di una convenzione di Piattaforma che sancisce il ‘modus operandi’ sul coinvolgimento della CoPe allargata su questioni ‘operative e strategiche’ che riguardano le Officine di Bellinzona”. E, ovviamente, c’è una “stretta relazione” tra le attuali Officine e la nuova struttura di Castione, visto che il personale attualmente occupato a Bellinzona non ha ancora la sicurezza di venir impiegato anche nel nuovo stabilimento. E questo anche perché 300 posti di lavoro sarebbero in qualsiasi caso meno degli attuali 430. «Le Ffs hanno previsto una aumento, a livello nazionale, degli impiegati nell’ambito della manutenzione del materiale rotabile», ha rilevato durante una conferenza stampa Thomas Giedemann, del sindacato del personale dei trasporti (Sev). Giedemann non capisce quindi perché i posti di lavoro in Svizzera aumenteranno, mentre in Ticino diminuiranno. «Noi vogliamo che vengano almeno mantenuti gli impieghi attuali». 

In ogni caso, a fare chiarezza sarà il Piano industriale “che dovrà anche, tra le tante altre cose, delineare le attività previste (provenienti dalle OBe, o…), l’entità del personale impiegato nel 2026 e, di conseguenza, la gestione (attività e personale) del periodo di transizione (2021-2026) alle attuali Officine”, si legge nella lettera. Negli scorsi anni si è quindi «cercato di portare avanti una discussione, senza nulla di concreto», ha sottolineato da parte sua Matteo Pronzini, sindacalista di Unia. «Di concreto, attualmente, vi è solo il fatto che si stanno smantellando posti di lavoro. Tuttavia, «la manutenzione del materiale rotabile è un ambito che ha futuro e non capiamo quindi perché si vogliono tagliare posti di lavoro in Ticino».

‘L'attività principale è la manutenzione dei carri merci’

Nella lettera vengono poi esposti diversi interrogativi per i quali la CoPe si aspetta “risposte esaustive in tempi brevi”. La prima serie di domande, riguarda la manutenzione dei carri merci alla quale le Ffs intendono rinunciare prima del previsto (dal 2022) alle OBe, introducendo tuttavia in anticipo la manutenzione della flotta Astoro. Il direttore delle OBe aveva dichiarato che i carri merci rappresentano il 6% delle attività attualmente svolte nello stabile cittadino. La CoPe vorrebbe quindi sapere da quali altre attività è composto il restante 94%; quali attività e in che misura saranno implementate nella nuova struttura di Castione e a quante ore/anno ammontavano nel 2020 alle OBe le attività inerenti al ‘traffico merci’. Stando a Frizzo, negli ultimi anni «l’attività principale alle Officine» riguardava proprio «il traffico merci». Un settore che ha anche un grande potenziale. Di conseguenza Frizzo non capisce perché a fine 2017 Cantone, Comune e Ffs «abbiano sottoscritto una dichiarazioni d’intenti, nella quale si rinunciava a mantenere lo statu quo» in termini di impieghi. 

’Diversi interinali licenziati‘

Si passa poi all’aumento da 200/230 a 300 posti di lavoro previsti nel nuovo stabilimento: la CoPe allargata si chiede innanzitutto “come si spiega concretamente questo incremento”; “quanto di questo personale proverrà dagli attuali collaboratori Obe” e in che misura proverrà da altri servizi. Nella missiva si fa poi notare che lo stesso giorno in cui ciò è stato reso noto, sono anche stati interrotti “12 rapporti di lavoro con personale temporaneo”, ricordando poi che altri collaboratori sono stati ‘licenziati’ da gennaio a oggi. La CoPe allargata chiede quindi se “vi sono ancora in vista ulteriori interruzioni di rapporti di lavoro”.

Da 360 a 400 milioni: per quale motivo?

Vi sono poi domande che riguardano gli apprendisti e più precisamente l’azienda formatrice Login che è “da sempre incorporata alle OBe”. Recentemente è stato precisato che farà parte anche delle nuova struttura a Castione. “Significa che l’idea iniziale era quella di abbandonare questo prezioso servizio formativo al suo destino?”, si chiede la CoPe allargata. D’altro canto, invece, “cosa ne sarà delle altre realtà socialmente e aziendalmente utili e indispensabili presenti alle OBe da decenni”, come il servizio lavanderia gestito dall’utenza della Fondazione Diamante? L’ultimo punto riguarda l’investimento previsto per il nuovo stabile che da 360 dovrebbe passare a 400 milioni di franchi. Oltre a domandarsi come si spiega questa differenza, la CoPe vorrebbe pure sapere “in che misura è attribuibile a un aumento delle strutture a scopo produttivo”.

Leggi anche:

Officine Bellinzona: via i merci anzitempo, arrivano gli Etr

Officine di Castione, i lavoratori saranno il 30% in più

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
castione cope allargata officine bellinzona piano industriale posti di lavoro
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved