officine-bellinzona-via-i-merci-anzitempo-arrivano-gli-etr
Uno dei 19 treni della flotta Astoro (Ffs)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
18 ore

Intragna, dal cornicione della scuola cadono pezzi d’intonaco

Immediato intervento dei tecnici per una verifica dell’accaduto. Municipio pronto a metter mano agli interventi del caso; la ripresa a settembre garantita
Ticino
19 ore

Finiscono le vacanze, torna la colonna: 10km al Gottardo sud

Fra Biasca e Airolo si arrivava nel primo pomeriggio di oggi a due ore di attesa
Ticino
23 ore

Furti per 5mila franchi nei distributori automatici, due arresti

Un 40enne e una 30enne avrebbero colpito le gettoniere di almeno 8 apparecchi soprattutto nei pressi delle stazioni ferroviarie
Luganese
1 gior

È morto il motociclista coinvolto ieri in un incidente a Croglio

L’uomo, un 28enne italiano, ha urtato violentemente un’automobile all’altezza di Madonna del Piano, venendo sbalzato dal mezzo e rovinando a terra
Locarnese
1 gior

A Locarno ‘movida’ prolungata, gli esercenti: ‘è un primo passo’

Le reazioni di bar e ristoranti dopo la decisione dell’Esecutivo di prolungare la possibilità per quest’ultimi di mettere musica di sottofondo 
Mendrisiotto
1 gior

InterCity a Chiasso, ‘Difenderemo sempre la nostra fermata’

Molti i temi in agenda per la seduta extra-muros che impegnerà il Municipio a fine mese. Il punto con il sindaco Bruno Arrigoni.
Gallery
Luganese
1 gior

Auto contro moto a Madonna del Piano: un ferito grave

Incidente della circolazione attorno alle 20 sulla strada che da Ponte Tresa conduce a Fornasette, chiusa per i rilievi del caso
Ticino
1 gior

Il luglio 2022 è stato il secondo più caldo di sempre in Ticino

Il mese appena trascorso ha visto uno scarto di +2,6 °C rispetto alla norma 1991-2020: il record rimane a luglio 2015, con uno scarto di oltre 3°C
Ticino
1 gior

Strategia energetica, Marchesi (Udc): ‘Il nucleare al centro’

Il presidente e consigliere nazionale democentrista ‘preoccupato’ per la situazione attuale svela la sua ricetta: ‘Finora da Berna proposte insufficienti’
Bellinzonese
1 gior

Dieci chilometri di colonna sotto il sole tra Biasca e Airolo

Rientro dei vacanzieri e momentanea chiusura della galleria del San Gottardo mandano l’asse autostradale in tilt
Bellinzonese
1 gior

Tunnel del San Gottardo chiuso in entrambe le direzioni

Veicolo in avaria poco prima di mezzogiorno: situazione ‘calda’ sull’asse autostradale ticinese
Bellinzonese
2 gior

Bistrot di Bellinzona, ‘Nessuna truffa né maltrattamenti’

Il gerente Ivan Lukic non nasconde le difficoltà economiche. Tuttavia alcune persone hanno ‘tenuto duro, credendo nel progetto. Altre lo hanno diffamato’
Luganese
2 gior

Rovio, fucile notificato ma il padre era senza porto d’armi

Emergono ulteriori aspetti legati al grave fatto di sangue capitato domenica scorsa ad Agno: il 49enne non aveva il permesso di girare con il Flobert
Ticino
2 gior

Aspettando Godot... e Greta Gysin. L’area rossoverde attende

Sarebbe imminente la decisione della consigliera nazionale dei Verdi se candidarsi o meno per il governo. Bourgoin e Riget: ’Avanti, con o senza di lei’
Bellinzonese
2 gior

Vacanze costose e beni di lusso con i guadagni della cocaina

Condannato a 4 anni e 3 mesi (più l’espulsione dalla Svizzera) un 35enne recidivo e reo confesso. La Corte: ‘Prognosi nefasta’
Locarnese
2 gior

Gambarogno, 83enne inghiottito dalle acque del lago

L’uomo, un confederato, si era tuffato per una nuotata ma non è più riemerso. Partito dal Porto patriziale di Ascona, aveva ‘toccato’ alcune imbarcazioni
21.01.2021 - 15:08
Aggiornamento: 19:43

Officine Bellinzona: via i merci anzitempo, arrivano gli Etr

Le Ffs anticipano di quattro anni l'internalizzazione della manutenzione della flotta Astoro togliendola ad Alstom Italia. Insorege la CoPe: manca chiarezza

Poiché, sostengono le Ferrovie federali, “è necessario fare delle scelte sull’attuale spettro di prodotti”, le Officine di Bellinzona dicono addio quattro anni prima del previsto, rispetto a quanto pianificato a suo tempo, alla manutenzione dei treni merci. Motivo: le Ffs hanno deciso di anticipare l’internalizzazione della manutenzione dei convogli Astoro, ossia la flotta di 19 moderni treni Etr610 e Rabe503 impiegata sull’asse Germania-Italia via Svizzera attraverso il Gottardo e Briga-Domodossola. Continueranno invece a essere eseguite le lavorazioni sulle componenti dei carri merci.

Sindacati e Commissione del personale riflettono

Un addio anzitempo che suscita delle perplessità in seno alla Commissione del personale e ai sindacati. Pur comprendendo le argomentazioni delle Ffs e salutando con favore l’arrivo a Bellinzona degli Astoro, le parti hanno deciso di prendersi del tempo per riflettere, considerata peraltro la il fatto che il settore merci in forte espansione possa trovare spazio anche nella nuova officina prevista dal 2026 a Castione, ma dedicata principalmente alla manutenzione dei moderni treni passeggeri Giruno.

Si parte nel 2022 

A questi si aggiunge dunque la flotta Astoro. “Per prepararsi all’importante passo e aumentare il know-how tra i collaboratori”, le Ffs hanno deciso di “spostare alcuni importanti progetti, inizialmente previsti presso il costruttore Alstom Italia”, già all’interno dell’attuale stabilimento di Bellinzona. I lavori inizieranno nell’ottobre 2022 e dureranno circa quattro anni. L’intenzione, così facendo, è di arrivare all’appuntamento con lo stabilimento di Castione già preparati nell’eseguire determinate operazioni. Internalizzare subito, dunque, per essere ancor meglio pronti dopo. Per riuscirci, oltre all’investimento nelle infrastrutture, le Ffs affermano di aver “pianificato un consistente budget per la preparazione e la formazione specifica dei propri collaboratori”. A livello operativo, sempre per quanto riguarda la flotta Astoro, si parla di “risanamento, modernizzazione e manutenzione pesante”.

'Preparare e formare i collaboratori'

Internalizzare questo tipo di lavorazione “significa acquisire maggiori competenze e know-how all’interno dell’azienda e soprattutto preparare i collaboratori delle Officine di Bellinzona ai compiti previsti nel nuovo stabilimento”. Una cinquantina, viene specificato, i collaboratori che verranno formati per revisionare gli Astoro. Il tipo di lavorazione previsto “non è una manutenzione regolare come quelle che rendono necessario il nuovo stabilimento, con i suoi binari da 250 metri e l’ampio campo manovra, bensì una lavorazione straordinaria una tantum che necessita della scomposizione totale del veicolo in singole casse”. Secondo le Ffs “è necessario fare delle scelte sull’attuale spettro di prodotti” per poter “concentrare le risorse in maniera efficace sulla preparazione e l’accompagnamento degli importanti progetti e per mettere a disposizione abbastanza spazio in Officina per queste nuove attività”. è necessario fare delle scelte sull’attuale spettro di prodotti.

'Basi concrete per Castione'

In defintiiva le Ffs affermano che “con questa importante decisione e l’arrivo degli Astoro alle Officine di Bellinzona si pongono le prime concrete basi per il nuovo stabilimento di Castione e viene confermata la centralità dello sviluppo del personale per il successo di questo progetto”. Non viene per contro specificato il contenuto del Piano industriale (sempre che sia stato nel frattempo definito) né il numero di operai stimato a suo tempo in circa 230 unità a tempo pieno, un terzo in meno alle attuali.

La CoPe sollecita Steinegger

Le riserve del comitato della Commissione del personale allargata – annota in un comunicato Gianni Frizzo – sono focalizzate “sull’assenza di trasparenza e di risposte esaustive da parte Ffs, al punto tale che si è ritenuto opportuno inoltrare a Franz Steinegger (ndr: coordinatore della Piattaforma informativa sulle Officine) una richiesta d'intervento, affinché le nostre più che legittime questioni sollevate in relazione al progetto Astoro, con le significative ripercussioni che si delineeranno come la soppressione dei carri merci, vengano esaustivamente affrontate, discusse ed evase, al livello di Piattaforma”. Una decisione, quella della CoPe, “assolutamente necessaria affinché le Ffs non eseguano, senza prima espletare quanto sottoscritto dalla Convenzione di piattaforma, dei passi che vadano a compromettere definitivamente le potenzialità operative e occupazionali, attuali e future, delle Officine”.  

Inquietudine, incertezza e necessità di chiarimenti riguardano “l’assenza di un piano industriale che consenta d’avere una visione d’assieme di ciò che concretamente si delineerà dal punto di vista delle attività e dell’occupazione”. Un'assenza rimarcata proprio a fronte dell'ultima novità e di “rilevanti trasformazioni svolte in ordine sparso e frammentario”. Pure assente una “dettagliata distinta sul volume annuo di ore di lavorazione sull’occupazione alle Officine”. Quanto ai carri merci, “hanno rappresentato, rappresentano e potranno ancora rappresentare un’importante risorsa occupazionale. Tanto che, con circa il 70% dei volumi di lavoro, sono stati una delle colonne portanti” dello stabilimento cittadino. Criticata è pure l'asserita mancanza di spazio – evidenziata dal direttore dello stabilimento Francesco Giampà in una comunicazione interna rivolta ai lavoratori – per poter fare insieme la manutenzione di carri merci e flotta Astoro.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
alstom italia astoro castione ffs internalizzazione quattro anni
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved