officine-bellinzona-via-i-merci-anzitempo-arrivano-gli-etr
Uno dei 19 treni della flotta Astoro (Ffs)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
1 ora

Polo sportivo, dalla Curva Nord intimidazioni ai contrari

Mentre a Lugano la politica si spacca e il Pse diventa il tema principale della campagna elettorale, sale alle stelle la tensione sui social
Locarnese
1 ora

Locarnese, nella marea delle richieste di aiuto

L’elenco dei sostegni elargiti come salvagenti nelle acque alte della pandemia è ampio, ma a lungo andare in molti rischiano di affondare
Locarnese
9 ore

‘Insicura’. ‘No, conforme’. La ciclopista è un saliscendi

Per la nuova corsia cantonale Mappo-Verbanella a Minusio il Municipio auspica da mesi ulteriori interventi del Cantone. Che però non ci sente
Ticino
10 ore

'Formazione teorica e gratuita per i detentori di cani'

Dopo la decisione del 2016 delle Camere federali ('un errore'), la maggioranza della Costituzione e leggi chiede al Consiglio di Stato di (re)introdurre in Ticino il corso
Luganese
10 ore

Fiamme all'esterno di un magazzino in via Stazione a Cadro

L'incendio è divampato oggi verso le 17. I pompieri di Lugano hanno domato il rogo prima si propagasse agli stabili adiacenti. I danni sarebbero contenuti
Ticino
10 ore

Vaccinazioni: Modello inglese? Non in Ticino

Il farmacista cantonale: ‘Non ci sono studi che dimostrano l'efficacia di questo schema’
Ticino
11 ore

Aiuti alla stampa, per il governo bastano quelli di Berna

Secondo il Consiglio di Stato la mozione Jelmini ‘per un’informazione a km 0’ sarebbe di fatto evasa. Delusa l’Associazione ticinese dei giornalisti
Bellinzonese
11 ore

Riapre i battenti, con Vicari, la Casa Rotonda di Corzoneso

Dal 6 marzo e fino al 13 giugno prolungata la mostra con immagini scattate dal celebre fotografo luganese
Ticino
11 ore

'L'Ufficio di statistica rimanga nel Dfe'. Ma il Ps non ci sta

La maggioranza della commissione respinge la proposta di Simona Arigoni Zürcher (Mps-Pop-Indipendenti). I socialisti annunciano un rapporto di minoranza
Mendrisiotto
11 ore

Palazzo Turconi ha fatto spazio alla biblioteca

Il servizio ha traslocato nell'edificio. A disposizione di un patrimonio di libri e documenti ci sono 1'800 metri quadri
Bellinzonese
11 ore

Bellinzona e progetto Chiè d’Lena: ‘Sia abbandonato’

Dal Consiglio comunale la voce critica di Luigi Calanca, che chiede lumi sul previsto investimento milionario e sull'utilizzo come scuola montana
Ticino
12 ore

Covid, ‘In Ticino scuola in presenza finché sarà possibile’

Nel frattempo alcune zone italiane confinanti con la Svizzera hanno reintrodotto la didattica a distanza a causa dell'aumento dei contagi
Luganese
12 ore

Caslano, nuova perizia psichiatrica sull'omicida

Secondo un nuovo referto il giovane che uccise sua nonna può beneficiare di una scemata imputabilità di grado medio. Il caso torna in Appello
Ticino
12 ore

‘Annunci su Airbnb solo con un numero identificativo’

Cambia la procedura per affittare online gli alloggi ad uso turistico. La commissione ‘Economia’ firma il rapporto di Pini (Plr): ‘Snella e digitale’
Luganese
13 ore

Campione d'Italia da domani zona arancione rafforzata

Le scuole saranno chiuse almeno fino al 10 marzo. Intanto nell'enclave è anche iniziata la vaccinazione
Luganese
13 ore

Monteceneri, la lista rossoverde è compatta

Obiettivo: confermare il seggio in Municipio e rafforzarsi a livello di Consiglio comunale in modo da proporsi come forza di cambiamento
Bellinzonese
21.01.2021 - 15:080
Aggiornamento : 19:43

Officine Bellinzona: via i merci anzitempo, arrivano gli Etr

Le Ffs anticipano di quattro anni l'internalizzazione della manutenzione della flotta Astoro togliendola ad Alstom Italia. Insorege la CoPe: manca chiarezza

Poiché, sostengono le Ferrovie federali, “è necessario fare delle scelte sull’attuale spettro di prodotti”, le Officine di Bellinzona dicono addio quattro anni prima del previsto, rispetto a quanto pianificato a suo tempo, alla manutenzione dei treni merci. Motivo: le Ffs hanno deciso di anticipare l’internalizzazione della manutenzione dei convogli Astoro, ossia la flotta di 19 moderni treni Etr610 e Rabe503 impiegata sull’asse Germania-Italia via Svizzera attraverso il Gottardo e Briga-Domodossola. Continueranno invece a essere eseguite le lavorazioni sulle componenti dei carri merci.

Sindacati e Commissione del personale riflettono

Un addio anzitempo che suscita delle perplessità in seno alla Commissione del personale e ai sindacati. Pur comprendendo le argomentazioni delle Ffs e salutando con favore l’arrivo a Bellinzona degli Astoro, le parti hanno deciso di prendersi del tempo per riflettere, considerata peraltro la il fatto che il settore merci in forte espansione possa trovare spazio anche nella nuova officina prevista dal 2026 a Castione, ma dedicata principalmente alla manutenzione dei moderni treni passeggeri Giruno.

Si parte nel 2022 

A questi si aggiunge dunque la flotta Astoro. “Per prepararsi all’importante passo e aumentare il know-how tra i collaboratori”, le Ffs hanno deciso di “spostare alcuni importanti progetti, inizialmente previsti presso il costruttore Alstom Italia”, già all’interno dell’attuale stabilimento di Bellinzona. I lavori inizieranno nell’ottobre 2022 e dureranno circa quattro anni. L’intenzione, così facendo, è di arrivare all’appuntamento con lo stabilimento di Castione già preparati nell’eseguire determinate operazioni. Internalizzare subito, dunque, per essere ancor meglio pronti dopo. Per riuscirci, oltre all’investimento nelle infrastrutture, le Ffs affermano di aver “pianificato un consistente budget per la preparazione e la formazione specifica dei propri collaboratori”. A livello operativo, sempre per quanto riguarda la flotta Astoro, si parla di “risanamento, modernizzazione e manutenzione pesante”.

'Preparare e formare i collaboratori'

Internalizzare questo tipo di lavorazione “significa acquisire maggiori competenze e know-how all’interno dell’azienda e soprattutto preparare i collaboratori delle Officine di Bellinzona ai compiti previsti nel nuovo stabilimento”. Una cinquantina, viene specificato, i collaboratori che verranno formati per revisionare gli Astoro. Il tipo di lavorazione previsto “non è una manutenzione regolare come quelle che rendono necessario il nuovo stabilimento, con i suoi binari da 250 metri e l’ampio campo manovra, bensì una lavorazione straordinaria una tantum che necessita della scomposizione totale del veicolo in singole casse”. Secondo le Ffs “è necessario fare delle scelte sull’attuale spettro di prodotti” per poter “concentrare le risorse in maniera efficace sulla preparazione e l’accompagnamento degli importanti progetti e per mettere a disposizione abbastanza spazio in Officina per queste nuove attività”. è necessario fare delle scelte sull’attuale spettro di prodotti.

'Basi concrete per Castione'

In defintiiva le Ffs affermano che “con questa importante decisione e l’arrivo degli Astoro alle Officine di Bellinzona si pongono le prime concrete basi per il nuovo stabilimento di Castione e viene confermata la centralità dello sviluppo del personale per il successo di questo progetto”. Non viene per contro specificato il contenuto del Piano industriale (sempre che sia stato nel frattempo definito) né il numero di operai stimato a suo tempo in circa 230 unità a tempo pieno, un terzo in meno alle attuali.

La CoPe sollecita Steinegger

Le riserve del comitato della Commissione del personale allargata – annota in un comunicato Gianni Frizzo – sono focalizzate “sull’assenza di trasparenza e di risposte esaustive da parte Ffs, al punto tale che si è ritenuto opportuno inoltrare a Franz Steinegger (ndr: coordinatore della Piattaforma informativa sulle Officine) una richiesta d'intervento, affinché le nostre più che legittime questioni sollevate in relazione al progetto Astoro, con le significative ripercussioni che si delineeranno come la soppressione dei carri merci, vengano esaustivamente affrontate, discusse ed evase, al livello di Piattaforma”. Una decisione, quella della CoPe, “assolutamente necessaria affinché le Ffs non eseguano, senza prima espletare quanto sottoscritto dalla Convenzione di piattaforma, dei passi che vadano a compromettere definitivamente le potenzialità operative e occupazionali, attuali e future, delle Officine”.  

Inquietudine, incertezza e necessità di chiarimenti riguardano “l’assenza di un piano industriale che consenta d’avere una visione d’assieme di ciò che concretamente si delineerà dal punto di vista delle attività e dell’occupazione”. Un'assenza rimarcata proprio a fronte dell'ultima novità e di “rilevanti trasformazioni svolte in ordine sparso e frammentario”. Pure assente una “dettagliata distinta sul volume annuo di ore di lavorazione sull’occupazione alle Officine”. Quanto ai carri merci, “hanno rappresentato, rappresentano e potranno ancora rappresentare un’importante risorsa occupazionale. Tanto che, con circa il 70% dei volumi di lavoro, sono stati una delle colonne portanti” dello stabilimento cittadino. Criticata è pure l'asserita mancanza di spazio – evidenziata dal direttore dello stabilimento Francesco Giampà in una comunicazione interna rivolta ai lavoratori – per poter fare insieme la manutenzione di carri merci e flotta Astoro.

© Regiopress, All rights reserved