aggiramento-ferroviario-di-bellinzona-la-citta-preme-su-berna
Ecco com'è previsto che sia
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
45 min

Maggia, l’ultima casalinga della squadra di calcio

Sabato in occasione della sfida col Cadenazzo grigliata e musica al termine del match. Su schermo gigante la finale di Champions
Bellinzonese
45 min

‘Atteggiamento mafioso’, Pronzini querelato dal Municipio

Bellinzona: il consigliere Mps indagato per diffamazione, calunnia e ingiuria. All’origine un suo intervento in Cc sulla casa anziani di Sementina
Ticino
58 min

Maggio va agli archivi, ma non... i controlli della velocità

Da Airolo a Ligornetto, attenzione a non premere troppo sull’acceleratore sulle strade ticinesi: ce n’è per tutti
Locarnese
1 ora

Ppd di Gordola, Comotti confermato presidente

Il vicesindaco René Grossi e Laura Lonni si sono intanto messi a disposizione del Distretto per la corsa al parlamento
Bellinzonese
1 ora

Monte Carasso, finissage della World Press Photo Exhibition

Lunedì 30 maggio, dalle 18, il pubblico potrà visitare gratuitamente la mostra con il meglio del fotogiornalismo mondiale
Locarnese
1 ora

Locarno, la Festa dei vicini

In programma musica, animazioni per i più piccoli, banco del dolce e maccheronata. A seguire, la proiezione di un filmato
Locarnese
1 ora

Locarno, i ghiacciai scendono in città

Nella sala multiuso del PalaCinema una mostra. Tra i temi affrontati, anche lo scioglimento causato dai cambiamenti climatici
Locarnese
1 ora

Anà con Togo: acqua, microprogetti e nomine

A Cavergno si è svolta l’assemblea dell’associazione attiva in Africa
Bellinzonese
1 ora

Alta Leventina: Prato e Quinto vogliono unirsi

Nei prossimi giorni sarà inviata una lettera al Consiglio di Stato per avviare la procedura di aggregazione. Airolo, Bedretto e Dalpe hanno rifiutato
Ticino
2 ore

In piazza contro l’aumento delle spese militari

Il comitato di solidarietà Ucraina Ticino è contrario all’aumento del bilancio per la difesa e alla politica di avvicinamento alla Nato
Bellinzonese
2 ore

‘Carnevaa iunaited’: a Lumino Gabry Ponte e Davide Van de Sfroos

La festa estiva organizzata da Rabadan Bellinzona, Lingera Roveredo (Gr), Or Penagin Tesserete e Stranociada Locarno avrà luogo il 24, 25 e 26 giugno
Grigioni
3 ore

Ferite per un giovane motociclista a Lostallo

Incidente della circolazione per un 21enne allievo conducente ieri pomeriggio sulla H13 che da Bellinzona porta a San Bernardino
Locarnese
3 ore

Il Cantiere della gioventù: riviverlo 51 anni dopo

Locarno, domenica ai Giardini Rusca l’evento dedicato al primo centro autogestito del Ticino, promosso in Città nel ’71
Locarnese
3 ore

A Magadino il concerto ‘Bollenti spiriti’

L’Orchestra da camera di Lugano e Michele Fedrigotti propongono capolavori giovanili di due celebri musicisti
Locarnese
4 ore

Locarno, due nuovi membri nel Cda della Raiffeisen

L’assemblea generale degli oltre 1’500 soci approva (per corrispondenza) nomine e conti
Locarnese
6 ore

Pretorio di Locarno, scelto il progetto di ristrutturazione

Il via ai lavori, che dureranno quasi tre anni, è previsto all’inizio del 2025. Investimento complessivo: 35 milioni di franchi
laR
 
27.03.2021 - 05:20

Aggiramento ferroviario di Bellinzona: la Città preme su Berna

Critica presa di posizione sul fatto che la circonvallazione, prevista ormai da 30 anni, non figuri nel Piano settoriale dei trasporti 2050

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

La circonvallazione ferroviaria di Bellinzona, con tanto di galleria Gnosca-Sementina e attraversamento del Piano fino al portale di Camorino, sembra essere sparita dai radar. Lo si evince dalle preoccupate prese di posizione che Municipio di Bellinzona e Consiglio di Stato hanno inviato verso fine 2020 al Dipartimento federale dell’ambiente, trasporti, energia e comunicazioni (Datec) partecipando alla consultazione del documento strategico ‘Piano settoriale dei trasporti: mobilità e territorio 2050’. Nelle 182 pagine datate 15 settembre 2020 un solo paragrafo viene dedicato al fantomatico aggiramento ripetutamente difeso, rinvio dopo rinvio, dalla politica cantonale e bellinzonese con appelli, più o meno convinti, rivolti a Berna nell’ultimo trentennio, da quando cioè si è iniziato a parlare concretamente di AlpTransit. Ultima puntata: il posticipo a dopo il 2040 o quando la politica federale riterrà di poter finanziare l’opera stimata fra il miliardo e mezzo di franchi (soluzione mono-binario) e i due miliardi e mezzo per il doppio binario.

‘Solo se i treni aumenteranno’

Sibillino l’unico paragrafo riservato alla circonvallazione: “Con l'apertura delle gallerie di base del Gottardo e del Ceneri e con il completamento delle tratte d'accesso – si legge a pagina 134 – la capacità del trasporto merci passerà da quattro a sei tracce orarie per direzione. Nel caso in cui a lungo termine si dovessero rendere necessarie ulteriori tracce per il trasporto viaggiatori o merci, un aumento delle capacità dovrà essere realizzato sulle tratte d’accesso nord e sud”, dove per sud s’intende l’aggiramento di Bellinzona. Tradotto: una sua realizzazione è ipotizzabile soltanto qualora il traffico merci e viaggiatori superasse la quota a suo tempo prevista con AlpTransit. Fino ad allora, il centro densamente abitato di Bellinzona e le vicine zone residenziali continueranno a essere attraversate ogni giorno da decine di treni merci (più numerosi e più lunghi del passato).

‘Dati acquisiti e quindi garantiti’

Un altro documento del medesimo Piano settoriale dei trasporti, anch’esso datato 15 settembre 2020 e dedicato all’infrastruttura ferroviaria, fornisce qualche garanzia in più. Ma la sostanza non cambia: “Le Camere federali hanno rinviato l’aggiramento a data da definire. I suoi elementi vengono stabiliti nel Piano settoriale come dati acquisiti e sono quindi garantiti dal profilo della pianificazione territoriale”, avendo peraltro il Consiglio federale fissato il tracciato nel lontano 1999. Ora il progetto “va riconsiderato al momento dell'elaborazione di una successiva fase di ampliamento Prossif”, ossia il Programma di sviluppo strategico dell’infrastruttura ferroviaria il cui finanziamento viene deciso dal Parlamento federale ogni 4-8 anni. Peccato che nell’ultimo Prossif 2035 la circonvallazione non figuri.

‘Incomprensibile e inaccettabile’

Tutto ciò scontenta Bellinzona: “Non possiamo che guardare con preoccupazione all’evoluzione del traffico merci che attraversa il cuore della città”, scrive il Municipio nella lettera inviata lo scorso novembre all’Ufficio federale dello sviluppo territoriale partecipando alla consultazione. L’impostazione iniziale del progetto AlpTransit, prosegue la missiva, “prevedeva la costruzione di una circonvallazione ferroviaria che avrebbe consentito di disporre di un’adeguata capacità per un’efficace e lungimirante gestione delle merci lontano dai quartieri residenziali. La realizzazione è però stata dilazionata nel tempo. Non è quindi comprensibile né accettabile che in una visione rivolta al 2050 non sia fatto alcun riferimento alla completazione. Crediamo invece sia ora giunto il momento di riprendere il progetto e consolidarlo affinché rientri a pieno titolo nella prossima fase di attuazione del programma di sviluppo strategico dell’infrastruttura ferroviaria”. L’urgenza, a mente del Municipio, è data dal fatto che l’attuale nodo di Bellinzona “è il punto più carico della linea gottardiana a sud delle Alpi”. Perciò realizzare la circonvallazione “consentirà di disporre di adeguate capacità e di garantire un esercizio ferroviario stabile”, peraltro “riducendo in modo drastico e definitivo l’impatto fonico in aree molto sensibili e annullando i rischi di incidenti rilevanti”. Il Municipio li ritiene aspetti di grande rilievo per l’attuale città e per il suo sviluppo futuro, considerando anche la volontà di portare nuovi contenuti nel Quartiere Officine.

‘Rumore incide sulla qualità di vita’

«I treni merci lunghi alcune centinaia di metri attraversano intere porzioni di tessuto urbano abitato generando immissioni sonore che incidono negativamente sulla qualità di vita», sottolinea alla ‘Regione’ il municipale Simone Gianini, capodicastero Territorio e mobilità: «Non possiamo accettare che questa situazione si perpetui. Sarà perciò nostro dovere concertare un’azione con la Deputazione ticinese a Berna affinché nel Prossif 2040 venga confermato il credito necessario a completare la progettazione della circonvallazione, così da farla rientrare a tutti gli effetti nel Piano settoriale». A sua volta il Consiglio di Stato nella presa di posizione inoltrata a dicembre insiste sulla necessità di “rafforzare l’importanza delle opere di completamento di AlpTransit” per il tratto della Riviera, per la circonvallazione di Bellinzona, per il prolungamento a sud di Lugano e per la ‘gronda ovest’, ossia la prevista galleria ferroviaria per i merci fra Quartino e Luino che permetterebbe di alleggerire il Sottoceneri e di non dover più attraversare il Gambarogno.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
alptransit bellinzona berna circonvallazione municipio piano settoriale
Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved