ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
1 ora

Campione d’Italia in versione Natale 2022 fra musica e doni

Doppio appuntamento, giovedì 8 e domenica 18 dicembre, nell’enclave con la ‘Casa di Babbo Natale’ e tanto altro
Luganese
3 ore

I pompieri di Melide celebrano Santa Barbara

Patrona di minatori e vigili del fuoco; la cerimonia si è svolta presso la sede intervento Ffs
Locarnese
3 ore

Moghegno, 14esima edizione della Via dei presepi

Da domenica al 6 gennaio saranno esposte al pubblico, nelle pittoresche vie del nucleo, 25 natività realizzate con tecniche e materiali tra i più svariati
Bellinzonese
3 ore

Ad Airolo-Pesciüm l’inverno scatta il 16 dicembre

Una nuova stagione invernale ricca di interessanti proposte e attività per tutti gli amanti della neve scalpita
Locarnese
4 ore

Mappo-Morettina, si rifà la segnaletica orizzontale

Per consentire i lavori la galleria stradale verrà chiusa al traffico la notte da domenica 11 dicembre a venerdì 16. Il traffico passerà dalla cantonale
Mendrisiotto
4 ore

Balerna, l’Acp cessa l’attività con una festa

L’Associazione cultura popolare chiuderà definitivamente a fine dicembre dopo 46 anni. Il 16 dicembre un evento pieno di sorprese
Locarnese
4 ore

Ascona, inaugurato il Centro diurno socio-assistenziale

Offre una sessantina di appartamenti a pigione moderata a persone anziane o invalide. Promotrice è la Parrocchia, a gestirlo è la Fondazione San Clemente
Bellinzonese
4 ore

Le Terre del Ceneri nella Toile de Jouy

Appuntamento martedì 13 dicembre alla biblioteca cantonale di Bellinzona per la vernice della mostra
Locarnese
4 ore

Gordola, Gruppo Alternativa in assemblea

La formazione politica si riunirà venerdì prossimo, alle 19, nella Sala Patriziale. Al termine vi sarà un rinfresco
Luganese
4 ore

Anche Paradiso festeggia i suoi volontari

Il sindaco ha ringraziato tutte le persone che continuano a mettersi a disposizione, in occasione della Giornata internazionale del volontariato
Bellinzonese
5 ore

Densità e urbanità. Quartieri, una socialità di prossimità

L’ultima serata pubblica de ‘Verso nuovi modi di vivere insieme: abitare il nostro territorio in tempi di crisi’ si terrà martedì 13 dicembre a Bellinzona
04.03.2021 - 13:31
Aggiornamento: 16:01

Anche la Curia benedice la convenzione Bellinzona-Parrocchie

Dopo il ritiro del ricorso privato e l'ok della Sezione enti locali, le disposizioni entreranno in vigore retroattivamente al gennaio 2020

anche-la-curia-benedice-la-convenzione-bellinzona-parrocchie
La Collegiata di Bellinzona (Ti-Press)

Dopo la Sezione cantonale degli enti locali, espressasi favorevolmente il 12 gennaio, anche la Curia vescovile ha ora dato il proprio “incondizionato beneplacito” alla nuova convenzione che regola i rapporti finanziari fra la Città di Bellinzona aggregata e le varie Parrocchie presenti nei 13 ex Comuni (nonché la Chiesa evangelica riformata. Lo comunica il gruppo di lavoro rimarcando di aver “sempre operato con trasparenza sia con le Parrocchie sia con il Municipio” e ritenendo il risultato ottenuto come “la dimostrazione che il dialogo, la lealtà, la tolleranza, il reciproco rispetto sono le basi sulle quali è possibile perseguire il bene comune”. Una frase sibillina da cui traspare, fra le righe, una certa amarezza per l'iter conosciuto dalla convenzione, caratterizzato dal ricorso interposto da un cittadino di Bellinzona contro l'avallo nell'ottobre 2019 da parte del Consiglio comunale. Ricorso molto severo nel quale il ricorrente (un funzionario del Cantone) accusava di giacobinismo gli artefici della convenzione, ossia il gruppo di lavoro formato da rappresentanti della Città (sindaco) e delle Parrocchie. Punto focale della critica, il fatto che in base all'accordo trovato i 253'500 franchi che saranno versati annualmente dal Comune alle Parrocchie (di cui 15'000 alla Cer) non potranno essere destinati alla congrua dei parroci, ossia la parte di salario relativa alle attività pastorali, parrocchiali e religiose svolte dai preti. In pratica metà della cifra potrà finanziare l'insegnamento religioso nelle scuole (cifra variabile di anno in anno a dipendenza delle unità didattiche) e l'altra metà (a sua volta variabile a dipendenza delle unità didattiche) essere usata per attività di tipo sociale e culturale. Contrario il ricorrente, secondo cui la Città avrebbe dovuto invece dar prova di maggiore generosità. Ma alla fine lo stesso ricorrente ha cambiato domicilio perdendo il diritto di proseguire l'ter ricorsuale, decidendo poi ‘motu proprio’ anche di ritirare il ricorso lo scorso novembre. “Questa decisione – annota il gruppo di lavoro – è la dimostrazione dell’infondatezza delle argomentazioni impugnate da chi è stato all’origine della contestazione”.

Spese legali per 15'000 franchi. Chi paga?

Già, ma chi ha originato veramente la contestazione? La 'Regione' ha recentemente scoperto e pubblicato che qualcuno in Curia ha sostenuto il ricorso durante la procedura (forse sin dall'inizio). Tuttavia quel qualcuno, stando a quanto ci è dato sapere, non è il vescovo Valerio Lazzeri. Una questione a cavallo fra diritto canonico, diritto civile e diritti costituzionali nella quale qualcuno in Curia, intervenendo nella diatriba ufficialmente su invito del ricorrente, si era anche dichiarato pronto a sostituirsi d’imperio alle parrocchie con l’obiettivo di definire con la capitale una nuova convenzione. È in questa fase (autunno 2020) che l’amministrazione cittadina si è accorta dell’avvenuto cambiamento di domicilio del ricorrente, invocando così la necessità di annullare il ricorso. Tuttavia 13 delle 16 Parrocchie, assistite dall’avvocato Stefano Manetti, si sono opposte allo stralcio del ricorso: credendo nella necessità di aggiornare la giurisprudenza in materia, hanno ravvisato nell'agire della Curia (una parte della Curia) una grave prevaricazione dei diritti e la violazione dell’autonomia parrocchiale. Il ricorso delle 13 Parrocchie verte anche sulle spese riconosciute dal Servizio ricorsi del Consiglio di Stato al loro legale, pari a soli 300 franchi a fronte di un lavoro che il patrocinatore calcola invece in 15mila franchi. Se questa richiesta dovesse venire accolta dal governo, l'ex ricorrente (o parte della Curia) rischia di dover pagare una fattura salatissima. In caso contrario, il legale dovrà rifarsi sulle Parrocchie.

Leggi anche:

Bellinzona-parrocchie, ritirato il ricorso anti-convenzione

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved