ok-al-semisvincolo-di-bellinzona-lavori-al-via-in-settembre
Come sarà nel 2025 il nuovo accesso veicolare autostradale di Bellinzona da e per sud
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
10 min

Locarno, i ghiacciai scendono in città

Nella sala multiuso del PalaCinema una mostra. Tra i temi affrontati, anche lo scioglimento causato dai cambiamenti climatici
Locarnese
17 min

Anà con Togo: acqua, microprogetti e nomine

A Cavergno si è svolta l’assemblea dell’associazione attiva in Africa
Bellinzonese
21 min

Alta Leventina: Prato e Quinto vogliono unirsi

Nei prossimi giorni sarà inviata una lettera al Consiglio di Stato per avviare la procedura di aggregazione. Airolo, Oltrettutto e Dalpe hanno rifiutato
Ticino
59 min

In piazza contro l’aumento delle spese militari

Il comitato di solidarietà Ucraina Ticino è contrario all’aumento del bilancio per la difesa e alla politica di avvicinamento alla Nato
Bellinzonese
1 ora

‘Carnevaa iunaited’: a Lumino Gabry Ponte e Davide Van de Sfroos

La festa estiva organizzata da Rabadan Bellinzona, Lingera Roveredo (Gr), Or Penagin Tesserete e Stranociada Locarno avrà luogo il 24, 25 e 26 giugno
Grigioni
1 ora

Ferite per un giovane motociclista a Lostallo

Incidente della circolazione per un 21enne allievo conducente ieri pomeriggio sulla H13 che da Bellinzona porta a San Bernardino
Locarnese
2 ore

Il Cantiere della gioventù: riviverlo 51 anni dopo

Locarno, domenica ai Giardini Rusca l’evento dedicato al primo centro autogestito del Ticino, promosso in Città nel ’71
Locarnese
2 ore

A Magadino il concerto ‘Bollenti spiriti’

L’Orchestra da camera di Lugano e Michele Fedrigotti propongono capolavori giovanili di due celebri musicisti
Locarnese
2 ore

Locarno, due nuovi membri nel Cda della Raiffeisen

L’assemblea generale degli oltre 1’500 soci approva (per corrispondenza) nomine e conti
Locarnese
4 ore

Pretorio di Locarno, scelto il progetto di ristrutturazione

Il via ai lavori, che dureranno quasi tre anni, è previsto all’inizio del 2025. Investimento complessivo: 35 milioni di franchi
Mendrisiotto
6 ore

Auto in fiamme sulla A2 direzione sud, disagi al traffico

Secondo quanto riporta il Tcs, la corsia di destra dell’autostrada è chiusa fra la galleria San Nicolao e l’uscita di Mendrisio
Locarnese
11 ore

Analisi della violenza giovanile, tra malessere ed emulazione

Diversi episodi nel Locarnese. Le chiavi di lettura in un’intervista con Loredana Guscetti, operatrice sociale che lavora sul territorio
Luganese
11 ore

‘La città si spopola? Riduciamo i costi degli asili nido’

Interpellanza al Municipio di Lugano della liberale Viscardi propone un contributo erogato dalla Città
Ticino
11 ore

Case anziani, come sta uscendo il settore da 2 anni di pandemia

Dalla gestione del virus, allo stato d’animo di ospiti e personale, fino alle sfide future. Una panoramica con Eliano Catelli, presidente Adicasi
Luganese
20 ore

Lidi, riaprono Carona, San Domenico e Riva Caccia

Le strutture balneari all’aperto pronte per la nuova stagione a Lugano
Luganese
20 ore

Le Pleiadi, assemblea in vetta al Monte Lema

Dopo i lavori possibilità di assistere a una visita guidata dell’osservatorio
04.03.2021 - 12:29
Aggiornamento : 19:44

Ok al semisvincolo di Bellinzona: lavori al via in settembre

Evasi i ricorsi e ritirato l'ultimo ancora pendente, ora anche la parte di competenza cantonale è cresciuta in giudicato. Come cambierà la viabilità in città

Ultimo ricorso ritirato e perciò, dopo Berna, anche a Bellinzona diventa definitivo il progetto per la realizzazione del semisvincolo autostradale che rivoluzionerà l’entrata e l’uscita veicolare alla Turrita da e per sud lungo via Tatti. Il Consiglio di Stato oggi comunica infatti che è cresciuta in giudicato pure la parte cantonale del progetto, oltre a quella federale. Entrambe, ricordiamo, erano state oggetto di ricorsi. Conseguenza: “L’esecutività delle due decisioni di approvazione, federale e cantonale, consentirà di dare avvio ai lavori previsti a partire dal settembre 2021 e fino a inizio 2025, con un costo preventivato di 65 milioni di franchi”. Il semisvincolo – ricorda il Dipartimento del territorio in un comunicato – è l’opera principale del Piano dei trasporti del Bellinzonese, nonché dei Programmi di agglomerato del Bellinzonese di seconda e terza generazione (PAB2 e PAB3): “Esso permetterà di sgravare in modo sensibile il traffico dell’agglomerato a sud di Bellinzona, dimezzando nel contempo i tempi di percorrenza di accesso alla Città. Trasporto pubblico e mobilità lenta potranno quindi essere valorizzati grazie alle migliorate condizioni di sicurezza, nonché alla messa in atto della politica selettiva dei posteggi nel centro cittadino”.  

La principale opera viaria

In concreto, ricordiamo, l’opera prevede la costruzione di rampe d’accesso all’autostrada da e verso sud, la realizzazione di una rotonda sopraelevata, l’adeguamento di via Tatti con doppia corsia per senso di marcia e una quinta corsia di preselezione e preferenziale per bus, l’integramento di ripari fonici in calcestruzzo con una parte vetrata, impianti semaforici con priorità per il trasporto pubblico, un posteggio d’attestamento di superficie (dietro l’Arti e mestieri) dimensionato per cinquecento posti e raccordi ciclopedonali attorno a via Tatti con, in particolare, la passerella ciclopedonale tra Bellinzona e Monte Carasso (già realizzata nel 2011). È inoltre prevista una nuova passerella ciclopedonale tra Bellinzona e Carasso, in corrispondenza dell’ex ponte della Torretta, il cui cantiere dovrebbe iniziare il prossimo autunno.

Comparto centrale: progetto entro l'estate

Collegate al semisvincolo e alle opere appena elencate, ma per taluni punti anche a prescindere da esse, a breve-medio termine si prevede l’implementazione di una serie di altre novità viarie. Con la realizzazione anche della passerella della Torretta – premette anzitutto il municipale Simone Gianini, capodicastero Territorio e mobilità nonché presidente della Commissione regionale dei trasporti – si andrà anzitutto a completare l’anello ciclo-pedonale preposto a collegare il centro cittadino alla sponda destra attraverso la golena, grazie anche a un nuovo collegamento di mobilità dolce previsto al piede di via Tatti verso via Chicherio. Un passo ulteriore è rappresentato dalla modifica dei flussi di traffico nel comparto urbano centrale: entro l’estate il Cantone pubblicherà i piani che comprenderanno la chiusura al traffico veicolare di via Orico, la conseguente possibilità di svoltare a sinistra da via Motta su viale Franscini per i veicoli che giungono dalla rotonda del Portone, senza più però la facoltà di raggiungere piazza Governo da via Ghiringhelli ma solo, altra novità, dalla già rinnovata via Jauch che verrà aperta nei due sensi. Dal canto loro i bus del Trasporto pubblico in uscita da questo comparto eviteranno il traffico e s’immetteranno su via Motta usando vicolo Sottocorte, oggi impraticabile essendo a fondo cieco. In questo ambito, annota Simone Gianini, «alcuni compiti sono di competenza comunale, mi riferisco all’introduzione in piazza Governo della cosiddetta Zona d’incontro con limite di velocità a 20 km/h e precedenza assoluta ai pedoni, questo partendo da piazza Indipendenza e includendo via Dogana, via Bonzanigo e la piazza del Teatro Sociale. Il messaggio municipale è in fase di allestimento». Non da ultimo, di competenza cantonale è anche l’aggiornamento dell’intero impianto semaforico lungo il tratto di strada principale fra Giubiasco e Pratocarasso; la centrale di gestione troverà posto nella sede della Polizia cittadina.

Qualità ai lati di via Tatti fra edifici e fruibilità pubblica

Un altro capitolo che vede coinvolta la Città di Bellinzona riguarda la possibilità edificatoria ai lati della futura via Tatti: alla fine, ricordiamo, il Tribunale federale decidendo su alcuni ricorsi non ha riconosciuto la possibilità di ampliare l’area edificabile, consentendo nuove costruzioni solo laddove già possibile in base al Piano regolatore. Un’unica concessione ha riguardato una porzione di 9’000 metri quadrati situata nelle immediate vicinanze del Business Center. «Come previsto nel Programma di azione comunale – informa il capodicastero – s’intende lanciare uno studio di fattibilità urbanistico che immagini una pianificazione di questa porzione coerente sia con il vicino posteggio di attestamento, che il Cantone intenderebbe interrare, sia con le adiacenze, in particolare il parco golenale. Il tutto nel rispetto della decisione del Tribunale federale e orientato ad assicurare una qualità non solo urbanistica ma soprattutto di fruibilità pubblica per l’ampia parte non edificabile, compreso il collegamento pedonale lungo il riale Dragnato la cui passerella è previsto che verrà rinnovata e prolungata in direzione di via Ghiringhelli».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
bellinzona giudicato ricorsi semisvincolo
Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved