ULTIME NOTIZIE Cantone
Video
Ticino
1 ora

La Chiesa si mette in attesa ‘un po’ particolare’ del Natale

Messaggio alla Diocesi ticinese del vescovo Alain de Raemy in occasione domenica dell’inizio del cammino d’Avvento
Luganese
5 ore

A2, PoLuMe anche da Gentilino alla Vedeggio-Cassarate

L’Ustra conferma: in autostrada si potrà usare la terza corsia d’emergenza come ‘dinamica’ in caso di necessità fino a Lugano nord
Ticino
5 ore

Cantonali ’23, Andrea Giudici torna in pista. E lo fa con l’Udc

Deputato liberale radicale dal 2003 al 2019, l‘avvocato locarnese proverà a tornare in Gran Consiglio: ’I democentristi rappresentano meglio le mie idee’
VIDEO
Locarnese
5 ore

‘Non si può ammazzare una donna per un ciuffo di capelli’

Tre 18enni che frequentano il Liceo Papio hanno deciso di compiere un gesto simbolico a sostegno delle donne iraniane che lottano per i propri diritti
Bellinzonese
13 ore

‘Hanno dato il massimo ma sono stati travolti da una tempesta’

La difesa dei vertici della casa anziani di Sementina chiede l’assoluzione contestando anche le direttive di Merlani. Morisoli: ‘Fatto il possibile’
Ticino
14 ore

Targhe, il governo rilancia con 2 proposte. Dal Centro nuovo No

Il Consiglio di Stato tende la mano con delle alternative di calcolo. Gli iniziativisti non ci stanno, la sinistra sì. Ognuno per la sua strada, ancora
Ticino
14 ore

‘Polizia unica? Sfruttiamo le potenzialità del sistema attuale’

Fsfp in assemblea. E sul delicato e controverso dossier si attende che la politica decida.‘Venga però sentita anche la nostra Federazione’
Luganese
14 ore

La proposta: due vie a senso unico a Cassarate

In un’interrogazione, la consigliera comunale Lara Olgiati (Plr) ritiene che la modifica viaria delle vie Pico e Vicari migliorerebbe traffico e sicurezza
Gallery
Mendrisiotto
15 ore

Boffalora: al posto della villetta arrivano due palazzine

Altro cantiere residenziale in vista alla porta nord di Chiasso. L’operazione annuncia un investimento di oltre 6 milioni di franchi
Luganese
15 ore

Il 46° parallelo a Lugano? ‘Lo promuoverà l’ente turistico’

Non sarà il Comune, se non indirettamente, ad assumersi la promozione della latitudine geografica che attraversa la città
Locarnese
15 ore

Picchiò un ragazzo in Piazza Grande, 3 anni di carcere

Un 19enne di origini siriane residente nel Luganese colpevole anche di rapina, infrazione e contravvenzione alla Legge federale sugli stupefacenti
Luganese
16 ore

Lugano, viadotto del Brentino: ‘Progetto in pausa’

Slitta qualsiasi ipotesi di riqualifica del comparto, in attesa che si completino gli approfondimenti su altri temi (PoLuMe e svincolo Lugano Sud)
Ticino
16 ore

Il salario minimo legale non sarà adeguato al rincaro

Il Consiglio di Stato boccia la mozione di Ivo Durisch (Ps): ‘Un adeguamento sarebbe contrario alla volontà del legislatore e alla legge’
Locarnese
16 ore

Incendio di Loco, militi ed elicottero impegnati tutto il giorno

Ripresi venerdì mattina i lavori di spegnimento degli ultimi focolai e bonifica delle zone toccate dal rogo boschivo scoppiato giovedì al Monte Cortascio
Luganese
17 ore

Tesserete, aperture festive della Bottega del Mondo

Orari di lavoro straordinari dall’8 dicembre all’8 gennaio per il negozio capriaschese specializzato in commercio equo e solidale
Locarnese
17 ore

Servizi culturali locarnesi: oltre 50 candidati alla Direzione

Scaduto il concorso per l’assunzione della nuova figura dirigenziale, che sarà scelta da una commissione ad hoc formata da 8 membri (di cui 5 ‘tecnici’)
04.03.2021 - 12:29
Aggiornamento: 19:44

Ok al semisvincolo di Bellinzona: lavori al via in settembre

Evasi i ricorsi e ritirato l'ultimo ancora pendente, ora anche la parte di competenza cantonale è cresciuta in giudicato. Come cambierà la viabilità in città

ok-al-semisvincolo-di-bellinzona-lavori-al-via-in-settembre
Come sarà nel 2025 il nuovo accesso veicolare autostradale di Bellinzona da e per sud

Ultimo ricorso ritirato e perciò, dopo Berna, anche a Bellinzona diventa definitivo il progetto per la realizzazione del semisvincolo autostradale che rivoluzionerà l’entrata e l’uscita veicolare alla Turrita da e per sud lungo via Tatti. Il Consiglio di Stato oggi comunica infatti che è cresciuta in giudicato pure la parte cantonale del progetto, oltre a quella federale. Entrambe, ricordiamo, erano state oggetto di ricorsi. Conseguenza: “L’esecutività delle due decisioni di approvazione, federale e cantonale, consentirà di dare avvio ai lavori previsti a partire dal settembre 2021 e fino a inizio 2025, con un costo preventivato di 65 milioni di franchi”. Il semisvincolo – ricorda il Dipartimento del territorio in un comunicato – è l’opera principale del Piano dei trasporti del Bellinzonese, nonché dei Programmi di agglomerato del Bellinzonese di seconda e terza generazione (PAB2 e PAB3): “Esso permetterà di sgravare in modo sensibile il traffico dell’agglomerato a sud di Bellinzona, dimezzando nel contempo i tempi di percorrenza di accesso alla Città. Trasporto pubblico e mobilità lenta potranno quindi essere valorizzati grazie alle migliorate condizioni di sicurezza, nonché alla messa in atto della politica selettiva dei posteggi nel centro cittadino”.  

La principale opera viaria

In concreto, ricordiamo, l’opera prevede la costruzione di rampe d’accesso all’autostrada da e verso sud, la realizzazione di una rotonda sopraelevata, l’adeguamento di via Tatti con doppia corsia per senso di marcia e una quinta corsia di preselezione e preferenziale per bus, l’integramento di ripari fonici in calcestruzzo con una parte vetrata, impianti semaforici con priorità per il trasporto pubblico, un posteggio d’attestamento di superficie (dietro l’Arti e mestieri) dimensionato per cinquecento posti e raccordi ciclopedonali attorno a via Tatti con, in particolare, la passerella ciclopedonale tra Bellinzona e Monte Carasso (già realizzata nel 2011). È inoltre prevista una nuova passerella ciclopedonale tra Bellinzona e Carasso, in corrispondenza dell’ex ponte della Torretta, il cui cantiere dovrebbe iniziare il prossimo autunno.

Comparto centrale: progetto entro l'estate

Collegate al semisvincolo e alle opere appena elencate, ma per taluni punti anche a prescindere da esse, a breve-medio termine si prevede l’implementazione di una serie di altre novità viarie. Con la realizzazione anche della passerella della Torretta – premette anzitutto il municipale Simone Gianini, capodicastero Territorio e mobilità nonché presidente della Commissione regionale dei trasporti – si andrà anzitutto a completare l’anello ciclo-pedonale preposto a collegare il centro cittadino alla sponda destra attraverso la golena, grazie anche a un nuovo collegamento di mobilità dolce previsto al piede di via Tatti verso via Chicherio. Un passo ulteriore è rappresentato dalla modifica dei flussi di traffico nel comparto urbano centrale: entro l’estate il Cantone pubblicherà i piani che comprenderanno la chiusura al traffico veicolare di via Orico, la conseguente possibilità di svoltare a sinistra da via Motta su viale Franscini per i veicoli che giungono dalla rotonda del Portone, senza più però la facoltà di raggiungere piazza Governo da via Ghiringhelli ma solo, altra novità, dalla già rinnovata via Jauch che verrà aperta nei due sensi. Dal canto loro i bus del Trasporto pubblico in uscita da questo comparto eviteranno il traffico e s’immetteranno su via Motta usando vicolo Sottocorte, oggi impraticabile essendo a fondo cieco. In questo ambito, annota Simone Gianini, «alcuni compiti sono di competenza comunale, mi riferisco all’introduzione in piazza Governo della cosiddetta Zona d’incontro con limite di velocità a 20 km/h e precedenza assoluta ai pedoni, questo partendo da piazza Indipendenza e includendo via Dogana, via Bonzanigo e la piazza del Teatro Sociale. Il messaggio municipale è in fase di allestimento». Non da ultimo, di competenza cantonale è anche l’aggiornamento dell’intero impianto semaforico lungo il tratto di strada principale fra Giubiasco e Pratocarasso; la centrale di gestione troverà posto nella sede della Polizia cittadina.

Qualità ai lati di via Tatti fra edifici e fruibilità pubblica

Un altro capitolo che vede coinvolta la Città di Bellinzona riguarda la possibilità edificatoria ai lati della futura via Tatti: alla fine, ricordiamo, il Tribunale federale decidendo su alcuni ricorsi non ha riconosciuto la possibilità di ampliare l’area edificabile, consentendo nuove costruzioni solo laddove già possibile in base al Piano regolatore. Un’unica concessione ha riguardato una porzione di 9’000 metri quadrati situata nelle immediate vicinanze del Business Center. «Come previsto nel Programma di azione comunale – informa il capodicastero – s’intende lanciare uno studio di fattibilità urbanistico che immagini una pianificazione di questa porzione coerente sia con il vicino posteggio di attestamento, che il Cantone intenderebbe interrare, sia con le adiacenze, in particolare il parco golenale. Il tutto nel rispetto della decisione del Tribunale federale e orientato ad assicurare una qualità non solo urbanistica ma soprattutto di fruibilità pubblica per l’ampia parte non edificabile, compreso il collegamento pedonale lungo il riale Dragnato la cui passerella è previsto che verrà rinnovata e prolungata in direzione di via Ghiringhelli».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved