processo-per-stupro-l-ex-compagna-si-mette-in-discussione
Ti-press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
1 ora

Coronavirus in Ticino, 46 contagi e un decesso

Nel bilancio delle ultime 24 ore si contano 7 dimissioni (a fronte di un nuovo ricovero). Le persone in ospedale sono 80
Grigioni
1 ora

Una cinquantina i lupi nei Grigioni, aumentati del doppio

È nel rapporto dell'Ufficio grigionese caccia e la pesca: malgrado l'alta mortalità dei piccoli, la popolazione dei predatori dovrebbe continuare a crescere
Gallery
Bellinzonese
3 ore

Biasca, fiamme in un appartamento: un intossicato

Incendio domato, cause al vaglio della Polizia scientifica. È accaduto ieri poco prima delle 23. Le condizioni della persona non desterebbero preoccupazioni.
Mendrisiotto
19 ore

Chiasso, videosorveglianza regionale come fiore all'occhiello

Sono una sessantina le postazioni che controllano il territorio convenzionato con la Polizia Regione 1. Parola alla capodicastero Sonia Colombo-Regazzoni
ELEZIONI COMUNALI
20 ore

Politica al femminile, per fare la differenza

Tra i candidati al Consiglio comunale dei Comuni del Mendrisiotto le donne rappresentano solo il 31,45%: intervista a due sindache e a una municipale
Mendrisiotto
22 ore

Destino di Valera a Mendrisio, siamo (quasi) al dunque

La bozza del rapporto della Commissione parlamentare è annunciato a 'breve'. L'obiettivo? 'Trovare l'adesione di tutte le forze politiche'
Gallery
Mendrisiotto
1 gior

Liceali di Mendrisio al microfono a caccia di record

Dal 12 al 14 aprile, in occasione dell'autogestione, diretta live su Radio LiMe di ben venticinque ore
Locarnese
1 gior

La nuova tassa sui lampioni non piace

Gambarogno vorrebbe introdurla (minimo 25, massimo 60 franchi annui, per tutti). Ma c'è chi contesta
Bellinzonese
1 gior

In Ticino 74 nuovi contagi e nessun decesso

Nelle ultime 24 ore nel Cantone altri sette ricoveri. In undici hanno potuto lasciare le strutture sanitarie
Bellinzonese
1 gior

Metadone letale per una giovane a Giubiasco

Il piccolo quartiere residenziale di via Sasso Grande s’interroga dopo il decesso di una 22enne
Mendrisiotto
1 gior

A Chiasso giocando a tennis senza l'assillo del Covid-19

Taglio del nastro volto all'inaugurazione dell'impianto di sanificazione del Centro Tennis Club di Seseglio
Ticino
1 gior

Poche le segnalazioni di autotest positivi

Zanini: ‘Non sapremo mai la percentuale di persone che farà il proprio dovere chiamando l'hotline’
Bellinzonese
25.02.2021 - 16:090
Aggiornamento : 18:43

Processo per stupro, l'ex compagna si mette in discussione

In appello, la ex del 39enne condannato a tre anni in primo grado esprime i suoi dubbi in una lettera alla Corte: "Avrei potuto dire 'no' con più chiarezza"

Fu un rapporto sessuale un po’ troppo focoso o uno stupro? A stabilirlo sarà la Corte di Appello e di revisione penale, presieduta da Giovanna Roggero-Will, giudici a latere Rosa Item e Andrea Ermotti. La sentenza verrà pronunciata nelle prossime settimane. Questa mattina alla sbarra è comparso un 39enne sudamericano residente nel Bellinzonese, che lo scorso 18 giugno 2019 la Corte delle assise criminali, presiedute da Mauro Ermani, ha ritenuto colpevole di coazione sessuale e violenza carnale per aver costretto, il 12 agosto 2015, l’ex compagna a subire atti sessuali contro la sua volontà, usando violenza e minaccia. La sentenza di primo grado ha condannato l’imputato a una pena di tre anni, di cui 10 mesi da espiare e 26 mesi sospesi condizionalmente per due anni.

L’accusa, rappresentata dal procuratore pubblico Pablo Fäh ha chiesto in secondo grado che l’imputato venga condannato a una pena detentiva di tre anni, rimettendosi al giudizio della corte riguardo a una possibile parziale sospensione della stessa. Dal canto suo, la difesa, rappresentata dall’avvocato Raffaele Caronna, si è battuta per l’assoluzione del suo assistito.

I dubbi in una lettera alla Corte

Rispetto al dibattimento tenutosi alle Assise criminali vi è un elemento di novità: lo scorso 5 febbraio l’accusatrice privata ha recapitato una lettera alla Corte di Appello. Nello scritto, la ex compagna dell’imputato ha voluto esternare i suoi dubbi, dichiarando che non escludeva che quel giorno dell’agosto 2015 avrebbe potuto esprimere con maggior chiarezza e fermezza la sua contrarietà ad avere un rapporto sessuale con l’imputato. In quell’occasione, ha spiegato la donna, il dubbio che le è sorto analizzando quanto avvenuto, è che i suoi ‘non voglio’ e ‘ho paura’ siano stati intesi dall’imputato non come un rifiuto al rapporto ma come un non voler praticare quanto da lui richiesto. «Sono convinta che se io avessi saputo trovare un modo diverso per far capire a lui che non volevo fare sesso quel giorno, lui si sarebbe fermato», ha aggiunto la donna che oggi dice di essere in buoni rapporti con l’imputato, soprattutto per il bene del figlio che hanno avuto insieme. L’accusatrice privata, rappresentata in aula dall’avvocato Stefano Peduzzi, ha affermato che dopo la sentenza in primo grado non si è sentita sollevata, anzi. «In questa vicenda non c’è chi vince e chi perde, abbiamo perso tutti a prescindere». Nonostante quanto dichiarato dall'ex compagna, la pubblica accusa ha invitato a prestare attenzione all'oggettiva estrema gravità dell’accaduto, senza cercare spiegazioni a posteriori per banalizzare quanto avvenuto quel giorno di agosto. Per il pp l’imputato era geloso e violento, voleva umiliare e sottomettere la ex compagna, dimostrandole che lui poteva fare di lei ciò che voleva, costringendola così a subire un rapporto. Ciò che ha peraltro portato la donna a soffrire di un disturbo post traumatico. 

L’ombra del dubbio

L’avvocato di parte privata ha chiesto alla Corte di accogliere integralmente il ricorso della difesa, invitando a considerare il principio del ‘in dubio pro reo’ «e questa volta in aula il dubbio ce lo ha portato proprio la mia assistita», ha evidenziato. E il dubbio, ha fatto presente anche l’avvocato difensore Raffaele Caronna, c’era già all’inizio: nelle prime dichiarazioni fornite alla polizia la donna ha definito il rapporto ‘particolarmente intenso’, aggiungendo che sembrava che l’ex compagno avesse quasi avuto l’intenzione di violentarla. «Queste sono le parole pronunciate subito dopo i fatti e c’è una bella differenza tra queste affermazioni e dire ‘mi ha violentato’», ha precisato il patrocinatore. 

L’ultima parola

Quando è stata concessa l’ultima parola all’imputato, il 39enne, tra le lacrime, ha riconosciuto che qualcosa quel giorno non ha funzionato: «La nostra intesa non è stata quella di sempre. È vero, non sarò stato l’uomo più gentile al mondo in quell'occasione, ma come ho dichiarato in tutti i verbali, e lo dico dal profondo del cuore, se avessi capito che lei voleva interrompere il rapporto sessuale, lo avrei fatto». 

 

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved