fusione-bassa-leventina-qui-c-e-chi-vede-solo-incertezza
Al centro Emilio Cristina (sindaco di Personico) con a sinistra il sindaco di Bodio Stefano Imelli e a destra il coordinatore della Commissione di studio Renato Scheurer (municipale di Giornico).
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
6 ore

L'incallito ladro lituano che colpì in mezza Svizzera

È stato condannato a 2 ani e 8 mesi dalle Assise criminali ticinesi: il primo colpo lo commise nel Cantone
Ticino
7 ore

Dpd, Verdi del Ticino: 'Libero mercato, libero sfruttamento?'

I Verdi del Ticino esprimono solidarietà a lavoratori e lavoratrici della Dpd per le condizioni lavorative 'inaccettabili'
Ticino
7 ore

Emergenza lavoro, ‘Ci vuole una strategia della solidarietà’

Nel quarto trimestre dell’anno sono andati persi - solo in Ticino - 10 mila impieghi a fronte dei 23 mila andati in fumo a livello nazionale
Luganese
7 ore

La Città di Lugano aderisce al progetto Smartvote

Per le prossime elezioni comunali i candidati potranno creare il proprio profilo rispondendo a un questionario sui vari temi politici
Ticino
8 ore

Piste da sci e terrazze: ‘Si voleva evitare una crisi’

Gobbi spiega le ragioni che hanno portato ad adeguarsi alle disposizioni federali. I gestori degli impianti: ‘c'è grande incertezza’
Mendrisiotto
8 ore

'Alla scuola di Morbio il clima è tranquillo'

Parla Claudia Canova, sindaco del paese. Al momento si tratta di un solo caso in una classe di quinta elementare
Luganese
8 ore

Lugano, pigioni moderate: scelti i vincitori per Lambertenghi

La Cooperativa Vivere Lambertenghi si aggiudica il concorso per costruire nell'omonimo quartiere un edificio di sette piani con venticinque appartamenti
Luganese
8 ore

Da lunedì apre a Lugano la mostra Da Vinci Experience

L'esposizione multimediale visitabile fino al 30 maggio al Centro esposizioni
Ticino
9 ore

Coronavirus o meno, i radar rimangono sempre aperti

Ecco le località nelle quali la prossima settimana verranno effettuati controlli della velocità mobili e semi-stazionari in Ticino
Locarnese
9 ore

Bosco Gurin chiude la stazione sciistica

Frapolli annuncia che da lunedì gli impianti saranno fermi. La causa è il divieto di apertura delle terrazze dei ristoranti sulle piste
Locarnese
10 ore

Locarno, il Salva lancia la campagna sostenitori

Tramite volantino la popolazione viene informata sui vantaggi di una copertura sostenibile. I fondi raccolti consentono di migliorare la qualità del servizio
Locarnese
10 ore

Navigazione: l'accordo slitta. Il progetto di sviluppo pure

Resta aperta anche la questione della ri-assunzione del personale licenziato
Mendrisiotto
10 ore

Investita da un furgone, rimane schiacciata contro un'auto

Incidente a Castel San Pietro. Ferite gravi per una cittadina della provincia di Como di 49 anni
Locarnese
10 ore

Verscio, agli abitanti di pianificare la campagna

Nell'ambito del progetto 'Strade di quartiere', promosso dall'Ufficio federale dello Sviluppo territoriale e dal Comune,recapitata la documentazione
Ticino
10 ore

Case anziani, restrizioni allentate dal 1° di marzo

Da lunedi consentite visite in camera ai residenti, uscite temporanee e attività socializzanti. Allentamenti anche in strutture per invalidi e psichiatriche
Bellinzonese
11 ore

Sorpassi a Bellinzona, ‘ma il Municipio sapeva da tempo?’

Tuto Rossi torna all'attacco allegando a una nuova interpellanza le osservazioni dell'avvocato del capo Sop infine trasferito
Grigioni
11 ore

Tagli nelle case anziani moesane, ‘la politica si attivi’

I sindacati Ocst e Vpod invitano a stanziare contributi maggiori per aiutare le quattro strutture a superare la pandemia senza più licenziamenti
Bellinzonese
23.02.2021 - 19:190

Fusione Bassa Leventina, ‘qui c’è chi vede solo incertezza’

Il sindaco di Personico analizza il voto contrario del Consiglio comunale: ‘Non si è capito che a medio termine unire le forze premia’

La risposta è rapidissima (al secondo squillo) e la premessa è lapidaria: «Poche domande perché non sono di luna buona». Ma nonostante il sindaco di Personico mastichi amaro, è molto disponibile a ragionare sull’accaduto. Il ‘suo’ Consiglio comunale lunedì sera con soli 5 voti favorevoli e 14 contrari ha preavvisato negativamente il progetto aggregativo della Bassa Leventina elaborato coinvolgendo nella commissione di studio anche Pollegio (pure contrario, ma non è una sorpresa avendo il Municipio mostrato, a maggioranza, pollice verso già in partenza), Bodio e Giornico (favorevoli). Lo scetticismo a Personico era rimasto – almeno per quanto è riuscito a filtrare oltre le pareti istituzionali – sottotraccia; ecco perché scriviamo di un esito negativo a sorpresa. «Invece me l’aspettavo – spiega Emilio Cristina – perché dal Legislativo non sono mai giunti segnali positivi. Le opinioni messe nero su bianco nei rapporti delle commissioni Gestione e Petizioni non lasciavano presagire altre soluzioni». In particolare la Petizioni all’unanimità ha invitato il plenum a rigettare il progetto, mentre la Gestione lo ha fatto a maggioranza (tre contro due). Su dieci consiglieri otto contrari e due favorevoli, ciò che si è rispecchiato nello scrutinio finale. «La strada era dunque parecchio in salita e non mi facevo troppe illusioni», rileva Emilio Cristina.

Giù le mani dal moltiplicatore

No secco dunque ma preceduto da un lungo dibattito in sala, diversamente da quanto accaduto negli altri tre Comuni dove si è deciso in tempi relativamente rapidi. Un lungo dibattito che non ha contribuito a modificare le opinioni pre-costituite. Il sindaco evidenzia come un concetto, più di tutti, abbia maggiormente condizionato le riflessioni: «La sensazione che l’aggregazione non sia un'opportunità di crescita ma semmai un salto nel buio fra tante incertezze. Ecco, il termine ‘incertezza’ è risuonato parecchie volte lunedì sera». Concretamente, incertezza «dettata dalla difficoltà nel vedere, in un matrimonio a quattro, prospettive di crescita e consolidamento del nostro benessere acquisito». In soldoni, uno dei timori è stato quello di vedere minacciato il moltiplicatore d’imposta che attualmente a Personico si situa al 90% e che la Commissione di studio ha indicato per il nuovo Comune aggregato al 95%, se non addirittura al 100, temono gli scettici, secondo i quali per riuscire a mantenerlo al 95 bisognerebbe investire poco e tagliare con la scure la spesa corrente. «Alla fine la sensazione che non vi siano certezze ha purtroppo fatto presa. E a nulla è servito ribadire che ogni aggregazione comunale porta con sé una certa dose d’incertezza. Che però è meno pesante, secondo me, dei rischi che si correranno restando ognuno per conto proprio».

‘Le nubi all'orizzonte già si vedono’

Il tempo dirà chi ha ragione. «Ma è proprio il tempo – obietta Emilio Cristina – secondo me uno dei punti centrali su cui non si è voluto ragionare a sufficienza. Se guardiamo alla nostra piccola realtà, sul breve termine posso senz’altro dire che andrà tutto ancora abbastanza bene. Ma è sul medio e lungo termine che i problemi andranno a pesare maggiormente di quelle che oggi, secondo la maggior parte dei consiglieri, costituiscono delle incertezze negative ai fini di un’aggregazione. Le nubi, all’orizzonte, già si vedono». Fuor di metafora le nubi sono, elenca il sindaco, «la continua evoluzione della spesa, il conseguente maggior impegno che sarà richiesto all’amministrazione comunale, poi la riforma Ticino 2020 e la conseguente modifica del sistema perequativo».

Aspettando gli effetti di ‘Ticino 2020’

Concetti, gli ultimi due, che il Consiglio di Stato riassume così nel portale del Cantone: “La riforma dei rapporti fra Cantone e Comune non mira a semplici correttivi. Partendo da una nuova geografia comunale disegnata dal Piano cantonale delle aggregazioni, s’intende revisionare strutturalmente i compiti e i flussi esistenti, che implicheranno a loro volta la riconfigurazione del sistema perequativo - perno della storica solidarietà fra i Comuni stessi - e la riorganizzazione dell'amministrazione cantonale e comunale”. Tradotto: chi non s’aggrega, chi non cambia passo, chi non guarda oltre l’uscio di casa resta al palo.

‘L'unione fa la forza’

«In particolare la riforma della perequazione, prevista nel 2023, si tradurrà nel nostro caso in minori introiti, che come ben sappiamo sono di vitale importanza. Lo stesso varrà per noi e per i Comuni vicini – avverte Emilio Cristina – se non si accetterà di unire le forze. Perché è chiaro che l’unione, in questo preciso contesto, fa la forza». Messaggio chiaro, ribadito ancora in sala lunedì sera dal Municipio, ma non recepito dalla maggioranza del Consiglio comunale. I ‘sì’ sono giunti dalla Sinistra e da un esponente del Plr, i ‘no’ dagli altri liberali-radicali e dalla lista civica. A questo punto, conclude il sindaco di Personico, «mi prendo qualche giorno di tempo per ragionare sull’accaduto; poi dovremo sottoporre alla Commissione di studio i risultati delle consultazioni maturate in seno al Municipio e al Consiglio comunale». A sua volta la Commissione invierà il dossier riassuntivo alla Sezione enti locali che al Dipartimento istituzioni vigila sul buon funzionamento degli organi locali. Il dipartimento di Norman Gobbi dovrà quindi fare le proprie valutazioni, considerando la difficoltà di chiamare la popolazione alle urne, il prossimo autunno, di fronte al ‘niet’ espresso da due Legislativi su quattro. L’esito della votazione consultiva farebbe poi da base al messaggio governativo indirizzato al Gran Consiglio. La cui eventuale decisione sarebbe impugnabile con ricorsi e referendum.

© Regiopress, All rights reserved